HOME - Approfondimenti
 
 
07 Marzo 2022

La “silenziosa” presenza delle donne in odontoiatria

Se per medicina si è raggiunto la parità tra gli esercenti, anche in odontoiatria è in corso una lenta ma inesorabile femminilizzazione della professione, ma non ai tavoli ini cui si decide

Nor. Mac

Come consuetudine, alla vigilia dell’8 marzo la FNOMCeO pubblica i dati della presenza femminile nella categoria: oramai maggioranza tra i medici del SSN, tra gli iscritti all’Albo under 65, ma ancora in leggera minoranza (45,5%) se si considerano tutti gli iscritti.
“Una femminilizzazione della professione medica, dunque, che diventerà ancora più evidente nei prossimi cinque anni, quando, secondo le proiezioni, avverrà il ‘sorpasso’ vero e proprio, anche sul totale dei medici”, va notare la FNOMCeO. Ma nonostante questo la professione è ancora “monopolio” dei maschi: solo 11 le presidenti donne su 106 presidenti OMCeO, mentre le donne vice presidente sono 26. 

Un sistema pensato per gli uomini, dove le donne fanno fatica ad emergere, ci aveva detto Elena Boscagin, presidente CAO Verona e prima donna ad entrare nella CAO Nazionale.

Anche per l’odontoiatria la presenza delle donne cresce di anno in anno. Le iscritte all’Albo sono il 28% ma se si considerano solo gli under 44, le iscritte salgono al 44,5%

Tornano, invece, ad essere “rare” tra i presidenti CAO: 7 su 106 le presidentesse, anche se tre anni fa era ancora peggio visto che erano solo 5. Anche sul versante “scientifico” le cose non vanno meglio, una recente ricerca del Journal of Prosthetic Dentistry ha rilevato che nel 2019 negli USA su 781 relatori presenti nei vari congressi, solo 88 (l’11.3%) erano donne. 

Non ci sono dati italiani ma sul fronte scientifico, forse, le cose vanno leggermente meglio, anche se non di molto. Certamente l’elezione della prof.ssa Antonella Polimeni a Magnifico Rettore della Sapienza di Roma è un segnale importante, poi ci sono le presidenti donne di importanti Società ed Associazioni scientifiche come il COI-AIOG con Maria Grazia Cannarozzo, la SIPRO con Costanza Micarelli, la presidente dell’Associazione che raggruppa alcune tra le principali società scientifiche (ASSO) Federica Fonzar, mentre ha appena concluso il suo mandato in SIDO la prof.ssa Letizia Perillo.  

Rimane, l’8 marzo, certamente ancora una data in cui sottolineare la scarsa rappresentatività delle donne nel settore odontoiatrico ma non si può non cominciare a notare, e ricordare, come anno dopo anno, l’odontoiatria è sempre più una professione al femminile. E prima o poi, questo, lo si dovrà considerare per rendere le regole che la governano più “gestibili” anche da chi sarà tra non molto sarà maggioranza nell’esercitare la professione.      


Articoli correlati

clicca sull'immagine per ingrandire

Le cifre ed i trend dall’11° Congresso Internazionale AIO. La rappresentanza femminile in odontoiatria è in continua crescita a livello mondiale specie nei paesi occidentali


Uno studio, pubblicato sul Journal of Prosthetic Dentistry, analizza le (poche) “quote rosa” delle principali Società di protesi negli USA. E in Italia?


Un DiDomenica che capita l’8 marzo non poteva non parlare di donne, ma non poteva essere un uomo a farlo. Alla fine noi siamo quelli (non è più vero o forse ancora si) che portano una mimosa, un...

di Norberto Maccagno


Correva l’anno 1740 e a Parigi si respirava illuminismo quando la ventisettenne Marie Françoise Calais, dopo un’ostinata battaglia legale, si vide riconosciuto il diritto di esercitare la libera...


L’esperienza di Sandra Frojo, una delle sole 5 presidenti CAO donna


Altri Articoli

Nicola Maria Grande, presidente AIE

I partecipanti avranno l’opportunità di seguire sessioni teoriche e pratiche tenute da relatori internazionali e di esercitarsi successivamente su preparati anatomici umani ...

di Lorena Origo


Professione indispensabile per promuovere e mantenere la salute orale sul territorio anche attraverso il SSN. Per la prof.ssa Nardi serve una implementazione dei LEA

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


Così cambierà l’esame di laurea. Più coinvolgimento nella valutazione dell’Albo degli odontoiatri. Entro 5 anni gli Atenei dovranno adeguarsi attivando il tirocinio pratico


L’edizione della ripresa ha lasciato sensazioni positive che uNIDI sta analizzando anche grazie ai datti di sondaggi condotti su espositori e visitatori


Per inviare le proprie candidature, c’è tempo fino al 15 settembre 2022, le premiazioni a Lisbona nel maggio 2023


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Ricostruzione estetica con faccette: un caso risolto con tecniche digitali senza dimenticare l’analogico

 
 
 
 
chiudi