HOME - Approfondimenti
 
 
14 Aprile 2022

FDI: l’assistenza odontoiatrica deve essere più sostenibile

Nuova dichiarazione della FDI per stimolare il settore verso ad adottare pratiche sanitarie più rispettose dell’ambiente. Il settore è responsabile del 5% di emissioni di gas serra

Cristoforo Zervos

La FDI (World Dental Federation) ha di recente pubblicato un nuovo documento sull’assistenza sanitaria orale ecosostenibile. Lo Statement è stato creato per stimolare il settore della salute orale verso delle pratiche sanitarie più rispettose dell’ambiente, al fine di ridurre l’impronta di carbonio in tutta la professione odontoiatrica. Il documento è stato presentato in un vertice speciale organizzato da FDI che ha riunito una vasta gamma di influenti parti interessate, tra cui figure di spicco dell'industria, professionisti sanitari, esperti accademici, autorità legislative e associazioni dentistiche.

"Il settore sanitario è responsabile di circa il cinque per cento delle emissioni globali di gas serra - ha sottolineato il prof. Ihsane Ben Yahya, presidente FDI e decano del Facoltà di Odontoiatria, Università Mohammed VI di Scienze della Salute, Casablanca, Marocco – e il mondo dell’assistenza sanitaria orale ne fa parte. Per questi motivi – ha continuato il Presidente – anche il mondo odontoiatrico ha la responsabilità di ridurre il proprio impatto ambientale e questa dichiarazione che abbiamo presentato è un primo passo importante. Infatti – ha evidenziato Ben Yahya - essa riflette il crescente riconoscimento all'interno della nostra comunità di sforzarci nel migliorare la salute orale dei nostri pazienti in modo sempre più sostenibile ed in conformità con gli obiettivi delle Nazioni Unite. Bocche più sane significano un pianeta più sano".

L'assistenza sanitaria odontoiatria contribuisce all’impatto ambientale dovuto all'inquinamento atmosferico, al rilascio di CO2 associato a viaggi e trasporti, all'incenerimento dei rifiuti, alla mancanza di imballaggi riciclabili, all'impatto dei gas serra, dei gas anestetici come il protossido di azoto e all'elevato consumo di acqua. 

Nello specifico, il documento identifica i fattori complessi che stanno alla base dei comportamenti e delle pratiche attuali e raccomanda nuove strategie virtuose basate su quattro principi cardine (“le 4 R”): Ridurre, Riciclare, Riutilizzare e Ripensare. Inoltre, vengono evidenziate alcune criticità legate alle pratiche e ai trattamenti dentali accessibili, per facilitare una buona salute orale e ridurre le disuguaglianze nell'assistenza. Nella dichiarazione, si evidenzia la necessità di ridurre al minimo l'assistenza sanitaria orale "evitabile", promuovendo pratiche di prevenzione incentrate su una eccellente igiene orale, diete sane a basso contenuto di zuccheri e l’eliminazione del tabagismo.

"Prevenire è meglio che curare ed è il modo più efficace e pratico per ridurre la necessità di interventi clinici associati agli impatti ambientali”,  ha dichiarato il prof. Nicolas Martin, Chair di FDI Sustainability in Dentistry Task Team e Clinical Professor in Restorative Dentistry  alla School of Clinical Dentistry dell'Università di Sheffield nel Regno Unito. "Quando è necessario un trattamento – ha evidenziato Martin - l'assistenza sanitaria orale dovrebbe concentrarsi su pratiche durevoli nel tempo, utilizzando prodotti e materiali di alta qualità che dureranno più a lungo e/o richiederanno meno interventi sostitutivi".

Per approfondimenti a questo link sul sito FDI.

Articoli correlati

L’esperienza del dott. Tiziano Caprara: non bastano gli accorgimenti strutturali, ma ci vogliono anche quelli comportamentali


Una recente scoping review analizza questa eventualità e le eventuali pratiche per realizzarla anche se tutto deve partire dalla consapevolezza del professionista

di Arianna Bianchi


Limitata la vendita e l’utilizzo di alcuni prodotti. Bicchieri e strumenti in plastica monouso ad uso sanitario continueranno ad essere venduti


Per Francesco Spatafora (ANDI Palermo) gli odontoiatri devono, anche in questo, essere antesignani della diffusione della consapevolezza che i temi della salute non possono esser sganciati dai temi...


Caprara: è una strada da percorrere per il nostro bene e quello dei nostri pazienti, non per tornaconti personali o per strategie di marketing


Altri Articoli

Nicola Maria Grande, presidente AIE

I partecipanti avranno l’opportunità di seguire sessioni teoriche e pratiche tenute da relatori internazionali e di esercitarsi successivamente su preparati anatomici umani ...

di Lorena Origo


Professione indispensabile per promuovere e mantenere la salute orale sul territorio anche attraverso il SSN. Per la prof.ssa Nardi serve una implementazione dei LEA

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


Così cambierà l’esame di laurea. Più coinvolgimento nella valutazione dell’Albo degli odontoiatri. Entro 5 anni gli Atenei dovranno adeguarsi attivando il tirocinio pratico


L’edizione della ripresa ha lasciato sensazioni positive che uNIDI sta analizzando anche grazie ai datti di sondaggi condotti su espositori e visitatori


Per inviare le proprie candidature, c’è tempo fino al 15 settembre 2022, le premiazioni a Lisbona nel maggio 2023


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Ricostruzione estetica con faccette: un caso risolto con tecniche digitali senza dimenticare l’analogico

 
 
 
 
chiudi