HOME - Approfondimenti
 
 
08 Settembre 2022

Lecito sanzionare l’abusivo per evasione fiscale

La Cassazione dispone che l’esercizio abusivo della professione produce reddito d’impresa e non di lavoro autonomo e quindi sono rilevanti gli accertamenti bancari per provare il presunto reddito


La vicenda del sequestro dello yacht dell’abusivo torinese perché acquistato con proventi illeciti (esercizio abusivo della professione) può essere stata la svolta al contrasto dell’esercizio abusivo della professione che oltre alle sanzioni penali previste si concertava sulle ben più “pesanti” sanzioni fiscali, come era stato anche sottolineato in un DiDomenica.  

La conferma arriva dalla Cassazione che con l’ordinanza 21960 dispone che l’esercizio abusivo della professione di odontoiatra, per sua natura, produce reddito d’impresa e non di lavoro autonomo. Di conseguenza, non è applicabile la regola della irrilevanza dei prelevamenti bancari ai fini dell’accertamento. La decisione nasce dal ricorso dell’Agenzia delle Entrate contro la Commissione tributaria della Campania che aveva accolto il ricorso di un abusivo a cui erano stati emessi quattro avvisi di accertamento per i redditi presunti percepito nell’esercizio illecito della professione di odontoiatria.  Accertamenti che erano stati assunti sulla base di verifiche bancarie.  

La Commissione tributaria aveva accolto il ricorso del finto dentista basato sull’illegittima della presunzione del reddito attraverso indagini bancarie, anche se i vari movimenti none erano stati giustificati.  

La Cassazione, però, ha ritenuto che in caso di esercizio abusivo della professione, essendo una attività illecita, i proventi “se non già sottoposti a sequestro o confisca penale, devono intendersi ricompresi nelle categorie di reddito di cui all'art. 6 comma 1 del TUIR ed è possibile applicare ai fini della determinazione della base imponibile la presunzione di cui all'art. 32 comma 1 n. 2) del DPR 600/73 sia quanto ai versamenti, sia quanto ai prelievi ingiustificati riscontrati sui conti correnti bancari e destinati all'esercizio dell'attività di impresa”.  

In particolare la Cassazione ritiene che “In tema di presunzione di imputazione a ricavi delle movimentazioni bancarie di cui all'art. 32 d.P.R. n. 600 del 1973 il contribuente che abbia esercitato attività di odontoiatra, professionalmente regolamentata dalla legge 24 luglio 1985, n. 409, abusivamente e senza possedere i titoli di cui all'art.1 della citata legge, ha svolto attività illecita ai fini dell'art.14 della I. 24 dicembre 1993 n.357 percependo redditi rientranti nelle categorie reddituali di cui all'art.6, comma 1, del d.P.R. n.917 del 1986, cui si applica la presunzione di cui all'art.32 cit. sia quanto ai versamenti sia quanto ai prelievi ingiustificati dai conti correnti bancari destinati all'esercizio di detta attività di impresa, ai fini della determinazione della base imponibile”.


Articoli correlati

Quelli per i clienti e quelli ai dipendenti che si possono portare in detrazione. Come comportarsi per le cene ed altre spese di rappresentanza?


Utilizzava un gestionale con la possibilità di memorizzare la contabilità parallela. Denunciato anche l’informatico che ha realizzato il software


Ecco quali i benefit che possono rientrare nell’agevolazione fiscale e per quali lavoratori può essere erogato. Un incentivo non obbligatorio ma che può rivelarsi utile per rinforzare il rapporto...


Approvato i Decreto “Energia”, prorogato il credito d’imposta sugli aumenti delle bollette gas e luce ed introdotta la possibilità di rateizzare i pagamenti


Terminato il periodo transitorio, anche i soggetti forfettari sono tenuti a emettere fattura elettronica entro i termini ordinari previsti


Altri Articoli

Francesco Cairo, coordinatore scientifico del simposio SEPA-SIdP

A Barcellona si è svolto il Simposio della Società Spagnola di Parodontologia (SEPA) e della Società Italiana di Parodontologia (SIdP). Il resoconto dell'evento e la video...


Alcune considerazioni del prof. Gagliani ragionando sulla storia delle ricostruzioni monolitiche e stratificate e sulle cause dei successi ed insuccessi   

di Massimo Gagliani


L’Assemblea nazionale dell’ENPAM ha approvato all’unanimità il bilancio preconsuntivo per il 2022. Pe rora nessun Aumento della Quota A, si valuterà ad aprile


I fondi stanziati dovrebbero bastare per soddisfare tutte le richieste. 20mila quelle arrivate da medici e dentisti, 95mila dagli avvocati, 40 dai notai


Il presidente Brugiapaglia, commentando le modifiche ai controlli sugli apparecchi radiografici, ricorda il dott. Nicola Balduzzi prematuramente scomparso


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Ricostruzione implantologia a distanza attraverso il paziente virtuale

 
 
 
 
chiudi