HOME - Approfondimenti
 
 
25 Novembre 2022

Sistema Dental Monitoring basato sull’intelligenza artificiale

Sesto appuntamento sul percorso step by step della terapia ortodontica di Anna, con un focus particolare sui vantaggi del Sistema Dental Monitoring per le visite ortodontiche a distanza

di Camilla Molinari

Sesto appuntamento sul percorso di Anna, una giovane paziente ortodontica di classe 3 (fig. 1) di cui stiamo seguendo il trattamento tramite il supporto dell'intelligenza artificiale (IA) con il sistema Dental Monitoring.

Abbiamo accompagnato Anna in questi mesi osservando come la possibilità di utilizzare un sistema di monitoraggio a distanza porti a diversi vantaggi non solo per il paziente, ma anche per l’organizzazione di studio e la qualità dei trattamenti.

La possibilità di identificare tra i membri del team un responsabile – DM Champion – migliora il flusso digitale all'interno dello studio, riduce lo stress all’interno dello staff facilitando la comunicazione tra il paziente, il medico e gli altri componenti dello studio.

La possibilità, inoltre, di rimanere sempre in contatto con il paziente attraverso il monitoraggio di per sé e l’utilizzo della messaggeria interna a DM facilita la gestione delle emergenze, riducendo il numero di appuntamenti non necessari.

Allo stato attuale la paziente presenta nell’arcata superiore un espansore palatale su viti, bloccato da alcuni mesi in mantenimento dell’espansione, e la presenza di sezionali superiori con molle per l'apertura degli spazi agenesici degli elementi 1.5 e 2.5.

Nell'arcata inferiore, invece, indossa allineatori trasparenti che cambia ogni 7 giorni.

Nella puntata precedente abbiamo potuto osservare come, attraverso il sistema Dental Monitoring, sia possibile insegnare all'intelligenza artificiale a monitorare certi parametri che possono essere utili in un determinato momento di una specifica terapia di un dato paziente, anche in base alle apparecchiature inserite.

In questo momento Anna presenta una perfetta integrità dell'arcata superiore mentre compare nella dashboard un comando di NO-GO identificato da un cerchio rosso nella sequenza delle scansioni (fig. 2a).

Questo segno indica la presenza di un precoce unfitting dell’aligner in sede 3.4.

A questo punto l'applicazione in automatico invia un messaggio al paziente di non procedere con il cambio aligner e di effettuare una nuova scansione dopo 3 giorni.

Questo messaggio viene intercettato dal DM Champion che prontamente lo traferisce al medico che completa il messaggio automatico dell’IA dando istruzioni specifiche, come quella di insistere con l’utilizzo di chewies nell’area di unfitting.

La nuova scansione (a distanza appunto di 3 giorni) mostra (fig. 2b) come poco dopo ci sia stato un miglioramento del fitting in sede 3.4.

Figure 2a, 2b


La paziente ha così potuto procedere con il cambio degli allineatori.

In sintesi, l’intelligenza artificiale ha segnalato in modo automatico (sulla base del protocollo settato in partenza) il problema con il messaggio di NO-GO; il messaggio è stato intercettato immediatamente dal DM Champion che ha passato l'informazione al medico il quale ha poi preso la decisione clinica mettendosi direttamente in contatto con la paziente via App.

In questo modo la paziente non è andata in studio, la terapia non è stata interrotta e non sono state fatte scansioni aggiuntive per ulteriori allineatori.

La gestione remota delle urgenze permette quindi un importante risparmio del tempo alla poltrona, di spostamenti per la paziente e un prosieguo ottimale della terapia.  

DENTAL MONITORING
Tel. 02 8295 7075 - https://dental-monitoring.com/?lang=it


I precedenti approfondimenti della dott.ssa Camilla Molinari:


03 Maggio 2022: I vantaggi di utilizzare una tecnologia specifica per effettuare le visite a distanza
20 Maggio 2022: Sistema Dental Monitoring basato sull’intelligenza artificiale
12 Ottobre 2022 Sistema Dental Monitoring basato sull’intelligenza artificiale (terza parte)
26 Ottobre 2022 Sistema Dental Monitoring basato sull’intelligenza artificiale (parte quarta)

09 Novembre 2022 Sistema Dental Monitoring basato sull’intelligenza artificiale (quinta parte)

Articoli correlati

Gli attuali 10mila pensionati liberi professionisti prendono, in media, poco più di 16mila euro l’anno, ma il dato medio è falsato, spiegano da ENPAM indicando come fare a conoscere l’importo...


Tra abbuoni ed atre riduzioni, un odontoiatra che lo scorso triennio ha raccolgo almeno 120 crediti può assolvere l’obbligo formativo di questo triennio recuperando 46 crediti in tre anni, ecco...


A poche settimane dalla scadenza per la re-iscrizione al Registro dei fabbricanti, una utile guida di ANTLO per capire e determinare la classe di rischio dei dispositivi fabbricati


Le tempistiche e le indicazioni per presentare domanda per essere iscritto nell’elenco presso i Tribunali. Ma chi è il CTU e quali le sue funzioni ed i suoi compiti?


Dall’evento SEPA le raccomandazioni sul ruolo di alcuni collutori nell'igiene orale, e nel trattamento della gengivite e nella prevenzione della parodontite


Altri Articoli

A Napoli operativa la clinica mobile, obiettivo: offrire un servizio territoriale di prevenzione e prima cura alle categorie più fragili della società, garantendo loro il...


Lunedì 22 aprile alle ore 9:00 il ministero della Salute organizza, con il supporto di Edra S.p.A., un incontro interamente dedicato al tema della salute femminile, in occasione della Giornata...


UNIDI ha realizzato una collettiva con 23 aziende italiane per promuovere l’eccellenza italiana e presentare l’innovazione per il settore del Made in Italy


Gli attuali 10mila pensionati liberi professionisti prendono, in media, poco più di 16mila euro l’anno, ma il dato medio è falsato, spiegano da ENPAM indicando come fare a conoscere l’importo...


In vista della Giornata nazionale della salute della donna, la prof.ssa Nardi riflette sulla medicina personalizzata al genere applicata alla salute orale

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


È stato nominato nel corso della recente Assemblea Generale dell'EFP. Espandere la leadership della Federazione, incentivare la formazione dei clinici,...


E’ possibile recuperare le ore mancanti e in attesa di recuperarle l’ASO può comunque essere assunto? Il parere di ANDI, IDEA e del SIASO 


La fotografia dall’indagine dell’Osservatorio Sanità di Unisalute: Un italiano su tre non fa una visita odontoiatrica o una seduta di igiene orale da oltre tre anni


Nuova puntata del podcast Dentechstry di IDI Evolution. Protagonisti di questa puntata, l’odontoiatra Gabriella Grassi e lo psicologo Feliciano Lizzadro. Il tema la medicina...


Immagine d'archivio

Dopo la sentenza del Tar era tornato il “concorsone”,  ma adesso i giudici del Consiglio di Stato hanno riabilitato il TolC test online. Cosa potrà cambiare?


Obiettivo: formare in real time i professionisti del dentale attraverso la realtà aumentata attraverso un'esperienza di apprendimento personalizzata con consulenze live a distanza


Tra abbuoni ed atre riduzioni, un odontoiatra che lo scorso triennio ha raccolgo almeno 120 crediti può assolvere l’obbligo formativo di questo triennio recuperando 46 crediti in tre anni, ecco...


La norma contenuta nel Decreto PNRR non convince il Sindacato Italiano Medici di Medicina Ambulatoriale e del Territorio (SIMMAT)


A poche settimane dalla scadenza per la re-iscrizione al Registro dei fabbricanti, una utile guida di ANTLO per capire e determinare la classe di rischio dei dispositivi fabbricati


 
 
 
 

Il Podcast
dell'Innovazione
Odontoiatrica

TUTTI GLI EPISODI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
chiudi