HOME - Approfondimenti
 
 
15 Novembre 2022

Visite dentistiche sotto stupefacenti: le raccomandazioni di ADA

La metà dei dentisti americani afferma che sono numerosi i pazienti che si presentano agli appuntamenti dentali dopo avere assunto marijuana o altre droghe. Tra i problemi, il limitato effetto dell'anestetico


Poiché l'uso personale e medico di marijuana è in crescita a livello nazionale, l'American Dental Association (ADA) suggerisce ai pazienti di astenersi dal suo uso prima delle visite dentistiche dopo che un recente sondaggio ha rilevato che più della metà dei dentisti (52%) ha riferito di un importante numero di persone che arriva agli appuntamenti dopo avere assunto marijuana o altre droghe.

Attualmente l'uso ricreativo di marijuana è legale in 19 stati e nel Distretto di Columbia, con altri cinque stati che stanno votando su tali misure. L'uso terapeutico è legale in 37 stati e nel Distretto di Columbia.

"Sono numerosi ormai i pazienti che dicono che usano marijuana regolarmente perché ora è legale" afferma la portavoce dell'ADA, la dottoressa Tricia Quartey, dentista di New York. "Purtroppo, a volte presentarsi alle visite dentistiche dopo avere assunto marijuana comporta la necessità di fissare un nuovo appuntamento”.

Infatti, essere "sballati" quando si è dal dentista può comportare una limitazione delle cure che possono essere fornite. Il sondaggio tra i dentisti ha rilevato che il 56% ha riferito di limitare il trattamento in questi contesti.

A causa dell'impatto della marijuana correlato a quello dell'anestesia sul sistema nervoso centrale, il 46% dei dentisti intervistati ha riferito di avere talvolta bisogno di aumentare la dose di anestetico per trattare questi pazienti.

I risultati sono emersi da due sondaggi fatti online da ADA all'inizio del 2022: uno su 557 dentisti e un secondo sondaggio rappresentativo a livello nazionale su 1006 consumatori.

La marijuana può portare a un aumento di ansia, paranoia e iperattività, che potrebbero rendere la visita più stressante. Può anche accrescere la frequenza cardiaca e ha effetti collaterali respiratori indesiderati, il che aumenta il rischio di utilizzare anestetici locali per il controllo del dolore" ha affermato la dottoressa Quartey. “Inoltre, le migliori opzioni di trattamento sono sempre quelle che un dentista e un paziente decidono insieme e per questo è essenziale che entrambi abbiano le idee chiare".

Gli studi hanno anche dimostrato che i consumatori regolari di marijuana hanno maggiori probabilità di avere un numero significativamente maggiore di lesioni rispetto ai non consumatori.

"Il principio attivo della marijuana, il THC, fa venire fame e sotto la sua influenza le persone non fanno sempre scelte alimentari sane" ha detto la dottoressa Quartey.

L'ADA ha altresì sottoposto i 1006 consumatori a un secondo sondaggio sull'uso di marijuana e svapo. I risultati hanno rilevato che quasi 4 pazienti su 10 (il 39%) hanno fatto uso di marijuana, con il fumo come forma d'uso più comune. Contestualmente, il 25% degli intervistati ha affermato di avere svapato e di questi il 51% ha svapato marijuana.

"Fumare marijuana è associato a malattie gengivali e secchezza delle fauci, che possono portare a molti problemi di salute orale" ha commentato la dottoressa Quartey. "Esso mette anche i fumatori a maggior rischio di cancro alla bocca e al collo".

L'ADA sollecita ulteriori studi sulla marijuana e le sue correlazioni con la salute orale e continuerà a monitorare la ricerca per fornire raccomandazioni cliniche a dentisti e pazienti.

Dai risultati del sondaggio emerge anche che il 67% dei pazienti afferma di sentirsi a proprio agio nel parlare di marijuana con il proprio dentista. L'ADA raccomanda agli odontoiatri di discutere del consumo di marijuana durante i controlli periodici.

"Lo chiediamo ai nostri pazienti perché il nostro obiettivo è quello di mantenerli nella migliore condizione di salute orale possibile" afferma la dottoressa Quartey. "Nel caso venga utilizzata per uso curativo possiamo collaborare in team con il medico prescrittore”.

Nel frattempo, i pazienti che fanno uso di marijuana possono controllare la propria salute orale grazie a una costante routine igienica quotidiana lavandosi i denti due volte al giorno con dentifricio al fluoro e seguendo regolari controlli con il dentista oltre a fare scelte alimentari salutari.

Ulteriori informazioni sugli effetti sulla salute orale della marijuana a questo link.

Articoli correlati

Medici e dentisti, anche liberi professionisti che decidono di andare in pensione dopo i 68 anni e fino ai 75, matureranno una pensione significativamente più alta


Di Marco: “non sussiste alcuna subordinazione dell’Igienista dentale rispetto all’Odontoiatra, bensì vi è una proficua e paritetica sinergia nell’interesse della...


A fine mese scade il termine per rinnovare l’iscrizione. Devono farlo i fabbricanti di dispositivi medici su misura già registrati al registro fabbricanti prima del giugno 2023


Il paziente può richiedere il file della progettazione; insieme al dispositivo l’odontotecnico deve consegnare anche il file; quali sono i documenti per la gestione della privacy tra studio e...


Attraverso il nuovo CCNL vengono definite formazione e mansoni. Per diventare CSO si dovrà frequentare un corso di 90 ore, potrà organizzarlo solo ANDI


Altri Articoli

Diventa operativo il decreto attuativo della legge Gelli, il testo regolamenta le polizze assicurative in materia sanitaria introducendo i massimali minimi a seconda della classe di rischio


Il progetto è finanziato dal Ministero della Salute tramite l’Istituto nazionale per la promozione della salute delle popolazioni migranti e contrasto delle malattie della povertà


Medici e dentisti, anche liberi professionisti che decidono di andare in pensione dopo i 68 anni e fino ai 75, matureranno una pensione significativamente più alta


Sembra una ovvietà ma non credo che questa affermazione sia un percepito di voi dentisti quando si parla di società odontoiatriche, di “Catene”.Invece l’aveva chiaro il legislatore quanto nel...

di Norberto Maccagno


Di Marco: “non sussiste alcuna subordinazione dell’Igienista dentale rispetto all’Odontoiatra, bensì vi è una proficua e paritetica sinergia nell’interesse della...


Proseguendo la collaborazione con TeamSmile per altri due anni l'azienda compie un ulteriore passo avanti verso il raggiungimento di uno degli obiettivi centrali del suo programma...


Per approfondire l’odontoiatria digitale. Scopri gli appuntamenti e gli eventi gratuiti per odontoiatri ed odontotecnici


Immagine di repertorio

Molti pazienti avevano già versato anticipi per le cure o attivato finanziamenti. Le indicazioni di Adiconsum e della CAO Oristano. Da valutare le responsabilità degli odontoiatri e del direttore...


E' online il corso FAD ECM su Medicina estetica odontoiatrica, relatore Michele Cassetta. Un corso per approfondire ma anche solo capire le possibilità che si sono aperte per lo studio odontoiatrico


In collaborazione con Curasept fino al 13 aprile un doppio appuntamento quotidiano per per raccontare i benefici dell’igiene orale e della cura della bocca


Una guida ENPAM sulle tutele previste per l’inattività temporanea, ma scattano dal 31° giorno di inattività. Per essere coperti sempre, serve anche una polizza ad hoc


Ne abbiamo parlato con la dott.ssa Maria Grazia Cannarozzo in occasione del lancio del corso FAd Edra sul tema


Ancora due mesi di tempo per i fabbricanti di disposivi medici su misura che devono rifare l’iscrizione al nuovo Registro telematico dei fabbricanti


Il primo italiano ad avere l’onore di aprire la Convention annuale tenendo la Buonocore Memorial Lecture, riconoscimento riservato a pochissimi professionisti al mondo


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
chiudi