HOME - Approfondimenti
 
 
30 Novembre 2022

I danni della pandemia sulla salute orale dei più giovani

Questi gli interventi per invertire la tendenza. A colloquio con la dott.ssa Angela Galeotti, Responsabile dell’Unità Operativa di Odontostomatologia dell’Ospedale Bambino Gesù

Valentina Viganò

In occasione del Congresso “Obiettivo Salute Orale: l’importanza della Prevenzione dal concepimento all’adolescenza”, tenutosi lo scorso 5 novembre presso l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma, sono state affrontate varie tematiche sulla salute orale dei bambini e degli adolescenti. In primis il tema della prevenzione che, come dice la dottoressa Angela Galeotti (nella foto), Responsabile dell’Unità Operativa di Odontostomatologia dell’Ospedale Bambino Gesù “va rafforzato perché esiste un prima e un dopo pandemia”: il periodo pandemico rischia di far arretrare quei progressi che invece erano stati raggiunti per migliorare la salute delle persone, al fine di prevenire la comparsa di alcune patologie, tra cui anche quelle che colpiscono il cavo orale.

Proprio per questo motivo risulta molto importante la collaborazione fra più specialisti sanitari, affinché si possano raggiungere gli obiettivi prefissati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità sia sotto il profilo di salute generale, sia di quella odontoiatrica.  

Questo confronto multidisciplinare è quindi necessario per il raggiungimento degli obiettivi e per ridurre il rischio di complicanze dovute alle patologie; inoltre come dichiarato dalla dott.ssa Galeotti “questa interdisciplinarità è necessaria anche nel mondo extraospedaliero: sia lodontoiatra sia ligienista dentale hanno il dovere di comunicare con medici di base, pediatri o altri specialisti al fine di avere una visione completa della salute del paziente”.  

Nel post pandemia, si sono potuti osservare dei cambiamenti in ambito dell’igiene dentale dei ragazzi più giovani, rispetto alle situazioni cliniche presenti nel periodo pre-pandemia, in particolare spiega la dott.ssa Galeotti “nei più piccoli, c’è un aumento della prevalenza di carie, invece per gli adolescenti si tratta maggiormente di problematiche infiammatorie”.  

Per contrastare queste problematiche come primo step è previsto quello di seguire un’alimentazione corretta, sia per proteggersi da patologie odontoiatriche come carie e disturbi gengivali che possono sfociare anche in situazioni cliniche più gravi, sia per ridurre il rischio di patologie sistemiche: l’alimentazione infatti rappresenta un argomento molto importante per la comunità scientifica in generale e si stanno facendo avanti alcune proposte volte a scoraggiare le persone ad acquistare prodotti alimentari dannosi per la salute, per esempio apponendo su essi una tassa, come sta accadendo per il cibo spazzatura, ma anche per zucchero e sale.  

L'odontoiatra e l'igienista dentale, nel loro campo e per quanto concerne la loro attività, devono a sua volta sensibilizzare i propri pazienti a seguire stili di vita sani, tra cui anche un’alimentazione bilanciata, oltre ovviamente ad educare i pazienti ad un corretto metodo di igiene orale e a controlli cadenzati per valutare lo stato di salute del proprio cavo orale.  


Articoli correlati

Alcuni chiarimenti su triage, protezione degli occhi, sostituzione del camice, documentazione cliniche da redigere ed utilizzo della mascherine FFP2


Un vademecum indica le nuove procedure da adottare in studio ed i vari dispositivi da utilizzare nelle aree cliniche ed in quelle comuni


Attesa l’ordinanza del Ministro della Salute in vista della scadenza delle indicazioni sull’utilizzo delle mascherine. Attenzione alle indicazioni riportate sul DVR


Fino al 30 aprile l’accesso e la permanenza in studio da parte di pazienti e accompagnatori dovrà continuare ad avvenire con le mascherine 


Lo annuncia il Ministro Schillaci: è opportuno avviare un progressivo ritorno alla normalità. A breve un provvedimento che reintegrerà il personale sospeso per non essersi vaccinato


Una linea di prodotti a 360 gradi per un’azione di prevenzione e trattamento quotidiano contro infiammazioni e sanguinamenti gengivali, gengiviti, stomatiti, parodontiti e afte...


La prof.ssa Nardi ricorda come la carenza di vitamina D sia stata associata a una maggiore prevalenza del rischio di parodontite e infiammazione gengivale

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


La prof.ssa Nardi sollecita l’attenzione alla delicata fase del debonding, che spesso risulta essere inefficace compromettendo la salute e la luminosità dello smalto dentale e...

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


Secondo uno studio commissionato dall'ADF, le malattie parodontali associate alle patologie correlate provocano un costo sanitario che sfiora il miliardo di euro


I cinque effetti che il fumo può avere sulla salute generale e sulla salute orale. Punti di attenzione e consigli da condividere con i vostri pazienti.


Altri Articoli

L’On. Dario Tamburrano, odontoiatra romano, è l’unico dentista italiano, e forse anche europeo, nel nuovo parlamentare europeo. Avevamo annunciato la sua elezione in questo...

di Norberto Maccagno


Chi non ha effettuato la nuova registrazione non può emettere dichiarazione di conformità per i dispositivi realizzati. E’ comunque ancora possibile registrarsi


Un diplomato odontotecnico svolgeva l’attività dell’odontoiatra, la segretaria quella di ASO. Nei guai anche un terzo soggetto che potrebbe essere il direttore sanitario


Presentato oggi durante il convegno: Odontoiatria italiana, il futuro passa per una formazione universitaria basata su intelligenza artificiale e tecnologie


Sono esclusi i liberi professionisti e gli studi associati, possono goderne le Società odontoiatriche, sia Srl che Stp. Le indicazioni dei consulenti fiscali AIO


Pressoché invariato per odontoiatria, 1585 i posti, la CAO ne aveva indicati 1200. Per i corsi in Igiene dentale il numero di posti disponibili sarà 755


L'azienda fornirà una suite di prodotti di consumo, apparecchiature e tecnologie per aiutare gli odontotecnici ad accelerare la trasformazione digitale


45 i posti disponibili, di questi il 70% riservato ai residenti. Il costo: 300 euro per i residenti, 600 euro per i non residenti. Entro il 9 agosto le domande di iscrizione


Cairo (SIdP): lavoriamo per promuovere la formazione e la sensibilizzazione verso una malattia ancora troppo sottovalutata. Ghirlanda (ANDI): solo il 30% dei dentisti è consapevole...


La prof.ssa Nardi ricorda come la carenza di vitamina D sia stata associata a una maggiore prevalenza del rischio di parodontite e infiammazione gengivale

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


Come ottenere 5mila euro per essere ospitati in uno dei collegi universitari accreditati. Attivo il bando ENPAM 2024


La società tedesca promuove un’odontoiatria più sostenibile, dimostrando che è possibile coniugare eccellenza tecnologica e rispetto per l'ambiente


L’Associazione dentisti americana mette in guardia i pazienti verso i soggetti che privi di abilitazione professionale propongono faccette dentali 


La selezione dei nuovi docenti AIO under 40 mette le ali. A breve saranno scelti i dieci finalisti che esporranno nel 2025 al 5° Congresso AIO Academy a Palermo


 
 
 
 

Il Podcast
dell'Innovazione
Odontoiatrica

TUTTI GLI EPISODI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
chiudi