HOME - Approfondimenti
 
 
19 Febbraio 2015

Confprofessioni guida la protesta dei professionisti. Con il decalogo dei diritti negati al via la campagna di mobilitazione


"Il lavoro autonomo e professionale è stato definitivamente affondato dal Governo Renzi. Ogni giorno, a parole, la politica si riempie la bocca di competenze, innovazione, capacità di "auto impiego"... ma nella realtà dei fatti si puniscono proprio i soggetti più professionalizzati, innovativi e indipendenti: migliaia di giovani professionisti, partite Iva e freelance che rischiano di scomparire dal mercato del lavoro".
 
Con queste parole si apre il "Manifesto del lavoro intellettuale (ovvero, il decalogo dei diritti negati)" presentato martedì 17 febbraio da Confprofessioni a Palazzo Madama. 
L'iniziativa promossa dalla Confederazione italiana libere professioni e ribattezzata "Non è un Paese per professionisti" ha visto la partecipazione dei rappresentanti delle Associazioni e delle organizzazioni di rappresentanza dei liberi professionisti, delle partite Iva, dei freelance oltre a numerosi parlamentari e rappresentanti delle Istituzioni.
 
Il modo delle libere professioni, unito, protesta contro le politiche del governo che "hanno penalizzato un settore economico composto da oltre 3,5 milioni di liberi professionisti e lavoratori autonomi".

"Manca un indirizzo politico complessivo rispetto alle Libere Professioni e con questa iniziativa volgiamo portare l'attenzione verso il malessere di un importante settore del tessuto sociale, economico e produttivo del nostro Paese", dice ad Odontoaitria33 Roberto Callioni, Vicepresidente nazionale Confprofessioni.
"Sono ben note le conseguenze che la crisi economica ha determinato negli studi Professionali -continua Callioni-  con un decremento dei fatturati, tanto da determinare a tutti gli effetti dei veri e propri esodati, soprattutto tra i Professionisti non più giovani. E poi ci sono le tante difficoltà dei giovani professionisti: economiche, burocratiche, previdenziali etc...".

"In Italia -continuano da Conprofessioni- professionisti e lavoratori autonomi sono una penisola che non c'è. Oltre 3 milioni e mezzo di persone non esistono nei piani di crescita del Paese, ma sono sempre pronti a tornare alla ribalta quando si tratta di spremerli con le tasse e i professionisti sono diventati il bancomat del governo: si spremono i giovani professionisti e le partite Iva per pagare oggi le pensioni, domani si vedrà; si attinge senza scrupolo alle Casse previdenziali per finanziare un sistema produttivo al collasso che non riesce più a creare occupazione; si tolgono risorse al fondo interprofessionale per la formazione del settore, per pagare la cassa integrazione ai dipendenti delle imprese, mentre gli addetti degli studi professionali sono stati buttati fuori dal sistema degli ammortizzatori sociali".

C'è poi la crisi di identità che le professioni stanno vivendo, ricorda Callioni, "interessando soprattutto quei giovani che vorrebbero spendere la propria vita mettendo in gioco se stessi, senza chiedere nulla a nessuno, sposando una Libera Professione per la vita. L'obiettivo della politica, ci sembra, sia quello di voler trasformare le professioni in servizi disconoscendo il nostro ruolo mediatorio".

Una situazione che, denuncia Callioni, ricade poi, negativamente, sulla collettività che, peraltro, "contribuisce economicamente alla formazione degli stessi professionisti".

"Ecco perchè non possiamo tradire i giovani, ma anche la collettività intesa come società in senso lato, creando inoccupati o addirittura disoccupati. In tal senso servono indicazioni urgenti e definitive dalla politica. E' questo quello che chiediamo, con sofferenza e rabbia, attraverso questa nostra protesta".

Da oggi, quindi, tutti i liberi professionisti, partite Iva e freelance daranno vita a una mobilitazione generale per monitorare attentamente l'attività del governo e del Parlamento e si preparano a elaborare proposte e soluzioni per stabilire che - come recita il "Manifesto del lavoro intellettuale" - anche i professionisti:

• hanno diritto di poter lavorare;

• hanno diritto a un compenso equo;

• hanno diritto alle tutele di welfare;

• hanno diritto di poter andare in pensione;

• hanno gli stessi diritti delle attività imprenditoriali;

• hanno diritto a un prelievo fiscale e contributivo sostenibile;

• hanno diritto a un credito accessibile;

• hanno diritto di essere parte attiva del tessuto economico;

• hanno diritto di difendere i propri interessi;

• hanno diritto di contribuire allo sviluppo del Paese

Articoli correlati

L’iscrizione è obbligatoria e principalmente a carico del titolare dello studio. Molti i servizi di welfare, assistenza e formazione, anche per i figli, compresi nella quota d’iscrizione 


Obiettivo del nuovo contratto quello di rafforzare le tutele di welfare e aggiornare la normativa contrattuale. Stella (Confprofessioni), serve nuovo impulso per un settore che deve riprendersi...


Potrà essere utilizzato dagli studi con più di 3 dipendenti in caso di riduzione o sospensione dell’attività. Soddisfazione del presidente di Confprofessioni


Stella al Senato presenta proposta di revisione Irpef: parità di trattamento per tutti i redditi da lavoro, progressività graduale dell’imposizione e tagli alle imposte sulla classe media


Il Consiglio generale della Confederazione ha eletto la nuova giunta esecutiva per il prossimo quadriennio. Alla vice presidenza il notaio Claudia Alessandrelli


La richiesta è stata lanciata oggi dal convengo "L'odontoiatria Forense: da progetto a realtà" in svolgimento fino a domani a Bergamo in occasione dei 10 anni di attività di...


Per ora le novità per i liberi professionisti e titolari di partita iva introdotte con la Stabilità 2016 arrivano sul fronte delle modifiche introdotte al regime forfettario (per alcune...


I liberi professionisti potranno accedere ai fondi strutturali europei. A sancirlo un emendamento approvato dalla Commissione Bilancio del Senato alla Legge di Stabilità per la cui...


Tra i vari annunci sulle novità in tema di Sanità che si sono rincorse durante l'estate ad interessare la professione medica, più che dei tagli al SSN, sono state le aperture...


Dal 24 al 25 novembre a Roma il Ministero della Salute organizza l'annuale Conferenza Nazionale sulla Formazione continua. Tra i vari temi di approfondimento anche il resoconto dei lavori della...


Vedere avvocati, ingegneri, architetti e gli altri professionisti, tra cui medici e dentisti, in piazza per manifestare contro la politica per chiedere una norma per il giusto compenso e ridare...


Associazione Italiana Odontoiatri manifesterà il 13 maggio a Roma con le altre libere professioni per inserire al più presto in una norma di legge l'Equo compenso per tutti i...


Altri Articoli

Sembra una ovvietà ma non credo che questa affermazione sia un percepito di voi dentisti quando si parla di società odontoiatriche, di “Catene”.Invece l’aveva chiaro il legislatore quanto nel...

di Norberto Maccagno


Di Marco: “non sussiste alcuna subordinazione dell’Igienista dentale rispetto all’Odontoiatra, bensì vi è una proficua e paritetica sinergia nell’interesse della...


Proseguendo la collaborazione con TeamSmile per altri due anni l'azienda compie un ulteriore passo avanti verso il raggiungimento di uno degli obiettivi centrali del suo programma...


Per approfondire l’odontoiatria digitale. Scopri gli appuntamenti e gli eventi gratuiti per odontoiatri ed odontotecnici


Immagine di repertorio

Molti pazienti avevano già versato anticipi per le cure o attivato finanziamenti. Le indicazioni di Adiconsum e della CAO Oristano. Da valutare le responsabilità degli odontoiatri e del direttore...


E' online il corso FAD ECM su Medicina estetica odontoiatrica, relatore Michele Cassetta. Un corso per approfondire ma anche solo capire le possibilità che si sono aperte per lo studio odontoiatrico


In collaborazione con Curasept fino al 13 aprile un doppio appuntamento quotidiano per per raccontare i benefici dell’igiene orale e della cura della bocca


Una guida ENPAM sulle tutele previste per l’inattività temporanea, ma scattano dal 31° giorno di inattività. Per essere coperti sempre, serve anche una polizza ad hoc


Ne abbiamo parlato con la dott.ssa Maria Grazia Cannarozzo in occasione del lancio del corso FAd Edra sul tema


La terza giornata è dedicata al digitale in estetica ed ortodonzia. Le anticipazioni delle relazioni dei dottori Poggio e Cocconi


Ancora due mesi di tempo per i fabbricanti di disposivi medici su misura che devono rifare l’iscrizione al nuovo Registro telematico dei fabbricanti


Il primo italiano ad avere l’onore di aprire la Convention annuale tenendo la Buonocore Memorial Lecture, riconoscimento riservato a pochissimi professionisti al mondo


Tra coloro che soffrono di edentulia più o meno estesa, solo la metà ritiene di poterla ripristinare con una soluzione protesica, fissa o rimovibile. Discriminate il fattore culturale e sociale


Il 22 e 23 febbraio a Chicago, nel corso della settimana del Midwinter Meeting, si è svolto il 95° Congresso di American Prosthodontic Society. L’American Prosthodontic Society, fondata nel...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


12 Febbraio 2024
Vendo immobile adibito a studio odontoiatrico dal 1960

Vendita a Chiasso centro, in Svizzera, immobile adibito dal 1960 a studio odontoiatrico composto da quattro unità operative, con autorizzazione sanitaria. Per informazioni contattare Marzio Negrini: cell. whatsapp +393756589128

 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
chiudi