HOME - Aziende
 
 
14 Aprile 2022

Covid, i purificatori d’aria possono frenare i contagi dell’80%

Le conclusioni da una ricerca condotta dal San Raffaele. Prof. Gherlone: “Ottimi risultati. Pratiche più sicure per operatori e pazienti”


Aerosol anche di goccioline di saliva nell’aria ridotto di oltre l’80% durante gli interventi di chirurgia orale. È la principale evidenza a cui è giunto lo studio condotto dal dipartimento di Odontoiatria del San Raffaele di Milano e dall’Università Vita - Salute San Raffaele sull’impiego di purificatori di ultima generazione in ambiente odontoiatrico. 

Per la ricerca, realizzata su incarico del professor Enrico Gherlone, primario del reparto e rettore dell’Ateneo, nell’ambito dello sviluppo di un nuovo protocollo di sicurezza ministeriale per il contrasto alla pandemia da Covid 19 durante le sedute in poltrona, sono stati utilizzati purificatori professionali Innoliving, azienda italiana attiva nel settore healtcare. “Lo studio - afferma il professor Gherlone – ha dato ottimi risultati e ha rivelato come l’utilizzo di questo tipo di attrezzature permetta di ridurre in modo significativo la contaminazione particellare e microbiologica del laboratorio odontoiatrico, senza generare rumori dannosi. I test sono stati effettuati con riferimento al rapporto tra la diffusione del Covid 19 e i droplets, ampiamente prodotti durante le pratiche cliniche, ma l’impiego di dispositivi per la purificazione dell’aria resta un utilissimo supporto alla nostra attività anche a pandemia finita. Tutto ciò ci conforta e rende più tranquilli operatori e pazienti”. 

L’Istituto ha misurato la dispersione dei droplets, emessi durante le procedure odontoiatriche che restano a lungo sospesi nell’aria e potenziali vettori di infezione, nella zona del campo operatorio. Le rilevazioni sono state effettuate, in collaborazione con il laboratorio di microbiologia, prima e dopo l’accensione di un purificatore della linea AirPro con filtro HEPA 14, posizionato a una distanza di 50 centimetri dalla poltrona, ed hanno riguardato 80 procedure cliniche suddivise in due gruppi, di cui 40 appartenenti alla fascia ad alto rischio (igiene orale) e 40 al range di rischio medio (chirurgia orale). In tutte le pratiche odontoiatriche testate, lo studio ha documentato la capacità dei macchinari di filtrare particelle ultrasottili (di diametro inferiore al Coronavirus) e quindi di limitare sensibilmente la diffusione virale. Riscontrata, inoltre, una importante riduzione della carica microbiologica compresa tra il 63% e il 67%. 

Lo studio dimostra come l’impiego di purificatori di ultima generazione – commenta Danilo Falappa (nella foto), direttore generale di Innoliving - offra un supporto importante alla pratica clinica.  I dati della ricerca, a cui abbiamo contribuito con le nostre tecnologie ad altissima capacità di filtraggio, sono straordinari considerato l’ambiente circoscritto e a rischio medio – alto di trasmissione a cui fanno riferimento. Va precisato che questo prezioso lavoro dei ricercatori del San Raffaele riguarda la gestione dell’aerosol in ambienti odontoiatrici, mentre la capacità dei nostri dispositivi di ridurre tutte le particelle presenti nell’aria in ambienti chiusi è ancora più elevata e raggiunge il 99,995%”.  I dispositivi Innoliving sono stati progettati con impiego avanzato del digitale, che consente il controllo da remoto e una gestione intelligente in base alla diversa qualità dell’aria degli ambienti. Sono attualmente in dotazione in ambienti sanitari e ospedalieri, scuole e luoghi di lavoro.  

A cura di: Ufficio Stampa 

Articoli correlati

Andrea Piantoni

“Sono molto onorato e orgoglioso di poter assumere questo ruolo in IDI Evolution, che considero la mia famiglia, e di poter proseguire il percorso iniziato ormai diversi anni...


Il riconoscimento è arrivato a dicembre 2023 al termine di un audit che ha coinvolto i principali processi aziendali, con particolare riferimento a tutte le fasi di gestione...


Raj Pudipeddi: “Stiamo trasformando la progettazione dei piani di trattamento ortodontico con strumenti di nuova generazione e approcci personalizzati basati su anni di ricerca...


INTRADERMIC: per i trattamenti di medicina estetica non-invasiva. Disponibile in tre formati in base alla grandezza delle particelle di acido ialuronico


Una ricerca continuativa multi-cliente sulla popolazione dedicata alla salute orale a disposizione delle istituzioni e delle aziende che comprende il primo osservatorio dentale permanente


Altri Articoli

Andrea Piantoni

“Sono molto onorato e orgoglioso di poter assumere questo ruolo in IDI Evolution, che considero la mia famiglia, e di poter proseguire il percorso iniziato ormai diversi anni...


Attraverso il nuovo CCNL vengono definite formazione e mansoni. Per diventare CSO si dovrà frequentare un corso di 90 ore, potrà organizzarlo solo ANDI


Per la prof.ssa Nardi, la prevenzione ha un valore fondamentale che deve essere espresso a livello globale, sia in ambito pubblico che privato, per permettere a tutte le persone assistite degli...

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


Per la Società Italiana di Ortodonzia, alcune malocclusioni possono essere intercettate già a 5/6 anni, queste alcune indicazioni per i genitori


Pensato per persone con disabilità è una sorta di trackpad inserito in una mascherina trasparente posizionata nell’arcata superiore e realizzata con una stampante 3D 


47 gli odontoiatri denunciati, 5milioni di euro il valore dei beni sequestrati e 33 milioni di euro l’ammontare delle tasse non versate


Il dott. Migliano sulla sperimentazione in Lombardia del percorso di apprendistato per ASO e non solo


ANDI dettaglia gli aumenti salariali (indicativi) per i dipendenti degli studi odontoiatrici con l’entrata a regime del nuovo CCNL


L’applicazione si applica anche alle lavoratrici degli studi odontoiatrici con rapporti di lavoro dipendente a tempo indeterminato sia già instaurato che in via di instaurazione


Acquisire le conoscenze e le competenze idonee per riconoscere i segni e i sintomi caratteristici di tale condizione al fine di prevenire e/o attutirne le conseguenze


Immagine di repertorio

L’odontoiatra è titolare di studio, il padre lo “aiutava” curando i pazienti ma non aveva la laurea. Lo studio non era autorizzato, all’interno rivenuto un radiografico senza la...


Non si vive di sola burocrazia dicono i presidenti di AMOlp e  Andiamoinordine chiedendo alle Istituzioni di essere ascoltate e coinvolte su temi fondamentali per lo sviluppo e la sopravvivenza...


Diego Catania, Presidente dell’Ordine TSRM e PSTRP: “Siamo professioni intellettuali, la nostra autonomia non sia messa in dubbio”


Nella due giorni dei lavori a Catania focus sulla multidisciplinarietà dell’odontoiatria del domani e sull'odontoiatria di genere per aprire nuovi orizzonti di prevenzione e...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


12 Febbraio 2024
Vendo immobile adibito a studio odontoiatrico dal 1960

Vendita a Chiasso centro, in Svizzera, immobile adibito dal 1960 a studio odontoiatrico composto da quattro unità operative, con autorizzazione sanitaria. Per informazioni contattare Marzio Negrini: cell. whatsapp +393756589128

 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
chiudi