HOME - Chirurgia Orale
 
 
15 Febbraio 2008

Position paper. Anestesia locale nel paziente con insufficienza cardiaca in chirurgia orale

di S. Corradi, N. Nemesini, D. Bencivenni, U. Consolo


1. Sono state raccolte le più recenti linee guida e raccomandazioni riguardo il trattamento del paziente con insufficienza cardiaca in chirurgia orale, con particolare attenzione alla fase dell’anestesia.
2. Viene fornita una metodologia di approccio al paziente cardiopatico per meglio valutare il rischio cardiaco associato a procedure chirurgiche in odontoiatria. È più volte sottolineata l’importanza di un’attenta anamnesi medica al fine di prendere chiare decisioni riguardo l’intervento da eseguire.
3. Per quanto riguarda la gravità della patologia cardiaca viene fatto riferimento alla classificazione dell'American Heart Association e dell’American College of Cardiology. Oltre a questo si è cercato di stabilire metodi efficaci per valutare clinicamente la gravità della insufficienza cardiaca.
4. La scelta dell’anestetico e vasocostrittore e del dosaggio ottimale per il trattamento del paziente con insufficienza cardiaca deve considerare numerose variabili. Le catecolamine esercitano un effetto inotropo, cronotropo e dromotropo positivo sul miocardio, andando a interferire con il riempimento ventricolare e ad aumentare considerevolmente il lavoro cardiaco quando elevati dosaggi raggiungono la circolazione in un breve intervallo di tempo.
5. In rapporto a queste considerazioni viene discussa la possibilità di stabilire criteri riguardo dosaggi massimi di anestetico e vasocostrittore che possano essere utilizzati con sicurezza. L’esatto dosaggio dei farmaci contenuti nella soluzione di anestetico iniettata va rapporta alla capacità funzionale del paziente, al peso e all’età nonché alla eventuale coesistenza di ulteriori patologie. È da aggiungere che risulta pressoché impossibile quantificare il rilascio di catecolamine endogene nel paziente particolarmente emotivo, il che costituisce un importante fattore di rischio.

Use of local anesthetics in oral surgery in patients with heart failure
1. The most recent guidelines about the treatment of cardiopatic patients in oral surgery have been collected, with a particular attention to anesthetic drugs.
2. In order to ensure a safer management of patient with hearth failure undergoing an oral surgical procedure, the dentist must consider both the severity of his medical condition and the variables that altogheter may hamper heart function.
3. The classification of American Heart Association and American College of Cardiology is the base of this work with regard to disease severity.
4. Choice of local anesthetic drugs along with a vasoconstrictor and proper dosage have to be validated by the patient’s clinical condition. Vasoconstrictors, or cathecolamines, have an inotropic, cronotropic and dromotropic effect on heart muscle thus interfering with cardiac output.
5. The amount of anesthetics and vasoconstrictors delivered to the patient must be related to his functional status, weight, age and, eventualy, to other sistemic factors.



Articoli correlati

In uno studio prospettico, randomizzato, in doppio cieco, pubblicato su Oral Surgery, gli autori hanno valutato lo stato cardiaco e le alterazioni cardiovascolari nei pazienti ipertesi durante le...

di Lara Figini


La rimozione dei terzi molari mandibolari impattati è una comune procedura dento-alveolare eseguita in chirurgia orale e maxillo-facciale, con diversi livelli di difficoltà...

di Lara Figini


Uno degli inconvenienti che spesso affligge operatore e paziente durante le procedure odontoiatriche è l' induzione del dolore causato dall'iniezione in fase di anestesia. In particolare, i...


ObiettiviLa letteratura descrive diverse complicazioni derivate dall'uso di anestetici locali, tra le quali ricordiamo la necrosi tessutale da anestetico. Viene presentato un caso di tale complicanza...


Lagoftalmo, iniezione intravasale, lesioni del tronco nervoso. Le complicanze di un’anestesia locale in odontoiatria sono poco frequenti e generalmente reversibili; nulla a che vedere con quella...


Altri Articoli

L’odontoiatria del futuro per il prof. Gagliani sarà basata più su una eccellente riproducibilità quotidiana, piuttosto che su una estemporaneità di risultato

di Massimo Gagliani


Ai visitatori in regalo la copia di “Oxford Manuale di Odontoiatria Clinica” che consente di accedere gratuitamente a Edradent, la prima biblioteca digitale di odontoiatria


Fino a quattro cinque anni fa, Odontoiatria33 pubblicava almeno una o due notizie di cronaca legate a abusivi e prestanome denunciati a settimana. Da sempre ho deciso di...

di Norberto Maccagno


In occasione della Giornata Nazionale del Malato Oncologico, Straumann Group rivela insieme al chirurgo maxillo facciale la relazione tra salute orale e cancro, con consigli per la gestione della...


Dopo quattordici anni la Federazione degli Ordini europei torna a riunirsi a Roma. La presidenza, affidata a Massimo Ferrero


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Profilo ASO: una guida alle scadenze in vista del 21 aprile

 
 
 
 
 
 
 
 
chiudi