HOME - Conservativa
 
 
04 Aprile 2016

Effetto antibatterico dei liner. Per la comunità scientifica servirebbero più informazioni

di Adelmo Calatroni


Certi liner appaiono più adatti di altri per ottenere cavità sterili o ridurre il numero di batteri; tuttavia, data la scarsità di dati a disposizione, non è ancora chiaro l'impatto dei batteri che restano sugli outcome clinici. È una conclusione con più interrogativi che certezze quella a cui sono giunti i ricercatori tedeschi e taiwanesi che hanno raccolto e analizzato tutti gli studi scientifici sul tema pubblicati finora in letteratur (*).

Per trattare la dentina dopo lo scavo di lesioni cariose profonde, i liner sono stati raccomandati per decenni, ritenendo che possano indurre lo sviluppo di dentina reattiva, di ridurre l'infiammazione pulpare post-operatoria e isolare la polpa da sostanze chimiche irritanti come l'idrossietil metacrilato; ma i trial clinici non supportano necessariamente queste argomentazioni e solo pochi hanno valutato, per esempio, il rischio di ipersensibilità post-operatoria o la necessità di trattamenti endodontici successivi.

Una seconda ragione per cui è stata suggerita l'opportunità dei liner sono gli effetti remineralizzanti, specie quando, prima del restauro, sia stato fatto uno scavo graduale o incompleto; alcuni studi hanno mostrato la remineralizzazione indotta dai liner di cavità ma altri hanno indicato che la nuova formazione di minerali possa essere mediata dalla polpa e non richieda dunque l'applicazione di liner prima del restauro.

Infine, si è sostenuto che i liner possano ridurre la carica batterica, in particolare si è ipotizzato questo effetto relativamente al materiale più utilizzato, l'idrossido di calcio, grazie al suo pH alcalino; questi effetti sono stati mostrati anche per altri materiali di lining come i cementi vetroionomerici, per cui resta incerto quale sia il materiale più adatto a ottenere questo obiettivo.

Fatto ancora più importante, una nuova comprensione della patologia cariosa e dell'effetto patogeno dei batteri responsabili della carie ha sollevato dubbi riguardo alla necessità di una disinfezione ottenuta attraverso liner: un crescente numero di studi indica infatti che la sigillatura dei batteri rimanenti con restauri adesivi ha già di per sé effetti antibatterici significativi.

Per tutte queste ragioni, una revisione della letteratura è sembrata opportuna, ma quali sono i risultati? Di tutti gli studi identificati, ne sono stati inclusi 14 nella metanalisi, per un totale di 500 lesioni trattate. Secondo undici di questi, i liner a base di aggregato triossido minerale hanno fornito la probabilità più elevata di ottenere una cavità sterile (73%), seguita da liner antibiotici o disinfettanti (8%) e da quelli all'ossido di zinco-eugenolo (7%). Solo sei studi hanno misurato la riduzione batterica e l'ossido di zinco-eugenolo si è mostrato il più adatto allo scopo. In entrambi i casi, l'assenza di liner ha comportato un effetto antibatterico inferiore.

Non c'è dunque una bocciatura dei liner, ma gli autori della revisione non si sentono neanche di promuoverli, perché il loro utilizzo non è supportato da evidenze scientifiche forti.

Adelmo Calatroni

(*) Schwendicke F, Tu YK, Hsu LY, Göstemeyer G. Antibacterial effects of cavity lining: a systematic review and network meta-analysis. J Dent. 2015 Nov;43(11):1298-307.

Articoli correlati

Sarà l’argomento di un innovativo percorso formativo della DDA. Il dott. Cesare Robello ci anticipa i temi ed il perché l’erosione dentale è una patologia sempre più in aumento


Immagine di repertorio

In un recente studio sul Journal of Dentistry 2022,valuta il fattore tempo sulla stabilità dimensionale di diverse strategie di splintaggio delle impronte implantari utilizzate nel flusso di...

di Lara Figini


Una serie di appuntamenti teorici e pratici (ECM) con i massimi esperti per approfondire la materia. Giovedì 8 settembre la presentazione online


Alcune riflessioni del prof. Gagliani al ritorno dalle vacanze che toccano i perni radicolari, l’implantologia, l’odontoiatria digitale e Johnny Cash

di Massimo Gagliani


Immagine di repertorio

In uno studio in vitro di laboratorio, in pubblicazione sul Journal of Dentistry, gli autori hanno esaminato la capacità di un adesivo borato di proteggere lo smalto/dentina...

di Lara Figini


Altri Articoli

Cronaca     29 Settembre 2022

A Roma al via l'Assemblea CAO

ECM, pubblicità sanitaria, l’odontoiatria digitale saranno molti degli argomenti su cui discuteranno i 106 presidenti delle Commissioni Albo Odontoiatri degli Ordini.


Quest’anno, oltre a sensibilizzare i cittadini verso la prevenzione si punta a porre l’attenzione sull’importanza della relazione odontoiatra-paziente


Maggiore integrazione tra medico di base, pediatre e dentista ma anche un maggiore rapporto tra pubblico e privato tra i temi toccati durante la presentazione del Mese della Prevenzione, Il video...


Il MUR definisce le nuove regole per accedere ai test di ammissione. Prof. Di Lenarda: novità significativa che dovrà essere valutata nella pratica dopo la pubblicazione dei decreti attuativi 


Gli errori da non fare, gli strumenti da utilizzare e come utilizzarli nelle considerazioni della prof.ssa Nardi che si sofferma sui livelli di attenzione dedicati alla gestione del paziente in...

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Canino incluso: la pianificazione digitale

 
 
 
 
 
 
 
 
chiudi