HOME - Conservativa
 
 
08 Marzo 2017

La formazione di biofilm e il rilascio di fluoruro da parte di materiali da restauro dentali in relazione alle proprietà di superficie. Studio italiano pubblicato all'estero

di Eugenio Brambilla


La carie secondaria rimane una delle cause più frequenti di fallimento di un restauro conservativo. Tale lesione è strettamente correlata all'attività metabolica del biofilm batterico che si sviluppa sulla superficie dei restauri e dei tessuti duri circostanti. In particolare, per quanto riguarda i restauri in cemento vetroionomerico (CVI), il rilascio di ioni (tra cui lo ione fluoro) può tamponare gli acidi generati dai batteri ed inibire lo sviluppo delle specie batteriche cariogene. Fra queste, la specie con maggior potenziale patogeno appare sicuramente Streptococcus mutans. Scopo del presente studio è stato valutare l'influenza delle caratteristiche di superficie e del rilascio di fluoruro da parte di differenti formulazioni di cementi vetroionomerici da restauro sullo sviluppo di biofilm orale in vitro.

Campioni standardizzati sono stati realizzati a partire da differenti classi di CVI: rispettivamente, modificato con resina (A), compomero (B), per cementazione protesica (C), ad alta viscosità (D). Quale controllo sono stati utilizzati una resina composita convenzionale (E) e campioni di smalto umano (F). I campioni sono stati sottoposti ad analisi di superficie per quanto riguarda la rugosità, l'energia libera di superficie e la composizione chimica della stessa.

Dopo il precondizionamento delle superfici con saliva umana sterile, un bioreattore a flusso continuo è stato utilizzato per ottenere uno sviluppo di biofilm monospecifico di Streptococcus mutans sulle superfici dei campioni in condizioni controllate per 48 e 96 ore. I biofilm sono stati successivamente analizzati quantificando la biomassa batterica vitale e studiando la morfologia del biofilm utilizzando la microscopia a scansione elettronica e confocale laser (CLSM). Il rilascio di fluoruro dai campioni è stato misurato utilizzando una microanalisi con elettrodi iono-selettivi in funzione di varie condizioni sperimentali (incubazione con sviluppo di biofilm/brodo sterile/brodo acidificato con pH=4).

I risultati mostrano che non c'è una buona correlazione tra le proprietà di superficie e lo sviluppo di biofilm, mentre il rilascio di fluoruro ha prodotto una influenza significativa sul biofilm sia come quantità di biomassa (Figura 1) che come sua morfologia Figure 2 e 3). Il rilascio di fluoruro è stato significativamente influenzato dalle condizioni di incubazione, in particolare la presenza di biofilm ha causato un ridotto rilascio di fluoro rispetto alle condizioni di incubazione con brodo sterile, mentre l'incubazione con brodo acidificato ha aumentato il rilascio di fluoro rispetto a quella con brodo sterile (Figura 4).

Entro i limiti di uno studio in vitro, i risultati suggeriscono che la formazione di biofilm non possa essere facilmente prevista in funzione dei parametri di superficie del substrato. Il rilascio di fluoruro dai CVI contribuisce a controllare la formazione di biofilm, in particolare nelle sue prime fasi. Il risultato più interessante tuttavia è che i biofilm orali possono modulare il rilascio di fluoruro dai materiali da restauro che lo incorporano, rendendo il rilascio minore ma più costante nel tempo.

Per approfondire:

Biofilm formation and release of fluoride from dental restorative materials in relation to their surface properties. Autori:Sebastian Hahnel, Andrei C. Ionescu, Gloria Cazzaniga, Marco Ottobelli, Eugenio Brambilla.

  • Biomassa vitale di Streptococcus mutans presente sulla superficie dei campioni dopo 48 o 96 ore. Il grafico presenta medie ± 1 errore standard; lettere minuscole differenti indicano differenze significative tra i gruppi (test Tukey, p<0,05). I materiali C, D, ed in misura minore A hanno significativamente ridotto lo sviluppo di biofilm in entrambi i tempi di incubazione considerati

  • Serie di ricostruzioni 3D di campi di 750 x 750 µm acquisiti al microscopio confocale dopo 48 ore di sviluppo di biofilm. Le cellule vive sono rappresentate in verde e quelle non vitali in rosso. I materiali C e D presentano un numero maggiore di cellule morte soprattutto vicino alla superficie

  • Serie di microfotografie al microscopio elettronico a scansione (2000x) acquisite dopo 48 ore di incubazione. I materiali C, D e B presentano un minore sviluppo di biofilm

  • Rilascio di fluoruro dopo, rispettivamente, sviluppo di biofilm, incubazione con brodo sterile oppure brodo acidificato per 48 o 96 ore

Articoli correlati

Immagine di repertorio

Lo studio in vitro indaga la forza di legame microtensile (μTBS) alla dentina nelle cavità di Classe I utilizzando diverse tecniche di stratificazione del materiale composito,...

di Lara Figini


In studio clinico retrospettivo, in pubblicazione sul Journal of Dentistry, gli autori hanno indagato la sopravvivenza di restauri diretti in composito estesi eseguiti per sostituire una...

di Lara Figini


Dopo il servizio de Le Iene del dicembre scorso siti internet e stampa cartacea hanno amplificato "l'allarme amalgama" lanciato dalla trasmissione televisiva dal dott. Raimondo Psiche. A supportare...


Dopo il servizio de Le Iene di ieri sera (Domenica 18 dicembre) è ripartito il dibattito sulla pericolosità o meno del materiale.Da tempo la comunità scientifica evidenza...


La richiesta d'informazioni ricevuta da "Le Iene", in merito al mercato dell'amalgama, mi ha portato ad approfondire alcuni aspetti che normalmente tralasciamo, essendo questo comparto in pieno...


Come riconoscere la presenza di diverse condizioni cliniche grazie all’attenta analisi della superficie dentale del paziente


Nella restaurativa diretta, prevalentemente per il trattamento del settore frontale, recentemente è stata introdotta una nuova metodica: La Injection Molding Technique, che...

di Dino Re


Immagine di repertorio

Tassi di successo e di sopravvivenza delle corone singole in metallo-ceramica a confronto con quelli dei restauri in resina composita applicati su denti devitalizzati con perni in...

di Lara Figini


Procedure e tecniche operative per preservare la vitalità pulpare nel libro EDRA di Lucio Daniele, Nicola Sibilla e Lorenzo Daniele


Ogni studente di odontoiatria al quinto e sesto anno effettua come primo operatore almeno mille prestazioni annue sotto costante tutoraggio individuale e quello in igiene dentale...


Dentisti ed équipe odontoiatriche sono fortemente incoraggiati a sensibilizzare i colleghi e i pazienti sulla CTS e a effettuare una diagnosi precoce


In una recente revisione sistematica, pubblicata sul Journal of the American Dental Association, gli autori hanno indagato se i denti vitali potessero differire per il livello di...

di Lara Figini


Altri Articoli

Sembra una ovvietà ma non credo che questa affermazione sia un percepito di voi dentisti quando si parla di società odontoiatriche, di “Catene”.Invece l’aveva chiaro il legislatore quanto nel...

di Norberto Maccagno


Di Marco: “non sussiste alcuna subordinazione dell’Igienista dentale rispetto all’Odontoiatra, bensì vi è una proficua e paritetica sinergia nell’interesse della...


Proseguendo la collaborazione con TeamSmile per altri due anni l'azienda compie un ulteriore passo avanti verso il raggiungimento di uno degli obiettivi centrali del suo programma...


Per approfondire l’odontoiatria digitale. Scopri gli appuntamenti e gli eventi gratuiti per odontoiatri ed odontotecnici


Immagine di repertorio

Molti pazienti avevano già versato anticipi per le cure o attivato finanziamenti. Le indicazioni di Adiconsum e della CAO Oristano. Da valutare le responsabilità degli odontoiatri e del direttore...


E' online il corso FAD ECM su Medicina estetica odontoiatrica, relatore Michele Cassetta. Un corso per approfondire ma anche solo capire le possibilità che si sono aperte per lo studio odontoiatrico


In collaborazione con Curasept fino al 13 aprile un doppio appuntamento quotidiano per per raccontare i benefici dell’igiene orale e della cura della bocca


Una guida ENPAM sulle tutele previste per l’inattività temporanea, ma scattano dal 31° giorno di inattività. Per essere coperti sempre, serve anche una polizza ad hoc


Ne abbiamo parlato con la dott.ssa Maria Grazia Cannarozzo in occasione del lancio del corso FAd Edra sul tema


La terza giornata è dedicata al digitale in estetica ed ortodonzia. Le anticipazioni delle relazioni dei dottori Poggio e Cocconi


Ancora due mesi di tempo per i fabbricanti di disposivi medici su misura che devono rifare l’iscrizione al nuovo Registro telematico dei fabbricanti


Il primo italiano ad avere l’onore di aprire la Convention annuale tenendo la Buonocore Memorial Lecture, riconoscimento riservato a pochissimi professionisti al mondo


Tra coloro che soffrono di edentulia più o meno estesa, solo la metà ritiene di poterla ripristinare con una soluzione protesica, fissa o rimovibile. Discriminate il fattore culturale e sociale


Il 22 e 23 febbraio a Chicago, nel corso della settimana del Midwinter Meeting, si è svolto il 95° Congresso di American Prosthodontic Society. L’American Prosthodontic Society, fondata nel...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


12 Febbraio 2024
Vendo immobile adibito a studio odontoiatrico dal 1960

Vendita a Chiasso centro, in Svizzera, immobile adibito dal 1960 a studio odontoiatrico composto da quattro unità operative, con autorizzazione sanitaria. Per informazioni contattare Marzio Negrini: cell. whatsapp +393756589128

 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
 
 
 
 
chiudi