HOME - Conservativa
 
 
21 Dicembre 2017

La radioterapia di testa e collo può influenzare le proprietà meccaniche e la durata dei nostri restauri dentali?

di Lara Figini


Nei casi di pazienti affetti da tumori della testa e del collo è fortemente raccomandato tenere monitorizzata la loro salute oro-dentale da parte dell'odontoiatra sia prima che durante e dopo la radioterapia, qualora quest'ultima dovesse essere eseguita.

La radioterapia a livello di testa e collo (HNRT) produce una serie di effetti collaterali spiacevoli nei tessuti che circondano il tumore, che a livello orale possono essere:

- iposalivazione,

- mucositi,

- trisma,

- osteoporosi,

- carie correlate alle radiazioni.

Si è potuto constatare che nel 25% dei pazienti sottoposti a radioterapia a livello di testa e collo si verificano un rapido insorgere di carie e distruzione dentale generalizzata tali da compromettere la funzione orale complessiva e la qualità della vita dei pazienti stessi.

La radioterapia a livello di testa e collo può compromettere anche la durata e l'integrità dei restauri che il dentista ha eseguito o esegue?

Alcuni studi in vitro hanno dimostrato un'interazione negativa tra dosi di radiazioni ionizzanti e materiali dentali metallici, i quali pare aumentino la dose di radiazioni originali a causa della loro elevata densità, numero atomico e conducibilità [Chin 2009, Reitemeier 2002]. Inoltre, è stato osservato che anche le proprietà meccaniche e la sopravvivenza clinica di materiali dentali come i cementi convenzionali vetro-ionomerici e i vetroionomerici modificati con resina sono fortemente influenzate dall'iposalivazione legata al danno radiogeno delle ghiandole salivari. I materiali da restauro quindi più adatti in queste circostanze paiono essere le resine composite.

In una recente revisione sistematica pubblicata su Dental Materials di novembre 2017 vengono analizzate le prove scientifiche dell'impatto, in vitro e in vivo, che la radioterapia a livello di testa e collo può avere sul comportamento meccanico dei restauri in resine composite e dei sistemi adesivi per contribuire in ultima analisi allo sviluppo di protocolli specifici sui materiali da utilizzare in questi casi e su quali procedure adottare.

Gli autori hanno condotto una ricerca di tutti gli articoli pertinenti pubblicati in letteratura in lingua inglese mediante PubMed, Embase, Scopus e ISI Web di Science databases utilizzando come parole chiave: "radioterapia", "resine composite" e "sistemi adesivi". Gli studi selezionati dovevano aver valutato il comportamento meccanico delle resine composte e/o dei sistemi adesivi sia nei casi in cui la procedura di restauro fosse stata condotta prima e/o dopo una dose massima di radioterapia ≥50 Gy, sia in vitro che in vivo. Dei 115 studi individuati, solo 16 sono stati inclusi nella revisione finale, di questi cinque hanno valutato l'effetto dell'HNRT in vitro su microdurezza, resistenza all'usura, resistenza diametrale e resistenza alla flessione delle resine composite, non mostrando alcun effetto negativo significativo nella maggior parte dei report.

11 studi hanno valutato la forza di adesione dei sistemi adesivi non riportando effetti negativi significativi qualora la procedura di incollaggio fosse stata eseguita prima dell'HNRT simulato. Al contrario, cinque studi hanno mostrato che la forza di legame diminuiva quando la procedura di adesione fosse stata effettuata poco dopo la radioterapia in vitro.

Dai dati di questo studio si può concludere che il comportamento meccanico delle resine composite e dei sistemi adesivi non sembra essere influenzato qualora la radioterapia HNRT venga applicata dopo la procedura di incollaggio. Tuttavia, la forza di legame dei sistemi adesivi va incontro a diminuzione quando la radioterapia simulata viene eseguita immediatamente prima della procedura di incollaggio.


A cura di Lara Figini, Coordinatore Scientifico Odontoiatria33


Per approfondire:

  • Chin DW, Treister N, Friedland B, Cormack RA, Tishler RB,Makrigiorgos GM et al. Effect of dental restorations andprostheses on radiotherapy dose distribution: a Monte Carlostudy. J Appl Clin Med Phys 2009;10:80-9.
  • Reitemeier B, Reitemeier G, Schmidt A, Schaal W,Blochberger P, Lehmann D, et al. Evaluation of a device forattenuation of electron release from dental restorations in atherapeutic radiation field. J Prosthet Dent 2002;87:323-7.
  • Madrid Troconis CC, Santos-Silva AR, Brandão TB, Lopes MA, de Goes MF. Impact of head and neck radiotherapy on the mechanical behavior of composite resins and adhesive systems: A systematic review. Dent Mater. 2017 Nov;33(11):1229-1243.

Articoli correlati

In una revisione sistematica, pubblicata sull’International Endodontic Journal di giugno 2022, gli autori hanno valutato l’effetto della radioterapia per HNC sullo stato pulpare

di Lara Figini


Un Lavoro pubblicato su Oral Diseases ha valutato l’efficacia di un gel di vitamina D a uso topico orale nella prevenzione della mucosite orale indotta da radioterapia

di Lara Figini


Queste le cause alternative rispetto a radioterapia e bifosfonati

di Lara Figini


OBIETTIVI. Lo scopo di questo lavoro è illustrare i punti chiave del programma di gestione clinica dei pazienti affetti da cancro orale. MATERIALI E METODI. Nelle fasi iniziali della patologia,...


Immagine di repertorio

Gli autori hanno determinato il tempo impiegato e la qualità immediata di otturazioni di II classe di grandi dimensioni eseguite utilizzando compositi bulk-fill a paragone con...

di Lara Figini


Il degrado dell'interfaccia dei restauri adesivi in composito è il risultato di più fattori combinati. Alla base vi è la contrazione da polimerizzazione tipica dei materiali compositi, che può...


ObiettiviScopo del lavoro è valutare, attraverso l'analisi della letteratura e la presentazione di una serie di casi, le applicazioni cliniche degli intarsi adesivi per il restauro dei denti...


Lo studio analizza le problematiche relative alla contrazione da polimerizzazione delle resine composite fotoattivate, esaminando le differenti lampade e tecniche di polimerizzazione attualmente...


La forza di adesione allo smalto di un materiale per sigillatura misurata in vitro può essere considerata come un indicatore della capacità ritentiva del materiale in vivo. Obiettivo del lavoro è...


Immagine di repertorio

Lo studio valuta l'effetto del tempo di polimerizzazione prolungato di un adesivo universale applicato, sia nella strategie etch-and-rinse che self-etch, durante l’esecuzione di...

di Lara Figini


Nell’era degli interventi minimamente invasivi, l’odontoiatria adesiva ha rivoluzionato in modo significativo la pratica clinica della maggior parte dei dentisti, consentendo...

di Lorenzo Breschi


Altri Articoli

Andrea Piantoni

“Sono molto onorato e orgoglioso di poter assumere questo ruolo in IDI Evolution, che considero la mia famiglia, e di poter proseguire il percorso iniziato ormai diversi anni...


47 gli odontoiatri denunciati, 5milioni di euro il valore dei beni sequestrati e 33 milioni di euro l’ammontare delle tasse non versate


Il dott. Migliano sulla sperimentazione in Lombardia del percorso di apprendistato per ASO e non solo


ANDI dettaglia gli aumenti salariali (indicativi) per i dipendenti degli studi odontoiatrici con l’entrata a regime del nuovo CCNL


L’applicazione si applica anche alle lavoratrici degli studi odontoiatrici con rapporti di lavoro dipendente a tempo indeterminato sia già instaurato che in via di instaurazione


Acquisire le conoscenze e le competenze idonee per riconoscere i segni e i sintomi caratteristici di tale condizione al fine di prevenire e/o attutirne le conseguenze


Immagine di repertorio

L’odontoiatra è titolare di studio, il padre lo “aiutava” curando i pazienti ma non aveva la laurea. Lo studio non era autorizzato, all’interno rivenuto un radiografico senza la...


Non si vive di sola burocrazia dicono i presidenti di AMOlp e  Andiamoinordine chiedendo alle Istituzioni di essere ascoltate e coinvolte su temi fondamentali per lo sviluppo e la sopravvivenza...


Se ne deve parlare per evitare d’innestare un circolo vizioso che penalizza studi e pazienti scrive il prof. Gagliani indicando nelle tecnologie uno dei possibili strumenti che possono aiutare...

di Massimo Gagliani


Diego Catania, Presidente dell’Ordine TSRM e PSTRP: “Siamo professioni intellettuali, la nostra autonomia non sia messa in dubbio”


Nella due giorni dei lavori a Catania focus sulla multidisciplinarietà dell’odontoiatria del domani e sull'odontoiatria di genere per aprire nuovi orizzonti di prevenzione e...


Definite anche le mansioni del CSO, contestate dal SIASO. Magenga (SIASO): “Troppo generiche, si crea solo confusione, pronti a scendere in piazza” 


8 relatori di fama internazionale, 8 moduli videoregistrati per un totale di 16 ore formative per valutare le varie scelte di come approcciare un caso mono e pluri-disciplinare


Il riconoscimento è arrivato a dicembre 2023 al termine di un audit che ha coinvolto i principali processi aziendali, con particolare riferimento a tutte le fasi di gestione...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


12 Febbraio 2024
Vendo immobile adibito a studio odontoiatrico dal 1960

Vendita a Chiasso centro, in Svizzera, immobile adibito dal 1960 a studio odontoiatrico composto da quattro unità operative, con autorizzazione sanitaria. Per informazioni contattare Marzio Negrini: cell. whatsapp +393756589128

 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
 
 
 
 
chiudi