HOME - Conservativa
 
 
11 Ottobre 2022

Gestione semplificata di una lesione cariosa su anteriori con un restauro diretto in composito

Caso clinico del Dott. Edoardo Fossati gestito con l’impiego di compositi “One Shade” (monocromatici) in particolare, Venus Pearl One (compatto Kulzer) e Venus Bulk Flow One (Flowable Kulzer)

Dr. Edoardo Fossati

Spessissimo quando parliamo di restauri diretti anteriori crediamo che siano necessarie molte masse composite per ottenere un risultato esteticamente adeguato.
E, a dir la verità, talvolta è così, ma altre volte la semplificazione è la chiave del successo.

La giovane paziente giunge in studio per iniziare un trattamento ortodontico.
Ovviamente sarebbe impensabile posizionare un attachment o un bracket su un elemento che presenta una lesione cariosa sulla sua superficie vestibolare.

Inoltre l’inestetismo creato non è indifferente, nonostante la lesione sia piccola (fig. 1).

Tradizionalmente verrebbe da pensare che, essendo la lesione stretta ma piuttosto profonda, la soluzione migliore sia utilizzare un composito compatto “dentina” e uno “smalto” oppure una massa di tipo “body” del colore più corretto.

La tecnologia, però, fortunatamente ci aiuta e la scelta fatta per risolvere questo caso è ricaduta su un composito di tipo “One Shade” (monocromatico) e, in particolare, il Venus Pearl One (compatto Kulzer) e il Venus Bulk Flow One (Flowable Kulzer). Questi materiali, per le loro caratteristiche intrinseche di scattering, sono in grado di “copiare” il colore di ciò che gli sta intorno.

Sotto gli step operativi attuati.




Fig. 1: Il caso iniziale


Fig. 2: Isolamento con diga di gomma dell’elemento 2.1


Fig. 3: Rimozione della lesione cariosa tramite fresa, seguita da microsabbiatura con ossido di alluminio da 0,5 micrometri


Fig. 4: Mordenzatura di dentina e smalto con acido ortofosforico 37% per 20 sec e risciacquo con acqua per 20 sec seguita da asciugatura gentile


Fig. 5: Applicazione dell’adesivo universale iBond Universal (Kulzer), asciugatura energica e fotopolimerizzazione per 20 sec


Fig. 6: Applicazione di un composito flowable, anch’esso “One Shade”, su tutta la dentina (Venus Bulk Flow One - Kulzer) e fotopolimerizzazione per 10 sec


Fig. 7: Applicazione dello strato finale di composito compatto Venus Pearl One (Kulzer), modellandolo anatomicamente, e fotopolimerizzazione per 20 sec, seguita da rifinitura e lucidatura. Durante queste fasi è stata riprodotta a fresa la tessitura superficiale presente sull’elemento controlaterale



Figg. 8a, b: Il controllo del colore è stato effettuato alla reidratazione dei tessuti dopo 7 giorni


Conclusioni
L’evoluzione dei materiali dentali, e in generale dell’odontoiatria, sta sovvertendo sempre più alcuni paradigmi che un tempo consideravamo fondamentali.

Il restauro diretto in composito del dente anteriore ne è un esempio: salvo alcune eccezioni, le masse necessarie per completare questo tipo di restauro si stanno sempre più riducendo al punto che, in casi selezionati, può essere sufficiente un unico composito compatto.

In questo caso, inoltre, non è stato nemmeno necessario scegliere il colore più adeguato del composito da utilizzare perché si è optato per una massa “One Shade” che, in certe situazioni, si comporta perfettamente nel mimetizzarsi alla pareti delle cavità dentali in cui viene inserita.


Con il contributo non condizionate di Kulzer



Articoli correlati

In uno studio descrittivo, pubblicato sul Journal of Prosthodontic, gli autori hanno introdotto la classificazione delle legature con filo interdentale utilizzate durante il posizionamento della...

di Lara Figini


Sedute di igiene e sbiancamenti, allineatori ma anche faccette tra le soluzioni più richieste. Prof. Breschi: oggi la tecnologia ci consente interventi minimante o per nulla invasivi


In studio clinico retrospettivo, in pubblicazione sul Journal of Dentistry, gli autori hanno indagato la sopravvivenza di restauri diretti in composito estesi eseguiti per sostituire una...

di Lara Figini


agora-del-lunedi     16 Gennaio 2023

Gli incappucciati

La conservazione della polpa, una scelta medica e non meccanicistica che allunga la vita media dei denti, dice il prof. Massimo Gagliani in questo suo Agorà del Lunedì

di Massimo Gagliani


agora-del-lunedi     09 Gennaio 2023

Torniamo sull’estetica

Quali sono i “parametri” per giudicare il sorriso perfetto? Secondo una ricerca dipende se la risposta arriva dagli odontoiatri o dai pazienti. Queste le considerazioni del prof. Gagliani 

di Massimo Gagliani


Altri Articoli

Come si valuta la credibilità delle pubblicazioni scientifiche? Ad interrogarsi è il prof. Gagliani nel suo Agorà del Lunedì

di Massimo Gagliani


A Torino si è tenuta a battesimo la SITIZIP, Società Italiana di Chirurgia Zigomatica e Pterigoidea. Obiettivo contribuire all’aggiornamento sulle tecniche implantari


Cesare Marian rassicura ANDI Piemonte sulle finalità e le modalità operative del progetto che punta ad agevolare le visite odontoiatriche dell’ASL attraverso le nuove tecnologie


Perché vanno all’estero, cosa apprezzano mentre quali sono gli aspetti che frenano gli italiani che non hanno intenzione di andarci. I dati dall’Osservatorio Compass


Tipologia di sensori e film ai fosfori influiscono sulla qualità dell’immagine e sulla definizione dei dettagli. Ecco cosa sapere per scegliere quelli più adatti alle proprie...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

L’esercizio dell’attività odontoiatrica sotto forma d’impresa

 
 
 
 
 
 
 
 
chiudi