HOME - Cronaca
 
 
24 Gennaio 2011

Trento, alla ricerca di un modello di assistenza pubblica

di Norberto Maccagno


Il servizio attivato dalla provincia autonoma di Trento, forse più di altri, conferma quanto sia difficile trovare un modello di assistenza pubblica che permetta di offrire ai cittadini tutte le tipologie di cure odontoiatriche, protesica compresa, rispettando i bilanci e ottenendo anche il plauso della professione.
Nel 2007, la giunta provinciale decide di cambiare il modello di assistenza odontoiatrica, che fino ad allora si era fondato sull’assistenza indiretta: i cittadini andavano dal proprio dentista ottenendo un rimborso parziale delle spese sostenute da parte dell’amministrazione provinciale.
Il nuovo sistema, attivato con la legge 22/2007, si basa invece quasi esclusivamente sull’assistenza diretta, fornita dalle strutture ospedaliere e dagli ambulatori presenti sul territorio, oltre che dai dentisti convenzionati con l’Azienda sanitaria provinciale.

Il nuovo modello
Per ricevere la convenzione, gli studi devono rispettare i protocolli clinici individuati dalla provincia, ma soprattutto il tariffario - i rimborsi sono effettuati direttamente al dentista dall’amministrazione. Sono erogate quasi tutte le prestazioni odontoiatriche, compresa l’implantologia e la protesi fissa, purché i cittadini abbiano un basso reddito; gli studi possono scegliere di convenzionarsi solo per alcune cure specifiche.
In aggiunta all’assistenza diretta, rimane ancora attiva quella indiretta, operativa però solo quando i tempi di attesa per la prima visita nelle strutture pubbliche o convenzionate sono superiori ai 45 giorni. In questo caso, il cittadino può ottenere un nulla osta che gli permette di rivolgersi al proprio dentista, al quale paga direttamente la prestazione, secondo le normali tariffe praticate. La provincia riconosce poi al paziente un contributo parziale per la spesa sostenuta, sulla base delle tariffe stabilite per i convenzionati. Soluzione, ci spiegano dalla Asl, che nella pratica viene attivata solo per le prestazioni ortodontiche.
Ed è proprio sul numero degli studi convenzionati che il modello adottato dalla provincia di Trento ha trovato il primo punto debole. “La Provincia” spiega Fausto Fiorile, presidente Cao di Trento, “aveva ipotizzato che, affinché il servizio potesse funzionare, sui circa 300 odontoiatri titolari di studio professionale, i dentisti convenzionati avrebbero dovuto essere un centinaio. Invece, a oggi, sono poco più di una decina e, di questi, la maggioranza ha scelto di convenzionarsi solo per alcune prestazioni, costringendo quindi gli assistiti, per poter ottenere le cure complete, a pellegrinaggi continui tra le varie strutture (ambulatorio pubblico, convenzionato, studio privato).”
Ma il problema non è solo quello del numero di studi convenzionati, continua Fiorile. Dovendo contenere le spese per la sanità, le direttive 2011 hanno definito un contingentamento degli studi convenzionabili (max 23); anche all’odontoiatria è stato indicato un budget - 5 milioni di euro - oltre il quale i dentisti convenzionati non possono più accettare pazienti ed erogare prestazioni.
“Durante il 2010, quei soldi sono finiti molto presto” commenta Fiorile “rendendo impossibile per molti pazienti accedere alle cure, anche a quelle essenziali. Come Cao, nel rispetto del nostro ruolo di garante della salute del cittadino, avevamo avvertito l’assessorato provinciale che, inserendo tra le prestazioni erogabili anche la protesi fissa e l’implantologia, i finanziamenti a disposizione si sarebbero in breve tempo esauriti. E così è stato. Da una nostra ricerca, abbiamo appurato che l’80% del budget è stato speso per la protesica, nonostante le tariffe calmierate prevedessero per l’impianto un rimborso al dentista convenzionato di 300 euro e per la corona di 400 euro.”

Quale assistenza gratuita?
Ma allora come si può garantire ai cittadini un servizio pubblico, senza costringerli a spendere cifre importanti, che spesso non hanno, dal dentista privato?
“Abbiamo presentato all’assessore alla Salute della provincia una proposta di legge alternativa. Non potendo dare tutto a tutti, bisogna cercare almeno di garantire un’assistenza odontoiatrica di base ad una fascia di popolazione più estesa possibile, ma purtroppo si devono fare delle scelte. Per questo, abbiamo proposto di istituire un tavolo tra Provincia e professione, per stabilire quali sono le potenzialità del pubblico, le esigenze della popolazione e il budget a disposizione. In quest’ottica abbiamo avanzato la proposta che la legge si apra nuovamente all’assistenza indiretta. Al cittadino deve essere data la possibilità di scegliere: recarsi dal dentista convenzionato che applica le tariffe decise dalla provincia o dal proprio odontoiatra, ricevendo una parte del contributo alla spesa sostenuta. La nostra proposta è quella di mettere in virtuosa sinergia le strutture pubbliche, alle quali affidare parte delle cure, e gli studi professionali diffusamente distribuiti sul territorio. Di fronte alla nostra proposta, l’amministrazione ha risposto che vuole verificare, ancora per tutto il 2011, se il sistema funziona o meno. Già dai dati di un anno di attività, noi sosteniamo invece che, a tre anni dall’entrata in vigore della legge, questo modello sia già fallito.”

GdO 2011;1

Articoli correlati

In vista del Congresso della Digital Dental Academy che si terrà a Parma il 24-25 marzo dopo aver sentito Roberto Spreafico e Massimo Nuvina abbiamo sentito Franco Brenna (nella foto), un...


Walter Devoto, libero professionista in Sestri Levante (Ge) è sicuramente un "esperto" in tema di odontoiatria estetica: membro della Academy of Operative Dentistry, socio attivo della...


Sabato prossimo, 11 marzo presso il palazzo Pirelli di Milano, il Sindacato Italiano Assistenti di Studio Odontoiatrico celebrerà il suo Congresso nel decennale della costituzione.Una...


Nei giorni scorsi il presidente della CAO di Roma, Brunello Pollifrone (nella foto), è stato convocato dall'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato a seguito della sua denuncia...


In uno studio pubblicato su Clinical and Experimental Dental Research gli autori hanno esaminato l’influenza degli interventi trimestrali di igiene orale professionale sulla salute orale...

di Lara Figini


Si dice spesso che la cavità orale è la finestra sulla salute generale e le condizioni sistemiche hanno molte manifestazioni orali. Purtroppo, però, l’integrazione delle...

di Lara Figini


Tra le notizie “fondamentali” della settimana c’è la polemica via social di Michelle Hunziker verso un dentista che aveva sostenuto che il suo sorriso perfetto, non fosse naturale. Ad una...


Gent.mo direttoreIn questi mesi il vostro giornale ha posto all’attenzione le criticità del sistema fondi sanitari in odontoiatria, con particolare attenzione alla vicenda Previmedical. Anche...


Il tradizionaleTavolo Tecnico organizzato dal Collegio Italiano dei Primari Ospedalieri di Odontoiatria, Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale (CIPOOOCMF) aderente all’Associazione...


Dalla dichiarazione del prossimo anno i dentisti abbandoneranno i vecchi studi di settore e si dovranno "rapportare" con un nuovo sistema di controllo delle attività d'impresa e professionali...


Non sempre aumentare il fatturato è la via migliore per aumentare la redditività dello studio. C'è un parametro a cui porre attenzione:  le spese. Controllare le uscite...


Altri Articoli

“L’estro” italico di trovare il sistema di interpretare a proprio favore le norme è oramai una caratteristica distintiva. E non sempre (quasi mai all’estero), questo...

di Norberto Maccagno


ANDI punta a convincere i giovani all’aggregazione e mette in campo un servizio di consulenza e sostegno per il passaggio generazionale


Da sinistra, Carlo Ghirlanda Presidente ANDI, On. Marcello Gemmato, Raffaele Iandolo Presidente CAO

Il Sottosegretario alla Salute visita l’Expodental Meeting: conferma il sostegno al settore e promuove l’aggregazione dei professionisti per garantire un modello...


Otto Climan porterà l’ecosistema di IDI Evolution all’interno dei suoi video, per spiegare come l’evoluzione tecnologica sia la strada per il progresso dell’odontoiatria...


Iandolo: il passaggio generazionale non si garantisce con l’aumento del numero di studenti ma favorendo aggregazione e l’accesso alle cure


Gianni Storni CEO Rhein83 presenta le novità portate in Expodental legate al prodotto di punta dell’azienda: l’Equator.


Focus sui principi cardine per il mantenimento del microbioma e per meglio comprendere come questo possa impattare sullo stato di salute prevenendo e/o...


Il dolore dentale si verifica solitamente a causa dell'infiammazione della polpa. Ciò è generalmente causato da batteri provenienti da denti cariati o da otturazioni dentali...


Cronaca     15 Maggio 2024

EDRA in Expodental Meeting

Incontri con gli Autori, con le redazioni e firma copie. Venite a trovarci allo stand EDRA per scoprire tutte le novità e darci indicazioni e suggerimenti


Nuova puntata del podcast Dentechstry di IDI Evolution si parla di contenzioso in odontoiatria e di odontologia forense. Protagonista di questa puntata, il dott. Marco Scarpelli ...


 La riabilitazione protesica non solo dal punto di vista puramente clinico/tecnico ma del paziente, è questo il filo conduttore delle relazioni al Congresso SIPRO. Ne abbiamo parlato con il...


Dalla valutazione preliminare del paziente alle lezioni di igiene e mantenimento della terapia fino al supporto per alleviare la paura del dentista


In programma a Rimini dal 16 al 18 maggio, la più importante manifestazione italiana del dentale e l’edizione del 2024 si annuncia con una crescita a doppia cifra. Ricordatevi...


I consigli su come rapportarsi al meglio ma anche quali accorgimenti devono essere presi durante la cura e per accoglierlo in studio. Ne parliamo con Mauro Dori


 
 
 
 

Il Podcast
dell'Innovazione
Odontoiatrica

TUTTI GLI EPISODI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
chiudi