HOME - Cronaca
 
 
24 Gennaio 2011

Una fotografia delle sperimentazioni in alcune città dello Stivale

di Norberto Maccagno


L’esperienza di Firenze
Una delibera regionale della Toscana, la 163 del 2003, ha stabilito l’universalità delle cure odontoiatriche, suddividendole in tre livelli.
Primo livello: estrazioni, da urgenze a casi gravi, garantite gratuitamente al pubblico o con ticket massimo di 36 euro per otto prestazioni;
Secondo livello: otturazioni, cure canalari, ablazione tartaro, igiene dentaria (per citare le prestazioni più importanti) gratuite o con ticket per le fasce deboli individuate dai Lea e a pagamento per tutti gli altri assistiti;
Terzo livello: implantologia, ortodonzia estetica, protesi fisse (ponti, corone, e via di seguito) a pagamento per tutti.
Poi, nel 2005, grazie a un’altra delibera regionale, la 861, c’è stata una svolta: per le prestazioni di terzo livello e per quelle di secondo necessarie a chi non rientra nella fascia degli esenti stabilita dai Lea, è stata prevista la possibilità di rivolgersi agli studi privati convenzionati dalla regione con tariffe scontate della metà. Da allora, solo a Firenze hanno accettato il nuovo tariffario nove studi privati, che nell’ultimo anno sono riusciti a offrire agli assistiti dell’azienda sanitaria di riferimento circa 10mila prestazioni odontoiatriche, per un valore di quasi 400mila euro. Uno sforzo che si somma a quello della struttura pubblica, che marcia comunque al ritmo di 50mila prestazioni l’anno. I 17 dentisti impiegati a tempo pieno svolgono al 60% attività di primo livello, al 30% di secondo e al 10% di terzo livello.
Si è venuta a creare, insomma, un’alleanza tra pubblico e privato che, però, pur accorciandole, non è ancora riuscita ad abbattere le liste d’attesa per i cittadini “solventi” - mentre sono nettamente diminuite per i soggetti “deboli”.
Il percorso per chi si rivolge all’azienda sanitaria di Firenze è questo: si ottiene una visita di ricognizione nella struttura pubblica che, se del caso, dà una risposta immediata alle emergenze o garantisce alle fasce deboli le prestazioni di primo e secondo livello.
Poi, portata a termine la diagnosi, viene rilasciata l’autorizzazione ad accedere a uno degli studi privati convenzionati, dove le tariffe sono più che concorrenziali rispetto a quelle oggi comunemente praticate nel privato non convenzionato. Su questi studi privati, l’azienda esercita comunque un rigoroso controllo di qualità e appropriatezza delle prestazioni erogate.
L’azienda fiorentina garantisce, infine, cure odontoiatriche gratuite a domicilio ai malati terminali e controlli odontoiatrici agli anziani residenti nelle Rsa.
Un modello di convenzione analogo a quello fiorentino è stato praticato anche dalla Asl di Empoli dove però ci si può rivolgere direttamente agli studi privati convenzionati anche per la prima visita.
Questo sistema permette all’Asl di ricevere, come forma di sconto, dai laboratori odontotecnici convenzionati una protesi gratis ogni 10 realizzate - cosa che permette di offrirla senza pagamento ai pazienti socialmente deboli.
Ecco qualche esempio:
Otturazione semplice: 45 euro; ablazione tartaro: 30 euro; corona in ceramica: 150 euro (più 170 di laboratorio); estrazione: 20 euro; terapia canalare: 70 euro.

L’ospedale di Esine (Brescia) punta sull’intramoenia
La strategia adottata dall’Ospedale di Esine, in provincia di Brescia, punta sull’intramoenia. La conseguenza è la nascita all’interno della struttura pubblica di un centro odontoiatrico privato accreditato, che opera in affiancamento a due studi dentistici convenzionati. In entrambi i casi le tariffe sono ribassate di un buon 50% per gli assistiti paganti.
Il centro ospedaliero garantisce quasi tutte le prestazioni essenziali: chirurgia estrattiva, igiene e profilassi, endodonzia, implantologia, terapie d’urgenza, pedodonzia, chirurgia avanzata maxillo facciale, riabilitazione protesica mobile combinata e fissa, terapia ortodontica mobile e fissa per bambini e adulti.
L’accesso alle prestazioni di odontoiatria avviene sempre solo previa prenotazione della prima visita, telefonicamente o presso lo sportello Cup dedicato. Dopo la prima visita, in base al piano di trattamento, saranno indicate le prestazioni prioritarie da prenotare tramite il Cup. Per gli appuntamenti viene data la precedenza ai bambini fino a 10 anni. Nel 2009 il centro dell’Ospedale di Esine ha erogato oltre 3700 prestazioni in regime gratuito o di ticket e oltre 2700 a cittadini solventi.

A Mantova dati gratuitamente i locali pubblici
Ad Asola (MN) si è partiti da un’idea semplice: individuare una società privata o un gruppo di professionisti che, a fronte della concessione gratuita dei locali dell’azienda ospedaliera, provvedessero a erogare, da un lato, le prestazioni previste dai Lea (gratuite o con ticket), dall’altro quelle non a carico del servizio pubblico a tariffe calmierate.
Ecco qualche esempio:
Prima visita odontoiatrica: 23,5 euro; estrazione complessa: 35 euro: protesi totale superiore e inferiore: 1.124 euro; ablazione tartaro più igiene orale: 60 euro.

La convenzione è andata a una società che ha vinto un appalto pubblico ed è riuscita a offrire ai cittadini servizi economicamente competitivi e garantiti dal punto di vista della qualità e della sicurezza, grazie al rispetto dei protocolli ospedalieri. Nel 2008 sono state offerte 3.657 prestazioni, per un fatturato di 512mila euro.
Analoga esperienza è stata proposta quest’anno dall’azienda ospedaliera “Carlo Poma” di Goito (MN) dove, a ottobre, è stato inaugurato il centro di Odontostomatologia gestito da una società di Milano. Grazie a quattro postazioni odontoiatriche la struttura eroga prestazioni di: igiene e profilassi; ricostruzioni; terapie canalari e altri interventi conservativi; implantologia e chirurgia; protesi tradizionale, fissa, mobile e impiantare; ortodonzia mobile e fissa; pedodonzia. L’accesso alle cure avviene tramite una prima visita effettuata dal medico del centro, che emette poi un preventivo. Per i pagamenti esiste anche la possibilità di ricorrere a finanziamenti agevolati. Anche in questo caso le tariffe sono comunque ridotte di un buon 50%.

GdO 2011;1

Articoli correlati

eventi     14 Settembre 2018

Forum delle odontoiatrie 3D

A Salerno, l’odontoiatria nell’era digitale il 14 - 15 settembre


Iandolo (CAO): “un’altra vittoria per la Professione Odontoiatrica”


Un sito per i cittadini che aiuta i medici a rispondere ai dubbi dei pazienti con informazioni corrette e scientificamente provate. E' questo lo scopo di Dottoremaeveroche, il nuovo sito della...


La notizia che fa andare su tutte le furie il presidente CAO Giuseppe Renzo (nella foto) è quella dell'annuncio del possibile voto di fiducia al testo del Ddl Concorrenza così come...


Egr. Direttore,nei giorni scorsi sono comparsi su Odontoiatria33 due interventi di segno opposto in merito alla decisione della Consulta ENPAM della libera professione di non procedere ulteriormente...


Lunedì 10 Aprile, oppure il 20 dello stesso mese a seconda che si tratti di soggetti IVA mensili o trimestrali, scadrà il termine entro cui inviare, attraverso lo Spesometro, i dati...


La notizia della sentenza della Corte di cassazione che ha accolto il ricorso dell'ENPAM, imponendo alle società che svolgono attività medica o odontoiatrica in regime di accreditamento...


Altri Articoli

Un Decreto del Presidente della Repubblica accoglie il ricorso CAO, ANDI, AIO contro l’autorizzazione sanitaria concessa in Friuli ad uno studio di igiene dentale


Il Ministro Bernini firma il decreto per le prove ammissione. Due sessioni disponibili, a maggio e luglio, con la possibilità di partecipare ad entrambe. Ecco come si svolgeranno


Il Consiglio di amministrazione dell’ENPAM ha risolto la questione degli Specialisti esterni mettendo un tetto ai loro contributi previdenziali


Andrea Piantoni

“Sono molto onorato e orgoglioso di poter assumere questo ruolo in IDI Evolution, che considero la mia famiglia, e di poter proseguire il percorso iniziato ormai diversi anni...


Attraverso il nuovo CCNL vengono definite formazione e mansoni. Per diventare CSO si dovrà frequentare un corso di 90 ore, potrà organizzarlo solo ANDI


Per la prof.ssa Nardi, la prevenzione ha un valore fondamentale che deve essere espresso a livello globale, sia in ambito pubblico che privato, per permettere a tutte le persone assistite degli...

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


Per la Società Italiana di Ortodonzia, alcune malocclusioni possono essere intercettate già a 5/6 anni, queste alcune indicazioni per i genitori


Pensato per persone con disabilità è una sorta di trackpad inserito in una mascherina trasparente posizionata nell’arcata superiore e realizzata con una stampante 3D 


47 gli odontoiatri denunciati, 5milioni di euro il valore dei beni sequestrati e 33 milioni di euro l’ammontare delle tasse non versate


Il dott. Migliano sulla sperimentazione in Lombardia del percorso di apprendistato per ASO e non solo


ANDI dettaglia gli aumenti salariali (indicativi) per i dipendenti degli studi odontoiatrici con l’entrata a regime del nuovo CCNL


L’applicazione si applica anche alle lavoratrici degli studi odontoiatrici con rapporti di lavoro dipendente a tempo indeterminato sia già instaurato che in via di instaurazione


Immagine di repertorio

L’odontoiatra è titolare di studio, il padre lo “aiutava” curando i pazienti ma non aveva la laurea. Lo studio non era autorizzato, all’interno rivenuto un radiografico senza la...


Non si vive di sola burocrazia dicono i presidenti di AMOlp e  Andiamoinordine chiedendo alle Istituzioni di essere ascoltate e coinvolte su temi fondamentali per lo sviluppo e la sopravvivenza...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


12 Febbraio 2024
Vendo immobile adibito a studio odontoiatrico dal 1960

Vendita a Chiasso centro, in Svizzera, immobile adibito dal 1960 a studio odontoiatrico composto da quattro unità operative, con autorizzazione sanitaria. Per informazioni contattare Marzio Negrini: cell. whatsapp +393756589128

 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
chiudi