HOME - Cronaca
 
 
20 Luglio 2016

A Bergamo la Finanza scopre una rete di abusivi e prestanome che utilizzavano protesi senza dichiarazione. Oltre 4 milioni di euro l'evasione scoperta. Il Tenete Arrigo racconta i dettagli dell'operazione


"Come spesso capita tutto nasce da un esposto anonimo di un cittadino che ci segnala un presunto reato, la collaborazione dei cittadini è fondamentale per scoprire questo tipo di reato". A raccontarlo ad Odontoaitria33 è il Tenete Valentina Arrigo (nella foto), Comandante del Nucleo Operativo del Gruppo della Guardia di Finanza di Bergamo

Anche l'operazione che ha portato alla denuncia di 10 persone per esercizio abusivo della professione odontoiatrica, di cui 6 in concorso in esercizio in quanto iscritti all'Albo degli odontoiatri e fatto emergere 4,2 milioni di euro di redditi non dichiarati, è comincia così.

"Alla fine del 2014 un esposto ci segnala un odontoiatra abusivo", racconta il Tenente. "Le indagini ci fanno scoprire che in realtà si trattava di un laboratorio odontotecnico al cui interno abbiamo rinvenuto, oltre al classico laboratorio, anche un'area con due riuniti dove operavano, in nero, un odontoiatria abilitato ed un altro odontotecnico oltre al titolare. Il laboratorio realizzava anche dispositivi protesici privi di certificazione in quanto non era registrato al registro dei fabbricanti presso il Ministero della Salute. L'indagine ha permesso anche di denunciare tre agenti di commercio abusivi che andavano a rivendere i dispositivi protesici agli studi odontoiatrici della zona".

Le protesi, ci dice il Comandante Arrigo, erano state poi vendute dai professionisti in nero. "Grazie ad un file che abbiamo trovato sul computer del laboratorio -continua- siamo riusciti a risalare ai professionisti che li avevano acquistati. Siccome sono professionisti operanti di tutta la Lombardia abbiamo inviato la segnalazione agli altri Comandi della Guardia di Finanza che stanno attivando i controlli, noi ci siamo concentrati su quelli di Bergamo e provincia".

Circa 100 i nominativi rinvenuti nel file, molti dei quali di studi dentistici ma anche di pazienti protesizzati direttamente dal laboratorio.

"Abbiamo informato della cosa i singoli pazienti, sentiti durante le indagini a sommaria informazione, spiegando che erano stati curati da finti dentisti e che le protesi installate non erano certificate, anche se molti di loro si erano purtroppo già accorti dai danni patiti". Alcuni di loro hanno già provveduto ad intraprende una azione civile nei confronti dei finti dentisti.

Avviando una verifica fiscale ad uno dei dentisti, a cui il laboratorio vendeva i dispositivi in nero e privi di dichiarazione di conformità, i militari del Tenete Arrigo hanno scoperto che lo studio era di fatto gestito da un diplomato odontotecnico che curava anche i pazienti. Le indagini hanno portato a smascherare alcuni odontoiatri iscritti all'Albo che collaboravano in questo studio tra cui una dottoressa serba, mai presente in studio, ma che prestava solo il nome.

"Uno di questi odontoiatri che operava all'interno dello studio ci ha segnalato gli altri studi gestiti da abusivi", continua il Tenete Arrigo. "Controllandoli abbiamo scoperto che uno di questi utilizzava per la gestione un software che permetteva di salvare la contabilità in nero su di una chiavetta Usb. Abbiamo allora deciso di controllare gli studi che utilizzavano questo tipo di programma: in tutto abbiamo visitato 25 studi: ditte individuali, Srl ed una Snc". "Di fatto è stato un concatenarsi di eventi che ci hanno permesso di scoprire una rete di illeciti", commenta il Tenente.

Alla fine di questa prima parte dell'operazione i militari guidati dal Tenente Arrigo hanno registrato una presunta evasione per 4,2 milioni di euro: omessa dichiarazione, dissoluzione ed occultamento, dichiarazione infedele, sottrazione fraudolenta di pagamento delle imposte i reati contestati.

Solo al titolare del laboratorio odontotecnico che ha messo in moto tutta l'inchiesta sono stati contestati 2 milioni di euro di presunta evasione. "Nei suoi confronti abbiamo chiesto alla Procura il sequestro cautelativo di una Jaguar, di un Porsche Cayenne e di una villa di lusso a lui intestata".

Poi ci sono le 10 denunce per esercito abusivo della professione, di questi 6 sono iscritti all'Albo, una era la moglie, lei casalinga, di uno degli odontotecnici che curava anche i pazienti. Tutti gli iscritti all'Albo sono stati denunciati ai relativi Ordini provinciali, "ritengo che gli iscritti verranno sospesi", ci dice il Tenete.

Norberto Maccagno

Articoli correlati

47 gli odontoiatri denunciati, 5milioni di euro il valore dei beni sequestrati e 33 milioni di euro l’ammontare delle tasse non versate


Immagine di repertorio

Esercitava senza laurea, sequestrato lo studio. Ora le indagini sono rivolte a ricostruire il giro d’affari per recuperare le tasse non versate


Avevano utilizzato un software che avrebbe dovuto nascondere la contabilità in nero. Sequestrai beni ad un’odontoiatra di Barletta ed a uno di Molfetta


Avrebbe evaso 700mila euro di tasse con software che consentiva la doppia contabilità, una regolare e l’altra “in nero”. Da una vicenda simile, anni fa, erano partiti controlli in tutta Italia


cronaca     30 Gennaio 2024

Abusivo denunciato in Piemonte

Immagine di repertorio

Odontotecnico in pensione scoperto a curare pazienti in un appartamento trasformato in studio. Nei locali trovati anche farmaci scaduti


Un odontotecnico e due odontoiatri imputati per esercizio abusivo della professione chiedono la sospensione del processo con la messa alla prova 


Confermata dalla Corte di Appello la condanna per concorso in esercizio abusivo della professione. I due odontotecnici erano stati condannati ad un anno e 7 mesi di reclusione


Nelle scorse settimane televisione e giornali hanno ricordato Massimo Troisi che il 19 febbraio avrebbe compiuto 70 anni. Tra le tante battute dei suoi spettacoli, dei suoi film quella in...

di Norberto Maccagno


Immagine di repertorio

Il presidente Ghirlanda alla stampa: oltre al falso dentista che lavora nell’ombra oggi ci sono società che dietro una maschera giuridica valida, nascondono in realtà situazioni di abusivismo


Nove mesi di reclusione e 20 mila euro al titolare della Srl, un odontotecnico, ed al figlio igienista dentale, sette mesi e 15 mila euro al direttore sanitario ed alla moglie del titolare che faceva...


Da qualche giorno l'ENPAM ha messo sul proprio sito - e l'ha resa scaricabile dal contribuente - la certificazione unica 2016 dei redditi percepiti dai medici e superstiti titolari di pensione. Gli...


Botta e risposta tra l'Agenzia delle Entrate ed i medici e dentisti in Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Dopo l'audizione della FNOMCeO svoltasi la scorsa settimana,...


Altri Articoli

Un Decreto del Presidente della Repubblica accoglie il ricorso CAO, ANDI, AIO contro l’autorizzazione sanitaria concessa in Friuli ad uno studio di igiene dentale


Andrea Piantoni

“Sono molto onorato e orgoglioso di poter assumere questo ruolo in IDI Evolution, che considero la mia famiglia, e di poter proseguire il percorso iniziato ormai diversi anni...


Attraverso il nuovo CCNL vengono definite formazione e mansoni. Per diventare CSO si dovrà frequentare un corso di 90 ore, potrà organizzarlo solo ANDI


Per la prof.ssa Nardi, la prevenzione ha un valore fondamentale che deve essere espresso a livello globale, sia in ambito pubblico che privato, per permettere a tutte le persone assistite degli...

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


Per la Società Italiana di Ortodonzia, alcune malocclusioni possono essere intercettate già a 5/6 anni, queste alcune indicazioni per i genitori


Pensato per persone con disabilità è una sorta di trackpad inserito in una mascherina trasparente posizionata nell’arcata superiore e realizzata con una stampante 3D 


47 gli odontoiatri denunciati, 5milioni di euro il valore dei beni sequestrati e 33 milioni di euro l’ammontare delle tasse non versate


Il dott. Migliano sulla sperimentazione in Lombardia del percorso di apprendistato per ASO e non solo


ANDI dettaglia gli aumenti salariali (indicativi) per i dipendenti degli studi odontoiatrici con l’entrata a regime del nuovo CCNL


L’applicazione si applica anche alle lavoratrici degli studi odontoiatrici con rapporti di lavoro dipendente a tempo indeterminato sia già instaurato che in via di instaurazione


Acquisire le conoscenze e le competenze idonee per riconoscere i segni e i sintomi caratteristici di tale condizione al fine di prevenire e/o attutirne le conseguenze


Immagine di repertorio

L’odontoiatra è titolare di studio, il padre lo “aiutava” curando i pazienti ma non aveva la laurea. Lo studio non era autorizzato, all’interno rivenuto un radiografico senza la...


Se ne deve parlare per evitare d’innestare un circolo vizioso che penalizza studi e pazienti scrive il prof. Gagliani indicando nelle tecnologie uno dei possibili strumenti che possono aiutare...

di Massimo Gagliani


Diego Catania, Presidente dell’Ordine TSRM e PSTRP: “Siamo professioni intellettuali, la nostra autonomia non sia messa in dubbio”


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


12 Febbraio 2024
Vendo immobile adibito a studio odontoiatrico dal 1960

Vendita a Chiasso centro, in Svizzera, immobile adibito dal 1960 a studio odontoiatrico composto da quattro unità operative, con autorizzazione sanitaria. Per informazioni contattare Marzio Negrini: cell. whatsapp +393756589128

 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
chiudi