HOME - Cronaca
 
 
26 Settembre 2016

Ddl Concorrenza, le Catene ribadiscono il "No" a modifiche al testo uscito dalla commissione. Cohen, si vuole nuovamente minare la libertà del mercato


Alla vigilia del prossimo approdo nell'Aula del Senato del Ddl Concorrenza che prima della pausa estiva aveva ricevuto il via libera in Commissione Industria, ANCOD - Associazione Nazionale dei Centri Odontoiatrici - ribadisce la sua posizione e risponde alla recente proposta di alcuni senatori di ripresentare gli emendamenti già accantonati in Commissione che, ponendo limitazioni alle società, sono una minaccia alla libera concorrenza garantita dalla legge e condurrebbero a indubbie penalizzazioni per gli utenti.

Gli emendamenti andrebbero a modificare le regole per la costituzione delle società di capitale odontoiatriche riproponendo l'obbligo di avere 2/3 delle quote in capo a iscritti all'Albo degli odontoiatri. Limiterebbero inoltre la possibilità di assumere l'incarico di direttore sanitario a odontoiatri iscritti all'Albo da almeno 5 anni e punterebbero ad aumentare i passaggi burocratici, obbligando addirittura tutti gli studi professionali a far vidimare preventivamente all'Ordine l'organigramma del personale esposto nelle sale d'attesa.

Michel Cohen (nella foto), presidente di ANCOD - che rappresenta un settore in forte crescita a cui appartengono oltre 500 cliniche con oltre 3.000 medici odontoiatri, più di 5.000 dipendenti e circa 500 milioni di fatturato - ribadisce che "come già dichiarato in occasione del via libera in Senato al Ddl Concorrenza, che conferma l'opportunità di un mercato libero nel settore dell'offerta delle cure dentali, nel rispetto delle regole e a tutela della salute dei cittadini, siamo fiduciosi e sicuri che gli stessi emendamenti proposti nuovamente in Aula saranno rigettati. L'obiettivo è di nuovo quello di minare la libertà del mercato nel settore a solo svantaggio dei cittadini. Tentativo che ancora una volta rivela di essere l'emanazione di un interesse corporativo".

Spiega Cohen: "La nascita dei centri odontoiatrici permette la creazione di maggiori opportunità per il paziente: grazie alla possibilità di sfruttare le economie di scala, possono essere applicate tariffe più accessibili e si può investire molto di più nella qualità, nella selezione dei migliori dentisti e nella strumentazione aggiornata.

Inoltre, la presenza di medici nella proprietà di un centro clinico non è uno strumento utile in grado di garantire l'efficienza e la sicurezza delle cure, compito che invece spetta a ciascun medico odontoiatra che ha tutti gli strumenti per seguire i protocolli riconosciuti, supportati dal direttore sanitario.

A cura di: Ufficio Stampa ANCOD

Articoli correlati

La notizia della paziente a cui sono stati estratti 20 denti riabilitandola poi con impianti, data dal quotidiano La Stampa, riporta d'attualità quello che il presidente CAO Giuseppe Renzo...


Dopo l'acquisizione del Gruppo Giovanni Bona Cliniche Dentali il Gruppo DentalPro continua lo shopping ed acquista il 100% di DentaDent aggiungendo alla propria rete 10 nuovi centri...


DentalPro, il Gruppo medico italiano specializzato nelle cure dentali, fondato da Michel Cohen e dai medici implantologi Samuele Baruch e Paolo Tonveronachi, si rafforza unendosi con il Gruppo...


Dopo aver riportato i commenti di ANDI ed AIO all'emendamento proposto nel Ddl Concorrenza che mira a regolamentare la rappresentatività degli iscritti all'Albo degli odontoiatri all'interno...


DENTALPRO nasce nel 2010 per la volontà e l'intuizione di due odontoiatri milanesi, Paolo Tonveronachi e Samuele Baruch. Oggi DENTALPRO è presente in 7 regioni italiane con 33 cliniche...


Ancod organizza un evento al Ministero della Salute per presentare le “Catene” come realtà importante per il sistema salute del Paese e sfatare le “fake-news”


Spadafora (ANCOD): facilitare l'accesso alle cure odontoiatriche per le fasce più deboli è uno dei valori fondamentali dei Centri odontoiatrici associati


Tra i temi toccati nella video intervista la disponibilità a definire regole per evitare altri casi Dentix. Tra i primi confronti avuti quello con ANDI


Cambio al vertice di ANCOD, la scelta è di affidare la presidenza dell’Associazione ad un professionista esterno ai Marchi associati 


Ovviamente divisi tra soddisfazione (Catene) per aver tutelato il lavoro ed amarezza (Sindacati odontoiatrici) per l’ennesima bocciatura ad una proposta che vuole tutelare la salute del cittadino


Dopo il ritiro degli emendamenti al DDL Concorrenza trasformati in OdG, il presidente CAO di Milano rassicura: continueremo a lavorare per fare valere ai pazienti un diritto costituzionale 


Rimane la richiesta al Governo ad istituire un Tavolo Tecnico per modificare la normativa in favore del diritto di scelta del medico, ma vengono cassate le indicazioni più restrittive...


Altri Articoli

Un Decreto del Presidente della Repubblica accoglie il ricorso CAO, ANDI, AIO contro l’autorizzazione sanitaria concessa in Friuli ad uno studio di igiene dentale


Il Ministro Bernini firma il decreto per le prove ammissione. Due sessioni disponibili, a maggio e luglio, con la possibilità di partecipare ad entrambe. Ecco come si svolgeranno


Il Consiglio di amministrazione dell’ENPAM ha risolto la questione degli Specialisti esterni mettendo un tetto ai loro contributi previdenziali


Andrea Piantoni

“Sono molto onorato e orgoglioso di poter assumere questo ruolo in IDI Evolution, che considero la mia famiglia, e di poter proseguire il percorso iniziato ormai diversi anni...


Attraverso il nuovo CCNL vengono definite formazione e mansoni. Per diventare CSO si dovrà frequentare un corso di 90 ore, potrà organizzarlo solo ANDI


Per la prof.ssa Nardi, la prevenzione ha un valore fondamentale che deve essere espresso a livello globale, sia in ambito pubblico che privato, per permettere a tutte le persone assistite degli...

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


Per la Società Italiana di Ortodonzia, alcune malocclusioni possono essere intercettate già a 5/6 anni, queste alcune indicazioni per i genitori


Pensato per persone con disabilità è una sorta di trackpad inserito in una mascherina trasparente posizionata nell’arcata superiore e realizzata con una stampante 3D 


47 gli odontoiatri denunciati, 5milioni di euro il valore dei beni sequestrati e 33 milioni di euro l’ammontare delle tasse non versate


Il dott. Migliano sulla sperimentazione in Lombardia del percorso di apprendistato per ASO e non solo


ANDI dettaglia gli aumenti salariali (indicativi) per i dipendenti degli studi odontoiatrici con l’entrata a regime del nuovo CCNL


L’applicazione si applica anche alle lavoratrici degli studi odontoiatrici con rapporti di lavoro dipendente a tempo indeterminato sia già instaurato che in via di instaurazione


Immagine di repertorio

L’odontoiatra è titolare di studio, il padre lo “aiutava” curando i pazienti ma non aveva la laurea. Lo studio non era autorizzato, all’interno rivenuto un radiografico senza la...


Non si vive di sola burocrazia dicono i presidenti di AMOlp e  Andiamoinordine chiedendo alle Istituzioni di essere ascoltate e coinvolte su temi fondamentali per lo sviluppo e la sopravvivenza...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


12 Febbraio 2024
Vendo immobile adibito a studio odontoiatrico dal 1960

Vendita a Chiasso centro, in Svizzera, immobile adibito dal 1960 a studio odontoiatrico composto da quattro unità operative, con autorizzazione sanitaria. Per informazioni contattare Marzio Negrini: cell. whatsapp +393756589128

 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
chiudi