HOME - Cronaca
 
 
12 Ottobre 2018

Rifiuti, nel Lazio le superfici cliniche non pagano la tassa

Una Circolare chiude a favore degli odontoiatri una querelle durata anni


Con la circolare dell'8 Ottobre 2018 (scaricabile al fondo dell’articolo), “dopo anni di annunci spesso fuorvianti sull'argomento”, commenta AIO Roma in una nota, viene chiarito “una volta per tutte che le superfici destinate a trattamenti clinici non sono più soggette alla tariffa sui rifiuti urbani, perché il dentista già paga una ditta specializzata per il trattamento dei rifiuti speciali. “Ciò, in realtà, altro non è che l'applicazione corretta di una legge dello Stato, 147 del  2013, né più né meno”, fanno notare da AIO. 

La circolare chiarisce che ogni area ove si producano più del 50 per cento di rifiuti speciali, in base alla destinazione d'uso dell'area stessa, deve essere esclusa in toto dal computo della superficie assoggettata alla TARI. Mentre a chi non potesse dimostrare in quale area specifica vengono prodotti rifiuti speciali si applicherà una riduzione comunque, del 15% sull'intera superficie

“Quest'ultima opzione –chiarisce AIO Roma- difficilmente risulta realistica o utile per gli studi odontoiatrici, ma può essere utilizzata dagli studi medici, a cui AIO Roma offre questa opportunità”. Anche gli studi polimedici vedranno “logicamente” ridotta di molto l'area tassata, visto che le sale operative in carico ai singoli medici sono spesso produttrici di rifiuti speciali oltre il 50 per cento.  

Come spesso accade la paternità della “vittoria” è contesa tra tutti coloro che si sono adoperati per il bene della professione, confrontarsi con le Istituzioni. 

AIO Roma, attraverso un comunicato, evidenza come “grazie esclusivamente al proprio operato, senza alcun aiuto esterno né economico né legale, ha ottenuto finalmente una disposizione legale che ha ottenuto finalmente una disposizione legale che chiarisce una volta per tutte che le superfici destinate a trattamenti clinici non sono più soggette alla tariffa sui rifiuti urbani”. 

Esito positivo “di una grande battaglia principiata e condotta da ormai diversi anni da ANDI Roma avverso le illegittime richieste di Roma Capitale di pagamento di importi non dovuti in tema di tassa sui rifiuti”, si legge in una nota dell’ANDI Capitolina che affida al suo legale, l’avvocato Nicola Marchitto, un approfondimento ricordando il servizio di assistenza legale a disposizione dei soci. 

“Al riguardo –si legge nell’intervista al legale trasmessa dall’ufficio stampa- ANDI Roma ha condotto una vera e propria battaglia opponendosi alle illegittime richieste di pagamento del tributo anche in relazione alle superfici dove vengono prodotti e smaltiti in via autonoma i rifiuti speciali”.In merito, ricorda il legale, “nella vigenza del precedente Regolamento Ama, sono state presentate istanze in autotutela nonché ricorsi in Commissione Tributaria, con risultati del tutto soddisfacenti”.  

“Allo stato attuale –continua la nota- in seguito all'entrata in vigore nel corrente anno di un nuovo Regolamento AMA , ANDI Roma ha impugnato il medesimo proponendo ricorso al Presidente della Repubblica, il cui iter procedurale proseguirà dinanzi alla Autorità Giudiziaria Amministrativa, con la stessa finalità sopra esposta. Ebbene, proprio in seguito al ricorso proposto da ANDI Roma, in data 08.10.2018, Roma Capitale ha pubblicato una circolare destinata ad Ama S.p.a. e ad Aequa Roma S.p.a.  avente ad oggetto "modifiche al Regolamento per la disciplina della tassa sui rifiuti Ta.Ri." in cui l'amministrazione capitolina fa proprio uno dei motivi cardine addotti da ANDI Roma a sostegno della spiegata opposizione”.  

Nella circolare, fa notare l’avvocato Marchitto, “Roma Capitale, per le categorie sanitarie indicate, modifica la precedente previsione regolamentare di riduzione predeterminata del solo 15% rispetto all'intera superficie soggetta a tassazione che si basava sulla erronea aprioristica asserzione della "obiettiva impossibilità di individuare le superfici ove si producono rifiuti speciali".

“Oggi diversamente –chiarisce il consulente legale- Roma Capitale riconosce al contribuente interessato la possibilità di dimostrare l'effettiva superficie tassabile, con esclusione di tutti locali ove si producono in via prevalente o esclusiva i rifiuti speciali e che, normalmente, costituiscono una percentuale di gran lunga superiore al 15% dell'intera superficie”.   

“Tale circolare -conclude l'avvocato- sarà depositata da ANDI Roma nell'ambito del citato procedimento giudiziario affinché venga considerata e valutata dalla magistratura con la sentenza che definirà il processo”. 

Una vicenda che sembra felicemente conclusasi per gli studi odontoiatrici e che, secondo il presidente AIO Roma Giovanni Migliano, può fare scuola per “iniziare a regolamentare tutti i Comuni di Italia alla legge nazionale”.  


Articoli correlati

Il parere della CAO Nazionale sulla non necessità, per lo studio odontoiatrico, di dotarsi di un consulente per la sicurezza dei trasporti dei rifiuti


Mentre scrivo questo DiDomenica, le delegazioni presenti alla Cop27, l’annuale conferenza delle Nazioni Unite sul clima, non sono ancora riuscite a raggiungere un accordo su di un documento...

di Norberto Maccagno


In uno studio osservazionale, pubblicato sul Journal of Dentistry, gli autori hanno cercato di quantificare i rifiuti di plastica monouso generati nelle strutture odontoiatriche per le cure 

di Lara Figini


Necessario comunicare se si vuole conferire gli urbani ad un altro gestore diverso da quello comunale per gli urbani. Rimangono i dubbi per gli assimilabili


Normativa in contraddizione: a seconda delle scelte dei Comuni possibili riduzioni delle tariffe. Intanto utile ricordare le possibilità per chiedere la riduzione per le aree dove si producono i...


Nelle superfici in cui si producono rifiuti speciali non è dovuta la TARI ma incombe sul contribuente l’onere della prova.È questa la sintesi delle indicazioni del Ministero della Finanze rese...


Grazie al nostro lavoro, odontoiatri e medici hanno ottenuto l'agevolazione


La Commissione Tributaria provinciale di Roma che ha accolto il ricorso di un medico-odontoiatra al quale l'AMA (la società che si occupa della gestione dei rifiuti della Capitale) sancendo lo...


Per i Sindacati odontoiatrici la norma, finalmente, agevola le aggregazioni che non dovranno pagare tasse per l’acquisizione di attrezzature, materiale e clienti dai propri...


Con il titolo “Odontoiatria del futuro, quali prospettive” si terrà ad Aci Castello il 12 e 13 aprile prossimi. Sarà un momento di confronto e di arricchimento professionale...


Si terrà dal 15 e 16 marzo 2024 a Riccione. Obiettivo: esplorare le frontiere emergenti della disciplina clinica e della ricerca ortodontica applicate alla protesi


Nella due giorni dei lavori a Catania focus sulla multidisciplinarietà dell’odontoiatria del domani e sull'odontoiatria di genere per aprire nuovi orizzonti di prevenzione e...


Altri Articoli

“L’estro” italico di trovare il sistema di interpretare a proprio favore le norme è oramai una caratteristica distintiva. E non sempre (quasi mai all’estero), questo...

di Norberto Maccagno


ANDI punta a convincere i giovani all’aggregazione e mette in campo un servizio di consulenza e sostegno per il passaggio generazionale


Da sinistra, Carlo Ghirlanda Presidente ANDI, On. Marcello Gemmato, Raffaele Iandolo Presidente CAO

Il Sottosegretario alla Salute visita l’Expodental Meeting: conferma il sostegno al settore e promuove l’aggregazione dei professionisti per garantire un modello...


Otto Climan porterà l’ecosistema di IDI Evolution all’interno dei suoi video, per spiegare come l’evoluzione tecnologica sia la strada per il progresso dell’odontoiatria...


Iandolo: il passaggio generazionale non si garantisce con l’aumento del numero di studenti ma favorendo aggregazione e l’accesso alle cure


Gianni Storni CEO Rhein83 presenta le novità portate in Expodental legate al prodotto di punta dell’azienda: l’Equator.


Focus sui principi cardine per il mantenimento del microbioma e per meglio comprendere come questo possa impattare sullo stato di salute prevenendo e/o...


Il dolore dentale si verifica solitamente a causa dell'infiammazione della polpa. Ciò è generalmente causato da batteri provenienti da denti cariati o da otturazioni dentali...


Cronaca     15 Maggio 2024

EDRA in Expodental Meeting

Incontri con gli Autori, con le redazioni e firma copie. Venite a trovarci allo stand EDRA per scoprire tutte le novità e darci indicazioni e suggerimenti


Nuova puntata del podcast Dentechstry di IDI Evolution si parla di contenzioso in odontoiatria e di odontologia forense. Protagonista di questa puntata, il dott. Marco Scarpelli ...


 La riabilitazione protesica non solo dal punto di vista puramente clinico/tecnico ma del paziente, è questo il filo conduttore delle relazioni al Congresso SIPRO. Ne abbiamo parlato con il...


Dalla valutazione preliminare del paziente alle lezioni di igiene e mantenimento della terapia fino al supporto per alleviare la paura del dentista


In programma a Rimini dal 16 al 18 maggio, la più importante manifestazione italiana del dentale e l’edizione del 2024 si annuncia con una crescita a doppia cifra. Ricordatevi...


I consigli su come rapportarsi al meglio ma anche quali accorgimenti devono essere presi durante la cura e per accoglierlo in studio. Ne parliamo con Mauro Dori


 
 
 
 

Il Podcast
dell'Innovazione
Odontoiatrica

TUTTI GLI EPISODI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
chiudi