HOME - Cronaca
 
 
05 Dicembre 2018

Il dentista “sentinella epidemiologica” delle OSAS. Se ne è parlato in un Convegno a Torino 

di Lea Fanti


Il recente convegno “Patologie sonno correlate: il ruolo dell'odontoiatra in un approccio multidisciplinare alle OSAS” - organizzato da Odontostomatologia e Pneumologia dell’ospedale Mauriziano di Torino - ha permesso di tornare sui rischi che i pazienti affetti da tale patologia possono correre mentre sono alla guida e sull’importanza del ruolo che l’odontoiatra può avere sia per quanto riguarda la prevenzione che la cura. Infatti, sono dodici milioni gli italiani che soffrono di Sindrome delle Apnee Ostruttive nel Sonno (OSAS), ma solo il 20% ne è consapevole.

Secondo un recente studio, i colpi di sonno alla guida dovuti a questo disturbo sono responsabili del 7% dei circa 175.000 incidenti stradali registrati ogni anno nel nostro paese. I sinistri attribuibili a tale patologia sommersa causano pertanto, ogni anno, circa 250 morti e oltre 12.000 feriti.

Sapere di soffrire di apnee notturne significa potersi curare e quindi salvare la vita propria e quella altrui.

A tal proposito è sempre più importante il ruolo dell'odontoiatra nel diagnosticare tale patologia, poiché alcuni segni e sintomi sono già facilmente individuabili nel corso di una semplice visita di controllo. Non a caso il Ministero della Salute, nelle Linee guida dedicate alle OSAS, ha individuato proprio in tale figura il ruolo di "sentinella epidemiologica" verso tale sindrome.

L’evento del Mauriziano è stato l’occasione per presentato il modello multidisciplinare attualmente in essere presso l'ospedale, che consente di pianificare un percorso razionale e scientificamente validato nella diagnosi e cura di queste terapie.


Un manuale per gestire le OSAS
I casi più lievi di OSAS possono essere trattati dal dentista stesso con l'applicazione di particolari dispositivi di avanzamento mandibolare da portare durante il sonno, come ampiamente trattato anche nel manuale pratico “La gestione odontoiatrica del paziente con Sindrome delle Apnee Ostruttive del Sonno” che Francesca Milano, Antonio Gracco e Massimiliano Di Giosia hanno pubblicato per Edra Editore.

Il volume è strutturato in tre macroaree che rispecchiano un ideale percorso di formazione: nella prima parte - dedicata alla descrizione e alla diagnosi dei disturbi del sonno - neurologi, pneumologi e otorinolaringoiatri descrivono l’ideale percorso di identificazione della patologia, istruendo l’odontoiatra nell’identificazione dei segni e dei sintomi clinici oltre che nell’interpretazione di esami diagnostici quali la polisonnografia o la sleep endoscopy; nella seconda parte vengono invece discusse le differenti opzioni terapeutiche per concludere quindi, nella terza parte, con la presentazione di una serie di casi clinici.

Articoli correlati

I dispositivi indossabili integrati negli smartwatch possono fornire anche dati sulle apnee notturne oltre ad evidenziare la presenza di problemi cardiaci


Realizzato da Fondazione ANDI Onlus può essere uno strumento di dialogo con i pazienti. Intanto dal 18 al 25 marzo 1000 studi soci ANDI effettueranno visite di screening gratuite 


In occasione della Giornata Mondiale del Sonno abbiamo fatto il punto sul ruolo dell’odontoiatra nel trattamento delle OSAS con il prof. Gracco


Illustrata oggi la PDL per riconoscere la malattia come cronica e invalidante. On Carnevali: tempi stretti per l’approvazione ma il Ministero potrebbe farsi carico delle istanze con provvedimenti...


Le considerazioni del prof. Gracco sui due dispositivi: l'errore più comune è credere che siano in contrapposizione tra loro


Altri Articoli

Con la giornata della Salute orale a marzo, delle Gengive sane e l’Oral cancer day a maggio, insieme a ottobre con il Mese della prevenzione si ampliano i momenti dedicati a...

di Norberto Maccagno


Nel primo articolo abbiamo approfondito i vantaggi di utilizzare una tecnologia specifica per effettuare le visite a distanza, in questo illustriamo una sua applicazione...


Il concorso di conservativa diretta, rivolto agli studenti che frequentano il V e VI anno dei corsi di laurea in odontoiatria, è organizzato a livello internazionale da Dentsply...


Sempre più dentisti decidono di continuare l'attività anche dopo la pensione. Ma è possibile farlo mantenendo la partita iva? Ecco come fare e cosa comporta 


Si è spento a 68 anni Bruno Noce, presidente CAO Rovigo. Ne dà notizia Raffaele Iandolo, presidente della Commissione Albo Odontoiatri nazionale


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Profilo ASO: una guida alle scadenze in vista del 21 aprile

 
 
 
 
chiudi