HOME - Cronaca
 
 
30 Settembre 2019

Prima Giornata sulla prevenzione della Parodontite

Promossa da SIdP, per tutto l’anno un numero verde a disposizione die pazienti per informazioni e consigli


Problemi gengivali interessano 20 milioni di italiani adulti, per 8 milioni il disturbo diventa una parodontite e 3 milioni di italiani rischiano di perdere uno o più denti per questo motivo. Con lo scopo di informare e sensibilizzare gli italiani sulla malattia, sulle possibilità di prevenzione e soprattutto sulla diagnosi precoce, nasce la prima Giornata Nazionale della Parodontite promossa dalla Società Italiana di Parodontologia e Implantologia (SIdP), sotto l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica nell’ambito delle Giornate della Sicurezza delle Cure, grazie al contributo incondizionato di GSK Consumer Healthcare. In occasione della Giornata, gli esperti SIdP si mettono a disposizione dei cittadini per dare loro tutte le informazioni su come prevenire, diagnosticare e trattare la parodontite: dal 1 ottobre per tutto l’anno sarà attivo il numero verde 800 144979 che i cittadini potranno chiamare per chiarire dubbi e fare domande a un professionista SIdP. I

l progetto è stato reso possibile grazie anche al contributo incondizionato di GSK Consumer Healthcare

“Purtroppo due italiani su tre non conoscono la parodontite e le sue conseguenze, non sanno per esempio che triplica il rischio di malattie cardiovascolari e diabete, che bastano sei denti colonizzati dalla placca batterica per avere un alto rischio di parodontite, che soffrire di forme gravi di parodontite in età avanzata raddoppia il rischio di fragilità senile – spiega Mario Aimetti (nella foto) presidente SIdP – La parodontite, soprattutto nelle forme più gravi, ha ripercussioni sulla salute generale perché porta all’immissione in circolo di batteri patogeni e quindi a un incremento generalizzato dell’infiammazione nell’organismo: tutto ciò, per esempio, può portare a complicazioni in gravidanza ed è particolarmente grave nei diabetici, perché nei pazienti con la glicemia alta il rischio di progressione della parodontite aumenta e la parodontite stessa compromette la possibilità di raggiungere un buon controllo glicemico, in un circolo vizioso molto pericoloso”. 

Nonostante questo, tanti trascurano i problemi gengivali: il primo segno di una parodontite è sempre una gengivite, un’infiammazione superficiale e reversibile che provoca sanguinamento gengivale quando ci si lavano i denti o si passa il filo interdentale. Nella maggioranza dei casi i pazienti non ci fanno caso o aspettano che passi, così spesso il disturbo resta e può aggravarsi.

“Invece il sanguinamento gengivale è un importante campanello d’allarme, che suggerisce di andare dal dentista per la diagnosi – sottolinea Luca Landi, Presidente Eletto SIdP - Fare diagnosi è veloce, semplice, indolore e poco costoso: bastano una visita con la sonda parodontale e una radiografia, se invece si sottovaluta il problema si può arrivare a una parodontite grave con gonfiore gengivale, alito cattivo, mobilità dentale fino alla caduta. Una diagnosi tempestiva invece scongiura conseguenze gravi e la terapia precoce non necessita di procedure sofisticate o l'utilizzo di strumentazioni costose: sedute di igiene professionale associate a una scrupolosa igiene orale sono sufficienti per risolvere il problema. Individuare la parodontite permette di prevenire o limitare la perdita di denti e il ricorso a soluzioni per la loro sostituzione, come gli impianti dentali: sono un’ottima alternativa ai denti mancanti, ma prima la parodontite deve essere diagnosticata e curata con successo”. 

“Siamo lieti di sostenere l’iniziativa realizzata da SIdP che per la prima volta mette a disposizione di cittadini un servizio altamente qualificato di informazione e di prevenzione sull’infiammazione gengivale”- sottolinea Denis Vallee, Direttore Medico Italia, Francia e Iberia di GSK Consumer Healthcare -“Riteniamo di fondamentale importanza sostenere campagne dedicate alla prevenzione e alla  corretta informazione, un impegno di lungo periodo che da molti anni ci vede in prima linea”. 

Per una corretta informazione gli esperti SIdP hanno anche messo a disposizione il sito www.gengive.org dove è possibile trovare testi e video per imparare a prendersi cura della salute orale e a riconoscere i sintomi da non sottovalutare; infine, anche l’App gratuita per smartphone e tablet GengiveINForma può essere molto utile, perché permette in tre minuti di calcolare la suscettibilità di una persona alla parodontite, ovvero il rischio di ammalarsi, rispondendo ad alcune semplici domande 

Articoli correlati

cronaca     17 Novembre 2023

Gengive sane per salvare il sorriso

Presentato alla Camera il progetto SIdP e CAO. Obiettivo: la sensibilizzazione di odontoiatri, medici di famiglia e igienisti dentali, ma anche delle istituzioni e dei cittadini ...


Presentato il progetto di formazione itinerante “Gengive sane per salvare il sorriso”. Si comincia con corsi in 35 città italiane 


Tra i temi che saranno toccati nella tre giorni, anche la presentazione del progetto Gengive sane per salvare il sorriso realizzato insieme a SIdP


Realizzate da SIdP con la sinergia della CAO nazionale, saranno diffuse a tutti gli iscritti all’Albo e promosse attraverso un progetto formativo dedicato


Decalogo SIdP e SIIA per guidare l’odontoiatria nel trattare e sensibilizzare il paziente con ipertensione arteriosa e malattia parodontale


Lo studio valuta le opzioni terapeutiche per la ricostruzione della papilla interdentale persa e la loro efficacia

di Lara Figini


Il libro (Edra) di Maria Giacinta Paolone e Roberto Kaitsas mette al centro il trattamento ortodontico del bambino, determinante in un processo di promozione precoce della salute...


Guarda e vota il Poster presentato al Congresso SIE da: F. Mattalia, M. Alovisi, Y. Jacot-Descombes, C. Bianchi, L. Pasinato, D. Pasqualini, E. Berutti


L'effetto di un nuovo dentifricio, contenente fluoruro stannoso con il 2,6% di acido etilendiammina tetra acetico (EDTA) come agente antitartaro, per ridurre l'indice di placca...

di Lara Figini


Altri Articoli

Un Decreto del Presidente della Repubblica accoglie il ricorso CAO, ANDI, AIO contro l’autorizzazione sanitaria concessa in Friuli ad uno studio di igiene dentale


Il Ministro Bernini firma il decreto per le prove ammissione. Due sessioni disponibili, a maggio e luglio, con la possibilità di partecipare ad entrambe. Ecco come si svolgeranno


Il Consiglio di amministrazione dell’ENPAM ha risolto la questione degli Specialisti esterni mettendo un tetto ai loro contributi previdenziali


Andrea Piantoni

“Sono molto onorato e orgoglioso di poter assumere questo ruolo in IDI Evolution, che considero la mia famiglia, e di poter proseguire il percorso iniziato ormai diversi anni...


Attraverso il nuovo CCNL vengono definite formazione e mansoni. Per diventare CSO si dovrà frequentare un corso di 90 ore, potrà organizzarlo solo ANDI


Per la prof.ssa Nardi, la prevenzione ha un valore fondamentale che deve essere espresso a livello globale, sia in ambito pubblico che privato, per permettere a tutte le persone assistite degli...

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


Per la Società Italiana di Ortodonzia, alcune malocclusioni possono essere intercettate già a 5/6 anni, queste alcune indicazioni per i genitori


Pensato per persone con disabilità è una sorta di trackpad inserito in una mascherina trasparente posizionata nell’arcata superiore e realizzata con una stampante 3D 


47 gli odontoiatri denunciati, 5milioni di euro il valore dei beni sequestrati e 33 milioni di euro l’ammontare delle tasse non versate


Il dott. Migliano sulla sperimentazione in Lombardia del percorso di apprendistato per ASO e non solo


ANDI dettaglia gli aumenti salariali (indicativi) per i dipendenti degli studi odontoiatrici con l’entrata a regime del nuovo CCNL


L’applicazione si applica anche alle lavoratrici degli studi odontoiatrici con rapporti di lavoro dipendente a tempo indeterminato sia già instaurato che in via di instaurazione


Immagine di repertorio

L’odontoiatra è titolare di studio, il padre lo “aiutava” curando i pazienti ma non aveva la laurea. Lo studio non era autorizzato, all’interno rivenuto un radiografico senza la...


Non si vive di sola burocrazia dicono i presidenti di AMOlp e  Andiamoinordine chiedendo alle Istituzioni di essere ascoltate e coinvolte su temi fondamentali per lo sviluppo e la sopravvivenza...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


12 Febbraio 2024
Vendo immobile adibito a studio odontoiatrico dal 1960

Vendita a Chiasso centro, in Svizzera, immobile adibito dal 1960 a studio odontoiatrico composto da quattro unità operative, con autorizzazione sanitaria. Per informazioni contattare Marzio Negrini: cell. whatsapp +393756589128

 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
chiudi