HOME - Cronaca
 
 
24 Ottobre 2019

Una foto per essere ritrovato: nasce Selfie Forensic ID

Dall’Università di Torino parte la campagna informativa iDENTIficami per sensibilizzare l’opinione pubblica al processo di identificazione personale attraverso la raccolta di informazioni di natura dentale 


Quello delle persone scomparse, in Italia, è un fenomeno non del tutto conosciuto ai più. Nei primi 6 mesi del 2019 sono state 6.761 le denunce, di queste 2.473 le persone che non sono ancora state ritrovate. Le cause sono molte, dai problemi di salute come l’Alzheimer e il Parkinson che portano il soggetto a non riuscire più a ritrovare casa, agli allontanamenti volontari o a quelli per motivi più tragici che comportano poi il ritrovamento di un cadavere a cui, però, deve essere dato un nome e una identità. Secondo gli ultimi dati disponibili sul sito del Commissario straordinario del Governo per le persone scomparse, al 30 giungo 2019, sono 919 i corpi ancora da identificare ai quali aggiungere 1.724 migranti non identificati vittime dei naufragi. 

Riconoscimento dei cadaveri non sempre facile e non solo per quanto riguarda gli immigrati vittime della trasferta nel Mediterraneo, spiega ad Odontoiatria33 il prof. Emilio Nuzzolese (nella foto), odontoiatra forense, ricercatore di Medicina legale dell’Università di Torino. 
“Si pensi alle vittime di attacchi terroristici, incidenti aerei e calamità naturali che rendono irriconoscibile il cadavere”, dice. “I protocolli di medicina legale del processo di identificazione – continua il prof. Nuzzolese - prevedono di individuare un profilo biologico generico del cadavere, soprattutto attraverso rilievi antropologico e odontologico-forensi eseguiti dal perito odontoiatra.

Solo l’autopsia orale permette di pervenire a informazioni di base, come età, sesso, razza, origine geografica e stili di vita. I dati autoptici raccolti sono, poi, confrontati con i dati e i profili biologici delle persone scomparse nell’area del ritrovamento e più in generale con le denunce di scomparsa. Si continua poi con indagini oggettive più mirate fino a ricercare il riscontro definitivo attraverso la corrispondenza dei dati dentali e anche del DNA”. Indagini biologiche, spiega Nuzzolese, che servono per restringere il campo di ricerca evitando di allarmare i famigliari di persone scomparse chiedendo effetti personali e prelievi per recuperare il DNA. 

“Nella fase di raccolta di informazioni per restringere il campo investigativo, possiamo anche ricercare foto ritratti e selfie delle persone scompare attraverso i social network, con il fine di intercettare caratteristiche individualizzanti dei denti frontali nell’atto di un sorriso, come diastemi e malposizioni dentarie. Le eventuali peculiarità dentali possono essere oggetto di comparazione con le caratteristiche dentali del cadavere da identificare, contribuendo all’inclusione ovvero esclusione di persone scomparse”, continua Nuzzolese. 

E proprio per agevolare il lavoro di identificazione e creare una “cultura” alla collaborazione verso questi temi, dall'Istituto di Medicina legale dell'Università di Torino partono de iniziative parallele: iDENTIficami e l’App “Selfie Forensic ID”. 

"iDENTIficami –spiega Nuzzolese- è una campagna di sensibilizzazione verso l’opinione pubblica e le famiglie delle persone scomparse, sul processo di identificazione personale attraverso una più ampia raccolta di informazioni individualizzanti. Vogliamo fare conoscere quali sono gli oggetti e le informazioni di natura dentale che possono essere utili in caso di identificazione. Presìdi che le famiglie potrebbero ancora conservare e che sarebbe utile consegnare alle forze di Polizia”.E così diventano determinanti eventuali vecchi apparecchi dentali, bite, mascherine per lo sbiancamento, ma anche radiografie datate e tutto quanto possa rilevare la storia dentaria della persona. “I media e la cinematografia ci hanno abituati a pensare che il DNA sia l’unica informazione utile per dare un nome ad un cadavere. In realtà l’arcata dentale è una carta d’identità biologica unica e fornisce moltissime informazioni individualizzanti”, precisa Nuzzolese che invita anche i dentisti ad annotare con precisione nelle cartelle cliniche le caratteristiche delle arcate dentali dei propri pazienti, compreso i trattamenti già presenti e non solo il piano di trattamento da eseguire. Punto fondamentale della campagna iDENTIficami è un video informativo tradotto in più lingue (a questo link la versione in Inglese) in cui vengono mostrate e spiegate le informazioni dentali da mettere a disposizione dell’odontotologo forense e delle forze di Polizia.  

Selfie Forensic ID invece è una App gratuita che consente di effettuare una foto del proprio sorriso in cui si vedano i denti per creare una banca dati a disposizione dei medici forensi italiani ed esteri che potranno consultare in caso di necessità. A questo link il prof. Nuzzolese la illustra. 

“L’obiettivo – dice Nuzzolese - è sempre quello di potenziare la raccolta di informazioni utili alla definizione del profilo biologico generico dei soggetti non identificati, al fine di rendere possibile e in tempi più rapidi il processo di identificazione di quelle vittime non più riconoscibili visivamente. Una completa autopsia orale e la raccolta di informazioni dentali sulla persona scomparsa sono dati fondamentali per la più rapida ed efficace identificazione dei corpi non identificati che hanno il diritto di avere un nome ed una identità. Il rispetto dei diritti umani prosegue anche dopo la morte attraverso migliori pratiche nella identificazione personale, principale finalità della odontologia forense”.  

Articoli correlati

Venerdì 8 e sabato 9 novembre 2019 si terrà a Bologna, presso Zanhotel Europa, l’VIII Congresso Nazionale dell’Accademia Italiana di Odontoiatria Legale, alla guida di...


Obiettivo: approfondire le conoscenze di Odontoiatria Forense per potersi cimentare nell’attività di valutazione interdisciplinare del danno clinico odontoiatrico insieme al medico legale.


Il prof. Nuzzolese propone le autopsie orali per l'identificazione delle vittime dei migranti. La raccolta delle informazioni dentali potrebbero anche contribuire all’identificazione dei vivi


La SIOF-Società Italiana di Odontoiatria Forense si propone di diffondere la cultura medico-legale tra gli odontoiatri: in un momento storico di grande evoluzione clinica e...


Altri Articoli

Sesta puntata del podcast Dentechstry di IDI Evolution dedicata all’innovazione tecnologica e come sta modificando, in meglio, le cure odontoiatriche ma anche il rapporto con il paziente....


L’odontoiatra Dario Tamburrano torna a Strasburgo. Aveva seguito le politiche energetiche e le questioni inerenti i dispositivi medici ed in particolare la stampa 3D


Le considerazioni ed i consigli del prof. Antonio Pelliccia che ricorda che il prezzo non lo si determina solo guardando i conti ed indica 5 aspetti base da considerare


Il contributo previdenziale del 4 per cento a carico degli specialisti esterni è pienamene legittimo, e le società accreditate con il Servizio sanitario nazionale hanno l’obbligo di versarlo...


Il Premio è stato istituito nel 2021 con l'obiettivo di promuovere la ricerca in Europa e nel mondo. Inviate le vostre proposte originali in tema “salute delle gengive”...


Secondo uno studio commissionato dall'ADF, le malattie parodontali associate alle patologie correlate provocano un costo sanitario che sfiora il miliardo di euro


Un evento per celebrare i 20 anni di attività, ripercorrere quanto fatto e guardare ai progetti futuri


La recente norma sulla neutralità fiscale le rende ancora più convenienti per aggregarsi. Il presidente CAO Roma ci spiega cosa sono e perché possono essere un ottimo strumento...


Incontro con la dott.ssa Barbara Sabiu: “Si deve considerare il flusso di lavoro nel suo insieme dove concorrono tutti i componenti del Team odontoiatrico ed i pazienti”


Bquadro Astidental consolida la sua leadership nel settore dentale aumentando il livello dei servizi da offrire ai propri clienti


Alla vigilia del Congresso dei Docenti abbiamo intervistato il presidente prof. Roberto Di Lenarda.Tra i temi toccati anche l’odontoiatria pubblica ed i test di ammissione ai corsi di laurea


La notizia è stata ripresa, con l'enfasi della rivoluzione, anche dai più importanti giornali e TG generalisti, anche dal sito della Gazzetta dello Sport, con questo titolo (questo quello del...

di Massimo Gagliani


Imminente il Summit sulla Sostenibilità in Odontoiatria della FDI World Dental Federation, che si terrà a giugno. Contestualmente si terrà il Contest per la Sostenibilità FDI...


La prof.ssa Nardi indica l’importante ruolo degli operatori sanitari di facilitare e permettere alla persona assistita di adattarsi ed autogestire sfide sociali, fisiche ed...

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


 
 
 
 

Il Podcast
dell'Innovazione
Odontoiatrica

TUTTI GLI EPISODI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
chiudi