HOME - Cronaca
 
 
30 Ottobre 2019

Dispositivi medici: per Aiic servono più ingegneri clinici nella governance

La richiesta durante il terzo International Clinical Engineering and Health Technology Management Congress, che si è tenuto a Roma


C'è bisogno di più ingegneri nella governance dei medical devices: lo sostiene da anni l'Aiic (Associazione italiana ingegneri clinici) ed è emerso con forza durante il terzo International Clinical Engineering and Health Technology Management Congress, che si è tenuto il 21 e 22 ottobre a Roma e ha riunito oltre 1500 partecipanti, un Comitato Scientifico con 55 autorevoli rappresentanti di oltre 30 paesi, 120 relatori e 310 lavori presentati sulle varie aree tematiche del programma.

"La convergenza su questo aspetto ci ha sorpreso - dichiara il presidente Aiic Lorenzo Leogrande- ma si tratta di problematiche presenti in tutto il mondo e lo ha sottolineato Adriana Velazquez, referente dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) per il settore dei dispositivi medici, dispositivi che iniziano ormai a gestire dati e sono sempre più complessi rendendo evidente la necessità di competenze adeguate. Siamo ovviamente presenti all'interno dei processi produttivi ma non altrettanto nelle strutture ospedaliere, nel governo delle nuove tecnologie".

Leogrande parla di un "modello italiano" che si sta affermando e che punta a una forte connessione tra tutti gli stakeholder, i professionisti ed il mercato: "abbiamo cercato in particolare di portare l'ingegneria clinica fuori dal perimetro degli addetti ai lavori entro cui era confinata fino a conquistare un ruolo riconosciuto, che si manifesta nella relazione quotidiana con i medici ma anche con le istituzioni, dal ministero della Salute all'Istituto superiore di sanità, e soprattutto con il mercato; siamo passati dal coinvolgimento minimo di poche aziende fino a superare le cento aziende presenti negli ultimi convegni. È chiaro che il supporto da parte del mercato innesca tutta una serie di attività virtuose che altrimenti non si potrebbero portare avanti, prima fra tutte quelle di comunicazione, non soltanto verso i professionisti ma anche verso i non addetti ai lavori, i cittadini, i pazienti, che fruiscono del nostro lavoro". 

Il presidente Aiic descrive uno scenario in forte evoluzione, in cui le nuove tecnologie, dopo aver assunto un ruolo imprescindibile all'interno delle strutture e dei singoli processi di erogazione di cura, stanno cominciando a uscire dagli ospedali, per andare nei distretti e nelle case dei pazienti: "si pensi alle potenzialità offerte dai dispositivi wearablee all'aiuto che la tecnologia può offrire alla prevenzione, il cui sviluppo è fortemente auspicato in tutte le azioni di politica sanitaria".

La maggiore complessità comporta una maggiore difficoltà di gestione e la necessità di affrontare nuove problematiche, a partire dalla sicurezza: "l'interconnessione di macchine e sistemi con diversi livelli di innovazione e di obsolescenza richiedono competenze adeguate, che solo gli ingegneri clinici possono offrire".

Articoli correlati

AIO: normativa modificabile, ma esiziale andare in ordine sparso. Seeberger dovrebbe essere tutta l’Odontoiatria italiana a rappresentare al Ministero i problemi implicati dal...


Nota congiunta CAO, ANDI ed UNIDI. Confermate le indicazioni sulla registrazione dei dispositivi medici che non hanno ancora il codice UDI


Quali sono i dati contenuti nel codice e quali le responsabilità dell’odontoiatra in caso di acquisto di un dispositivo sprovvisto


Lo abbiamo chiesto dalla dott.ssa Linda Sanin di UNIDI. “Può capitare che per alcuni dispositivi non sia ancora indicato, dipende da quando è stato immesso in commercio, ma lo...


L’obbligo riguarda i laboratori già registrati. Il Ministero della Salute aggiorna la guida alla registrazione


Gli studi odontoiatrici devono registrare ogni dispositivo medico di calasse II e III acquistato. Le indicazioni di CAO, AIO ed ANDI


Tutti i fabbricanti di impianti dentali sono obbligati a consegnarlo al dentista che deve renderlo disponibile al paziente


La dott.ssa Marcella Marletta spiega le differenze, le specifiche e parla del prossimo regolamento che interesserà l’intelligenza artificiale anche nel campo odontoiatrico


I fabbricanti già registrati dovranno rifare la registrazione entro 6 mesi. Per effettuarla servirà anche la firma elettronica. Intanto vengono segnalati problemi sulla piattaforma informatica


Possono accedere solo gli iscritti al registro imprese. Entro 6 mesi chi è già registrato dovrà aggiornare i propri dati


Dal primo settembre in vigore le nuove modalità di registrazione. Per i fabbricanti già iscritti, sei mesi di tempo per aggiornare i dati


Linda Sanin, Direttore e Responsabile Ufficio Studi e Normative di UNIDI sintetizza le specificità della nuova classificazione dei dispositivi medici su misura


Altri Articoli

Andrea Piantoni

“Sono molto onorato e orgoglioso di poter assumere questo ruolo in IDI Evolution, che considero la mia famiglia, e di poter proseguire il percorso iniziato ormai diversi anni...


47 gli odontoiatri denunciati, 5milioni di euro il valore dei beni sequestrati e 33 milioni di euro l’ammontare delle tasse non versate


Il dott. Migliano sulla sperimentazione in Lombardia del percorso di apprendistato per ASO e non solo


ANDI dettaglia gli aumenti salariali (indicativi) per i dipendenti degli studi odontoiatrici con l’entrata a regime del nuovo CCNL


L’applicazione si applica anche alle lavoratrici degli studi odontoiatrici con rapporti di lavoro dipendente a tempo indeterminato sia già instaurato che in via di instaurazione


Acquisire le conoscenze e le competenze idonee per riconoscere i segni e i sintomi caratteristici di tale condizione al fine di prevenire e/o attutirne le conseguenze


Immagine di repertorio

L’odontoiatra è titolare di studio, il padre lo “aiutava” curando i pazienti ma non aveva la laurea. Lo studio non era autorizzato, all’interno rivenuto un radiografico senza la...


Non si vive di sola burocrazia dicono i presidenti di AMOlp e  Andiamoinordine chiedendo alle Istituzioni di essere ascoltate e coinvolte su temi fondamentali per lo sviluppo e la sopravvivenza...


Se ne deve parlare per evitare d’innestare un circolo vizioso che penalizza studi e pazienti scrive il prof. Gagliani indicando nelle tecnologie uno dei possibili strumenti che possono aiutare...

di Massimo Gagliani


Diego Catania, Presidente dell’Ordine TSRM e PSTRP: “Siamo professioni intellettuali, la nostra autonomia non sia messa in dubbio”


Nella due giorni dei lavori a Catania focus sulla multidisciplinarietà dell’odontoiatria del domani e sull'odontoiatria di genere per aprire nuovi orizzonti di prevenzione e...


Definite anche le mansioni del CSO, contestate dal SIASO. Magenga (SIASO): “Troppo generiche, si crea solo confusione, pronti a scendere in piazza” 


8 relatori di fama internazionale, 8 moduli videoregistrati per un totale di 16 ore formative per valutare le varie scelte di come approcciare un caso mono e pluri-disciplinare


Il riconoscimento è arrivato a dicembre 2023 al termine di un audit che ha coinvolto i principali processi aziendali, con particolare riferimento a tutte le fasi di gestione...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


12 Febbraio 2024
Vendo immobile adibito a studio odontoiatrico dal 1960

Vendita a Chiasso centro, in Svizzera, immobile adibito dal 1960 a studio odontoiatrico composto da quattro unità operative, con autorizzazione sanitaria. Per informazioni contattare Marzio Negrini: cell. whatsapp +393756589128

 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
chiudi