HOME - Cronaca
 
 
07 Novembre 2019

SUMAI incontra il Ministro Speranza, tra i temi anche quello dell’odontoiatra specialista

Superare la norma che impone la specialità anche ai laureati in odontoiatria la richiesta del sindacato. Grande interesse da parte del Ministro rispetto alla proposta di lavorare per risolvere al più presto  questa problematica


Si è parlato anche di odontoiatria nell’incontro avvenuto martedì 5 novembre tra il Ministro della Salute Roberto Speranza ed una delegazione del Sumai Assoprof composta dal Segretario Antonio Magi, dal Presidente Giuseppe Nielfi Pio Attanasi, Responsabile Settore Convenzioni. 

Tra i temi portati all’attenzione del Ministro, che toccano vari aspetti volti a migliorare l’attività dei medici specialisti ambulatoriali interni in funzione del potenziamento della medicina del territorio e della qualità dell’assistenza ai pazienti, vi èanche la questione dell’impossibilità per il laureato in odontoiatria e in medicina e chirurgia non specialista di lavorare nel SSN. 

“Abbiamo ribadito al Ministro le criticità espresse al precedente Governo per cercare di risolverle ed evitare impatti negativi sulla già limitata odontoiatria pubblica”, spiega ad Odontoiatria33 Pio Attanasi.

“Abbiamo fatto presente come l’applicazione della norma Balduzzi, anche ai laureati in odontoiatria e ai medici chirurghiiscritti all’Albo degli odontoiatri renderà di fatto impossibile sostituire gli attuali odontoiatri in attività all’interno del SSN”. I referenti del SUMAI hanno spiegato al Ministro Speranza come l’applicazione della norma inserita anche nell’ACN, non consentirà di sostituire i professionisti che usciranno dal mondo del lavoro perchè non solo mancano gli specialisti ma le sole scuole di specialità per la laurea in odontoiatria -ortognatodonzia, chirurgia orale e odontoiatria pediatrica- non permettono di coprire le reali esigenze dell’odontoiatria sociale praticata prevalentemente negli ambulatori pubblici”. 

“La richiesta che abbiamo avanzato al Ministro –continua Attanasi- è stata quella di considerare, come è, la laurea in odontoiatria già di per sé specialistica ed eventualmente consentire all’Azienda Sanitaria di attivare bandi specifici qualora siano necessari specialisti delle tre branche odontoiatriche che possono contare di un diploma di specialità”. 

Secondo quanto riferito, il Ministro si è detto disponibile a valutare gli interventi necessari per superare la criticità.  

Interventi che potrebbero, spiega Attanasi, non per forza essere legislativi ma proposte di modifiche nel prossimo Accordo Collettivo Nazionale (ACN) che superi l’attuale vincolo chiarendo che se l’azienda non ha necessità di attivare un servizio di odontoiatria che necessiti di uno specialista in ortognatodonzia, in odontoiatria pediatrica o in chirurgia orale, possa essere assunto un odontoiatra con la sola laurea in odontoiatria o un medico chirurgo iscritto all’Albo degli odontoiatri. 

“Abbiamo –conclude- chiesto al Ministro uno strumento flessibile che risolva al più presto il problema al fine di non andare ulteriormente a penalizzare l’odontoiatria pubblica ed in particolare i pazienti fragili”. 

Articoli correlati

Alleanza tra odontoiatri, igienisti dentali, il dipartimento di Igiene Alimenti e le famiglie per la promozione della salute orale dei bambini da 0 a 14 anni


Siamo nel marzo 2020, scoppia la pandemia ed il Governo non solo si accorge che manca personale sanitario, soprattutto medici, ma che c’erano un buon numero di laureati in medicina che non...

di Norberto Maccagno


Professione indispensabile per promuovere e mantenere la salute orale sul territorio anche attraverso il SSN. Per la prof.ssa Nardi serve una implementazione dei LEA

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


Un dovere etico e morale per un SSN che si rispetti, dice il prof. Gagliani ammettendo che, però, oggi molto è basato sul volontariato e questo non è un bene, per i pazienti


Già attivo il Gruppo di lavoro dedicato all’interno del Consiglio Superiore di Sanità. Ecco i nominati


Altri Articoli

Una due giorni ad un Congresso qualsiasi può essere un ritorno alla normalità dice il prof. Gagliani che avverte: la formazione deve essere debitamente certificata e tutelata con regole non fondate...

di Massimo Gagliani


Sono nato una domenica dell’agosto 1964, anagraficamente contando il Governo Draghi è stato il quarantottesimo che ho vissuto. In Germania, nello stesso periodo, di Governi ne hanno avuti 19...

di Norberto Maccagno


Il Consejo General de Dentistas ha elaborato una relazione tecnica dove sono state analizzate la densità di professionisti per popolazione, l'evoluzione demografica negli ultimi...


Maria Grazia Cannarozzo

Dalla collaborazione tra l’Azienda Ospedaliera Cannizzaro di Catania e il COI-AIOG nasce il progetto “Odontoiatria rosa”, che attenzionerà la salute orale delle donne...

di Lorena Origo


Sarà Catania ad ospitare, dal 20 al 22 aprile 2023, il Congresso numero 30 del CDUO organizzato dalle Università di Palermo, Messina e Catania


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Canino incluso: la pianificazione digitale

 
 
 
 
chiudi