HOME - Cronaca
 
 
23 Febbraio 2021

Il Ministero della Salute pubblica il Piano nazionale per l’eliminazione dell’utilizzo dell’amalgama

Una road map che rischia di essere di difficile realizzazione, ma che coinvolge tutti gli attori del settore odontoiatrico nella fase di monitoraggio dei dati ed attuazione del Piano


E’ stato pubblicato oggi 23 febbraio 2021, sul sito del Ministero della Salute il Piano nazionale per l’eliminazione dell’amalgama dentale così come previsto dalla Convenzione di Minamata sul mercurio che prevede l’adozione di misure per eliminare progressivamente l’amalgama dentale a livello europeo. Per rendere realizzabile questo obbiettivo era stato approvato nel 2017 un Regolamento Europeo con uno specifico articolo che interessava l’Amalgama dentale, regolamento fatto proprio anche dall’Italia ponendo dei limiti sulla produzione, l’utilizzo e la rimozione (si veda un nostro approfondimento). 

Tra i punti centrali del Regolamento europeo la predisposizione del Piano nel quale vengono descritte “le azioni necessarie a conseguire la progressiva dismissione dell’uso dell’amalgama dentale in ambito odontostomatologico, con il fine ultimo di pervenire ad una completa eliminazione di tale uso, tramite misure non coercitive, entro il 31 dicembre 2024”. 

Tra le azioni che non saranno prese in considerazione, eventuali campagne di “rimozione” delle otturazioni in amalgama già esistenti, “salvo in presenza di accertate reazioni allergiche ad uno dei componenti dell’amalgama dentale stessa, in quanto tale operazione non presenta un favorevole rapporto tra rischi e benefici, né in termini di tutela della salute né di protezione ambientale”. 

Secondo quanto contenuto nel Piano, non sembra esserci da parte dei Ministeri coinvolti la volontà di una azione imposta, ma di attivare un percorso condiviso di sensibilizzazione verso gli odontoiatri al fine di motivarli sul non uso dell’amalgama, e verso la non rimozione, ma anche verso i cittadini informandoli sulle problematiche legate all’utilizzo dell’amalgama dentale e sulla possibilità di richiedere ai dentisti l’utilizzo di materiali amalgama-free. 

Quindi, per arrivare alla “completa eliminazione” dell’amalgama dentale entro il 2024, il Piano si basa su “una diffusa azione di informazione e formazione riguardo l’adozione a livello internazionale e nazionale della di una strategia per l’eliminazione dell’utilizzo dell’amalgama, considerando le conseguenze che la scelta comporterà e la disponibilità sul mercato di materiali alternativi”.

Punto centrale del Piano sarà, anche, l’azione formativa ed informativa verso le componenti del settore interessate, ma anche i medici di medicina generale, i pediatri ed anche i pazienti. 

Per il raggiungimento degli obiettivi del Piano, si legge nel documento ministeriale, “si rendono necessarie due pre-condizioni: 

1) Il coinvolgimento e la piena e costante collaborazione di tutti gli attori coinvolti nella tematica dell’amalgama dentale.

2) La possibilità di disporre routinariamente di informazioni affidabili relativamente alle vendite delle preparazioni di amalgama (e, possibilmente, al loro utilizzo clinico) e allo smaltimento degli scarti, anche al fine di verificare l’eventuale necessità di adottare un’apposita norma che disponga il divieto di commercializzazione e utilizzo clinico dell’amalgama dentale. 

Ed il piano elenca i singoli attori coinvolti -CAO, ANDI, AIO, ADI, UNIDI, ANCAD, Collegio dei docenti- ai quali vengono assegnati precisi compiti nell’implementazione del Piano e nella ricerca dei dati necessari. I Ministeri coinvolti saranno invece quello della Salute, dell’Ambiente e dello Sviluppo Economico.  

Il Piano indica anche delle tempistiche (molte delle quali già scadute), per l’azione di monitoraggio e l’acquisizione dei dati necessari per valutare l’impatto che l’amalgama dentale ha nel settore. Inoltre alcuni strumenti indicati per reperire i dati, potrebbero risultare non consoni: come il MUD, ad oggi previsto solo per studi organizzati in società e non per gli studi monoprofesisonali.  


____________________________________________________________________ 

Se hai trovato utile questo articolo e non sei ancora abbonato ad Odontoiatria33, sostieni la qualità della nostra informazione 

Articoli correlati

Chi deve istallarlo, quali le soluzioni da adottare e le limitazioni tecniche. Maurizio Quaranta ci aiuta a capire 


I dubbi e le considerazioni di Maurizio Quaranta: Stabilite le sanzioni ora partiranno i controlli? I verificatori saranno in grado di verificare la presenza del separatore di amalgama? E come?


Via libera dal Consiglio dei Ministri alla disciplina sanzionatoria: fino a 100 mila euro per l’odontoiatra che non rispetta il regolamento sull’utilizzo del mercurio


Per il prof. Mangani l’amalgama non ha più senso di essere utilizzata perché esistono validissime alternative. Ecco quali e perchè


La pigmentazione grigio-bluastra del tessuto gengivale, definita tatuaggio da metallo o amalgama, è stata riscontrata nel 3,3% degli adulti negli Stati Uniti ed è causata dalla...

di Lara Figini


Altri Articoli

Uno studio vuole spiegare perché la professione odontoiatrica debba ridurre e gestire i propri rifiuti in modo appropriato e i vantaggi sociali e ambientali che ne deriverebbero...

di Arianna Bianchi


Un nuovo canadese studio fa chiarezza. Tre pazienti su quattro guariscono ad un anno dall’infezione


Il Ministro della Salute firma il decreto di ricostituzione della Commissione Nazionale ECM, per gli odontoiatri riconfermato Alessandro Nisio


AIDI incontra i cittadini in 14 piazze italiane da Nord a Sud, da Bolzano a Lecce nei weekend dell’8/9 e 15/16 ottobre. Bari, Bolzano, L’Aquila, Genova, Milano, Torino i capoluoghi coinvolti 


Il nuovo sistema CBCT VistaVox S Ceph offre la possibilità di scelta tra diverse dimensioni di volume, decidere la migliore dimensione in funzione delle necessità diagnostiche, cliniche e...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Canino incluso: la pianificazione digitale

 
 
 
 
chiudi