HOME - Cronaca
 
 
25 Maggio 2022

Fondi integrativi: ritirata dal Dl Concorrenza la norma sulla libertà di scelta del medico

L’emendamento diventa un Ordine del Giorno che impegna il Governo ad attivare un Tavolo tecnico per determinare interventi sulla scelta del medico e tariffe rimborsate. Per AIO una occasione persa


Nulla di fatto per l’emendamento che avrebbe permesso agli iscritti ai fondi sanitari integrativi di poter scegliere il medico o l’odontoiatria a cui affidarsi anche se non convenzionato con il Fondo sottoscritto. La corsa contro il tempo per vedere al più presto approvato il Decreto Concorrenza (prevista la votazione il 31 maggio in Senato) e la ricerca di “eliminare” il più possibile i temi non condivisi dalle tante forze politiche con compongono l’attuale maggioranza, ha probabilmente “consigliato” la Senatrice Elisa Pirro (M5S) di ritirare l’emendamento, evitando così che venisse bocciato, trasformandolo in un Ordine del Giorno.

Ordine del giorno che se approvato impregnerà il Governo a istituire un tavolo tecnico-politico presso il Ministero dello sviluppo economico al fine di valutare e porre in essere uno specifico intervento di carattere normativo in materia di assistenza sanitaria aziendale con l'obiettivo di:            

1) stabilire la nullità della clausola che, nei contratti di assicurazione sanitaria a beneficio del lavoratore stipulati fra datori di lavoro e imprese assicuratrici, obbliga i lavoratori ad avvalersi esclusivamente di professionisti e strutture convenzionate con le imprese assicuratrici;            

2) prevedere, altresì, che le previsioni contenute nelle clausole nulle siano sostituite da altre che consentono al lavoratore assicurato di avvalersi delle prestazioni di un professionista o una struttura non convenzionata con le imprese assicuratrici e di ricevere il rimborso del corrispettivo pagato;           

 3)  prevedere che il rimborso del corrispettivo pagato dal lavoratore a favore di un professionista o struttura non convenzionati non può essere inferiore a quello previsto dall'impresa assicuratrice per il medesimo tipo di prestazione in caso di tutela assicurativa diretta, fermi restando i massimali e i limiti contrattualmente previsti. 

Si tratta di una occasione persa, non si è voluto tutelare gli interessi degli assisiti ma quelli delle Assicurazioni”, commenta Danilo Savini segretario AIO.
L’aver trasformato l’emendamento in Ordine del Giorno è certamente una presa di posizione chiara che però non avrà risvolti pratici a breve termine. Come AIO continueremo la nostra battaglia per fare modificare la norma in modo da garantire la libera scelta del medico a garanzia del rapporto di fiducia tra medico paziente e la qualità delle cure, convinti che l’attuale modello con cui sono organizzati i Fondi sia da rivedere. E l’ennesimo procedimento aperto dall’Antitrust conferma la nostra posizione”. 

Sulla riforma del sitema Fondi integrativi è presente in Parlamento la posta di legge presentata dal prof. Pietro Ichino promossa da ANOMEC e sostenuta da alcune CAO e dai principali sindacati, Società Scientifiche, Associazioni del settore odontoiatrico, che però non ha ancora iniziato il suo iter parlamentare.

Articoli correlati

Dopo il ritiro degli emendamenti al DDL Concorrenza trasformati in OdG, il presidente CAO di Milano rassicura: continueremo a lavorare per fare valere ai pazienti un diritto costituzionale 


Rimane la richiesta al Governo ad istituire un Tavolo Tecnico per modificare la normativa in favore del diritto di scelta del medico, ma vengono cassate le indicazioni più restrittive...


L’Antitrust comunica di aver aperto un nuovo provvedimento per eventuale irrogazione della sanzione pecuniaria nei confronti di RBM e Previmedical 


AIO: sosteniamo con forza il provvedimento che accoglie le richieste che da tempo facciamo alla politica per sanare una diseguaglianza tra società e liberi professionisti


Rimane ancora in discussione quello che se approvato consentirebbe ai cittadini iscritti ai Fondi Sanitari di scegliere il medico o il dentista a cui rivolgersi


Altri Articoli

Un dovere etico e morale per un SSN che si rispetti, dice il prof. Gagliani ammettendo che, però, oggi molto è basato sul volontariato e questo non è un bene, per i pazienti


Tra le novità il corso in lingua inglese a la Sapienza. Il numero di posti è però provvisorio in attesa delle decisioni della Stato e Regioni. Ecco i posti assegnati ai singoli atenei sede di...


Sono 77 i posti in più assegnati per il prossimo anno accademico. Ecco la distribuzione ateneo per ateneo. Riattivato il corso a Bari e Bolzano


Nuove prestazioni per la sanità integrativa di 85mila professionisti italiani. Per ANDI grazie a questo accordo si apre una nuova epoca nella sanità integrativa


A luglio dovrebbe arrivare in busta paga per i dipendenti e pensionati. Per gli autonomi se ne parlerà (forse) ad ottobre, ancora da emanare il decreto con le modalità operative


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Ricostruzione estetica con faccette: un caso risolto con tecniche digitali senza dimenticare l’analogico

 
 
 
 
chiudi