HOME - Cronaca
 
 
17 Giugno 2022

Odontotecnici in Commissione Sanità: serve un profilo adeguato alle richieste della normativa

Confartigianato, SNO-CNA e Confartigianato in Audizione al Senato indicano le modifiche da fare al Regolamento sui dispositivi medici, e chiedono un nuovo profilo per poter rispettare le norme europee


Dopo l’evento di confronto con alunni politici organizzato mercoledì 15 giugno Confartigianato, SNO-CNA e Confartigianato sono stati sentiti ieri giovedì 16 giugno alla Commissione Igiene e Sanità del Senato in merito allo schema di decreto legislativo recante disposizioni per l’adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del regolamento (UE) 2017/745 relativo ai dispositivi medici. 

Associazioni degli odontotecnici che hanno presentato ai membri della Commissione un dettagliato documento nel quale vengono indicate le modifiche che dovrebbero essere poste al testo attualmente in vigore. 

Il documento, spiegano le Associazioni, parte dalla constatazione che la disciplina di settore che regola l’attività dell’odontotecnico impone allo stesso una serie di limiti “talvolta non compatibili” con il livello di responsabilità attribuito al fabbricante dal Regolamento UE 2017/45 e rende, pertanto, sottolineano gli odontotecnici, “difficile il rispetto di alcuni degli obblighi previsti dalla normativa europea”. “La professione dell’odontotecnico -fanno notare le sigle sindacali- è ancora oggi disciplinata dal Regio Decreto 31 maggio 1928, n. 1334 che la definisce come ‘arte ausiliaria delle professioni sanitarie’.

Tale obsoleta disciplina non fa riferimento alcuno ai “dispositivi medici su misura”, tra i quali rientrano i prodotti realizzati dagli odontotecnici, così come normati a livello europeo dal sopra richiamato Regolamento, che invece conferma e rafforza il ruolo del “fabbricante” di dispositivi medici su misura, attribuendo allo stesso una serie di responsabilità sul piano del controllo della qualità, delle prestazioni e della sicurezza del dispositivo, nonché della documentazione e certificazione del manufatto”. 

Tra questi, rilevano, la dichiarazione di conformità e le istruzioni d’uso finalizzati a garantire la salute del paziente. 

Discrasia tra la normativa comunitaria e la disciplina nazionale che per le sigle sindacali sentite in Commissione al Sentato, “pone l’odontotecnico nell’impossibilità di esercitare in modo compiuto il proprio ruolo di fabbricante così come definito dalla norma europea, sul versante della valutazione di conformità, della vigilanza, della sorveglianza sul mercato e della tracciabilità dei dispositivi”.Poi ci sono i problemi più pratici anche a tutela non solo dl paziente ma della stessa professione odontotecnica che l’avvento delle tecnologie digitali hanno ampliato, come la realizzazione di manufatti da parte di soggetti diversi dall’odontotecnico e pertanto non tenuti al rilascio della documentazione di conformità del dispositivo, o attraverso dispositivi provenienti da Paesi non comunitari. Situazioni, hanno rilevato, “che impatta in modo rilevante sulla tutela della salute del paziente consumatore finale”. 

Come ribadito ai politici nell’evento di mercoledì 15 giugno, le Associazioni degli odontotecnici chiedono interventi legislativi al fine di porre rimedio a quelle che ritengono storture applicative della normativa ma anche per adeguare il profilo dell’odontotecnico come esclusivo fabbricante di dispositivi medici su misura in modo da poter rispettare i reali obiettivi che la normativa europea indica: ovvero tutelare la sicurezza del cittadino

Sotto potete rivedere l’intervento ed il dibattito con i componenti della Commissione Igiene e Sanità. 


Articoli correlati

La perdita del livello artigianale della protesica diffonde certamente un allarme, soprattutto tra gli odontotecnici, ma per il prof. Gagliani è un allarme confutabile e sconsiderato

di Massimo Gagliani


L’evento ha fatto il punto sulle prospettive future alla luce dell'evoluzione normativa e del mercato con la politica. Domani gli Odontotecnici saranno in audizione al Senato 


Confartigianato Cna e Casartigiani organizzano un confronto con la politica su ruolo e spazio professionale degli odontotecnici. Sarà possibile seguire in diretta l’incontro


Con il nuovo Regolamento cambia la classificazione dei Dispositivi Medici su Misura introducendo quelli adattabili e quelli in serie destinati ad un paziente specifico che devono avere marcatura CE


Le precisazioni del Ministero per la registrazione all’elenco dei fabbricanti e la verifica dei dati già registrati. Attenzione alle sanzioni anche per gli studi che prescrivono la protesi


Altri Articoli

Un dovere etico e morale per un SSN che si rispetti, dice il prof. Gagliani ammettendo che, però, oggi molto è basato sul volontariato e questo non è un bene, per i pazienti


Tra le novità il corso in lingua inglese a la Sapienza. Il numero di posti è però provvisorio in attesa delle decisioni della Stato e Regioni. Ecco i posti assegnati ai singoli atenei sede di...


Sono 77 i posti in più assegnati per il prossimo anno accademico. Ecco la distribuzione ateneo per ateneo. Riattivato il corso a Bari e Bolzano


Nuove prestazioni per la sanità integrativa di 85mila professionisti italiani. Per ANDI grazie a questo accordo si apre una nuova epoca nella sanità integrativa


A luglio dovrebbe arrivare in busta paga per i dipendenti e pensionati. Per gli autonomi se ne parlerà (forse) ad ottobre, ancora da emanare il decreto con le modalità operative


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Ricostruzione estetica con faccette: un caso risolto con tecniche digitali senza dimenticare l’analogico

 
 
 
 
chiudi