HOME - Cronaca
 
 
20 Marzo 2023

Schillaci: odontoiatria sociale è un tema dell’agenda del Governo

Intervenuto al congresso AIO indica le possibili mosse in tema di assistenza delle fasce di popolazione più deboli. Si punta a sinergia tra strutture pubbliche, università ed industria

Francesca Malandrucco

Una revisione dei LEA in tema di salute orale e un piano per l’odontoiatria sociale. Sono le due misure allo studio del Ministro della Salute, prof. Orazio Schillaci, annunciate oggi nel corso dell’evento organizzato a Roma dall’AIO, in occasione della Giornata Mondiale di Promozione della Salute Orale.  

Stiamo valutando iniziative di tipo sociale incentrate sulla sinergia tra strutture pubbliche, Università e industria che preveda sia campagne di prevenzione che campagne terapeutiche, come ad esempio il ripristino di elementi dentali con protesi, con l’obiettivo di garantire e consentire l’accesso alle cure odontoiatriche in particolare alle fasce deboli della popolazione come i bambini e gli anziani”, ha spiegato Orazio Schillaci aggiungendo che “la salute orale è un tema dell'agenda di Governo”.
 “Stiamo anche valutando una prima proposta di revisione delle attuali prestazioni LEA in tema di salute orale, portata alla mia attenzione dal Consiglio Superiore di Sanità – ha aggiunto il Ministro della salute – dove è stato istituito un Gruppo di lavoro, coordinato dal professor Enrico Gherlone, che vede coinvolte tutte le principali componenti dell’Odontoiatria Italiana”.

In Italia il 36,1 % dei bambini, oltre 1 milione e 800mila, è portatore di carie non trattata dei denti decidui. Una percentuale, ha spiegato ancora il ministro Schillaci, solo leggermente inferiore negli adulti, che si attestano al 29,6%. Inoltre sono circa 6,3 milioni gli adulti in Italia, al di sopra dei 20 anni, che non hanno denti o gliene restano almeno 8 su 32. Nelle scorse settimane FederAranziani aveva denunciato le difficoltà per gli over 65 di poter ottenere una protesi.
Per questo è importante tenere alta l’attenzione – ha spiegato il Ministro – Le patologie orali hanno impatti rilevanti sulla qualità della vita. E’ necessaria la prevenzione ma anche garantire l’accesso alle cure”. 

 Il punto critico è la limitata copertura delle prestazioni odontoiatriche da parte del Servizio Sanitario Nazionale e la necessità di mettere in campo un programma di odontoiatria sociale.  

Ad entrare nel merito della proposta allo studio del ministero della Salute è stato il prof. Enrico Gherlone, nella doppia veste di componente del Consiglio Superiore di Sanità e consigliere per l’odontoiatria del Ministro della Salute.  

In Italia sei persone su 10 non possono permettersi di andare dal dentista per motivi economici – ha detto Gherlone – Mentre il 95% delle prestazioni odontoiatriche sono erogate in regime privato e solo il 5% in regime pubblico. La spesa odontoiatrica delle famiglie italiane nel 2022 è stata pari a -14% rispetto al 2018. Inoltre il 48% ricorre a rateizzazione. Da qui la necessità di prevedere un programma di odontoiatria sociale”.  

Gherlone ha dunque spiegato: “Con la laurea abilitante, ad ogni studente sono richieste almeno 161 prestazioni da eseguire come primo operatore sotto tutoraggio, in tutte le branchie specialistiche odontoiatriche. Considerando il numero dei posti previsto con D.M. del 10 febbraio 2023, per il Corso di Laurea Magistrale in Odontoiatria e Protesi Dentaria, dovranno essere effettuate ogni anno in Italia almeno 223mila prestazioni a scopo didattico formativo. Se immaginiamo una sinergia tra strutture pubbliche, università e industria, il sistema universitario potrà erogare circa 700mila prestazioni l’anno con scopo sociale, oltre a quelle già eseguite in ambito istituzionale, che andranno a sommarsi a quelle già erogate in ambito pubblico”.  
"Chiaramente in Consiglio Superiore di Sanità – ha poi proseguito Gherlone - abbiamo proposto la revisione dei LEA e siamo riusciti a capire quanto costerebbe migliorare quello che già c’è come sociale nei LEA: fornendo tutto, costerebbe più di un miliardo”.
Una cifra importante, ha detto il consulente del ministro Schillaci, sottolineando come tuttavia “si sta sempre più notando una maggiore consapevolezza da parte di studi privati verso questa forma di odontoiatria sociale che può aiutare la popolazione a migliorare la qualità della vita”. 

"E' tempo – ha detto il presidente Aio Gerhard K. Seeberger - di collaborare, governo e dentisti, per offrire prevenzione, sigillature ai bambini fra 5 e 10 anni, e di parlare di offerta di dispositivi protesici ai profili vulnerabili in età evolutiva ed over 65. Non solo cura di carie e gengive, i dentisti possono avere un ruolo chiave nella prevenzione dei tumori orali: portarla nello studio del dentista "di famiglia", è l'obiettivo del progetto di formazione dei professionisti "Oral care total care" di AIO”

Sotto alcune dichiarazioni del Ministro della Salute Orazio Schillaci e del prof. Enrico Gherlone raccolte da Odontoiatria33 a margine dell’evento AIO.









Articoli correlati

Nel dibattito politico estivo, la sanità pubblica ed i problemi del nostro Servizio Sanitario Nazionale hanno occupato in più occasioni le pagine dei maggiori quotidiani nazionali (Corriere,...

di Norberto Maccagno


Istituito il Tavolo tecnico che coordinerà e visionerà le varie iniziative attivate per assistere le persone socialmente deboli


Per i nostri video incontri domenicali abbiamo incontrato il prof. Francesco Longo, ricercatore presso il CERGAS Bocconi di cui è stato anche il direttore, per parlare di...

di Norberto Maccagno


La delibera proposta da AIO. Capuano, si interrompe i viaggi della speranza di questi pazienti fragili costretti a rivolgersi in altre regioni per avere assistenza


Una domanda di servizio odontoiatrico domiciliare esisterebbe, dice il prof. Gagliani che aggiunge: basterebbe un piccolo programma fatto seriamente e una nuova odontoiatria “accessibile” 

di Massimo Gagliani


Il Parlamento europeo approva una serie di emendamenti che modificano il regolamento sull’utilizo dell’amalgama individuando uno stop nel 2025 ma con deroghe


Il 27 ottobre a Roma, ma anche online, un evento per informare ed aumentare la consapevolezza di tutti gli attori coinvolti


Prevenzione è il messaggio che viene lanciato a pazienti ed odontoiatri dal Convegno “Verso l’eliminazione dell'amalgama dentale: implicazioni per cittadini e professionisti”, organizzato dal...


Una nota inviata alle Federazioni e Consigli nazionali degli Ordini delle professioni sanitarie, motiva le modifiche effettuate alle norme sulla pubblicità sanitaria


Il Ministro esorta i medici a rispettare l’obbligo formativo pena le sanzioni che gli Ordini dovranno comminare agli inadempienti e ricorda il rischio della mancata copertura...


Nella due giorni dei lavori a Catania focus sulla multidisciplinarietà dell’odontoiatria del domani e sull'odontoiatria di genere per aprire nuovi orizzonti di prevenzione e...


Savini: la sentenza non dice agli odontotecnici che saranno professione sanitaria ma semplicemente che potranno ricominciare l’iter per diventare tali


Altri Articoli

Andrea Piantoni

“Sono molto onorato e orgoglioso di poter assumere questo ruolo in IDI Evolution, che considero la mia famiglia, e di poter proseguire il percorso iniziato ormai diversi anni...


Attraverso il nuovo CCNL vengono definite formazione e mansoni. Per diventare CSO si dovrà frequentare un corso di 90 ore, potrà organizzarlo solo ANDI


Per la prof.ssa Nardi, la prevenzione ha un valore fondamentale che deve essere espresso a livello globale, sia in ambito pubblico che privato, per permettere a tutte le persone assistite degli...

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


Per la Società Italiana di Ortodonzia, alcune malocclusioni possono essere intercettate già a 5/6 anni, queste alcune indicazioni per i genitori


Pensato per persone con disabilità è una sorta di trackpad inserito in una mascherina trasparente posizionata nell’arcata superiore e realizzata con una stampante 3D 


47 gli odontoiatri denunciati, 5milioni di euro il valore dei beni sequestrati e 33 milioni di euro l’ammontare delle tasse non versate


Il dott. Migliano sulla sperimentazione in Lombardia del percorso di apprendistato per ASO e non solo


ANDI dettaglia gli aumenti salariali (indicativi) per i dipendenti degli studi odontoiatrici con l’entrata a regime del nuovo CCNL


L’applicazione si applica anche alle lavoratrici degli studi odontoiatrici con rapporti di lavoro dipendente a tempo indeterminato sia già instaurato che in via di instaurazione


Acquisire le conoscenze e le competenze idonee per riconoscere i segni e i sintomi caratteristici di tale condizione al fine di prevenire e/o attutirne le conseguenze


Immagine di repertorio

L’odontoiatra è titolare di studio, il padre lo “aiutava” curando i pazienti ma non aveva la laurea. Lo studio non era autorizzato, all’interno rivenuto un radiografico senza la...


Non si vive di sola burocrazia dicono i presidenti di AMOlp e  Andiamoinordine chiedendo alle Istituzioni di essere ascoltate e coinvolte su temi fondamentali per lo sviluppo e la sopravvivenza...


Diego Catania, Presidente dell’Ordine TSRM e PSTRP: “Siamo professioni intellettuali, la nostra autonomia non sia messa in dubbio”


Nella due giorni dei lavori a Catania focus sulla multidisciplinarietà dell’odontoiatria del domani e sull'odontoiatria di genere per aprire nuovi orizzonti di prevenzione e...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


12 Febbraio 2024
Vendo immobile adibito a studio odontoiatrico dal 1960

Vendita a Chiasso centro, in Svizzera, immobile adibito dal 1960 a studio odontoiatrico composto da quattro unità operative, con autorizzazione sanitaria. Per informazioni contattare Marzio Negrini: cell. whatsapp +393756589128

 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
chiudi