HOME - Cronaca
 
 
08 Febbraio 2024

‘’Servono più Igienisti dentali’’

L’allarme parte dalla provincia di Bolzano dove i NAS hanno avviato controlli a tappeto per intercettare ASO che svolgono attività cliniche di prevenzione di competenza degli Igienisti dentali. I controlli potrebbero estendersi in altre regioni

Nor. Mac.

Due ASO sono state denunciate a Bolzano per esercizio abusivo della professione, scoperte ad erogare prestazioni di competenza degli Odontoiatri ed altre di competenza degli Igienisti dentali. A seguito di ciò, i carabinieri del NAS hanno attivato controlli a tappeto negli studi odontoiatrici della provincia. A darne notizia è il quotidiano AltoAdige informando che i militari del NAS avrebbero denunciato per abusivismo e concorso in esercizio abusivo due ASO e due odontoiatri titolari di studio. I militari avrebbero accertato che gli ASO effettuavano, senza averne la qualifica, trattamenti di igiene dentale, radiografie e limature dei denti.
Ma leggendo l’articolo, quella di fare svolgere abusivamente le sedute di igiene dentale agli ASO sembrerebbe una necessità dettata dal fatto che nella provincia gli igienisti dentali sono pochi, anche se viene chiarito che questo non può avvenire.

Conosciamo molto bene - purtroppo - i numeri degli studi e degli igienisti dentali e sono sbilanciati. Posso dire che soffriamo una cronica carenza di personale palesata all'Asl. Ci è stato detto che avrebbero fatto il possibile, siamo in attesa di fatti concreti”, dice al quotidiano il presidente CAO di Bolzano Salvatore Rampulla. “Quindici, sedici ogni due, tre anni... non bastano”, continua il presidente Rampulla ricordando che, insieme a Guido Singer, vicepresidente della Commissione e presidente provinciale Andi, “abbiamo inviato una richiesta ufficiale all'allora direttore generale Asl, Florian Zerzer, nella quale abbiamo evidenziato la pesante e preoccupante carenza di personale, ci è stato risposto che avrebbero fatto "tutto il possibile”. “Non capiamo il motivo di tanta resistenza ad attivare nuovi corsi visto che il fabbisogno è importante. Sappiamo che i docenti non mancano”, conclude ricordando che “che l'igiene orale può essere effettuata solo dall'odontoiatra o da igienisti regolarmente iscritti all'Albo”.  

Nella provincia di Bolzano sono iscritti all’Albo 100 Igienisti dentali, circa un Igienista dentale ogni tre iscritti all’Albo degli Odontoiatri della provincia”, dice ad Odontoiatria33 Caterina Di Marco, presidente della Commissione di albo nazionale degli Igienisti dentali aggiungendo: “l’eventuale carenza di Igienisti dentali non giustifica in nessun modo che si faccia svolgere un’attività illecita ad un ASO. In caso di esercizio abusivo di una professione, la responsabilità penale è sia di chi agisce, sia di chi glielo ha consentito”.    

Usare la carenza di Igienisti dentali quale scusante per l’impiego improprio di ASO è assolutamente fuorviante poiché autorizzerebbe, in casi di territori scoperti da odontoiatri, magari nelle comunità montane, a ritenere ammissibile che chiunque possa arrogarsi il diritto di sopperire alla carenza con altre figure, facendo abuso di professione”, continua la presidente Di Marco.  

Sul tema della carenza di Igienisti dentali la presidente Di Marco ricorda come da tempo la Commissione di albo nazionale sia impegnata nelle attività per la determinazione dei fabbisogni formativi. Secondo le stime della Commissione Albo, in Italia ne mancano almeno 2500.

Oggi gli iscritti all’Albo in Italia sono circa 9.600, indubbiamente pochi rispetto ai 47mila studi odontoiatrici attivi sul territorio nazionale”, dice. “Il numero dei professionisti sta aumentando proporzionalmente ogni anno. Lo scorso anno sono stati messi a bando dagli atenei italiani circa 900 posti e per quanto riguarda Bolzano, il Governo della Provincia autonoma si è già attivato con il polo universitario della Claudiana per l’aumento. Peraltro l’istigazione a commettere un abuso da parte di un datore di lavoro, professionista abilitato, è eticamente e deontologicamente scorretto, soprattutto nei confronti della persona assistita a cui viene erogata una prestazione da personale non qualificato. Il primo movens di una terapia deve essere la tutela della salute del cittadino senza rischio”.  

A prova della non eticità di questo comportamento del professionista è che la persona assistita è ignara delle differenti competenze e del rischio per la sua salute a cui andrebbe incontro”, continua la presidente DI Marco. “In caso di mal practice cosa succede? Le prestazioni devono rispondere ai protocolli che garantiscono sicurezza, efficacia ed efficienza fondate su quanto di più robusto ci consegna la letteratura scientifica. La formazione di base delle professioni è fondamentale, prova ne è che il numero degli iscritti ai corsi di laurea è determinato sulla base della potenzialità formativa degli atenei, proprio per permettere una formazione di qualità”.  

Conclude la presidente Di Marco: “Non bisogna spostare l’attenzione da quello che è il problema più grave: l’avallo dell’abusivismo di una professione sanitaria è comunque e sempre da condannare. Infatti ai sensi della legge 3/2018, art. 12, si applica la pena della reclusione da uno a cinque anni e della multa da euro 15.000 a euro 75.000 nei confronti del professionista che ha determinato altri a commettere il reato di esercizio abusivo di una professione per la quale è richiesta una speciale abilitazione dello Stato, ovvero ha diretto l'attività delle persone che sono concorse nel reato medesimo, ed in caso di condanna la confisca delle attrezzature utilizzate”.  


Articoli correlati

Immagine di repertorio

L’odontoiatra è titolare di studio, il padre lo “aiutava” curando i pazienti ma non aveva la laurea. Lo studio non era autorizzato, all’interno rivenuto un radiografico senza la...


Immagine di repertorio

Esercitava senza laurea, sequestrato lo studio. Ora le indagini sono rivolte a ricostruire il giro d’affari per recuperare le tasse non versate


cronaca     30 Gennaio 2024

Abusivo denunciato in Piemonte

Immagine di repertorio

Odontotecnico in pensione scoperto a curare pazienti in un appartamento trasformato in studio. Nei locali trovati anche farmaci scaduti


Immagine di repertorio

Prestava la sua attività in uno studio odontoiatrico della zona. Unico titolo in possesso, un diploma di  igienista" spagnolo non riconosciuto in Italia


Pavese (CAO Asti): un intervento che premia l’impegno condiviso nella tutela della salute pubblica e nel garantire che solo pratiche mediche odontoiatriche legittime vengano autorizzate ad...


La prof.ssa Nardi sottolinea i rischi di una contaminazione microbica e indica i consigli da dare ai propri pazienti per la gestione della fase di igienizzazione

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


Obiettivo del XXI Congresso Nazionale U.N.I.D. è stato fornire un aggiornamento professionale a 360°


Nel rispetto delle proprie competenze tutte le figure del Team odontoiatrico devono lavorare in sinergia sentendosi responsabili. Ecco le indicazioni della prof.ssa Nardi

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


Per la prof.ssa Nardi, l’importante è considerare l’assistenza alla persona motivandolo alla prevenzione che deve essere considerata “terapia del benessere”

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


“Prendersi cura dell’uomo per curare l’organismo, gestire la complessità con la sapiente applicazione di scienza, clinica, professionalità e umanità.”Con questo take home message si è...


Una nota della FNOMCeO ricorda le competenze dell’Ordine territoriale e quello di iscrizione. Questi i compiti del Direttore sanitario e i suoi obblighi


cronaca     17 Novembre 2023

Gengive sane per salvare il sorriso

Presentato alla Camera il progetto SIdP e CAO. Obiettivo: la sensibilizzazione di odontoiatri, medici di famiglia e igienisti dentali, ma anche delle istituzioni e dei cittadini ...


Altri Articoli

Sembra una ovvietà ma non credo che questa affermazione sia un percepito di voi dentisti quando si parla di società odontoiatriche, di “Catene”.Invece l’aveva chiaro il legislatore quanto nel...

di Norberto Maccagno


Di Marco: “non sussiste alcuna subordinazione dell’Igienista dentale rispetto all’Odontoiatra, bensì vi è una proficua e paritetica sinergia nell’interesse della...


Proseguendo la collaborazione con TeamSmile per altri due anni l'azienda compie un ulteriore passo avanti verso il raggiungimento di uno degli obiettivi centrali del suo programma...


Per approfondire l’odontoiatria digitale. Scopri gli appuntamenti e gli eventi gratuiti per odontoiatri ed odontotecnici


Immagine di repertorio

Molti pazienti avevano già versato anticipi per le cure o attivato finanziamenti. Le indicazioni di Adiconsum e della CAO Oristano. Da valutare le responsabilità degli odontoiatri e del direttore...


E' online il corso FAD ECM su Medicina estetica odontoiatrica, relatore Michele Cassetta. Un corso per approfondire ma anche solo capire le possibilità che si sono aperte per lo studio odontoiatrico


In collaborazione con Curasept fino al 13 aprile un doppio appuntamento quotidiano per per raccontare i benefici dell’igiene orale e della cura della bocca


Una guida ENPAM sulle tutele previste per l’inattività temporanea, ma scattano dal 31° giorno di inattività. Per essere coperti sempre, serve anche una polizza ad hoc


Ne abbiamo parlato con la dott.ssa Maria Grazia Cannarozzo in occasione del lancio del corso FAd Edra sul tema


La terza giornata è dedicata al digitale in estetica ed ortodonzia. Le anticipazioni delle relazioni dei dottori Poggio e Cocconi


Ancora due mesi di tempo per i fabbricanti di disposivi medici su misura che devono rifare l’iscrizione al nuovo Registro telematico dei fabbricanti


Il primo italiano ad avere l’onore di aprire la Convention annuale tenendo la Buonocore Memorial Lecture, riconoscimento riservato a pochissimi professionisti al mondo


Tra coloro che soffrono di edentulia più o meno estesa, solo la metà ritiene di poterla ripristinare con una soluzione protesica, fissa o rimovibile. Discriminate il fattore culturale e sociale


Il 22 e 23 febbraio a Chicago, nel corso della settimana del Midwinter Meeting, si è svolto il 95° Congresso di American Prosthodontic Society. L’American Prosthodontic Society, fondata nel...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


12 Febbraio 2024
Vendo immobile adibito a studio odontoiatrico dal 1960

Vendita a Chiasso centro, in Svizzera, immobile adibito dal 1960 a studio odontoiatrico composto da quattro unità operative, con autorizzazione sanitaria. Per informazioni contattare Marzio Negrini: cell. whatsapp +393756589128

 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
chiudi