HOME - Cronaca
 
 
02 Agosto 2010

Per far parlare i denti c’è l’odontologo forense

di Debora Bellinzani


Identificare i cadaveri, ma non solo. Il Laboratorio di antropologia e odontologia forense (Labanof) di Milano è una struttura che fa capo alla Sezione di medicina legale del dipartimento di Morfologia umana dell’Università degli Studi di Milano e tra le sue attività ha anche il recupero di resti umani, la ricostruzione della dinamica di un crimine, l’identificazione di persone viventi che hanno commesso reati o semplicemente non ricordano chi sono, oppure la determinazione della reale età di bambini arrivati da Paesi lontani. Per svolgere tutti questi compiti sono necessarie molte e diverse professionalità come patologi forensi, antropologi, geologi e archeologi; ma tra le varie competenze a essere fondamentali sono anche quelle proprie dell’odontologo forense, che dall’analisi dei denti può ottenere dati spesso determinanti per un’identificazione o la risoluzione di un caso.
Per capire in che cosa consista questa professione e quali informazioni si possano ricavare oggi dall’analisi dei denti - da ciò che resta di essi o semplicemente dalla loro impronta - siamo andati a vedere come lavora un odontologo forense, Danilo De Angelis, al Labanof dal 1997.
L’analisi dello sviluppo dentale
Una delle informazioni che spesso gli investigatori “chiedono” agli odontologi forensi è l’età di una persona. “Quando è possibile verificare il grado di maturazione degli elementi dentari si può stimare l’età del soggetto: la chiusura degli apici per esempio o l’avvenuta eruzione di alcuni denti sono gli indizi visivi che si vanno a ricercare per determinare l’età.”
La richiesta della determinazione dell’età può riguardare persone in vita o decedute. “L’analisi delle caratteristiche dentarie è un elemento importante per determinare l’età di una persona vivente. Quando la situazione lo consente l’analisi viene svolta attraverso uno studio odontologico: è questo ciò che abbiamo fatto per il caso di un ragazzo senza documenti che attualmente si trova in Emilia-Romagna: il ragazzo parla solo inglese e non ricorda nulla sulla sua identità e provenienza. Un altro esempio in cui questo tipo di consulenza ci viene richiesto è la determinazione dell’età di bambini provenienti dall’estero e adottati da famiglie italiane: poiché talvolta i Paesi d’origine dichiarano un’età anagrafica inferiore rispetto a quella biologica, i bambini possono essere inseriti a scuola in una classe che non corrisponde alla loro maturazione effettiva. Uno degli strumenti utilizzabili per questi accertamenti è la radiografia: è possibile misurare l’ampiezza della camera pulpare che, avendo la caratteristica di contrarsi con l’invecchiamento, fornisce informazioni relativamente affidabili riguardo all’età.” In altre situazioni invece, quando non è possibile effettuare una visita odontoiatrica né ottenere radiografie, la determinazione deve basarsi sugli elementi disponibili. “Capita per esempio che la consulenza sia richiesta nell’ambito di inchieste sulla pedopornografia, dove per poter definire il reato si rende necessaria, se possibile, la determinazione dell’età delle vittime attraverso immagini filmate.
Quando la determinazione dell’età riguarda invece un soggetto non più in vita, agli elementi osservabili direttamente e attraverso la radiografia, si aggiunge la possibilità di effettuare prelievi per ulteriori indagini mirate alla valutazione delle modificazioni dentarie legate all’invecchiamento della persona.”
Il profilo biologico
Una delle informazioni basilari che l’odontologo forense deve accertare, quando non sia già evidente, è se gli elementi dentali oggetto dell’analisi siano di origine umana. “La necessità di questo accertamento” spiega Danilo De Angelis “si verifica quando si hanno a disposizione solo frammenti di denti, troppo piccoli per dedurne la forma originaria; in questi casi abbiamo a disposizione tecniche microscopiche che, attraverso l’analisi della disposizione dei prismi di smalto, permettono di riconoscere la struttura tipica della specie di appartenenza dei frammenti dentali. Recentemente, per esempio, è stato richiesto il nostro intervento in seguito al rinvenimento di un frammento dentale in una preparazione alimentare in vendita; in questo caso l’analisi ha consentito di far rientrare l’allarme: abbiamo fornito la certezza che si trattava di un frammento di origine suina finito nella preparazione in una delle fasi di lavorazione del prodotto.”

GdO 2010;7

Articoli correlati

In vista del Congresso della Digital Dental Academy che si terrà a Parma il 24-25 marzo dopo aver sentito Roberto Spreafico e Massimo Nuvina abbiamo sentito Franco Brenna (nella foto), un...


Walter Devoto, libero professionista in Sestri Levante (Ge) è sicuramente un "esperto" in tema di odontoiatria estetica: membro della Academy of Operative Dentistry, socio attivo della...


Sabato prossimo, 11 marzo presso il palazzo Pirelli di Milano, il Sindacato Italiano Assistenti di Studio Odontoiatrico celebrerà il suo Congresso nel decennale della costituzione.Una...


Nei giorni scorsi il presidente della CAO di Roma, Brunello Pollifrone (nella foto), è stato convocato dall'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato a seguito della sua denuncia...


Lunedì 10 Aprile, oppure il 20 dello stesso mese a seconda che si tratti di soggetti IVA mensili o trimestrali, scadrà il termine entro cui inviare, attraverso lo Spesometro, i dati...


Corrado Lagona da tempo si occupa del settore dentale ed in particolare della sua "declinazione" verso il digitale. Anche su Odontoaitria33 si possono trovare sui contributi.Da qualche mese su...


Entro il 31 gennaio 2017 medici e dentisti iscritti all'albo, ma anche le società di capitale, dovranno aver trasmesso attraverso il Sistema Tessera Sanitaria i datti delle fatture emesse nel...


Presenti tra gli scaffali dei prodotti destinati all'infanzia, proposti in morbidi packaging e contenenti generalmente frutta frullata, questi prodotti sono finiti sotto la luce...

di Lorena Origo


Ivoclar intende promuovere una comprensione e una conoscenza più approfondite della profilassi della carie nell’infanzia affinché a ogni bambino sia data l’opportunità di...


Altri Articoli

Un Decreto del Presidente della Repubblica accoglie il ricorso CAO, ANDI, AIO contro l’autorizzazione sanitaria concessa in Friuli ad uno studio di igiene dentale


Il Ministro Bernini firma il decreto per le prove ammissione. Due sessioni disponibili, a maggio e luglio, con la possibilità di partecipare ad entrambe. Ecco come si svolgeranno


Il Consiglio di amministrazione dell’ENPAM ha risolto la questione degli Specialisti esterni mettendo un tetto ai loro contributi previdenziali


Andrea Piantoni

“Sono molto onorato e orgoglioso di poter assumere questo ruolo in IDI Evolution, che considero la mia famiglia, e di poter proseguire il percorso iniziato ormai diversi anni...


Attraverso il nuovo CCNL vengono definite formazione e mansoni. Per diventare CSO si dovrà frequentare un corso di 90 ore, potrà organizzarlo solo ANDI


Per la prof.ssa Nardi, la prevenzione ha un valore fondamentale che deve essere espresso a livello globale, sia in ambito pubblico che privato, per permettere a tutte le persone assistite degli...

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


Per la Società Italiana di Ortodonzia, alcune malocclusioni possono essere intercettate già a 5/6 anni, queste alcune indicazioni per i genitori


Pensato per persone con disabilità è una sorta di trackpad inserito in una mascherina trasparente posizionata nell’arcata superiore e realizzata con una stampante 3D 


47 gli odontoiatri denunciati, 5milioni di euro il valore dei beni sequestrati e 33 milioni di euro l’ammontare delle tasse non versate


Il dott. Migliano sulla sperimentazione in Lombardia del percorso di apprendistato per ASO e non solo


ANDI dettaglia gli aumenti salariali (indicativi) per i dipendenti degli studi odontoiatrici con l’entrata a regime del nuovo CCNL


L’applicazione si applica anche alle lavoratrici degli studi odontoiatrici con rapporti di lavoro dipendente a tempo indeterminato sia già instaurato che in via di instaurazione


Immagine di repertorio

L’odontoiatra è titolare di studio, il padre lo “aiutava” curando i pazienti ma non aveva la laurea. Lo studio non era autorizzato, all’interno rivenuto un radiografico senza la...


Non si vive di sola burocrazia dicono i presidenti di AMOlp e  Andiamoinordine chiedendo alle Istituzioni di essere ascoltate e coinvolte su temi fondamentali per lo sviluppo e la sopravvivenza...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


12 Febbraio 2024
Vendo immobile adibito a studio odontoiatrico dal 1960

Vendita a Chiasso centro, in Svizzera, immobile adibito dal 1960 a studio odontoiatrico composto da quattro unità operative, con autorizzazione sanitaria. Per informazioni contattare Marzio Negrini: cell. whatsapp +393756589128

 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
chiudi