HOME - Cronaca
 
 
18 Luglio 2012

Le competenze del consulente legale quando capita un contenzioso

Danilo De Angelis racconta che cosa significa trovarsi a fare una valutazione se il rapporto medico-paziente fallisce

di Debora Bellinzani


LenteLente

Dopo l'impianto di una protesi dentaria il signor Genovesi (il nome è di fantasia) avverte fastidio e, più in generale, sintomi riconducibili a un'infiammazione delle mucose gengivali. Poiché sa di essere allergico al nichel, il paziente si rivolge a un secondo odontoiatra chiedendo di rimuovere la protesi che gli causa problemi e di sostituirla con una che sicuramente non contenga nichel.
La protesi viene dunque sostituita e i disturbi svaniscono, ma la vicenda non termina con questo lieto fine: il paziente si rivolge a un avvocato che lo aiuti a dimostrare di aver subito un torto dall'odontoiatra che ha effettuato il primo intervento il quale, secondo la sua ipotesi, ha commesso un errore scegliendo una protesi inadatta.
E a questo punto il paziente e il suo avvocato richiedono il parere di un esperto consulente di parte.

Le competenze del consulente
Il nome del paziente è frutto di invenzione ma la vicenda è assolutamente vera: si tratta di uno dei casi affrontati da Danilo De Angelis, odontologo forense del Labanof, dipartimento di Morfologia umana e scienze biomediche dell'Università degli Studi di Milano, e consulente in casi di contenzioso odontoiatra-paziente. Il signor Genovesi e il suo avvocato si sono infatti rivolti a lui per dimostrare che il primo odontoiatra aveva commesso un errore.

Danilo De Angelis ci spiega allora che cosa serve per essere in grado di giudicare il lavoro di un collega. "Per valutare se un lavoro odontoiatrico sia stato ben eseguito e se le sue conseguenze siano riconducibili a una prevedibile complicanza, siano frutto di casualità o di colpa, innanzitutto non bisogna basarsi sul proprio modo di lavorare come odontoiatra" spiega De Angelis; "quando siamo in studio e proponiamo un trattamento al paziente ci basiamo su ciò che pensiamo sia meglio per la sua situazione e sulle nostre capacità di trattare quel caso; fare il consulente, invece, è un ruolo che comporta un metodo così differente che pensare a come noi avremmo eseguito il trattamento costituisce un approccio totalmente sbagliato.
Il consulente, infatti, deve saper costruire pareri basati sull'oggettività delle conoscenze scientifiche di-sponibili, e per questo una delle sue competenze principali è quella di portare studi scientifici a sostegno del suo parere professionale. In pratica, il consulente deve saper cercare nella letteratura scientifica i lavori che trattano l'argo-mento di interesse, saperne valutare la valenza e scegliere su quali basare il parere richiesto".

Quello del consulente è dunque un lavoro che, basandosi su criteri di oggettività, mette in salvo il professionista da conflitti di tipo emotivo, ma "purtroppo non è così facile" continua De Angelis. "Sicuramente l'obiettivo di essere scientifici e rigorosi è il punto cruciale di questo lavoro, sia quando si è consulenti di parte sia quando si interviene come esperti chiamati da un giudice in tribunale. Ma questo obiettivo non si raggiunge facilmente e talvolta comporta una notevole fatica emotiva. Per questo preferisco non accettare casi che riguardano miei conoscenti o parenti, perché il coinvolgimento emotivo e il rischio di non essere obiettivo sarebbe troppo elevato; per lo stesso motivo consiglio a chiunque intraprenda la professione di evitare questo genere di incarichi".

A caccia di nichel
Il primo odontoiatra del signor Genovesi, una volta applicata la protesi, gli aveva consegnato la dichiarazione di conformità che riporta l'elenco dei materiali da cui è composta. Il foglio, come di consueto, riportava il nome commerciale della lega metallica che costituiva la protesi, lega che ufficialmente non contiene nichel. "Il paziente mi ha chiesto di effettuare un'analisi della protesi, che aveva conservato, per verificare senza ombra di dubbio la presenza di nichel" racconta De Angelis. "Io ho cercato di dissuaderlo dal procedere con la verifica di quanto riportato dal produttore della protesi poiché l'analisi è complessa e richiede l'utilizzo di un microscopio a scansione elettronica a emissione di raggi X; il paziente però, forte del disagio che aveva subito, ha deciso ugualmente di procedere con l'analisi".
"Come mi aspettavo", continua De Angelis, raccontando il responso, "le informazioni fornite dal produttore erano assolutamente vere e l'odontoiatra in questo caso non aveva commesso errori in merito alla scelta della lega metallica: la protesi non conteneva alcuna traccia di nichel. Ciò che penso sia avvenuto è semplicemente il fallimento del rapporto tra il paziente e il suo odontoiatra con la conseguente percezione da parte del paziente di essere stato truffato: quando si perde la fiducia, è facile cogliere sintomi di disagio e attribuirli a ciò che riteniamo sia stato un errore e al relativo colpevole; questo è, purtroppo, un esempio di ciò che rilevo nella maggior parte dei casi di cui mi occupo, ossia un progressivo deterioramento del rapporto che può, in alcuni casi, sfociare persino in una causa di tipo penale".

Le verifiche
Naturalmente non in tutti i casi di contenzioso la verifica richiesta prevede l'uso di strumentazioni particolari come il microscopio a scansione elettronica; "al contrario, secondo la mia esperienza, spesso i casi riguardano per esempio gli esiti di una devitalizzazione, lesioni nervose, sinusiti o perimplantiti".

Un problema di relazione?
Resta da capire in quanti casi di contenzioso viene accertato un errore da parte dell'odontoiatra. "Per quello che riguarda la mia esperienza, difficilmente mi è capitato di poter dimostrare errori da parte dell'odontoiatra; per questo ritengo che il più delle volte il contenzioso riguardi un problema di relazione e di aspettative che in particolare il paziente ha riguardo agli esiti delle cure.
Quello che è probabilmente avvenuto tra il signor Genovesi e il suo odontoiatra è simile a ciò che ritrovo nella maggior parte dei casi che affronto come consulente, ossia un difetto nella comunicazione tra odontoiatra e paziente sfociato nella mancanza di fiducia e in un sentimento di rivalsa" afferma De Angelis. "Se il paziente costruisce aspettative non credibili riguardo a un trattamento rimarrà sicuramente deluso; questo non riguarda solo il risultato estetico di un trattamento ma anche, per esempio, una complicanza comune come un edema postchirurgico che il paziente non si aspetta e che invece gli impedisce di recarsi a lavoro come aveva programmato. Tutte le conseguenze inattese possono, nella mente del paziente, essere percepite come un errore dell'odontoiatra anziché possibili complicanze di una determinata procedura".

O un problema di sentire?
Abbiamo girato a De Angelis un'altra domanda. È dunque il sentire comune attuale che dimentica l'esistenza delle complicanze e della possibilità di insuccesso intrinseca di un trattamento e classifica ogni evento come "successo terapeutico" o come "errore medico"?
"Sicuramente ciò che le persone conoscono della medicina, e il modo in cui essa è proposta dai mezzi di informazione, porta in questa direzione: oggi l'informazione sanitaria vive una sorta di 'schizofrenia', esaltando da un lato i meravigliosi prodigi della scienza che tutto può curare e demonizzando dall'altro gli eventi negativi classificandoli quasi sempre come casi di 'malasanità', facendo probabilmente in questo modo 'malainformazione'".
Nell'ambito ristretto del suo studio, l'odontoiatra può fronteggiare questo comune modo di pensare: "Gli strumenti che ha a disposizione, ossia il consenso informato e una prima visita ben condotta, vanno sicuramente ripensati perché possano servire a informare il paziente in modo onesto e completo riguardo alla sua patologia, alle alternative terapeutiche disponibili e alle possibili complicanze di questi interventi, in modo da rendere le aspettative credibili e da limitare il rischio che la comunicazione medico-paziente sfoci nell'incomprensione e nel risentimento.
A chi pensa che queste siano misure cautelative che proteggono solo l'odontoiatra, posso dire che un chiaro consenso informato possa davvero essere l'inizio di un rapporto onesto e soddisfacente tra dentista e paziente".

Leggi anche:
- Per far parlare i denti c'è l'odontologo forense 

GdO 2012;8:9

Articoli correlati

La Fondazione ANDI Onlus ha rinnovato per il quinquennio 2011-2016 il proprio Consiglio di Amministrazione al termine del mandato. Come da statuto l’Esecutivo Nazionale ANDI nella riunione del 27...


Ad un anno dall'arresto, il Consiglio di Stato riassegna a Maria Paola Canegrati, l'imprenditrice in attesa di giudizio per l'accusa di corruzione per gli appalti dati alle cliniche odontoiatriche di...


E' calendarizzata per la Conferenza Stato Regioni di domani 3 marzo la discussione del provvedimento sui regimi autorizzativi proposto dal Ministero della Salute.Contro il documento proposto dal...


I recenti servizi de Le Iene e di Striscia la Notizia hanno riportato d'attualità il fenomeno del turismo odontoiatrico e riaperto la polemica tra media e professione che vede questi servizi...


Secondo la Commissione nazionale ECM il dossier formativo è la vera scommessa per dare qualità all'ECM, il discente dovrà proporre un piano di formazione agganciandosi alla...


Prenderà il via lunedì 27 giugno presso l'Aula Rotelli (ore 9.00) il primo corso Post Graduate di Management e Marketing in Odontoiatria dell'Università Vita-Salute S. Raffaele...


"Quando associazioni di odontotecnici insistono sulla creazione di un profilo sanitario accettano in prospettiva commistioni tra competenze tecniche e odontoiatriche, aprendo la strada a forme di...


L'approvazione della nuova edizione del Codice di Deontologia Medica, del Giuramento professionale e delle note applicative non è stato esente da critiche, oltre alle azioni legali promosse da...


Il Ministero della Salute torna a definire i compiti ed i ruoli dell'igienista dentale. Questa volta per rispondere ad una richiesta inviata dalla CAO nazionale per chiarire la possibilità o...


Altri Articoli

Un Decreto del Presidente della Repubblica accoglie il ricorso CAO, ANDI, AIO contro l’autorizzazione sanitaria concessa in Friuli ad uno studio di igiene dentale


Andrea Piantoni

“Sono molto onorato e orgoglioso di poter assumere questo ruolo in IDI Evolution, che considero la mia famiglia, e di poter proseguire il percorso iniziato ormai diversi anni...


Attraverso il nuovo CCNL vengono definite formazione e mansoni. Per diventare CSO si dovrà frequentare un corso di 90 ore, potrà organizzarlo solo ANDI


Per la prof.ssa Nardi, la prevenzione ha un valore fondamentale che deve essere espresso a livello globale, sia in ambito pubblico che privato, per permettere a tutte le persone assistite degli...

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


Per la Società Italiana di Ortodonzia, alcune malocclusioni possono essere intercettate già a 5/6 anni, queste alcune indicazioni per i genitori


Pensato per persone con disabilità è una sorta di trackpad inserito in una mascherina trasparente posizionata nell’arcata superiore e realizzata con una stampante 3D 


47 gli odontoiatri denunciati, 5milioni di euro il valore dei beni sequestrati e 33 milioni di euro l’ammontare delle tasse non versate


Il dott. Migliano sulla sperimentazione in Lombardia del percorso di apprendistato per ASO e non solo


ANDI dettaglia gli aumenti salariali (indicativi) per i dipendenti degli studi odontoiatrici con l’entrata a regime del nuovo CCNL


L’applicazione si applica anche alle lavoratrici degli studi odontoiatrici con rapporti di lavoro dipendente a tempo indeterminato sia già instaurato che in via di instaurazione


Acquisire le conoscenze e le competenze idonee per riconoscere i segni e i sintomi caratteristici di tale condizione al fine di prevenire e/o attutirne le conseguenze


Immagine di repertorio

L’odontoiatra è titolare di studio, il padre lo “aiutava” curando i pazienti ma non aveva la laurea. Lo studio non era autorizzato, all’interno rivenuto un radiografico senza la...


Se ne deve parlare per evitare d’innestare un circolo vizioso che penalizza studi e pazienti scrive il prof. Gagliani indicando nelle tecnologie uno dei possibili strumenti che possono aiutare...

di Massimo Gagliani


Diego Catania, Presidente dell’Ordine TSRM e PSTRP: “Siamo professioni intellettuali, la nostra autonomia non sia messa in dubbio”


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


12 Febbraio 2024
Vendo immobile adibito a studio odontoiatrico dal 1960

Vendita a Chiasso centro, in Svizzera, immobile adibito dal 1960 a studio odontoiatrico composto da quattro unità operative, con autorizzazione sanitaria. Per informazioni contattare Marzio Negrini: cell. whatsapp +393756589128

 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
chiudi