HOME - Cronaca
 
 
07 Febbraio 2014

Esclusione dalla CIG per i liberi professionisti, forse il Parlamento ci ripensa. Nel 2013 triplicate le richieste per gli studi odontoiatrici


Dopo l'esclusione degli studi professionali dalla cassa integrazione in deroga (CIG) il Parlamento sembra voler ripensarci cominciando a discutere un decreto ministeriale in materia di ammortizzatori sociali in deroga, votato dalle commissioni di Camera e Senato, con il quale si riammette gli studi professionali tra i beneficiari della Cassa integrazione in deroga.

Per mettere pressione alle istituzioni ricordando l'importante ruolo per l'economia italiana in tema di lavoro degli studi professionali Confprofessioni (Confederazione che racchiude le principali sigle sindacali dei professionisti tra cui ANDI) ha organizzato con altre sigle sindacali (Filcams-Cgil, Fisascat- Cisl e Uiltucs-Uil), una manifestazione per dire basta alle disuguaglianze a cui sono sottoposti i professionisti rispetto ad altre attività produttive anche in tema di occupazione.

"Il governo - ha ricordato il presidente di Confprofessioni Gaetano Stella (nella foto)- deve rivedere le proprie posizioni, abbiamo manifestato più volte la nostra preoccupazione per il provvedimento. Gli studi professionali hanno cominciato a usufruire della Cig in deroga dal 2013, con l'acuirsi della crisi. Ma per noi è l'ultima ratio, uno strumento che serve per non licenziare. E' utilizzata solo per necessità. Quello degli studi professionali è un settore che non si è lasciato deprimere dalla crisi e che spesso ha saputo dare importanti risposte alla disoccupazione giovanile. Il nostro saldo è attivo fra assunzioni e licenziamenti, possiamo dare il nostro contributo per ripartire, un decreto così è un colpo basso".

"Le commissioni parlamentari- ha continuato Stella durante l'evento- hanno accolto le nostre istanze, estendendo ai professionisti datori di lavoro la possibilità di accedere agli ammortizzatori sociali in deroga. Per noi si tratta prima di tutto di una battaglia di civiltà per combattere assurde discriminazioni che colpiscono i liberi professionisti e per salvaguardare il livelli occupazionali di un settore economico che sta attraversando una durissima crisi".

Sono 8.092 i percettori di Cig in deroga negli studi professionali per il 2013, per un totale di 2.551.500 ore. 342 gli studi odontoiatrici che l'hanno utilizzata nel 2013 (nel 2012 l'avevano richiesta in 106 studi) per un totale di oltre 68 mila ore.

"Sappiamo che la coperta è corta - ha concluso -, ma non possiamo dimenticare che il ricorso allo strumento della Cig in deroga da parte dei dipendenti degli studi professionali ha inciso per poco più dell'1% delle ore totali. Ci auguriamo che il Governo e i ministeri competenti tengano conto del parere del Parlamento e della Conferenza Stato-Regioni, che ha già espresso preoccupazione per l'esclusione dei datori di lavoro, laddove all'art. 2082 del codice civile venisse data un'applicazione troppo restrittiva. Noi andremo avanti affinchè il governo confermi l'importanza di tale strumento per i nostri dipendenti nell'attuale contesto economico".

Articoli correlati

L’iscrizione è obbligatoria e principalmente a carico del titolare dello studio. Molti i servizi di welfare, assistenza e formazione, anche per i figli, compresi nella quota d’iscrizione 


Obiettivo del nuovo contratto quello di rafforzare le tutele di welfare e aggiornare la normativa contrattuale. Stella (Confprofessioni), serve nuovo impulso per un settore che deve riprendersi...


Potrà essere utilizzato dagli studi con più di 3 dipendenti in caso di riduzione o sospensione dell’attività. Soddisfazione del presidente di Confprofessioni


Stella al Senato presenta proposta di revisione Irpef: parità di trattamento per tutti i redditi da lavoro, progressività graduale dell’imposizione e tagli alle imposte sulla classe media


Il Consiglio generale della Confederazione ha eletto la nuova giunta esecutiva per il prossimo quadriennio. Alla vice presidenza il notaio Claudia Alessandrelli


Una ricerca inglese ha valutato l’impatto che può aver avuto la pandemia da Covid-19 sulla salute mentale dei dentisti oltre a comprendere i livelli di stress che la pandemia ha causato e i...

di Lara Figini


Uno studio inglese indaga il suo “potere distrattivo” durante le sedute

di Lara Figini


Chiudono gli studi singoli, tiene il fatturato ma sono le società ad incrementare


L'Ufficio Statistico dell'Unione Europea (Eurostat), come ogni anno, pubblica un una classifica delle varie professioni, anche quelle sanitarie, in base al numero dei professionisti in funzione del...


Attraverso il nuovo CCNL vengono definite formazione e mansoni. Per diventare CSO si dovrà frequentare un corso di 90 ore, potrà organizzarlo solo ANDI


ANDI dettaglia gli aumenti salariali (indicativi) per i dipendenti degli studi odontoiatrici con l’entrata a regime del nuovo CCNL


Altri Articoli

Un Decreto del Presidente della Repubblica accoglie il ricorso CAO, ANDI, AIO contro l’autorizzazione sanitaria concessa in Friuli ad uno studio di igiene dentale


Il Ministro Bernini firma il decreto per le prove ammissione. Due sessioni disponibili, a maggio e luglio, con la possibilità di partecipare ad entrambe. Ecco come si svolgeranno


Il Consiglio di amministrazione dell’ENPAM ha risolto la questione degli Specialisti esterni mettendo un tetto ai loro contributi previdenziali


Andrea Piantoni

“Sono molto onorato e orgoglioso di poter assumere questo ruolo in IDI Evolution, che considero la mia famiglia, e di poter proseguire il percorso iniziato ormai diversi anni...


Attraverso il nuovo CCNL vengono definite formazione e mansoni. Per diventare CSO si dovrà frequentare un corso di 90 ore, potrà organizzarlo solo ANDI


Per la prof.ssa Nardi, la prevenzione ha un valore fondamentale che deve essere espresso a livello globale, sia in ambito pubblico che privato, per permettere a tutte le persone assistite degli...

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


Per la Società Italiana di Ortodonzia, alcune malocclusioni possono essere intercettate già a 5/6 anni, queste alcune indicazioni per i genitori


Pensato per persone con disabilità è una sorta di trackpad inserito in una mascherina trasparente posizionata nell’arcata superiore e realizzata con una stampante 3D 


47 gli odontoiatri denunciati, 5milioni di euro il valore dei beni sequestrati e 33 milioni di euro l’ammontare delle tasse non versate


Il dott. Migliano sulla sperimentazione in Lombardia del percorso di apprendistato per ASO e non solo


ANDI dettaglia gli aumenti salariali (indicativi) per i dipendenti degli studi odontoiatrici con l’entrata a regime del nuovo CCNL


L’applicazione si applica anche alle lavoratrici degli studi odontoiatrici con rapporti di lavoro dipendente a tempo indeterminato sia già instaurato che in via di instaurazione


Immagine di repertorio

L’odontoiatra è titolare di studio, il padre lo “aiutava” curando i pazienti ma non aveva la laurea. Lo studio non era autorizzato, all’interno rivenuto un radiografico senza la...


Non si vive di sola burocrazia dicono i presidenti di AMOlp e  Andiamoinordine chiedendo alle Istituzioni di essere ascoltate e coinvolte su temi fondamentali per lo sviluppo e la sopravvivenza...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


12 Febbraio 2024
Vendo immobile adibito a studio odontoiatrico dal 1960

Vendita a Chiasso centro, in Svizzera, immobile adibito dal 1960 a studio odontoiatrico composto da quattro unità operative, con autorizzazione sanitaria. Per informazioni contattare Marzio Negrini: cell. whatsapp +393756589128

 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
chiudi