HOME - Cronaca
 
 
15 Marzo 2010

È importante tenere alta la guardia per tutelare la professione

di Roberto Callioni


Come ho più volte avuto modo di dire, per parlare seriamente di fondi integrativi dobbiamo partire da un punto certo: i fondi integrativi sono una legge dello Stato tracciata nel 1999 dalla riforma Bindi e resa operativa dal Governo Prodi e successivamente da quello Berlusconi. Dico questo per chiarire che non vi è la possibilità di tornare indietro: chi fa intendere questo prende in giro i colleghi. Probabilmente ci sono ancora margini di trattativa per cercare, sia attraverso i regolamenti attuativi che il Governo deve ancora emanare, sia mediante un lavoro di concertazione con i gestori dei fondi, di evitare che questi creino problemi al settore oltre che agli stessi cittadini. Il punto è quello di riuscire a imporre il fatto che la qualità offerta agli aderenti sia di buon livello e che il professionista sia adeguatamente remunerato.
Per questo l’Andi si propone come interlocutore con le istituzioni e con i gestori dei fondi utilizzando tutti gli strumenti in suo possesso, anche tariffari e tempari, per dimostrare che sotto certi minimi, qualitativi ed economici, non si può stare. Su questo punto plaudiamo il Ministero per la creazione del tavolo tecnico per la realizzazione delle raccomandazioni cliniche dove Andi ricopre, e ricoprirà ancorpiù in fase di verifica, un ruolo attivo. Ritengo che siamo in una fase transitoria in cui sono ancora molti i fattori sui quali possiamo intervenire. Dovremo valutare come i gestori si organizzeranno, quali prestazioni offriranno gratuitamente, quali a prezzi concordati.
Certamente nessuno obbligherà i dentisti italiani a convenzionarsi e i professionisti che lo faranno non dovranno essere considera ti di serie B. Trovo che siano i colleghi della mia generazione a percepire di più uno stato di disagio verso questi strumenti, mentre i giovani si adattano meglio alla situazione. Per la mia generazione lo studio mono-professionale era un dogma, mentre adesso non è più così. I giovani colleghi fortunatamente si pongono il problema deontologico per evitare di andare a fare i prestanome, ma si adattano a situazioni nuove come i franchising. A questa fotografia professionale dobbiamo anche aggiungere le mutazioni legate all’applicazione della direttiva europea sulla libera circolazione dei professionisti. Sono poi convinto - come dentista prima ancora che come presidente Andi - che per uno studio, anche il più piccolo, la “pazientela” indotta dalla convenzione con i fondi integrativi interesserà qualche mezza giornata alla settimana di lavoro; per questo ritengo che potrà essere utile ai colleghi più giovani, che stanno vivendo la professione diversamente da chi l’ha intrapresa trenta o quaranta anni fa. Un’associazione come Andi che rappresenta sia il dentista affermato sia il giovane deve cercare di sostenere sindacalmente tutte le parti.
Più che commentare i dati del sondaggio da voi effettuato, peraltro interessanti, vorrei ricordare che il pericolo portato dai fondi alla professione odontoiatrica non sarà tanto quello della loro attivazione - molti sono già attivi da tempo -, ma sarà dato dal fatto che questi verranno contemplati nei rinnovi contrattuali di molte categorie obbligando, nel concreto, i lavoratori a rivolgersi ai dentisti convenzionati per accedere a una serie di prestazioni a tariffe stabilite. Dovremo lavorare affinché questo “movimento” di pazienti non finisca principalmente nelle cliniche gestite dalle società di capitale e, torno a dirlo, perché la qualità delle prestazioni sia buona e le retribuzioni per i dentisti aderenti adeguate.
Concludendo, vorrei porre attenzione sul dato del vostro sondaggio che indica l’alta percentuale di colleghi disinformati. Questo dimostra che il gran parlare che si fa intorno a questo argomento è un esercizio “esclusivo” dalla nomenclatura professionale, mentre i colleghi preferiscono approfondire, per esempio, una nuova tecnica piuttosto che documentarsi o seguire i dibattiti su argomenti politico sindacali. E questo non è bene. Nei miei sei anni di presidenza Andi ho puntato molto sulla comunicazione per dare visibilità alla nostra professione e per dare ai colleghi tutti gli strumenti necessari per capire, farsi un’opinione ed essere consapevoli delle proprie scelte professionali. Come si dice, una persona informata sa valutare, gli altri rischiano di credere a chi “vende loro fumo”.

GdO 2010; 4

Articoli correlati

IntroduzioneL’ancoraggio palatale sta diventando una tecnica sempre più diffusa in ortodonzia. Tale procedura consente di avere ancoraggio pressoché totale per le...


Il morso aperto è considerato come una deviazione nella relazione verticale delle arcate dentali mascellare e mandibolare, caratterizzata da una mancanza di contatto tra segmenti...

di Davide Elsido


Quasi mai le leggi sono chiare, da sempre lo diciamo e la conferma arriva poi dalla necessità di spiegarle attraverso circolari o peggio ancora affidare alla magistratura, con le sentenze, la...


Come riforma della responsabilità medica fino a una settimana fa si parlava di "ddl Gelli", e in Senato prima ancora "ddl Bianco" dai nomi dei relatori. Ora la legge c'è, si chiama...


E' certamente l'ospite internazionale più atteso del prossimo IX Meeting Mediterraneo AIOP in programma il 7 - 8 Aprile a Riccione.Pascal Magne è uno dei punti di riferimento...


Egregio Direttore,mi complimento per la sua conoscenza delle dinamiche previdenziali dei Liberi Professionisti. Non posso però esimermi dall'evidenziare alcuni passaggi utili ad una corretta...


Walter Devoto, libero professionista in Sestri Levante (Ge) è sicuramente un "esperto" in tema di odontoiatria estetica: membro della Academy of Operative Dentistry, socio attivo della...


Si è svolto lo scorso 23 settembre il rinnovo delle cariche nazionali di Confartigianato Odontotecnici, che ha visto l'elezione per acclamazione di Gennaro Mordenti, che sarà affiancato...


Come era accaduto per il sisma che aveva colpito L'Aquila e quello che ha devastato zone dell'Emilia, Fondazione ANDI torna in prima linea per aiutare cittadini e colleghi. Come in quelle occasioni...


Dal gennaio 2015 il professor Enrico Gherlone è il presidente del Collegio dei Docenti Universitari di Discipline Odontostomatologiche. Oltre a essere il primo presidente di un corso di laurea...


Una ricerca inglese ha valutato l’impatto che può aver avuto la pandemia da Covid-19 sulla salute mentale dei dentisti oltre a comprendere i livelli di stress che la pandemia ha causato e i...

di Lara Figini


Uno studio inglese indaga il suo “potere distrattivo” durante le sedute

di Lara Figini


Altri Articoli

Una piattaforma permette di monitorare le performance di incasso con un'unica dashboard, gestendo diversi metodi di pagamento, dal tradizionale POS a soluzioni più avanzate come...


L'American Dental Association non raccomanda più l'uso di collari tiroidei sui pazienti durante gli esami radiografici e aggiorna le linee guida sulla diagnostica per immagini


In occasione della Giornata nazionale della salute della donna, Straumann Group e l’esperta hanno fatto un punto sull’odontoiatria di genere in Italia, sulle differenze del sorriso di donne e...


Promuovere la consapevolezza delle diverse dimensioni della salute della donna pensando ad un approccio personalizzato deve essere l’obiettivo anche di odontoiatri ed igienisti dentali


Patrimonio sale di 1,6 miliardi di euro e registra un utile di 538milioni. Di euro Nel 2023 ENPAM ha erogato prestazioni previdenziali ed assistenziali per 3,34miliardi di euro


Etica ed estetica nell’ambito odontoiatrico sono strettamente legate; entrambe sono cruciali per garantire cure efficaci e rispettose dei pazienti. E’ il tema affrontato in...

di Dino Re


A Napoli operativa la clinica mobile, obiettivo: offrire un servizio territoriale di prevenzione e prima cura alle categorie più fragili della società, garantendo loro il...


Lunedì 22 aprile alle ore 9:00 il ministero della Salute organizza, con il supporto di Edra S.p.A., un incontro interamente dedicato al tema della salute femminile, in occasione della Giornata...


UNIDI ha realizzato una collettiva con 23 aziende italiane per promuovere l’eccellenza italiana e presentare l’innovazione per il settore del Made in Italy


Gli attuali 10mila pensionati liberi professionisti prendono, in media, poco più di 16mila euro l’anno, ma il dato medio è falsato, spiegano da ENPAM indicando come fare a conoscere l’importo...


In vista della Giornata nazionale della salute della donna, la prof.ssa Nardi riflette sulla medicina personalizzata al genere applicata alla salute orale

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


È stato nominato nel corso della recente Assemblea Generale dell'EFP. Espandere la leadership della Federazione, incentivare la formazione dei clinici,...


La fotografia dall’indagine dell’Osservatorio Sanità di Unisalute: Un italiano su tre non fa una visita odontoiatrica o una seduta di igiene orale da oltre tre anni


Nuova puntata del podcast Dentechstry di IDI Evolution. Protagonisti di questa puntata, l’odontoiatra Gabriella Grassi e lo psicologo Feliciano Lizzadro. Il tema la medicina...


 
 
 
 

Il Podcast
dell'Innovazione
Odontoiatrica

TUTTI GLI EPISODI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
chiudi