HOME - Cronaca
 
 
20 Settembre 2010

La ricerca dell’identità

di Debora Bellinzani


Nella sala anatomica però avvengono anche le identificazioni, e i corsisti hanno potuto assistervi in prima persona. Nei giorni precedenti alla lezione erano stati consegnati i resti ossei di una donna insieme a una radiografia odontoiatrica eseguita in vita, sperando che gli esperti del Labanof potessero trovare una corrispondenza certa. E infatti così è stato: una volta identificato l’elemento dentario più caratteristico tra quelli rinvenuti insieme ai resti, è stata eseguita una radiografia di quel solo elemento che è stata confrontata con quella ante mortem, e la loro sovrapposizione ha dato esito positivo ri-attribuendo un nome alla persona e quel che resta di un corpo ai parenti. Quando invece non si trovano elementi utili all’identificazione, uno dei metodi che possono essere utilizzati per aiutare le indagini è la ricostruzione dell’aspetto del viso a partire dal cranio. Davide Porta, uno dei maggiori esperti in Italia in questo ambito, ha spiegato come si realizza una ricostruzione tridimensionale, posizionando muscolo per muscolo sopra a una copia del cranio, utilizzando misurazioni e proporzioni supportate dalla letteratura scientifica, e arrivando a ottenere una certa forma del naso, della bocca, delle guance, della fronte e degli occhi. “Contrariamente a quanto ci spingono a credere le serie televisive famose, questo tipo di ricostruzione non è una prova che porta all’identificazione perché vi sono troppi elementi di incertezza riguardo per esempio a quale poteva essere la reale lunghezza del naso o a come si presentavano le palpebre; la ricostruzione è piuttosto un’immagine che si spera sia abbastanza somigliante da far nascere un sospetto nei conoscenti e portare a un’ipotesi identificativa che dovrà poi essere confermata da elementi più certi” ha detto Davide Porta; “io ritengo comunque che il futuro della ricostruzione facciale dovrà focalizzarsi meno sulle misurazioni e più sulla psicologia del riconoscimento, concentrandosi cioè sulla ricostruzione degli elementi del viso che le persone istintivamente riconoscono e ricordano più facilmente.” Se dalle ossa del cranio si possono ipotizzare l’aspetto del viso o il sesso della persona, dai denti invece, che non possiedono segni che distinguano l’uomo dalla donna, è possibile ricavare altri elementi utili per l’identificazione. Nel seguito di questa descrizione sul prossimo numero del GdO potrete scoprire come i denti forniscano, talvolta grazie alla semplice analisi visiva e talvolta grazie a complesse formule matematiche di cui si può imparare l’utilizzo, indicazioni importanti riguardo alla razza, all’età e all’identità della persona.
Un mosaico da ricostruire
Le ossa sono ancora sui tavoli con le loro storie, una donna mai identificata ritrovata un parco di Bologna e un uomo rinvenuto incatenato in una cantina, e la lezione prosegue per insegnare agli odontoiatri che seguono il corso che cosa si osserva per trovare elementi utili a determinare la razza e l’età della persona a cui i resti sono appartenuti.
La razza, termine che in ambito antropologico non ha alcuna valenza discriminatoria ma indica semplicemente le caratteristiche etniche del corpo umano, è uno degli elementi che può trovare indizi utili nella conformazione dei denti. “Il diastema è più comune nelle persone di razza negroide mentre i cosiddetti “denti a pala” ossia con il perimetro più rilevato rispetto alla parte centrale sul versante palatale, sono una caratteristica più comune nelle persone di razza mongolide” ha spiegato Danilo De Angelis, odontologo forense e insegnante del corso. L’esempio delle caratteristiche etniche rende bene l’idea di come proceda il lavoro per un consulente in odontoiatria legale od odontologia forense, tra ipotesi da verificare attraverso altri elementi concordanti e valutazioni da avvalorare con un continuo riferimento alla letteratura scientifica esistente. Le statistiche in letteratura riportano per esempio che i “denti a pala” sono riscontrabili nel 91% della popolazione cinese, giapponese e tibetana, nel 90% dei finlandesi, nel 95% dei nativi americani e nel 50% dei lapponi; ciò significa che compito dell’odontologo è rilevare questo elemento sebbene non sia decisivo per la determinazione della razza e considerarlo una delle diverse tessere del mosaico che, insieme a ogni tipo di informazione disponibile riguardante per esempio la struttura dei capelli o la descrizione delle persone scomparse, andrà a comporre un quadro di indizi che ha lo scopo di portare a un’identificazione certa.

GdO 2010;12

Articoli correlati

In una revisione con meta-analisi, pubblicata su JADA di agosto 2020, gli autori hanno voluto valutare i fattori di rischio della carie in ogni trimestre della gravidanza 

di Lara Figini


Si è riunito sabato 27 gennaio 2018 nella prima assemblea operativa il nuovo Comitato Centrale della Fnomceo sotto la presidenza di Filippo Anelli (nella foto). Ai primi posti dell'agenda...


"Alcuni problemi di salute orale sono più rilevanti o più diffusi nel sesso femminile": lo rileva Silvio Abati (nella foto), professore di Malattie odontostomatologiche...


Maria Giovanna Rossini

I dati riguardanti la situazione lavorativa negli ultimi anni delle dentiste donne in Italia evidenziano come il numero di figure femminili impegnate nelle specialità di ortodonzia e...


A questa domanda risponde in modo esauriente, affrontando numerosi temi, il dossier di Dental Cadmos del numero di gennaio 2014 che dà inizio al primo corso FAD del nuovo anno.Innanzi tutto...


Lo scopo di questo studio, pubblicato su Dental Materials, era di stimare la resistenza alla fatica ciclica di premolari restaurati con due tipologie differenti di ceramiche...

di Massimo Gagliani


L’introduzione di impianti corti, definiti tali quando al di sotto dei 10 mm, consente l’inserimento implantare anche in condizioni di scarsa altezza ossea evitando...

di Lara Figini


L'esposizione di un canino superiore in inclusione ossea rappresenta sempre un momento di grande impegno, sia dal punto di vista diagnostico che terapeutico. Oggi, grazie alla Tomografia a fascio...


Sabato 22 ottobre 2016 si è tenuto a Orta San Giulio (NO) la 28 edizione dello storico congresso Piemontese organizzato da ANDI Novara. Durante la giornata, dedicata alla protesi fissa che ha...


L'Agenzia del Farmaco (AIFA) ha emanato due importanti determine in tema di utilizzo delle tossine botuliniche Botox e Dysport a base del principio attivo neurotossina di Clostridium Botulinum di...


Se "procedura" evoca un appesantimento burocratico avete perso un'occasione per lavorare bene. La burocrazia, nata per guidare attività di più soggetti secondo criteri di...


Altri Articoli

Un Decreto del Presidente della Repubblica accoglie il ricorso CAO, ANDI, AIO contro l’autorizzazione sanitaria concessa in Friuli ad uno studio di igiene dentale


Il Ministro Bernini firma il decreto per le prove ammissione. Due sessioni disponibili, a maggio e luglio, con la possibilità di partecipare ad entrambe. Ecco come si svolgeranno


Andrea Piantoni

“Sono molto onorato e orgoglioso di poter assumere questo ruolo in IDI Evolution, che considero la mia famiglia, e di poter proseguire il percorso iniziato ormai diversi anni...


Attraverso il nuovo CCNL vengono definite formazione e mansoni. Per diventare CSO si dovrà frequentare un corso di 90 ore, potrà organizzarlo solo ANDI


Per la prof.ssa Nardi, la prevenzione ha un valore fondamentale che deve essere espresso a livello globale, sia in ambito pubblico che privato, per permettere a tutte le persone assistite degli...

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


Per la Società Italiana di Ortodonzia, alcune malocclusioni possono essere intercettate già a 5/6 anni, queste alcune indicazioni per i genitori


Pensato per persone con disabilità è una sorta di trackpad inserito in una mascherina trasparente posizionata nell’arcata superiore e realizzata con una stampante 3D 


47 gli odontoiatri denunciati, 5milioni di euro il valore dei beni sequestrati e 33 milioni di euro l’ammontare delle tasse non versate


Il dott. Migliano sulla sperimentazione in Lombardia del percorso di apprendistato per ASO e non solo


ANDI dettaglia gli aumenti salariali (indicativi) per i dipendenti degli studi odontoiatrici con l’entrata a regime del nuovo CCNL


L’applicazione si applica anche alle lavoratrici degli studi odontoiatrici con rapporti di lavoro dipendente a tempo indeterminato sia già instaurato che in via di instaurazione


Acquisire le conoscenze e le competenze idonee per riconoscere i segni e i sintomi caratteristici di tale condizione al fine di prevenire e/o attutirne le conseguenze


Non si vive di sola burocrazia dicono i presidenti di AMOlp e  Andiamoinordine chiedendo alle Istituzioni di essere ascoltate e coinvolte su temi fondamentali per lo sviluppo e la sopravvivenza...


Se ne deve parlare per evitare d’innestare un circolo vizioso che penalizza studi e pazienti scrive il prof. Gagliani indicando nelle tecnologie uno dei possibili strumenti che possono aiutare...

di Massimo Gagliani


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


12 Febbraio 2024
Vendo immobile adibito a studio odontoiatrico dal 1960

Vendita a Chiasso centro, in Svizzera, immobile adibito dal 1960 a studio odontoiatrico composto da quattro unità operative, con autorizzazione sanitaria. Per informazioni contattare Marzio Negrini: cell. whatsapp +393756589128

 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
chiudi