HOME - Cronaca
 
 
26 Settembre 2010

L’esperienza di una società unica

di Norberto Maccagno


Se un giorno qualcuno dovesse indagare sulle origini geografiche del fenomeno del low-cost odontoiatrico italiano probabilmente dovrebbe andare a Gemona (Ud) e rivolgersi ad Alessandro Marini o a uno dei suoi soci. Il dottor Marini, medico dentista over 50, è il presidente di Progetto Dentale Apollonia, una delle prime cliniche (la prima, ci dice) low-cost nate in Italia.
“L’idea - spiega - è nata dall’esigenza di contrastare il turismo odontoiatrico verso Croazia e Slovenia e risolvere il problema del calo pazienti che, quando abbiamo avviato il progetto, era diventato importante.” Nel 2005 con altri colleghi fonda un consorzio: inizialmente sono otto gli studi che condividono gli acquisiti e praticano gli stessi prezzi, poi nel 2007 diventano ventidue. Ma intanto si è fatta strada l’idea di aprire una vera e propria clinica, che offrisse prestazioni a prezzi contenuti, ma di qualità.
Nel low-cost odontoiatrico, racconta, non basta abbassare i prezzi per rendere una struttura efficiente ed economicamente sostenibile. “Sono molte le realtà che dopo poco tempo si sono accorte che non è semplice riuscire a far convivere prezzi contenuti con servizi e prestazioni di qualità e che oggi rischiano di chiudere. Il nostro, ritengo, sia il modello vincente perché nasce da un serio lavoro di programmazione.” Per capire come operano abbiamo intervistato sia Alberto Marini sia l’amministratore delegato della società Progetto Dentale Apollonia, Angelo Gottardo, proveniente dal mondo della finanza.
Ripartiamo dall’inizio: come nasce Progetto Dentale Apollonia?
Nasce nel 2007 come Srl, quando alcuni odontoiatri e un odontotecnico friulani, che decidono di contrastare il calo di lavoro dovuto alla crisi e al turismo odontoiatrico, creano, a seguito di studi e simulazioni, un modello operativo vincente. Cinque i soci fondatori (tre dentisti, un odontotecnico e un “laico” amministrativo) che aprono il 30 marzo 2008 la prima clinica a Gemona (Ud). Nel contempo è stato attivato un ampio ed evoluto laboratorio protesico dove, grazie alla collaborazione di alcuni laboratori della zona, vengono preparati i manufatti protesici. Nella primavera del 2010 sono state aperte le strutture di Udine, Villotta di Chions (Pn e Ronchi dei Legionari (Go). Tutte le nostre strutture hanno dieci riuniti e sono dotati delle più avanzate attrezzature, quelle di Pordenone e Udine anche di Tac. Con questi quattro centri riteniamo di aver ben presidiato il Friuli Venezia-Giulia.
Ci spiega come è organizzata una vostra struttura tipo?
Attualmente le strutture di Progetto Dentale Apollonia (quattro cliniche e un laboratorio odontotecnico) impiegano circa ottanta dipendenti diretti ripartiti tra assistenti alla poltrona, personale di ricevimento e amministrativo e odontotecnici e si avvale della collaborazione esterna di oltre settanta professionisti, tra odontoiatri e igienisti.
Si pensa che nel vostro tipo di strutture i collaboratori siano prevalentemente neolaureati. Come “arruolate” gli odontoiatri?
I collaboratori sono tutti laureati in Italia, di comprovata esperienza e serietà. Al di là di quanto si dica, non ci avvaliamo della collaborazione di neolaureati o comunque di personale inesperto: ricerchiamo collaboratori professionali preparati, che lavorino con perizia e che abbiamo un’alta produttività.
Sono tutti retribuiti a percentuale, quindi, più lavorano, maggiori sono i loro compensi.
Nei primi tempi sono stati “arruolati” non senza fatica, a mezzo annunci; attualmente, grazie al passaparola tra professionisti, riceviamo quotidianamente molte richieste di collaborazione.
Le confesso che sono sempre di più i professionisti, anche con oltre venti anni di esperienza, che ci chiedono di collaborare in modo fisso e continuativo, riducendo o addirittura interrompendo l’attività nei propri studi e arrivando fino alla chiusura dell’ambulatorio.
D’altronde, noi garantiamo elevati standard qualitativi, materiali e attrezzature avanzate, assistenti preparati e soprattutto tanto lavoro.
Voi vi definite low-cost di qualità. Che cosa intendente?
Riteniamo di offrire, a prezzi corretti, una valida odontoiatria. Ogni clinica adotta un protocollo operativo che contempla tutte le varie modalità: da come rispondere al telefono a quali frese usare, da come prendere un’impronta a come disinfettare il riunito. Tutti i dispositivi medici e i manufatti protesici sono certificati CE e dotati di dichiarazione di conformità; noi stessi, entro fine anno, dovremmo ultimare le procedure per ottenere le certificazioni di qualità Iso.
Qual è la tipologia di paziente che si rivolge a voi? La scelta avviene prevalentemente per i prezzi o per altro?
Nei primi tempi, nella struttura di Gemona il target dei pazienti era medio, medio-basso.
Devo dire che con il passare dei mesi il target si è notevolmente ampliato ed è ora equiparabile a quello di uno studio dentistico tradizionale. Nelle nuove strutture siamo invece partiti subito con una fascia media di pazienti.
La nostra clientela si rivolge a noi principalmente grazie al passaparola (circa il 70%): il livello di soddisfazione è elevato e, come detto precedentemente, viene notato il fatto di pagare tariffe interessanti e corrette a fronte di un’odontoiatria di livello.
La nostra pubblicità è minima e solamente istituzionale.
Sono molti i pazienti che vengono nelle nostre strutture da varie regioni, ma anche dalla Slovenia. Per questo ci siamo strutturati fornendo servizi che consentano un soggiorno agevole; ovviamente per questi pazienti abbiamo rivisto i tempi di attesa tra una visita e l’altra.
Come fate a proporre prestazioni, anche protesiche, al 50% in meno rispetto al tariffario Andi?
I nostri prezzi sono competitivi per molteplici motivi: i riuniti sono utilizzati su due turni del personale, sei giorni la settimana, dalle 8 alle 21; gli acquisti avvengono in maniera massiva e con un limitato numero di fornitori e da ciò consegue un elevato potere contrattuale; la parte protesica è il risultato di alcune evidenti economie di scala.
Per esempio, il nostro laboratorio, dove operano dieci odontotecnici, si avvale della collaborazione di alcune strutture della zona che forniscono dispositivi a prezzi ridotti rispetto alle tariffe di mercato, sempre rispettando standard di qualità e operativi.
Ci dà un’indicazione del vostro giro d’affari?
Nel 2009 la sola struttura di Gemona del Friuli ha fatturato oltre sei milioni di euro contro i circa tre milioni del 2008. Partendo dall’apertura avvenuta nel marzo 2008 ecco qualche numero: a fronte di oltre 70 mila prestazioni eseguite (nel 2008 22.847; nel 2009 47.670) abbiamo curato complessivamente quasi 14 mila pazienti (2008: 5.525; 2009: 8.411). Le contestazioni ricevute sono state solamente sette e, tra l’altro, sono ancora in fase di valutazione extragiudiziale.
Strutture come le vostre sono spesso oggetto di critiche da parte della professione e dell’Ordine. È frequente essere nel mirino dei controlli?
Questi numeri suscitano “gelosie” e “irritazione” tra gli esponenti locali di Andi e Aio e conseguentemente i rapporti non sono idilliaci. Dai primi mesi di lavoro nel 2008 la struttura di Gemona è stata visitata e controllata da ogni genere di autorità, risultando sempre priva di criticità.
Dirò di più: inuovi centri di Villotta di Chions e Ronchi dei Legionari sono stati progettati e realizzati seguendo tutti i più avanzati criteri e utilizzando i migliori materiali e attrezzature tecniche: abbiamo ricevuto i complimenti da parte di tutte le autorità sanitarie per la loro bellezza, pulizia, razionalità e organizzazione.
Voi siete localizzati in Friuli Venezia-Giulia, pensate di espandervi anche in altre regioni?
Attualmente siamo a un bivio: espanderci in Italia e uscire dai confini della nostra regione, aprendo quindi nuove strutture grazie a partner del settore validi e affidabili, o creare una rete in franchising.

GdO 2010;12

Articoli correlati

In vista del Congresso della Digital Dental Academy che si terrà a Parma il 24-25 marzo dopo aver sentito Roberto Spreafico e Massimo Nuvina abbiamo sentito Franco Brenna (nella foto), un...


Walter Devoto, libero professionista in Sestri Levante (Ge) è sicuramente un "esperto" in tema di odontoiatria estetica: membro della Academy of Operative Dentistry, socio attivo della...


Sabato prossimo, 11 marzo presso il palazzo Pirelli di Milano, il Sindacato Italiano Assistenti di Studio Odontoiatrico celebrerà il suo Congresso nel decennale della costituzione.Una...


Nei giorni scorsi il presidente della CAO di Roma, Brunello Pollifrone (nella foto), è stato convocato dall'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato a seguito della sua denuncia...


In un articolo, pubblicato sul British Dental Journal, gli autori hanno messo in evidenza i punti salienti di confronto tra l’ingegneria aeronautica e l’odontoiatria. E non solo poche, dalle...

di Lara Figini


Nelle scorse settimane un altro articolo della 175/92, il numero 9, era stato giudicato ancora valido da un tribunale, quello di Cosenza che aveva sanzionato la titolare di un Centro odontoiatrico...


Quando esiste una legge, indipendentemente dal fatto che si chiami 175/92 o Volponi: la si applica e non la si discute. Conosco questa legge a memoria, la applico e proprio ultimamente ho dimostrato...


Stando alle anticipazioni sulla prossima legge finanziaria la tanto discussa IRAP, l'imposta regionale sulle attività produttive, potrebbe andare in pensione per essere sostituita dall'IRI...


A molti la Legge Volponi non dice molto, anche se pienamente in vigore. A ricordare la sua esistenza è stata ieri la trasmissione Striscia la Notizia con il servizio di Valerio Staffelli...


Nella restaurativa diretta, prevalentemente per il trattamento del settore frontale, recentemente è stata introdotta una nuova metodica: La Injection Molding Technique, che...

di Dino Re


Nella puntata inaugurale del 2024 del Clinical Arena abbiamo deciso di affrontare una delle tematiche più richieste tra i nostri lettori ossia gli impianti in zirconio.Uno degli obiettivi della...

di Dino Re


Altri Articoli

Un Decreto del Presidente della Repubblica accoglie il ricorso CAO, ANDI, AIO contro l’autorizzazione sanitaria concessa in Friuli ad uno studio di igiene dentale


Il Ministro Bernini firma il decreto per le prove ammissione. Due sessioni disponibili, a maggio e luglio, con la possibilità di partecipare ad entrambe. Ecco come si svolgeranno


Andrea Piantoni

“Sono molto onorato e orgoglioso di poter assumere questo ruolo in IDI Evolution, che considero la mia famiglia, e di poter proseguire il percorso iniziato ormai diversi anni...


Attraverso il nuovo CCNL vengono definite formazione e mansoni. Per diventare CSO si dovrà frequentare un corso di 90 ore, potrà organizzarlo solo ANDI


Per la prof.ssa Nardi, la prevenzione ha un valore fondamentale che deve essere espresso a livello globale, sia in ambito pubblico che privato, per permettere a tutte le persone assistite degli...

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


Per la Società Italiana di Ortodonzia, alcune malocclusioni possono essere intercettate già a 5/6 anni, queste alcune indicazioni per i genitori


Pensato per persone con disabilità è una sorta di trackpad inserito in una mascherina trasparente posizionata nell’arcata superiore e realizzata con una stampante 3D 


47 gli odontoiatri denunciati, 5milioni di euro il valore dei beni sequestrati e 33 milioni di euro l’ammontare delle tasse non versate


Il dott. Migliano sulla sperimentazione in Lombardia del percorso di apprendistato per ASO e non solo


ANDI dettaglia gli aumenti salariali (indicativi) per i dipendenti degli studi odontoiatrici con l’entrata a regime del nuovo CCNL


L’applicazione si applica anche alle lavoratrici degli studi odontoiatrici con rapporti di lavoro dipendente a tempo indeterminato sia già instaurato che in via di instaurazione


Acquisire le conoscenze e le competenze idonee per riconoscere i segni e i sintomi caratteristici di tale condizione al fine di prevenire e/o attutirne le conseguenze


Non si vive di sola burocrazia dicono i presidenti di AMOlp e  Andiamoinordine chiedendo alle Istituzioni di essere ascoltate e coinvolte su temi fondamentali per lo sviluppo e la sopravvivenza...


Se ne deve parlare per evitare d’innestare un circolo vizioso che penalizza studi e pazienti scrive il prof. Gagliani indicando nelle tecnologie uno dei possibili strumenti che possono aiutare...

di Massimo Gagliani


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


12 Febbraio 2024
Vendo immobile adibito a studio odontoiatrico dal 1960

Vendita a Chiasso centro, in Svizzera, immobile adibito dal 1960 a studio odontoiatrico composto da quattro unità operative, con autorizzazione sanitaria. Per informazioni contattare Marzio Negrini: cell. whatsapp +393756589128

 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
chiudi