HOME - DiDomenica
 
 
09 Luglio 2017

Dando i numeri capiamo il settore, se si leggono con obiettività


Questa settimana Odontoiatria33 ha pubblicato una serie di notizie con tanti numeri. Numeri che fotografando alcuni aspetti del settore, consentono di dare una visione più dettagliata delle questioni permettendo analisi e, ovviamente, commenti. Spesso in politica i dati vengono letti a seconda di cosa si vuole sostenere. Esaltando un dato o omettendo di accostarlo ad un altro la stessa ricerca, a seconda di chi la commenta, può confermate o ribaltare le posizioni. E' capitato leggendo la stampa generalista che ha riportato alcuni dati o qualche pagina Facebook di settore che ha condiviso quegli articoli. Noi abbiamo cercato di mettere insieme i dati per confrontarli in modo da dare un quadro il più chiaro possibile.

Chi è il dentista ANDI?

I primi dati presentati sono stati quelli che certificano l'ennesima crescita di ANDI nel numero dei soci. La fotografia ha anche permesso di capire chi è il socio ANDI, che si conferma un titolare di studio (ovviamente visto che oltre l'85% degli esercenti è un libero professionista con partita iva) ma il 26% è altro: collaboratore senza studio socio di studio associato o società. Che in termini numerici fa quasi 7 mila dentisti. Un vero e proprio sindacato nel sindacato, un numero consistente di odontoiatri che per motivi differenti hanno fatto, in termini di modello di esercizio professionale, una scelta differente dal titolare di studio. In più occasione ho scritto della mia impressione che (oggi) questi professionisti fatichino a trovare una rappresentanza anche se vederli iscritti così numerosi ad ANDI sembrerebbe darmi torto. (vai alla notizia)

Da che dentista sceglie di andare il paziente?

La completa ed accurata ricerca Key-Stone sulle scelte dei cittadini in termini di offerta odontoiatrica presentata durante il primo evento pubblico di ANCOD (la associazioni dei centri odontoiatrici) conferma alcuni dati già rilevati sul tema e ne presenta altri molto interessanti, oltre ad avere il merito di aver dato un quadro dettagliato sulla questione. Dati che certificano come lo studio del dentista tradizionale viene scelto per fiducia mentre le strutture odontoiatriche, che non sono solo le catene ma anche le altre società ed i polimabulatori, vengono scelte dopo una più o meno attenta analisi che passa anche dalla ricerca del miglior rapporto qualità prezzo. Sapendo bene quali sono i fattori considerati dal cittadino come buona qualità: spesso estranei alla prestazione clinica. Ricerca che fotografa anche le differenze in tema di prestazioni erogate e di organizzazione. (vai alla notizia)

Vola l'industria del settore grazie agli sgravi fiscali

L'annuale Studio di Settore UNIDI, giunto alla undicesima edizione, ha evidenziato come per la prima volta la crescita del fatturato dell'industria italiana del settore è stato trainato dal mercato interno e non dall'export. E questo grazie agli incentivi fiscali concessi dal maxi-ammortamento.

Diversamente è andata per studi odontoiatrici e laboratori odontotecnici alle prese con un mercato altalenante. (vai alla notizia)

Norberto Maccagno

Articoli correlati

Sovente, direi sempre, le lotte sindacali contro le norme che impongono nuovi adempimenti si concentrano sulla burocrazia, sulle responsabilità, sull’opportunità, quasi mai sulle sanzioni. Forse...

di Norberto Maccagno


Ricorderete, e se non lo ricordate eccomi qui per aiutarvi a farlo, le dichiarazioni del Ministro della Salute e del presidente FNOMCeO a fine anno, in prossimità della scadenza...

di Norberto Maccagno


Sembra una ovvietà ma non credo che questa affermazione sia un percepito di voi dentisti quando si parla di società odontoiatriche, di “Catene”.Invece l’aveva chiaro il legislatore quanto nel...

di Norberto Maccagno


Della vicenda dei “dentisti in black”, come hanno titolato alcuni giornali baresi, ad avermi colpito non è tanto la questione etica, morale, sociale, giudiziaria, ma il fatto...

di Norberto Maccagno


Nella settimana del Festival di Sanremo, non potevamo che affrontare un argomento glamour: i grillz, i brillantini o altri “gingilli” applicati ai denti. Tra i più famosi il sorriso...

di Norberto Maccagno


Altri Articoli

A Napoli operativa la clinica mobile, obiettivo: offrire un servizio territoriale di prevenzione e prima cura alle categorie più fragili della società, garantendo loro il...


Lunedì 22 aprile alle ore 9:00 il ministero della Salute organizza, con il supporto di Edra S.p.A., un incontro interamente dedicato al tema della salute femminile, in occasione della Giornata...


UNIDI ha realizzato una collettiva con 23 aziende italiane per promuovere l’eccellenza italiana e presentare l’innovazione per il settore del Made in Italy


Gli attuali 10mila pensionati liberi professionisti prendono, in media, poco più di 16mila euro l’anno, ma il dato medio è falsato, spiegano da ENPAM indicando come fare a conoscere l’importo...


In vista della Giornata nazionale della salute della donna, la prof.ssa Nardi riflette sulla medicina personalizzata al genere applicata alla salute orale

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


È stato nominato nel corso della recente Assemblea Generale dell'EFP. Espandere la leadership della Federazione, incentivare la formazione dei clinici,...


E’ possibile recuperare le ore mancanti e in attesa di recuperarle l’ASO può comunque essere assunto? Il parere di ANDI, IDEA e del SIASO 


La fotografia dall’indagine dell’Osservatorio Sanità di Unisalute: Un italiano su tre non fa una visita odontoiatrica o una seduta di igiene orale da oltre tre anni


Nuova puntata del podcast Dentechstry di IDI Evolution. Protagonisti di questa puntata, l’odontoiatra Gabriella Grassi e lo psicologo Feliciano Lizzadro. Il tema la medicina...


Immagine d'archivio

Dopo la sentenza del Tar era tornato il “concorsone”,  ma adesso i giudici del Consiglio di Stato hanno riabilitato il TolC test online. Cosa potrà cambiare?


Obiettivo: formare in real time i professionisti del dentale attraverso la realtà aumentata attraverso un'esperienza di apprendimento personalizzata con consulenze live a distanza


Tra abbuoni ed atre riduzioni, un odontoiatra che lo scorso triennio ha raccolgo almeno 120 crediti può assolvere l’obbligo formativo di questo triennio recuperando 46 crediti in tre anni, ecco...


La norma contenuta nel Decreto PNRR non convince il Sindacato Italiano Medici di Medicina Ambulatoriale e del Territorio (SIMMAT)


A poche settimane dalla scadenza per la re-iscrizione al Registro dei fabbricanti, una utile guida di ANTLO per capire e determinare la classe di rischio dei dispositivi fabbricati


 
 
 
 

Il Podcast
dell'Innovazione
Odontoiatrica

TUTTI GLI EPISODI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
chiudi