HOME - DiDomenica
 
 
03 Dicembre 2017

Tariffario no, profilo si e paziente omaggiato


Il parere (negativo) dell'AGCM sull'equo compenso non è stato recepito dalla politica che ha approvato il provvedimento. Ma l'equo compenso ed il tariffario unico sono veramente un impedimento alla libera concorrenza, uno svantaggio per i consumatori se venissero applicati?

L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato nella sua segnalazione non dice nulla di nuovo, se non confermare le sue posizioni: ovvero la necessità che anche per la libera professione vengano garantiti i principi di concorrenza. E la norma sull'equo compenso lo impedirebbe.

Authority che va poi oltre sottolineando come, "secondo i consolidati principi antitrust nazionali e comunitari, le tariffe professionali fisse e minime costituiscano una grave restrizione della concorrenza, in quanto impediscono ai professionisti di adottare comportamenti economici indipendenti e, quindi, di utilizzare il più importante strumento concorrenziale, ossia il prezzo della prestazione".

In realtà la norma approvata nel decreto fiscale tutela i professionisti dai poteri forti (banche assicurazioni per fare un esempio) e vieta che venga applicata alle prestazioni rese ai cittadini. Ho già scritto che questa norma, se non verrà "spiegata meglio" attraverso i decreti attuativi o le circolari ministeriali, difficilmente troverà applicazione nel settore odontoiatrico.

Proviamo però ad ipotizzare che questo avvenga.

Le collaborazioni tutelate saranno quelle tra collaboratore odontoiatra o igienista dentale e titolare della struttura (catena, service o libero professionista) che non potrà più imporre la "paga" da erogare al collaboratore ma dovrà stare alle tariffe medie. Quindi la norma non è contro la concorrenza ma contro lo sfruttamento del lavoro professionale da parte di chi ha più potere contrattuale. Perché, poi, lo studio che paga 10 euro l'ora il proprio collaboratore non è detto che si faccia pagare meno dal paziente.

Per quanto riguarda le tariffe minime abolite dalla Bersani potrei essere d'accordo con l'AGCM che non vuole che vengano reintrodotte. Lasciamo perdere che quelle per medici ed odontoiatri quando furono abolite (2006) erano ferme al 1995: bastava aggiornarle.
Un tariffario minimo certamente può essere uno strumento per condizionare il mercato, per fare sì che i professionisti facciano cartello e quindi impediscano al paziente di poter "girare" per gli studi per trovare quello più a buon mercato. Ma oggi che non vi sono più vincoli ed il paziente è libero di girare per trovare il dentista che gli offre la prestazione a meno, veramente c'è più concorrenza o più confusione.

Non sono certo io a spiegarvi che una prestazione professionale non è un oggetto e che la sua qualità è data da una infinito numero di fattori, tra cui il principale è la capacità di un professionista. Inoltre ogni professione ha una sua particolarità e molte prestazioni sono difficilmente comparabili. Anche prestazioni che sembrano tutte uguali, ad esempio un atto notarile di compravendita di una casa ha le sue variabili così come ha le sue variabili una otturazione o una cura canalare.

La soluzione più logica potrebbe essere quella del tariffario indicativo in modo da dare al paziente un parametro di riferimento. In cambio, per agevolare veramente il consumatore paziente, all'AGCM si potrebbe offrire una percentuale dalla quale il professionista può discostarsi: sia per i minimi ma anche per il costo massimo.

Voi pur di avere un tariffario indicativo sottoscrivereste la proposta? Attendo i vostri commenti sulla nostra pagina Facebook.

 

Soddisfazioni ASO

Dopo il commento a caldo del sindacato delle Assistenti di Studio Odontoiatrico (SIASO) riportato a caldo a pochi minuti dal via libera della Stato regioni del profilo abbiamo riportato la soddisfazione delle sue associazioni di riferimenti, AIASO e IDEA.

  

Buona Natale paziente

Ricevere dal proprio dentista un "pensierino" natalizio è sicuramente una attenzione che viene apprezzata. Grazie a Moyra Girelli e Massimo Depedri di Aula 41 vi abbiamo evidenziato anche gli aspetti di marketing e fiscali che stanno dietro al gesto. (vai alla notizia)

Norberto Maccagno

Articoli correlati

Potrebbe regolamentare il rapporto tra professionisti, fondi ed assicurazioni ma serviranno ulteriori chiarimenti ed interventi perché sia utile ad un settore “particolare” come quello...


Tra i temi di stretta attualità su cui il Governo (o parte di esso) dice di voler intervenire -comunque lo annuncia- c’è quello del salario minimo. Che è di fatto la copia...

di Norberto Maccagno


Egr. Direttore, Non vi è dubbio che le “lenzuolate” bersaniane di circa dieci anni fa abbiano liberalizzato molti settori della nostra economia (servizi bancari, assicurativi e notarili,...


Come ogni Primo Maggio si riapre il dibattito se sia giusto o meno tenere aperti i centri commerciali. Chissà come si comporteranno gli studi odontoiatrici al loro interno? La...


Credo che nessuno possa, oggi, ipotizzare se il Ddl Lorenzin diventerà mai legge. La Commissione Sanità del Senato, decidendo di approvare il documento senza modifiche rispetto al testo...


Mentre arriva l'approvazione del Decreto Fiscale che ha introdotto per tutti i professionisti il diritto all'equo compenso, la Commissione Albo Odontoiatri dell'Ordine di Roma pubblica sul sito...


Dato un numero certo di guanti, tovaglioli ed aspirasaliva acquistati in un anno, sapendo che l'assistente ha le mani più piccole ed utilizza i guanti diversi da quelli del dentista, che si...


Ma fare l'abusivo o il prestanome, "conviene"? Il dubbio mi è venuto scrivendo la notizia del dipendente del centro odontoiatrico e il direttore sanitario denunciati a Milano per concorso in...


Che un bel sorriso sia un ottimo biglietto da visita è risaputo. Vederlo come requisito necessario per poter partecipare ad un concorso pubblico mi ha, positivamente, incuriosito. Il requisito...


Aiutatemi a fare due conti. Secondo l'Agenzia delle Entrate i medici e i dentisti con partita iva sono circa 170 mila. Quanti di loro nel 2017 hanno effettuato almeno una fattura ad un paziente...


Non è direttamente riferita al settore odontoiatrico ma credo che non possa passare in secondo piano la vicenda della signora di mezza età che si è rifiutata di farsi visitare...


Altri Articoli

Sfogliando l’innovativo e importante strumento è possibile conoscere la gamma di prodotti offerta, ma anche approfondire gli aspetti clinici grazie alla presentazione di casi e...


Un approfondimento EFP evidenza perchè i più recenti purificatori d’aria interni dotati di filtri HEPA dovrebbero essere installati in studi dentistici, ed ambienti sanitari...


Rimborsi in arrivo, scadenze e altri avvisi personalizzati. L’Agenzia comunica con i cittadini anche sull’App IO


10 ore di aggiornato valido per l’assolvimento dell’obbligo annuale. Update circa la gestione delle attrezzature ed i macchinari presenti in uno studio odontoiatrico


Accompagnamento assistenziale odontoiatrico alla mamma per il periodo di gestazione e al bambino fino ad età scolare e oltre


Corso FAD EDRA da 5 moduli ECM per un totale di 25 ore formative, coordinatore scientifico il prof. Giovanni Maria Gaeta


Devono effettuarla le strutture sanitarie che incassano i compensi dovuti per conto del professionista a cui affittano l’area operativa


Concorso pubblico, per titoli ed esami, per la copertura di un posto di ASO a tempo indeterminato. Le domande dovranno essere inviate entro il 5 maggio 2024


Le due Associazioni hanno promosso un webinar informativo con la senatrice Erika Stefani sulla legge sull’equo compenso evidenziando la necessità che l’attuale legge sia estesa anche ai rapporti...


Queste le regole per raccogliere il 60% dei crediti attraverso autoformazione, formazione individuale, tutoraggio e pubblicazione articoli scientifici


Cronaca     09 Aprile 2024

Endocrown, il nuovo libro EDRA

Già un best-seller il libro Di Spreafico. Chirico e Gagliani che approfondisce una nuova via per la ricostruzione dei denti trattati endodonticamente


Patent protagonista al "Forum for Innovation" durante il Congresso Nazionale SIdP 2024 portando studi indipendenti che dimostrano l’assenza di perimplantite a 9 e 12 anni


I contratti tra collaboratori odontoiatri ed igienisti dentali e titolari dello studio devono essere redatti a tutela di entrambi, ma quali sono le caratteristiche anche in...


Se ci fosse un indicatore per il cambiamento nella musica, questo finirebbe fuori scala se volesse misurare quanti e quali cambiamenti Miles Davis ha compiuto da quando,...

di Massimo Gagliani


 
 
 
 

Il Podcast
dell'Innovazione
Odontoiatrica

TUTTI GLI EPISODI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
chiudi