HOME - DiDomenica
 
 
15 Settembre 2019

Quando l’offerta di uno sbiancamento gratis, salva una vita

di Norberto Maccagno


“E’ difficile immaginare che, 6 settimane fa, mi stavo preparando per l'operazione. Oggi la mia preparazione è per gli US Open di Tennis”. A scriverlo sulla propria pagina Facebook è Nicole Gibbs (nella foto) tennista statunitense (134° al mondo) che il 13 maggio scorso annunciava, sempre via social, che il suo dentista le aveva individuato una lesione sospetta che poi si è rivelata una rara forma tumorale alle ghiandole salivari. 

E’ il sito sportivo ESPN ad approfondire la vicenda con una intervista all’Alteta raccontando di come, in vista dell’addio al nubilato della sua amica a rivale danese Caroline Wozniacki, la Gibbs abbia approfittato di una offerta promozionale ricevuta via mail per una seduta gratuita di sbiancamento. Voleva, racconta, un sorriso a prova di selfie.
La tennista ha approfittato dell’offerta e durante la visita che ha preceduto la seduta di sbiancamento, racconta la Gibbs a ESPN, “il mio nuovo dentista ha notato un piccolo rigonfiamento sul palato. Me l’ha fatto notare e gli ho detto che lo sapevo e ne avevo parlato con il mio medico cinque anni prima ma mi aveva detto che era una leggera crescita ossea e non c’era nulla di cui preoccuparsi”. 

Invece il dentista si è preoccupato, ha insistito ed ha fatto fare una biopsia. L’esito è stato di un raro caso “carcinoma adiacente microcistico”, spero che il termine sia corretto.

Visto che era stato diagnosticato in tempo, è bastato un piccolo intervento chirurgico che ha consentito all’Alteta non solo di guarire ma anche di riprendere subito l’attività sportiva. 

Agli US Open la Gibbs ci è poi andata, ha superato le qualificazioni ma il 28 agosto è stata sconfitta al primo turno dalla rumena Simona Halep, numero 4 al mondo, (3-6;6-3;2-6). La sua vittoria l’aveva però già raccolta nello studio del dentista. 

Una storia, quella di Nicole Gibbs, che non può che fare piacere a tutti quelli che da tempo lavorano per sensibilizzare cittadini ed Istituzioni sul tumore del cavo orale e di quanto sia importante la prevenzione, la visita di controllo dal dentista.
Una di quelle storie sicuramente da citare ad esempio come caso virtuoso. 

La domanda che ora vorrei provi è: ma se la Gibbs non avesse ricevuto via mail quella promozione per una seduta di sbiancamento gratuito, come sarebbe andata a finire?  

Ma aspettate a rispondere. 

Aggiungo questa considerazione. Ma se è stata la visita gratuita a portare la Gibbs nello studio dentistico, il vero valore aggiunto è stato, però, la professionalità del dentista che ha fatto il suo dovere che non era (solo) quello di rendere luccicante il sorriso della paziente, ma visitarla. 

Sulle visite gratuite Si o No i dentisti potrebbero parlarne per degli anni senza giungere ad una posizione univoca. Il vostro Codice Deontologico (art. 52) la consente “in particolari circostanze”, a patto che “tale comportamento non costituisca concorrenza sleale o illecito accaparramento di clientela”. 

Indubbiamente quel dentista che ha proposto lo sbiancamento gratuito alla tennista via mail l’ha fatto per farsi conoscere e trovare nuovi pazienti o cementare un rapporto con i suoi clienti/pazienti. Ma in questo caso quella visita gratuita ha probabilmente permesso di salvarle la vita o almeno evitare problemi più seri.  

Ma il gratis o meno può essere veramente il vero problema per il paziente?

Penso che abbiano ragione sia chi sostiene che tutto ciò che possa convincere i cittadini ad andare in uno studio dentistico sia un bene, ma anche chi dice che questa possa essere una scusa per “accaparrarsi pazienti”. 

Credo che la vicenda della tennista Gibbs abbia dimostrato, come se ce ne fosse bisogno, che è il singolo dentista a fare la differenza, è lui con i suoi atti a decidere se essere un commerciante o un medico, ma anche che tutte e le due cose probabilmente possono coesistere, se il fine rimane il bene del paziente. 

Se chi propone una visita gratuita la fa in modo frettoloso, superficiale o peggio ancora proporrà cure inutili o vantaggiose per l'economia dello studio e non per la salute del paziente, allora ha ragione chi dice che tutto ciò che è gratis è solo mercificare la professione. Ma il problema in questo caso non nasce perchè la visita è gratis, una visita non scrupolosa è un problema sia se è pagata poco o tanto.

Se proponi un impianto a due euro, il problema non è il costo ma se quel dentista quell'impianto lo compra sapendo che non ha i requisiti di sicurezza necessari, lo mette male non dedicandoci il tempo necessario o la professionalità necessaria per fare una buona riabilitazione perché: "tanto il paziente paga poco".

Quindi alla fine, a fare la differenza, è sempre la coscienza del dentista, la sua etica professionale e non il costo della prestazione, almeno la vicenda della Gibbs sembrerebbe dimostrare questo.   


Photo Credit: pagina Facebook Nicole Gibbs

Articoli correlati

Per la prof.ssa Nardi, la prevenzione ha un valore fondamentale che deve essere espresso a livello globale, sia in ambito pubblico che privato, per permettere a tutte le persone assistite degli...

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


Il prof. Gagliani: si deve lavorare per rendere coscienti le popolazioni sul valore della prevenzione per farlo percepire come un investimento, ma non è semplice farlo

di Massimo Gagliani


La prof.ssa Nardi ricorda come il controllo delle patologie oro-dentali prima e durante la gravidanza migliori la qualità di vita della donna, diminuisce l’incidenza di patologie orali nel bambino...

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


Uno studio in vitro valuta l'effetto della configurazione della testina dello spazzolino da denti e dell’abrasività del dentifricio sullo sviluppo di lesioni cervicali non...

di Lara Figini


È vero che le sigarette elettroniche sono meno dannose di quelle tradizionali? La risposta da una ricerca italiana


Fallita l’azienda texana che vendeva online gli allineatori fai da te. Ora i pazienti si trovano senza assistenza e con le rate da pagare


Una nota inviata alle Federazioni e Consigli nazionali degli Ordini delle professioni sanitarie, motiva le modifiche effettuate alle norme sulla pubblicità sanitaria


Ne abbiamo parlato con il prof. Antonio Pelliccia. “Si deve cominciare con il saper creare una relazione con i propri pazienti prima di pensare ai vari strumenti per farsi conoscere ed alla...


Le proposte di raccomandazioni del Gruppo di Lavoro ICT della FNOMCeO: no alle fake news e cautela nelle “amicizie” con pazienti


Pubblicate in Gazzetta Ufficiale le modifiche al comma 525 della Legge 145/18, l’informazione sanitaria non potrà contenere messaggi “attrattivi”


Le donne diventano dipendenti dal fumo più rapidamente e hanno difficoltà a smettere e a mantenere l’astinenza da fumo. La prof.ssa Nardi analizza una serie di dati sul tema ...

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


Tornano a crescere i fumatori, un italiano su quattro fa uso di sigarette e tabacco. Ecco come i professionisti del cavo orale possono incoraggiare i pazienti a smettere di fumare

di Arianna Bianchi


Altri Articoli

Sembra una ovvietà ma non credo che questa affermazione sia un percepito di voi dentisti quando si parla di società odontoiatriche, di “Catene”.Invece l’aveva chiaro il legislatore quanto nel...

di Norberto Maccagno


Di Marco: “non sussiste alcuna subordinazione dell’Igienista dentale rispetto all’Odontoiatra, bensì vi è una proficua e paritetica sinergia nell’interesse della...


Proseguendo la collaborazione con TeamSmile per altri due anni l'azienda compie un ulteriore passo avanti verso il raggiungimento di uno degli obiettivi centrali del suo programma...


Per approfondire l’odontoiatria digitale. Scopri gli appuntamenti e gli eventi gratuiti per odontoiatri ed odontotecnici


Immagine di repertorio

Molti pazienti avevano già versato anticipi per le cure o attivato finanziamenti. Le indicazioni di Adiconsum e della CAO Oristano. Da valutare le responsabilità degli odontoiatri e del direttore...


E' online il corso FAD ECM su Medicina estetica odontoiatrica, relatore Michele Cassetta. Un corso per approfondire ma anche solo capire le possibilità che si sono aperte per lo studio odontoiatrico


In collaborazione con Curasept fino al 13 aprile un doppio appuntamento quotidiano per per raccontare i benefici dell’igiene orale e della cura della bocca


Una guida ENPAM sulle tutele previste per l’inattività temporanea, ma scattano dal 31° giorno di inattività. Per essere coperti sempre, serve anche una polizza ad hoc


Ne abbiamo parlato con la dott.ssa Maria Grazia Cannarozzo in occasione del lancio del corso FAd Edra sul tema


La terza giornata è dedicata al digitale in estetica ed ortodonzia. Le anticipazioni delle relazioni dei dottori Poggio e Cocconi


Ancora due mesi di tempo per i fabbricanti di disposivi medici su misura che devono rifare l’iscrizione al nuovo Registro telematico dei fabbricanti


Il primo italiano ad avere l’onore di aprire la Convention annuale tenendo la Buonocore Memorial Lecture, riconoscimento riservato a pochissimi professionisti al mondo


Tra coloro che soffrono di edentulia più o meno estesa, solo la metà ritiene di poterla ripristinare con una soluzione protesica, fissa o rimovibile. Discriminate il fattore culturale e sociale


Il 22 e 23 febbraio a Chicago, nel corso della settimana del Midwinter Meeting, si è svolto il 95° Congresso di American Prosthodontic Society. L’American Prosthodontic Society, fondata nel...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


12 Febbraio 2024
Vendo immobile adibito a studio odontoiatrico dal 1960

Vendita a Chiasso centro, in Svizzera, immobile adibito dal 1960 a studio odontoiatrico composto da quattro unità operative, con autorizzazione sanitaria. Per informazioni contattare Marzio Negrini: cell. whatsapp +393756589128

 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
chiudi