HOME - DiDomenica
 
 
24 Aprile 2022

Parliamo di Erasmus, di ASO che tolgono le bande ortodontiche e del perché conseguire il diploma di specialità

di Norberto Maccagno


Nei video incontri domenicali cerco di approfondire argomenti meno considerati nel dibattito di settore. Tra questi andare all’estero per fare esperienza, pur laureandosi in Italia.
Un percorso formativo utilizzato da milioni di studenti di vari indirizzi in tutta Europa, italiani inclusi, che consente di frequentare i corsi universitari, della scuola secondaria, degli istituti professionali in altri Paesi europei grazie al progetto Erasmus. Stando al sito ufficiale, dal 1987 (anno di attivazione) sono stati quasi 600 mila gli studenti italiani ad averlo utilizzato.  

Non ho trovato dati specifici, ma credo siano pochi gli studenti di Odontoiatria ad averne approfittato.   Studiare all’estero, nel settore dentale, è probabilmente visto come la via d’uscita per potersi laureare e poi tronare a lavorare in Italia, e non come un’opportunità per confrontarsi con colleghi di altri Paesi.  

Ma, forse, molti studenti che frequentano i vari Atenei sede di corso di laurea in Odontoiatria, solamente non hanno mai pensato a questa possibilità.  

Lo ha fatto la dott.ssa Ornella Rossi, che mentre si laureava all’Insubria di Varese e poi una volta laureata mentre studiava per ottenere il diploma di specializzazione in ortognatodonzia, ha chiesto ed ottenenuto, di svolgere parte della propria formazione pratica all’estero. Prima a Lisbona, poi in Svizzera ed in Germania.  

Per questo motivo l’abbiamo sentita, per capire come funziona, quali le opportunità, quale è stata la sua esperienza, magari per stimolare altri studenti ad intraprendere questo percorso di formazione e confronto, che la dott.ssa Rossi ha definito estremante positivo ed utile.   Frequentare all’estero svolgendo l’attività clinica, ci ha raccontato, consente soprattutto di vivere l’odontoiatria del posto sia dal punto di vista clinico ma anche operativo e perché no, anche normativo, confrontandola con quella italiana.  

Così, per esempio, durante il suo stage svolto all’estero (in Germania), per completare il percorso di specializzazione, frequentando uno studio di ortognatodonzia ha notato la differente organizzazione non tanto nella gestione del paziente ma nei ruoli e nelle mansioni del Team odontoiatrico.
Le ASO svolgono alcune mansioni cha da noi sono riservate al clinico come, per esempio, togliere le bande a fine terapia ed altre pratiche da noi non consentite”, ci ha raccontato ammettendo da prima lo stupore (vedendola da italiana) ma poi positivamente costatando che affidando all’ASO queste attività, permette all’ortodontista di avere più tempo da dedicare ai pazienti, alla clinica ed alla terapia.

Certo, ci ha detto, il percorso per diventare ASO in Germania prevede un corso di formazione di tre anni con successivo esame.  

Con la dott.ssa Rossi, in quanto “specialista”, ho cercato anche di capire come vede la polemica sull’obbligo del diploma di specialità per lavorare nel pubblico e come mai ha scelto di specializzarsi invece di frequentare corsi specifici non universitari. Interessante il passaggio sulla questione della non retribuzione degli specializzandi odontoiatri a differenza di quanto accade per quelli in medicina. “Entrambi curiamo i pazienti nel nostro percorso formativo, non è una questione economica è una forma di rispetto”, dice.  

Infine, la domanda che faccio a tutti i giovani odontoiatri che ho l’occasione di sentire: ha intenzione di aprire in futuro un proprio studio, magari anche con altri suoi colleghi e sceglierebbe di lavorare in un ambulatorio odontoiatrico pubblico?  

Per conoscere le risposte dovrete vedere (o anche solo ascoltare, magari mentre siete in viaggio in questo ponte del 25 aprile) la video chiacchierata che trovate sotto.  


Articoli correlati

Per il prof. Di Lenarda è una occasione per valorizzare l’eccellenza dell’Accademia italiana. Baldessin (EDRA), un ulteriore strumento sviluppato per favorire ed agevolare la diffusione del...


Il prof. Gagliani torna sul Decreto Messa – Speranza, ipotizza alcuni numeri e ritiene che se si vuole veramente rendere la riforma reale, “dovremo anche ripensare al modello di Odontoiatria...

di Massimo Gagliani


Il prof. Massimo Gagliani commenta il decreto che istituisce la laurea abilitante per odontoiatria evidenziando alcuni problemi tra cui quello di fondo: “sconfiggere la finzione e trasformarla in...

di Massimo Gagliani


Siamo nel marzo 2020, scoppia la pandemia ed il Governo non solo si accorge che manca personale sanitario, soprattutto medici, ma che c’erano un buon numero di laureati in medicina che non...

di Norberto Maccagno


Per conoscere come potranno fare gli studenti iscritti ai corsi che richiedono la frequenza obbligatoria, ai corsi a numero programmato a livello nazionale, si dovrà attendere un decreto...


Altri Articoli

Una due giorni ad un Congresso qualsiasi può essere un ritorno alla normalità dice il prof. Gagliani che avverte: la formazione deve essere debitamente certificata e tutelata con regole non fondate...

di Massimo Gagliani


Sono nato una domenica dell’agosto 1964, anagraficamente contando il Governo Draghi è stato il quarantottesimo che ho vissuto. In Germania, nello stesso periodo, di Governi ne hanno avuti 19...

di Norberto Maccagno


Il Consejo General de Dentistas ha elaborato una relazione tecnica dove sono state analizzate la densità di professionisti per popolazione, l'evoluzione demografica negli ultimi...


Maria Grazia Cannarozzo

Dalla collaborazione tra l’Azienda Ospedaliera Cannizzaro di Catania e il COI-AIOG nasce il progetto “Odontoiatria rosa”, che attenzionerà la salute orale delle donne...

di Lorena Origo


Sarà Catania ad ospitare, dal 20 al 22 aprile 2023, il Congresso numero 30 del CDUO organizzato dalle Università di Palermo, Messina e Catania


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Canino incluso: la pianificazione digitale

 
 
 
 
chiudi