HOME - DiDomenica
 
 
19 Febbraio 2023

ASO ed i primi 5 anni da professione regolamentata

di Norberto Maccagno


Era il 9 febbraio 2018 quando veniva approvato il DPCM che istituisce la figura professionale di Assistente di Studio Odontoiatrico, che diventa operativo con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale il 6 aprile 2018. In realtà, dopo il periodo di transizione ed alcune proroghe quanto previsto dal DPCM diventa pienamente operativo il 21 aprile 2022. Da quel giorno, per essere assunti come ASO si deve avere conseguito l’attestato di qualifica dopo aver frequentato un corso accreditato dalla Regione e superato un esame, oppure poter dimostrare di aver lavorato come ASO per almeno 36 mesi negli ultimi 10 anni dal 2018, e questo dopo un nuovo DPCM che ha corretto alcune criticità emerse del precedente del 2018. A questo link tutte le informazioni. 

Ma dopo 5 anni, serve ancora avere informazioni oppure tutto è stato chiarito e metabolizzato? Dal mio punto di vista, visto che Odontoiatria33 sul tema ha dato informazioni, anticipazioni ed approfondimenti, molto è stato chiarito e credo anche metabolizzato. Rimane qualche dubbio come sulle 10 ore di formazione annuale (ne parleremo con un articolo ad hoc nei prossimi giorni), ma in sostanza tutto è, quasi, chiaro e definito. 

Il quasi deriva dal fatto che ancora oggi riceviamo alcune mail che ci sottopongono casi personali con situazioni particolari e chiedono consigli. Quesiti legittimi a cui rispondiamo a tutti molto volentieri, grazie all’aiuto di Andrea Tuzio, consulente OMCeO Roma e direttore della scuola Alter Formazione, del SIASO e di IDEA. 

Poi, certo tutto deve essere applicato correttamente e per qualche datore di lavoro ancora metabolizzato. 

Volendo trovare qualche criticità, personalmente avrei cercato di agevolare gli ASO esonerati dal conseguire l’attestato ma che avrebbero voluto ottenerlo. Un “pezzo di carta” che negli anni potrebbe risultare utile per chi ha una prospettiva di lavoro di ancora qualche decennio, magari anche solo per andare a lavorare all’estero. Ma per conseguirlo devono frequentare il corso completo. Permettere a questi lavoratori di dare l’esame anche senza frequentare il corso o stabilendo un percorso formativo molto ridotto per sostenere l’esame, credo sarebbe stato una cosa utile. 

La qualificazione dell’ASO attraverso un profilo specifico ed esclusivo e la necessità di conseguire un attestato dopo un percorso formativo ha indubbiamente professionalizzato il lavoro dell’ASO ma ha anche fatto acquisire maggiore senso di appartenenza, se non fosse letto negativamente direi una maggiore forza contrattuale. L’assistente alla poltrona era un lavoratore che arrivava da percorsi vari ed imparava “in studio” la professione, e magari dopo un po’ decideva che non era la sua strada ed andava a fare altro. Ora sono lavoratori che prima decidono di fare una determinata professione, studiano, sostengono un esame, poi esercitano ma soprattutto hanno una formazione di base comune. Certo poi potrà capitare che cambino idea ma la scelta di fare l’ASO non è dettata da un “vediamo intanto vado a provare”, è conseguente ad una decisione che ha comportato il seguire un percorso formativo ed anche un impegno economico. 

questa motivazione l’ho percepita parlando con le future ASO che ho avuto modo di incontrare in questi anni. 

Una scelta che aiuterà, credo e spero, a preparare gli ASO al lavoro che dovranno svolgere, che è un lavoro fatto di passione, un lavoro estremamente difficile non tanto o solo dal punto di vista professionale ma da quello umano. Non mi viene in mente un’altra professione che ti fa lavorare per oltre 8 ore a contatto “millimetrico” con il tuo datore di lavoro. E questo implica un rispetto da entrambe le parti, lo stesso che doveva esserci prima del profilo ma che dovrà esserci ancora più oggi. 

Ma lo scopo di questo DiDomenica non era altro che celebrare questo anniversario importante non solo per gli ASO ma per tutto il settore che dal 20 aprile 2022 può con orgoglio rivendicare che, tutte le figure che compongono il Team odontoiatrico e si prendono cura del paziente nel rispetto delle proprie mansioni esclusive, sono qualificate per farlo.   


Articoli correlati

Attraverso il nuovo CCNL vengono definite formazione e mansoni. Per diventare CSO si dovrà frequentare un corso di 90 ore, potrà organizzarlo solo ANDI


ANDI dettaglia gli aumenti salariali (indicativi) per i dipendenti degli studi odontoiatrici con l’entrata a regime del nuovo CCNL


L’applicazione si applica anche alle lavoratrici degli studi odontoiatrici con rapporti di lavoro dipendente a tempo indeterminato sia già instaurato che in via di instaurazione


Definite anche le mansioni del CSO, contestate dal SIASO. Magenga (SIASO): “Troppo generiche, si crea solo confusione, pronti a scendere in piazza” 


Il pensiero di una lettrice che vede nel percorso sperimentale individuato dalla Regione Lombardia, una possibilità anche per risparmiare sui costi di formazione


Per il Consiglio di Stato è superato lo status di arte ausiliaria e non esistono rischi di sovrapposizione con gli odontoiatri


La sperimentazione durerebbe 3 anni. Il percorso prevede 6 mesi si formazione pratica in studio e 100 ore di teoria. Due consiglieri del PD hanno presentato una interrogazione in...


Sei mesi “on the job” in studio e 100 ore di teoria per poter poi dare l’esame per ottenere l’attestato di abilitazione. In Lombardia una sperimentazione che rivoluziona la formazione ASO


I 5 punti per capire se il corso segue le indicazioni normative oppure no. Abbondanza (IDEA), molte le segnalazioni di corsi che non rispettano quanto previsto dalla normativa sul profilo ASO


Ancora dubbi su come e quando si può essere esentati dal conseguimento dell’attestati di qualifica e come dimostrare di aver svolto le ore di aggiornamento annuale. I consigli...


Il chiarimento in risposta di un interpello ANDI. Tra le indicazioni date anche la precisazione che la responsabilità della registrazione è in capo al “collaboratore odontoiatria” e non al...


Dubbi sulla data della scadenza dell’invio delle spese del primo semestre 2024. Non collimano le date contenute nel Decreto con quelle indicate sulla guida pubblicata sul sito del StS


Altri Articoli

Diventa operativo il decreto attuativo della legge Gelli, il testo regolamenta le polizze assicurative in materia sanitaria introducendo i massimali minimi a seconda della classe di rischio


Il progetto è finanziato dal Ministero della Salute tramite l’Istituto nazionale per la promozione della salute delle popolazioni migranti e contrasto delle malattie della povertà


Medici e dentisti, anche liberi professionisti che decidono di andare in pensione dopo i 68 anni e fino ai 75, matureranno una pensione significativamente più alta


Sembra una ovvietà ma non credo che questa affermazione sia un percepito di voi dentisti quando si parla di società odontoiatriche, di “Catene”.Invece l’aveva chiaro il legislatore quanto nel...

di Norberto Maccagno


Di Marco: “non sussiste alcuna subordinazione dell’Igienista dentale rispetto all’Odontoiatra, bensì vi è una proficua e paritetica sinergia nell’interesse della...


Proseguendo la collaborazione con TeamSmile per altri due anni l'azienda compie un ulteriore passo avanti verso il raggiungimento di uno degli obiettivi centrali del suo programma...


Per approfondire l’odontoiatria digitale. Scopri gli appuntamenti e gli eventi gratuiti per odontoiatri ed odontotecnici


Immagine di repertorio

Molti pazienti avevano già versato anticipi per le cure o attivato finanziamenti. Le indicazioni di Adiconsum e della CAO Oristano. Da valutare le responsabilità degli odontoiatri e del direttore...


E' online il corso FAD ECM su Medicina estetica odontoiatrica, relatore Michele Cassetta. Un corso per approfondire ma anche solo capire le possibilità che si sono aperte per lo studio odontoiatrico


In collaborazione con Curasept fino al 13 aprile un doppio appuntamento quotidiano per per raccontare i benefici dell’igiene orale e della cura della bocca


Una guida ENPAM sulle tutele previste per l’inattività temporanea, ma scattano dal 31° giorno di inattività. Per essere coperti sempre, serve anche una polizza ad hoc


Ne abbiamo parlato con la dott.ssa Maria Grazia Cannarozzo in occasione del lancio del corso FAd Edra sul tema


Ancora due mesi di tempo per i fabbricanti di disposivi medici su misura che devono rifare l’iscrizione al nuovo Registro telematico dei fabbricanti


Il primo italiano ad avere l’onore di aprire la Convention annuale tenendo la Buonocore Memorial Lecture, riconoscimento riservato a pochissimi professionisti al mondo


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
chiudi