HOME - DiDomenica
 
 
23 Aprile 2023

La “doctora” che fa ballare i denti. Ma oltre a denunciare non sarebbe anche utile informare delle alternative?

di Norberto Maccagno


A memoria direi che i primi a “smascherare” i finti dentisti in televisione sono stati Max Laudadio e Valerio Staffelli, poi altri hanno seguito questo filone e non solo su Striscia la Notizia, visto che gli abusivi sembrano non mancare. Fin da subito, del fenomeno della spettacolarizzazione del reato di abusivismo odontoiatrico mi incuriosì il fatto che alcuni cittadini preferivano denunciarlo al Gabibbio e non ai Carabinieri. Però, indubbiamente, mostrare l’abusivo in televisione ha contribuito a fare capire ai cittadini i rischi di affidarsi ad un finto dentista, sempre che già non lo sapessero.  

Poi, con il passare dei servizi il mio giudizio positivo è decisamente scemato, le incursioni dei vari inviati di fatto non solo erano ovviamente sempre uguali ma viravano sempre di più verso il taglio della trasmissione: l’intrattenimento, la comicità.  

Certamente non sono obiettivo nel giudizio visto il lavoro che faccio, ma non ho mai considerato Striscia un programma d’inchiesta, anche se indubbiamente molti servizi hanno denunciato e fatto emergere situazioni che giornali e programmi d’informazione non avevano seguito. Però quando a farti la morale o a denunciare un sopruso è uno con uno sturagabinetti in testa, per quella fetta di popolazione oramai disabituata a porsi delle domande e cercare le risposte, diventa difficile capire quale sia la battuta e quale la notizia.  

Discorso simile, con alcuni distinguo, anche per il programma Le Iene (Italia Uno), anche qui la spettacolarizzazione prevale sulla notizia, anche se molti inviati del programma sono giornalisti ed alcuni servizi hanno fatto scuola. Come quello che aveva mostrato come un parlamentare su tre facesse uso di droga.   

Odontoiatria33, per dovere di cronaca, continua a dare notizia, quando ne veniamo a conoscenza, dei servizi di Striscia la Notizia e Le Iene che si occupano del settore dentale: finti dentisti, cattiva odontoiatria ma anche turismo odontoiatrico.  

Le scorse settimane ci siamo però persi quello de Le Iene andato in onda il 4 aprile. Ringrazio un lettore che ci ha scritto chiedendoci come mai non ne avessimo parlato.  

Colgo l’occasione per ringraziare i lettori che ci segnalano notizie, fatti, documenti. Senza il vostro aiuto non potremmo fare il nostro lavoro: grazie infinite e continuate a segnalare.  

Tornando al servizio, l’inviata de Le Iene -la giornalista Alice Martinelli- scopre a Milano una pseudo dentista, grazie alla segnalazione di una paziente che dopo essersi sottoposta alle sue cure ha avuto problemi. Lei, la finta dentista, viene presentata come di origine latino-americana che riceve i suoi pazienti in casa e lo studio è allestito in uno sgabuzzino, l’armadietto delle scope lo chiama l’inviata per dare l’idea delle dimensioni, dove in pochi metri quadrati è riuscita a farci stare un riunito portatile e gli strumenti necessari. Ingegnosa la sputacchiera creata con un imbuto collegato ad un tubo che finisce in un bidoncino. Anche questa volta, come in tutti i servizi, il paziente con telecamera nascosta (questo non finto ma reale) si presenta in studio facendosi mettere le mani in bocca per una veloce detartrasi (50 euro) prima di farsi prendere un’impronta per un bite (costo 150 euro). Mentre aspetta il suo turno con altri pazienti seduto nel salotto di casa della presunta dottoressa, lei esce dallo “sgabuzzino studio” con in mano un’impronta, la mostra ad un altro uomo seduto vicino a lui sul divano, forse l’odontotecnico, e poi la infila in un sacchetto della spesa e gliela consegna.  

La settimana successiva il paziente torna nello studio, ritira il bite e comincia ad usarlo.  

Due settimane dopo, inviata e paziente si rivolgono ad un vero dentista, il dott. Paolo Alampi, per capire perché quello studio non poteva considerarsi a norma. Intanto Alice Martelli riesce a scoprire che la pseudo dentista prima di abusiveggiare faceva l’Aso in uno studio milanese.  

Il dott. Alampi spiega le norme che devono essere rispettate a cominciare dalla dimensione dei locali, mostra come devono essere sterilizzati i ferri e poi fa una visita al paziente che nel mentre aveva portato il bite. Dopo aver ricordato che per fare un bite non basta prendere un’impronta ma si deve prima analizzare la situazione clinica, mostra ai telespettatori grazie ad una telecamera intraorale, un molare inferiore dondolante. La conseguenza del bite mal eseguito dice il vero dentista.  

Ecco una chiara spiegazione di cosa può capitare se ci si rivolge a dei non professionisti. Così si che il telespettatore capisce.  

Decisamente più efficace che il sermone finale che solitamente l’inviato fa al finto dentista con invito a non farlo più.  

In realtà, Alice Martinelli dalla finta dentista ci ritorna ed il sermone lo fa ma prima, da brava giornalista, le fa le domande giuste: chi le ha venduto l’attrezzatura, chi le vende i farmaci, quale odontotecnico le realizza i bite? La “doctora” preferisce non rispondere, “per non mettere nei guai altre persone”.  

Direi: ecco un buon servizio che ha dimostrato nella pratica cosa può capitare rivolgendosi a finti dentisti.   Però, i pazienti magari già sapevano dei rischi e li accettavano.  

Un conto è chi si spaccia da dentista in uno studio di un vero dentista, ma questa situazione è diversa. Vedendo la “location” credo che nessuno pensasse che quello fosse un vero studio odontoiatrico. Quindi possiamo essere anche legittimati a pensare: affari loro, riferendoci ai pazienti che ci sono andati probabilmente ben sapendo che mani si facevano mettere in bocca.  

Oppure, nonostante fossero consapevoli dei rischi, ritenevano che la “doctora” fosse l’ultima spiaggia a cui potersi rivolgere per poter ottenere delle cure. Ma sappiamo bene che non è così, soprattutto a Milano, nonostante tutti i limiti del SSN in tema di odontoiatria pubblica. Alternative a quella finta dentista si possono trovare, se si vuole farlo.   E mentre scrivo, mi accorgo che queste informazioni quasi mai vengono date dai grandi e seguiti media. Magari sarebbe utile farlo.  

A questo link il servizio de Le Iene dal titolo: Storia della dentista che fa ballare i denti

Articoli correlati

Immagine di repertorio

L’odontoiatra è titolare di studio, il padre lo “aiutava” curando i pazienti ma non aveva la laurea. Lo studio non era autorizzato, all’interno rivenuto un radiografico senza la...


Immagine di repertorio

Esercitava senza laurea, sequestrato lo studio. Ora le indagini sono rivolte a ricostruire il giro d’affari per recuperare le tasse non versate


L’allarme parte dalla provincia di Bolzano dove i NAS hanno avviato controlli a tappeto per intercettare ASO che svolgono attività cliniche di prevenzione di competenza degli...


cronaca     30 Gennaio 2024

Abusivo denunciato in Piemonte

Immagine di repertorio

Odontotecnico in pensione scoperto a curare pazienti in un appartamento trasformato in studio. Nei locali trovati anche farmaci scaduti


Immagine di repertorio

Prestava la sua attività in uno studio odontoiatrico della zona. Unico titolo in possesso, un diploma di  igienista" spagnolo non riconosciuto in Italia


In questo DiDomenica, che esce eccezionalmente di sabato per celebrare la Pasqua, torno a parlare di turismo odontoiatrico. E’ sempre stato difficile capire il reale valore del...

di Norberto Maccagno


Attraverso una lettera anonima accuserebbe altri professori di aver preso “mazzette”


Potrebbe essere “ben gli sta” la reazione al racconto della mamma che ha versato 35 mila euro sui vari conti correnti indicati dal dott. Galazzo – dentista con un brevissimo...


Altri Articoli

Sembra una ovvietà ma non credo che questa affermazione sia un percepito di voi dentisti quando si parla di società odontoiatriche, di “Catene”.Invece l’aveva chiaro il legislatore quanto nel...

di Norberto Maccagno


Di Marco: “non sussiste alcuna subordinazione dell’Igienista dentale rispetto all’Odontoiatra, bensì vi è una proficua e paritetica sinergia nell’interesse della...


Proseguendo la collaborazione con TeamSmile per altri due anni l'azienda compie un ulteriore passo avanti verso il raggiungimento di uno degli obiettivi centrali del suo programma...


Per approfondire l’odontoiatria digitale. Scopri gli appuntamenti e gli eventi gratuiti per odontoiatri ed odontotecnici


Immagine di repertorio

Molti pazienti avevano già versato anticipi per le cure o attivato finanziamenti. Le indicazioni di Adiconsum e della CAO Oristano. Da valutare le responsabilità degli odontoiatri e del direttore...


E' online il corso FAD ECM su Medicina estetica odontoiatrica, relatore Michele Cassetta. Un corso per approfondire ma anche solo capire le possibilità che si sono aperte per lo studio odontoiatrico


In collaborazione con Curasept fino al 13 aprile un doppio appuntamento quotidiano per per raccontare i benefici dell’igiene orale e della cura della bocca


Una guida ENPAM sulle tutele previste per l’inattività temporanea, ma scattano dal 31° giorno di inattività. Per essere coperti sempre, serve anche una polizza ad hoc


Ne abbiamo parlato con la dott.ssa Maria Grazia Cannarozzo in occasione del lancio del corso FAd Edra sul tema


La terza giornata è dedicata al digitale in estetica ed ortodonzia. Le anticipazioni delle relazioni dei dottori Poggio e Cocconi


Ancora due mesi di tempo per i fabbricanti di disposivi medici su misura che devono rifare l’iscrizione al nuovo Registro telematico dei fabbricanti


Il primo italiano ad avere l’onore di aprire la Convention annuale tenendo la Buonocore Memorial Lecture, riconoscimento riservato a pochissimi professionisti al mondo


Tra coloro che soffrono di edentulia più o meno estesa, solo la metà ritiene di poterla ripristinare con una soluzione protesica, fissa o rimovibile. Discriminate il fattore culturale e sociale


Il 22 e 23 febbraio a Chicago, nel corso della settimana del Midwinter Meeting, si è svolto il 95° Congresso di American Prosthodontic Society. L’American Prosthodontic Society, fondata nel...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


12 Febbraio 2024
Vendo immobile adibito a studio odontoiatrico dal 1960

Vendita a Chiasso centro, in Svizzera, immobile adibito dal 1960 a studio odontoiatrico composto da quattro unità operative, con autorizzazione sanitaria. Per informazioni contattare Marzio Negrini: cell. whatsapp +393756589128

 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
chiudi