HOME - DiDomenica
 
 
04 Giugno 2023

L’odontoiatria amplia le competenze per legge e la professione sta cambiando per le scelte delle nuove generazioni

di Norberto Maccagno


Il maxi emendamento sull’odontoiatria diventato legge grazie al doppio voto di fiducia di Camera e Sentato, indubbiamente è un passaggio epocale per la categoria. Se non altro perché dopo 40 anni modifica il profilo professionale dell’odontoiatra, la legge 409/85, abrogando il terzo comma dell’articolo 4 ed integrando l’articolo 2. 

Con l’abrogazione del divieto di iscrizione ad un altro Albo professionale per gli iscritti a quello degli odontoiatri (art. 4 terzo comma), viene aggiornata una norma che se poteva avere un senso nel 1985 –tutelare la specificità dei laureati in odontoiatria impedendo a quelli in medicina di fare i dentisti-, oggi non aveva più senso. Anche se la norma non è mai stata molto considerata, almeno da alcuni. Non ci avevo mai fatto caso, ma allora voi odontoiatri iscritti anche all’Albo dei giornalisti mi avete fatto concorrenza sleale.

Ovviamente è una battuta, ma impedire ancora oggi ad un laureato in medicina anche laureato in odontoiatria di iscriversi all’Albo degli odontoiatri perché iscritto a quello dei medici, era assurdo. Ovviamente la modifica “epocale” è quella dell’articolo 2, con l’ampliamento delle competenze dell’odontoiatra verso l’attività di medicina estetica non invasiva o mininvasiva sull’intero volto del paziente. 

Questo il testo dell’Articolo 2 della legge 409/85 con la modifica appena pubblicata in Gazzetta Ufficiale, la parte in neretto.  


ART. 2.

Formano oggetto della professione di odontoiatra le attività inerenti alla diagnosi ed alla terapia delle malattie ed anomalie congenite ed acquisite dei denti, della bocca, delle mascelle e dei relativi tessuti, nonchè alla prevenzione ed alla riabilitazione odontoiatriche. Gli odontoiatri possono prescrivere tutti i medicamenti necessari all'esercizio della loro professione e possono esercitare le attività di medicina estetica non invasiva o mininvasiva al terzo superiore, terzo medio e terzo inferiore del viso. 


Ovviamente è ancora presto per commentare, molte le cose ancora da capire ed analizzare. Dalla prossima settimana pubblicheremo una serie di pareri e riflessioni che abbiamo chiesto ad autorevoli esperti sui principali temi che la modifica tocca: dalla formazione, agli aspetti medico legali, assicurativi, fiscali, clinici, fino alla questione sulla quale fatico a trovare risposte certe, cosa si intende per mininvasività. 

Perché, fino a quando non sarà chiarito questo aspetto difficilmente si potrà comprendere fino a dove l’odontoiatra si potrà spingere nei ritocchi estetici sul volto del paziente. 

Premesso questo, credo che possiamo però dire che la modifica legislativa, ampliando gli interventi clinici dell’odontoiatra, ne amplia le possibilità di lavoro. Magari è una visione molto opportunistica ma di questo si tratta, anche. 

Ora l’odontoiatra non sarà più solo il medico che si occupa di prevenire, curare e riabilitare le malattie legate al cavo orale e l’estetica del sorriso (già lo faceva con l’ortodonzia, e l’odontoiatria estetica). Ora si potrà avventurare nel tentare di fare scomparire gli inestetismi dell’intero volto. Mi ripeto, si dovrà capire fino a dove potrà avventurarsi e non per quanto riguarda le aree anatomiche, quelle sono chiare, ma sul tipo di intervento concesso. Capire quali di quelli possibili siano considerati mininvasivi. 

Chi lo dovrà decidere? Quel Ministero della Salute scavalcato dal blitz del Parlamento, magari attraverso il parere di quel Consiglio Superiore di Sanità che già si era espresso sul tema, e senza di subire le pressioni dei medici estetci.Nel frattempo che qualcuno si esprima, saranno i giudici a farlo, se verranno coinvolti da pazienti insoddisfatti. 

C’è poi un altro aspetto che dovrà essere valutato, decidete voi se è una mia provocazione. Ma se le aree di competenza esclusiva dell’odontoiatria sono denti, bocca, mascelle e relativi tessuti, le “punturine” alle labbra, vista la possibilità data oggi all’odontoiatra di effettuare interventi di medicina estetica, saranno un’esclusiva degli odontoiatri e precluse ai medici estetici, o meglio agli ambulatori di medicina estetica? Chi si deve occupare delle labbra? Sarà un po’ come capita per l’implantologia ed i chirurghi maxillo facciali? 

Se lo scopo dei sindacati odontoiatrici è anche quello di lavorare per creare più opportunità di lavoro per la categoria, credo che con questo provvedimento sia stato raggiunto. Magari si potrebbe ragionare sul fatto che per ampliare il lavoro dei dentisti, si è dovuti andare ad invadere il campo che fino a ieri era di altri e non lavorare per creare le condizioni che sempre più persone possano accedere alle cure odontoiatriche. Ma ovviamente ampliando le competenze verso l’estetica del volto non viene preclusa la possibilità di continuare a lavorare anche per raggiungere l’altro obiettivo, quello di curare le bocche di più persone possibile. 

Peraltro, i dati che il Centro Studi ANDI ha presentato a Rimini, e non solo quelli, confermano il trend rilevato oramai da anni: il 60-80% delle prestazioni richieste gli odontoiatri sono legate alla prevenzione ed alla cura e le richieste in aumento sono prevalentemente legate all’estetica: faccette e allineatori. Oggi gli italiani che possono permettersi il dentista hanno una buona salute orale e si rivolgono al dentista per mantenerla o per togliersi “sfizi” estetici. Quelli che avrebbero bisogno di protesi ed interventi più costosi (e quindi credo più remunerativi per lo studio), non hanno i soldi per farlo. 

Nel ragionare sulla professione del futuro, oltre sull’aspetto clinico (quindi cure ed oggi estetica ampliata al viso) ci si deve anche interrogare su come l’odontoiatria verrà esercitata per capire, disegnare e cercare di sostenere il modello di assistenza futuro più adatto per dentisti e pazienti, ma considerando ed ascoltando le vere esigenze ed ambizioni di chi questa professione si appresta ad esercitarla e non secondo le logiche di chi la sta per abbandonare. 

Nell’Agorà del Lunedì che pubblicheremo domani (Massimo non ti voglio spoilerare ma creare aspettativa) il prof. Gagliani dimostra come oggi nei corsi di laurea le future dentiste hanno superato per numero i futuri dentisti. Quindi la professione sarà sempre più in rosa, ma oggi è pensata ed organizzata per i soli maschietti.

Sempre il Centro Studi ANDI non solo conferma che i titolari di studio puri non crescono ma che i collaboratori, di aprire uno studio monoprofessionale neppure ci pensano, solo il 2% sarebbe intenzionato a farlo nel futuro. Quando va bene l’intenzione è di aggregarsi. 

I dentisti interrogati sia nel 2021 che nel 2022 sugli scenari della professione, infatti, valutano come abbastanza o molto probabili i seguenti scenari: collaborazioni o apertura di studi associati /stp (intorno al 66-67% dei dentisti fa questa previsione), lavoro per terzi paganti o network professionali (intorno al 40%) e solo non oltre il 21% lo studio monoprofessionale”, scrive ANDI in una nota con la quale sintetizza la Congiunturale ai propri dirigenti. 

E poi in tutto questo cambiamento, ci siamo anche noi pazienti che da oggi potremo andare dal nostro dentista di fiducia non solo per avere un sorriso a prova di selfie ma anche un volto meno segnato dal tempo.
Ecco, anche noi pazienti dovremo essere guidati ed aiutati a capire questo cambiamento. 



Articoli correlati

E' online il corso FAD ECM su Medicina estetica odontoiatrica, relatore Michele Cassetta. Un corso per approfondire ma anche solo capire le possibilità che si sono aperte per lo studio odontoiatrico


Come le terapie di medicina estetica possono aiutare a reggiungere gli obiettivi terapeutici in odontoiatria


INTRADERMIC: per i trattamenti di medicina estetica non-invasiva. Disponibile in tre formati in base alla grandezza delle particelle di acido ialuronico


Obiettivo promuovere la Medicina estetica all’interno del settore sanitario ma anche all’esterno con eventi per i cittadini. Il primo di questi sarà organizzato durante il Festival di Sanremo 


Telefonino Vs fotocamera professionale. Quale dei due strumenti offre al clinico una migliore qualità di ripresa? Il dott. Roberto Favero ha cercato di testare le differenze


ANDI dettaglia gli aumenti salariali (indicativi) per i dipendenti degli studi odontoiatrici con l’entrata a regime del nuovo CCNL


L’applicazione si applica anche alle lavoratrici degli studi odontoiatrici con rapporti di lavoro dipendente a tempo indeterminato sia già instaurato che in via di instaurazione


Definite anche le mansioni del CSO, contestate dal SIASO. Magenga (SIASO): “Troppo generiche, si crea solo confusione, pronti a scendere in piazza” 


Dubbi sulla data della scadenza dell’invio delle spese del primo semestre 2024. Non collimano le date contenute nel Decreto con quelle indicate sulla guida pubblicata sul sito del StS


Per il Garante della Privacy violata la privacy, lo studio dovrà pagare una sanzione di 8mila euro. Ecco come comportarsi per le immagini di pazienti pubblicate sul sito dello...


Il chiarimento in risposta di un interpello ANDI. Tra le indicazioni date anche la precisazione che la responsabilità della registrazione è in capo al “collaboratore odontoiatria” e non al...


Sembra una ovvietà ma non credo che questa affermazione sia un percepito di voi dentisti quando si parla di società odontoiatriche, di “Catene”.Invece l’aveva chiaro il legislatore quanto nel...

di Norberto Maccagno


Altri Articoli

Diventa operativo il decreto attuativo della legge Gelli, il testo regolamenta le polizze assicurative in materia sanitaria introducendo i massimali minimi a seconda della classe di rischio


Il progetto è finanziato dal Ministero della Salute tramite l’Istituto nazionale per la promozione della salute delle popolazioni migranti e contrasto delle malattie della povertà


Medici e dentisti, anche liberi professionisti che decidono di andare in pensione dopo i 68 anni e fino ai 75, matureranno una pensione significativamente più alta


Sembra una ovvietà ma non credo che questa affermazione sia un percepito di voi dentisti quando si parla di società odontoiatriche, di “Catene”.Invece l’aveva chiaro il legislatore quanto nel...

di Norberto Maccagno


Di Marco: “non sussiste alcuna subordinazione dell’Igienista dentale rispetto all’Odontoiatra, bensì vi è una proficua e paritetica sinergia nell’interesse della...


Proseguendo la collaborazione con TeamSmile per altri due anni l'azienda compie un ulteriore passo avanti verso il raggiungimento di uno degli obiettivi centrali del suo programma...


Per approfondire l’odontoiatria digitale. Scopri gli appuntamenti e gli eventi gratuiti per odontoiatri ed odontotecnici


Immagine di repertorio

Molti pazienti avevano già versato anticipi per le cure o attivato finanziamenti. Le indicazioni di Adiconsum e della CAO Oristano. Da valutare le responsabilità degli odontoiatri e del direttore...


E' online il corso FAD ECM su Medicina estetica odontoiatrica, relatore Michele Cassetta. Un corso per approfondire ma anche solo capire le possibilità che si sono aperte per lo studio odontoiatrico


In collaborazione con Curasept fino al 13 aprile un doppio appuntamento quotidiano per per raccontare i benefici dell’igiene orale e della cura della bocca


Una guida ENPAM sulle tutele previste per l’inattività temporanea, ma scattano dal 31° giorno di inattività. Per essere coperti sempre, serve anche una polizza ad hoc


Ne abbiamo parlato con la dott.ssa Maria Grazia Cannarozzo in occasione del lancio del corso FAd Edra sul tema


Ancora due mesi di tempo per i fabbricanti di disposivi medici su misura che devono rifare l’iscrizione al nuovo Registro telematico dei fabbricanti


Il primo italiano ad avere l’onore di aprire la Convention annuale tenendo la Buonocore Memorial Lecture, riconoscimento riservato a pochissimi professionisti al mondo


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
chiudi