HOME - DiDomenica
 
 
05 Novembre 2023

ECM e la proroga lessicale

di Norberto Maccagno


Oltre alla ripresa delle attività della Commissione ECM dopo oltre un anno, la vera novità sul tema è stato l’annuncio del Ministro della Salute Orazio Schillaci: “non ci saranno proroghe”. Quindi, i medici e dentisti che dopo il 31 dicembre 2023 non avranno ottenuto i crediti previsti per il triennio 2020-2022, potranno essere soggetti alle sanzioni che i vari Ordini provinciali dovranno applicare come previsto dalla legge.      

In realtà, le sanzioni potranno scattare solo dal primo aprile (e qui la data è premonitrice) in quanto il Co.Ge.APS., il consorzio che gestisce la raccolta di crediti ECM per le Federazioni degli ordini sanitari, ha 90 giorni di tempo per aggiornare i crediti raccolti. Ma capisco che sia un dettaglio.  

Sull’onda della “minaccia” del Ministro, alcuni OMCeO hanno inviato delle lettere ai propri iscritti per ricordare la scadenza del 31 dicembre per raccogliere i crediti mancanti nel triennio 2020-2022. Già, perché (come Odontoiatria33 ha spiegato in questo approfondimento, si sta parlando del triennio precedente, quello in corso scade il 31 dicembre 2025.

Nelle lettere, almeno quelle che ho avuto modo di leggere, non si parla mai di sanzioni ma si cerca di “motivare” l’iscritto ad aggiornarsi ricordando che chi non raccoglierà almeno il 70% dei crediti previsti perderà la copertura assicurativa. Ma questo avverrà, salvo interventi legislativi che il Ministro esclude, dall’aprile 2026. Si veda un nostro approfondimento.

Il presidente FNOMCeO Filippo Anelli, ha anche ricordato come alcune sentenze per contenzioso abbiano considerato il mancato raggiungimento del numero di crediti necessari una “aggravante”. 

Il presidente dell’OMCeO di Roma, Antonio Magi, in una intervista su QuotidianoSanità invita “tutti i colleghi a mettersi in regola con l’obbligo Ecm perché la legge è chiara. In caso contrario, gli ordini professionali saranno costretti a intervenire".  

A parte che gli Ordini sarebbero obbligati (da una legge) ad intervenire e non costretti, il presidente Magi indica anche come si comporterà l’Ordine di Roma verso gli inadempienti: “Attendiamo i nominativi dalla FNOMCeO e dal Co. Ge. APS. di coloro che risultano non in regola con l'ECM. Successivamente, li contatteremo individualmente per invitarli innanzitutto a regolarizzare la loro situazione. Ci sarà dunque una fase preventiva in cui chiederemo a tutti di aggiornarsi, seguita da un momento in cui chiameremo coloro che non si sono adeguati”.  

Questo certamente per il triennio 2020-2022, la proroga per mettersi in pari con i crediti previsti scade il 31 dicembre 2023, e poi ci saranno i 90 giorni di attesa per aggiornare gli elenchi e dal primo aprile gli elenchi saranno trasmessi agli Ordini.  

Ma gli elenchi degli inadempienti dei trienni precedenti, quelli 2014-2016 e 2017-2019, non erano già stati inviati?
Questi sono stati convocati all’Ordine, sono stati sanzionati o per dirla con le parole del Presidente Magi, gli Ordini sono intervenuti?  

Secondo i dati recentemente pubblicati dall’Associazione Formazione nella Sanità gli inadempienti per i trienni 2014-2016 e 2017-2019, sarebbero il 48,6% degli iscritti. L’Associazione cita come fonte i dati del Co.Ge.ASP. Non è stato indicato il dato disgiunto tra medici ed odontoiatri, come Odontoiatria33 l’abbiamo chiesto ma non ci hanno neppure risposto, e sarebbe anche interessante capire come hanno fatto ad avere i dati del Co.Ge.APS. visto che il presidente Roberto Monaco aveva detto che non potevano divulgarli se non agli OMCeO.

Ma mentre scrivo questo, mi ricordo che nel Decreto Milleproroghe del 2022, quello in cui è stata inserita la proroga di un anno per raccogliere i crediti del triennio formativo 2020-2022 c’era anche un passaggio sui trienni 2014-2016 e 2017-2019.

Ritrovo il testo e faccio copia incolla.  

1-ter. La certificazione dell'assolvimento dell'obbligo formativo per i trienni 2014-2016 e 2017-2019 può essere conseguita, in caso di mancato raggiungimento degli obblighi formativi nei termini previsti, attraverso crediti compensativi definiti con provvedimento della Commissione nazionale per la formazione continua”.  

Quindi, la norma di fatto inserisce in un limbo gli iscritti che non hanno raccolto i crediti necessari in quei due trienni, in attesa che la Commissione nazionale ECM indichi quali siano i crediti compensativi per mettersi in pari e come ottenerli. In attesa di questo, gli Ordini non possono certo intervenire e sanzionare chi non ha raccolto i crediti necessari, deve arrivare il provvedimento per compensare quanto non raccolto.  

Ma la Commissione nazionale ECM ha un termine per definire il provvedimento? 
Dal testo di legge non sembra

Sono certo che, con i suoi tempi, la Commissione delibererà il provvedimento, ma nel frattempo, sanati tutti.

Articoli correlati

La Commissione Nazionale Formazione Continua ha approvato il Programma Nazionale Ecm 2023/2025. Obiettivo è definire formazione sul campo, tipologie di formazione ibride e blended


Il Corso FAD ECM di EDRA si propone di fornire agli odontoiatri giovani e senior gli strumenti per affrontare la delicata fase della transizione


Ecco a chi interessa la scadenza di fine anno ed i chiarimenti in merito alla copertura assicurativa. Da un sondaggio EDRA solo l’11% degli Odontoiatri devono ancora recuperare crediti


FNOMCeO attivato anche per questo triennio formativo il Dossier di Gruppo. Le macro aree e come attivarlo e completarlo


Per chi è in pensione ma continua a lavorare conta il reddito annuo. Obbligatorio indicare nel portale CoGeAPS se si continua a lavorare per non rischiare di perdere la copertura assicurativa


Sembra una ovvietà ma non credo che questa affermazione sia un percepito di voi dentisti quando si parla di società odontoiatriche, di “Catene”.Invece l’aveva chiaro il legislatore quanto nel...

di Norberto Maccagno


Della vicenda dei “dentisti in black”, come hanno titolato alcuni giornali baresi, ad avermi colpito non è tanto la questione etica, morale, sociale, giudiziaria, ma il fatto...

di Norberto Maccagno


Nella settimana del Festival di Sanremo, non potevamo che affrontare un argomento glamour: i grillz, i brillantini o altri “gingilli” applicati ai denti. Tra i più famosi il sorriso...

di Norberto Maccagno


Mentre Odontoiatria33 era in vacanza, la Ragioneria Generale dello Stato ha pubblicato un report sulla spesa sanitaria dal 2016 al 2022.Un lavoro corposo dal quale emerge, tra gli altri, il...

di Norberto Maccagno


Dal 2019 i professionisti sanitari non possono (vi è un divieto) emettere fatturazione elettronica per le prestazioni rese ai pazienti. Stessi sanitari che sono invece obbligati, come le...

di Norberto Maccagno


Altri Articoli

Sembra una ovvietà ma non credo che questa affermazione sia un percepito di voi dentisti quando si parla di società odontoiatriche, di “Catene”.Invece l’aveva chiaro il legislatore quanto nel...

di Norberto Maccagno


Di Marco: “non sussiste alcuna subordinazione dell’Igienista dentale rispetto all’Odontoiatra, bensì vi è una proficua e paritetica sinergia nell’interesse della...


Proseguendo la collaborazione con TeamSmile per altri due anni l'azienda compie un ulteriore passo avanti verso il raggiungimento di uno degli obiettivi centrali del suo programma...


Per approfondire l’odontoiatria digitale. Scopri gli appuntamenti e gli eventi gratuiti per odontoiatri ed odontotecnici


Immagine di repertorio

Molti pazienti avevano già versato anticipi per le cure o attivato finanziamenti. Le indicazioni di Adiconsum e della CAO Oristano. Da valutare le responsabilità degli odontoiatri e del direttore...


E' online il corso FAD ECM su Medicina estetica odontoiatrica, relatore Michele Cassetta. Un corso per approfondire ma anche solo capire le possibilità che si sono aperte per lo studio odontoiatrico


In collaborazione con Curasept fino al 13 aprile un doppio appuntamento quotidiano per per raccontare i benefici dell’igiene orale e della cura della bocca


Una guida ENPAM sulle tutele previste per l’inattività temporanea, ma scattano dal 31° giorno di inattività. Per essere coperti sempre, serve anche una polizza ad hoc


Ne abbiamo parlato con la dott.ssa Maria Grazia Cannarozzo in occasione del lancio del corso FAd Edra sul tema


La terza giornata è dedicata al digitale in estetica ed ortodonzia. Le anticipazioni delle relazioni dei dottori Poggio e Cocconi


Ancora due mesi di tempo per i fabbricanti di disposivi medici su misura che devono rifare l’iscrizione al nuovo Registro telematico dei fabbricanti


Il primo italiano ad avere l’onore di aprire la Convention annuale tenendo la Buonocore Memorial Lecture, riconoscimento riservato a pochissimi professionisti al mondo


Tra coloro che soffrono di edentulia più o meno estesa, solo la metà ritiene di poterla ripristinare con una soluzione protesica, fissa o rimovibile. Discriminate il fattore culturale e sociale


Il 22 e 23 febbraio a Chicago, nel corso della settimana del Midwinter Meeting, si è svolto il 95° Congresso di American Prosthodontic Society. L’American Prosthodontic Society, fondata nel...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


12 Febbraio 2024
Vendo immobile adibito a studio odontoiatrico dal 1960

Vendita a Chiasso centro, in Svizzera, immobile adibito dal 1960 a studio odontoiatrico composto da quattro unità operative, con autorizzazione sanitaria. Per informazioni contattare Marzio Negrini: cell. whatsapp +393756589128

 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
chiudi