HOME - Gestione dello Studio
 
 
28 Aprile 2022

Paziente ingoia uno strumento: come prevenire, cosa rischia il dentista

Una paziente denuncia il proprio dentista per aver ingoiato un cacciavitino per impianti. Quali sono i reali rischi legali e come si poteva prevenire il fatto?


Il rischio di ingoiare uno strumento scivolato dalle dita del dentista mentre sta svolgendo una operazione è un fatto certamente raro ma non improbabile. È capitato ad una barista vicentina di 49 anni che ha ingoiato lo strumento che il suo dentista, denunciato, stava utilizzando per avvitare un impianto. In questi giorni è iniziato il processo che vede imputato il dentista citato in giudizio per lesioni lievi e la disavventura ha fatto il giro dei quotidiani locali e nazionali e ha trovato spazio anche in televisione. 

Questa la sintesi della vicenda riportata dalla stampa.  

Tutto comincia nel febbraio 2017 quando la signora vede una offerta su Groupon e decide di farsi inserire un impianto dentale dopo aver fatto una visita, panoramica ed una seduta di igiene dentale. Durante le procedure di fissaggio dell’impianto al dottore “scappa dalle dita” il cacciavitino che viene ingoiato dalla paziente. Il dentista, così racconta la paziente, la rassicura con un non si preoccupi, “come entra, così esce” e la invita ad aspettare qualche giorno. “Sono rimasta frastornata e solo dopo ho realizzato di avere un cacciavite in pancia: ho perso ilsonno dall’ansia”, racconta alla stampa la signora che, dice, pochi giorni dopo si sente male e si reca al pronto soccorso dove le fanno una radiografia all’addome per individuare l’oggetto, gli vengono prescritti dei lassativi che dopo quattro giorni fanno il loro effetto consentendo di espellere il cacciavitino.Tutto bene? Non sembra perché la paziente in quei 4 giorni, dice, “ero allo stremo delle forze, debilitata, tant’è che sono ritornata in ospedale per una pleurite che il medico legale ritiene legata all'irritazione provocata dal cacciavitino”. 

Quindi la decisione di rivolgersi ad un avvocato per denunciare il dentista anche perché, si lamenta con la stampa la signora, "l’odontoiatra non si è mai fatto vivo e non si neppure presentato a una delle quattro udienze in tribunale” e poi conclude: “volevo anche mollare, però poi penso all’indifferenza del medico e mi viene la forza per andare avanti affinché altri non debbano vivere quello che ho passato io”. Le udienze in tribunale procedono con lentezza, come per tutte le cause civili, la prossima è fissata a settembre. 

Ma cosa rischia il dentista e quali sono le “attenzioni” che si devono prestare per evitare situazioni di questo genere?

Quando si agisce nell’ambito delle ricostruzioni protesiche su impianti – ci dice il prof. Massimo Gagliani, Università degli Studi di Milano, Coordinatore Scientifico per l’area odontoiatria del gruppo EDRA - si devono adottare tutte le attenzioni del caso. Nello specifico, i micro-cacciaviti utilizzati, idonei ad avvitare corone, monconi o tappi di guarigione agli impianti, hanno nella testa dello stesso un piccolo foto dove si può fare passare, e legare, un filo interdentale utile a recuperarlo nel caso ci sfuggisse”. 

Un altro consiglio è quello di utilizzare pinze tipo “pean” o “cocker” che hanno sulla punta un invito per ospitare il gambo del cacciavite. Terzo consiglio del prof. Gagliani è quello di “usare dei mandrini da montare sul micromotore in modo da avvitare la vite con l’ausilio del micromotore stesso (alcuni hanno anche micromotori con torque dedicati)”.

Ed in caso di denuncia cosa rischia il dentista e cosa può essere chiamato a dimostrare?

Ad aiutarci a rispondere sono gli esperti della SIOF (Società Italiana di Odontoiatria Forense), la presidente Gabriella Ceretti ed il presidente emerito Claudio Buccelli che ovviamente non entrano nella vicenda giudiziaria del fatto di cronaca ancora in corso.

A seguito della denuncia si dovrà verificare se realmente c’è stato un danno, anche solo morale, e valutare le responsabilità cercando di ricostruire la procedura utilizzata e se sono state attivate tutte le procedure per evitare il rischio (aspirazione con assistenza dell'ASO, posizione non troppo inclinata della testa del paziente ecc)”, ci dicono aggiungendo che certamente si valuteranno le  eventuali indicazioni date dalle linee guida e si sentirà il paziente ma anche l’odontoiatra e l’ASO per capire come si sono svolti i fatti.

Spetta al paziente dimostrare il nesso di causalità”, ricordano da SIOF.

Dal punto di vista del risarcimento è ovviamente molto difficile ipotizzare ed indicare ipotesi generali, si deve valutare il singolo caso, spiegano gli esperti.“Sotto il profilo medicolegale –ricordano- il concetto di fondo è che se non c’è processo patologico temporaneo e/o permanente, non c’è nemmeno danno biologico risarcibile. L’ingestione di strumentario che poi è stato eliminato con la normale evacuazione è un  processo fisiologico, non patologico, pertanto è difficile riscontrare un danno né biologico temporaneo né biologico permanente”.Ci sono però i possibili “danni psicologici” anche solo dovuti alla preoccupazione.

Starà ai legali del paziente determinare e dimostrare il danno ed ai CTU dare la propria versione e poi al giudice decidere anche se è sempre molto difficile, in assenza di danno da patologia temporanea o permanente, dimostrare ed ottenere un risarcimento per danno morale”.

Ultima considerazione presidenti Ceretti e Bucelli è quella sulla comunicazione. “Mai negare o sminuire il fatto, si deve spiegare, dare rassicurazioni e farci sentire vicini, molti dei contenziosi odontoiatrici nascono per una cattiva comunicazione più che per una cattiva odontoiatria”. 

Articoli correlati

Cosa deve fare il dentista che riceve la lettera di un avvocato per supposta malpratiche? Determinanti sono i primi passi da compiere, il consiglio dell’odontoiatra legale per non sbagliare.


Chi deve farsi carico di terminare le cure nel caso che il collaborare odontoiatra interrompa la collaborazione o la struttura odontoiatrica chiuda? Il parere della SIOF


Sempre più pazienti portano in causa il proprio dentista, anche penalmente. Le cause non sempre sono causate dalla qualità della prestazione. Ne abbiamo parlato con la prof.ssa Pinchi


Le implicazioni legali per l’odontoiatra, unitamente ad alcune considerazioni cliniche sulla vicenda. Quali le responsabilità del clinico e come si poteva prevenire? 


Quali sono i profili di responsabilità sanitaria che attengono all’igienista dentale, indipendentemente dalla pozione lavorativa rivestita? Il punto del dott. Ciccarelli, Medico legale...


Una Delibera della Commissione Nazionale ECM chiarisce con quali modalità si possono raccogliere i crediti specifici e come comunicarli


La pubblicità deve essere chiaramente riferita alla struttura che ha l’autorizzazione sanitaria e non al marchio. La Commissione conferma la sospensione per il Direttore...


Il Segretario Savini torna sul tema della registrazione obbligatoria degli esami e ricorda le questioni ancora aperte consigliando di non farsi trovare impreparati


L’Europa dell’AI Act c’è, ora bisogna che tutti conoscano qualità e limiti dell’intelligenza artificiale. Il Consiglio dei premier dei Ventisette stati UE ha approvato il nuovo Regolamento...


Pesanti le sanzioni sia per il fabbricante non registrato che per lo studio odontoiatrico che rischia, anche, problemi in caso di contenzioso medico paziente


Slitta al 6 settembre la scadenza per comunicare il proprio reddito attraverso il Modello D ad ENPAM, ecco cosa sapere


I consulenti fiscali AIO spiegano quanto convengono e chi può utilizzare gli incentivi per l’assunzione. Misura che, dicono, potrebbe rivelarsi non molto incisiva


Altri Articoli

La guida degli esperti sulla connessione tra salute orale e salute neurologica: ecco perché lavarsi i denti è un’abitudine essenziale


Corsi per ortodonzia estetica e tecniche chirurgiche avanzate, ma anche per la gestione aziendale, il marketing digitale e l’intelligenza artificiale applicata all’odontoiatria


Restituito il sorriso a 800 ragazzi attraverso 6000 prestazioni. Nove gli ospiti che hanno potuto frequentare la scuola di odontotecnica 


L’Ordine dei dentisti spagnoli indica alcuni semplici consigli che potrebbero essere utile trasferire ai pazienti prima delle vacanze estive


Presto in commercio il primo spray nasale di adrenalina in caso di shock anafilattico potenzialmente mortale nei soggetti allergici gravi


Prof.ssa Ottolenghi: una opportunità ed una sfida con l’obiettivo di consentire a tutti gli Atenei di arrivare alla scadenza del 2027/28 con lo stesso passo 


L'essiccatore a membrana ad alta efficienza per aria compressa di altissima qualità rappresenta un significativo passo avanti nell'affidabilità dei sistemi di compressori per...


Coinvolti gli igienisti dentali che hanno frequentato durante l’anno i corsi pratici presso l’Academy. Due i lavori eccellenti vincitori a pari merito


La giurisprudenza sottolinea l'importanza di una documentazione clinica completa e accurata non solo per il trattamento del paziente, ma anche per la tutela legale degli operatori sanitari


Ad Udine 4 posti a tempo indeterminato, le domande entro il 10 agosto. A Napoli 4 posti a tempo pieno ma per 12 mesi, domande entro il 24 luglio


lo studio del Dipartimento di Medicina e innovazione tecnologica dell’Insubria di Varese pubblicato su Frontiers in Immunology


Anche per i professionisti è possibile accedere alla proposta tramite RedditiOnline o tramite la dichiarazione precompilata


Perché conviene un archivio digitale, come risolvere il problema dei documenti cartacei, quali le soluzioni possibili


 
 
 
 

Il Podcast
dell'Innovazione
Odontoiatrica

TUTTI GLI EPISODI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
chiudi