HOME - Igiene e Prevenzione
 
 
01 Settembre 2016

Cade il mito delle bevande sugar-free. Studio australiano evidenza che possono causare erosioni dentali

di Davis Cussotto


Le bevande sugar-free utilizzate dagli sportivi, ma non solo, a causa dell' alto contenuto di sostanze acide sarebbero responsabili delle erosioni dentali, le lesioni irreversibili dello smalto per lo più localizzate al colletto del dente.

Questo è quanto emerge da uno studio pubblicato di recente dai Ricercatori dell'University of Melbourne in Australia guidati da Eric Reynolds, direttore dalla Dental School of Melbourne.

Come consumatori, dichiara Reynolds all' intervistatore di un noto portale dentale USA, ci siamo preoccupati per anni degli effetti dannosi sulla salute provocati dagli zuccheri semplici addizionati nei cibi e nelle bevande, che favoriscono il diabete, l'obesità e la carie. L'industria, ha pertanto orientato i nostri consumi verso i prodotti sugar -free.

Oggi il mercato è pieno di Vitamin Drinks, soft drink marchiati "diet" o "zero calorie", tè freddo, snack e gomme da masticare sugar free, questo perché il legame tra lo zucchero e la carie è stato ben documentato negli anni da numerose ricerche.

"Sappiamo ancora poco sulle cause di erosione, le perdite di smalto dentale irreversibile che tradizionalmente leghiamo agli acidi, ai batteri e la trauma occlusale, continua il ricercatore.

"Per questo abbiamo testato il potenziale erosivo di 15 bevande vendute nelle mense scolastiche Australiane sia zuccherate che sugar -free compresa l'acqua minerale. Tutte le bevande sono state testate su molari umani estratti e non cariati ".

I parametri monitorati sono stati due:

1) la perdita di smalto di superficie misurata con apposite scansioni;

2) il rammollimento della superficie misurato con il tester di Knoop.

I valori riscontrati per le bevande sono molto elevati rispetto all'acqua minerale che non induce cambiamenti nello smalto del dente. La ricerca evidenzia come non ci sia significativa differenza tra i prodotti con o senza zucchero, entrambi risultano dannosi per lo smalto del dente.

La sorpresa è stata che numerose bevande presentavano un alto contenuto di acido citrico e acido fosforico che agiscono sullo smalto come dei veri e propri mordenzanti soprattutto se si ha l'abitudine di sorseggiare la bevanda per tempi prolungati.

A cura di: Davis Cussotto, odontoiatra libero professionisti Twitter @DavisCussotto

Articoli correlati

L’uso di blocchetti di resina composita CAD/CAM rappresenta oggi una valida alternativa a quelli in ceramica in restaurativa e protesi. Infatti, come è possibile vedere in...

di Simona Chirico


Le bevande a base di soia sono sempre più promosse come alternative salutari al latte bovino, ma dati di letteratura ne evidenziano le differenti proprietà anticariogene e...

di Lara Figini


Una tassa del 20% sulle bevande zuccherate per finanziare le spese odontoiatriche dei giovani fino a 18 anni.La proposta arriva dal responsabile alla sanità del Governo del Canton Vaud in...


Riassunto:Sempre più persone oggi vengono ai nostri studi odontoiatrici e ci chiedono di migliorare l'estetica del loro sorriso e di schiarire il colore dei propri denti. Questo desiderio...


Obiettivi: Scopo di questo studio è stato valutare l’efficacia di una crema a base di caseino-fosfopeptidi (CPP-ACP) nel favorire la remineralizzazione delle superfici dentarie prodotta dalle...


Altri Articoli

Con la giornata della Salute orale a marzo, delle Gengive sane e l’Oral cancer day a maggio, insieme a ottobre con il Mese della prevenzione si ampliano i momenti dedicati a...

di Norberto Maccagno


Nel primo articolo abbiamo approfondito i vantaggi di utilizzare una tecnologia specifica per effettuare le visite a distanza, in questo illustriamo una sua applicazione...


Il concorso di conservativa diretta, rivolto agli studenti che frequentano il V e VI anno dei corsi di laurea in odontoiatria, è organizzato a livello internazionale da Dentsply...


Sempre più dentisti decidono di continuare l'attività anche dopo la pensione. Ma è possibile farlo mantenendo la partita iva? Ecco come fare e cosa comporta 


Si è spento a 68 anni Bruno Noce, presidente CAO Rovigo. Ne dà notizia Raffaele Iandolo, presidente della Commissione Albo Odontoiatri nazionale


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Profilo ASO: una guida alle scadenze in vista del 21 aprile

 
 
 
 
 
 
 
 
chiudi