HOME - Igiene e Prevenzione
 
 
01 Settembre 2016

Cade il mito delle bevande sugar-free. Studio australiano evidenza che possono causare erosioni dentali

di Davis Cussotto


Le bevande sugar-free utilizzate dagli sportivi, ma non solo, a causa dell' alto contenuto di sostanze acide sarebbero responsabili delle erosioni dentali, le lesioni irreversibili dello smalto per lo più localizzate al colletto del dente.

Questo è quanto emerge da uno studio pubblicato di recente dai Ricercatori dell'University of Melbourne in Australia guidati da Eric Reynolds, direttore dalla Dental School of Melbourne.

Come consumatori, dichiara Reynolds all' intervistatore di un noto portale dentale USA, ci siamo preoccupati per anni degli effetti dannosi sulla salute provocati dagli zuccheri semplici addizionati nei cibi e nelle bevande, che favoriscono il diabete, l'obesità e la carie. L'industria, ha pertanto orientato i nostri consumi verso i prodotti sugar -free.

Oggi il mercato è pieno di Vitamin Drinks, soft drink marchiati "diet" o "zero calorie", tè freddo, snack e gomme da masticare sugar free, questo perché il legame tra lo zucchero e la carie è stato ben documentato negli anni da numerose ricerche.

"Sappiamo ancora poco sulle cause di erosione, le perdite di smalto dentale irreversibile che tradizionalmente leghiamo agli acidi, ai batteri e la trauma occlusale, continua il ricercatore.

"Per questo abbiamo testato il potenziale erosivo di 15 bevande vendute nelle mense scolastiche Australiane sia zuccherate che sugar -free compresa l'acqua minerale. Tutte le bevande sono state testate su molari umani estratti e non cariati ".

I parametri monitorati sono stati due:

1) la perdita di smalto di superficie misurata con apposite scansioni;

2) il rammollimento della superficie misurato con il tester di Knoop.

I valori riscontrati per le bevande sono molto elevati rispetto all'acqua minerale che non induce cambiamenti nello smalto del dente. La ricerca evidenzia come non ci sia significativa differenza tra i prodotti con o senza zucchero, entrambi risultano dannosi per lo smalto del dente.

La sorpresa è stata che numerose bevande presentavano un alto contenuto di acido citrico e acido fosforico che agiscono sullo smalto come dei veri e propri mordenzanti soprattutto se si ha l'abitudine di sorseggiare la bevanda per tempi prolungati.

A cura di: Davis Cussotto, odontoiatra libero professionisti Twitter @DavisCussotto

Articoli correlati

L’uso di blocchetti di resina composita CAD/CAM rappresenta oggi una valida alternativa a quelli in ceramica in restaurativa e protesi. Infatti, come è possibile vedere in...

di Simona Chirico


Le bevande a base di soia sono sempre più promosse come alternative salutari al latte bovino, ma dati di letteratura ne evidenziano le differenti proprietà anticariogene e...

di Lara Figini


Una tassa del 20% sulle bevande zuccherate per finanziare le spese odontoiatriche dei giovani fino a 18 anni.La proposta arriva dal responsabile alla sanità del Governo del Canton Vaud in...


Riassunto:Sempre più persone oggi vengono ai nostri studi odontoiatrici e ci chiedono di migliorare l'estetica del loro sorriso e di schiarire il colore dei propri denti. Questo desiderio...


Obiettivi: Scopo di questo studio è stato valutare l’efficacia di una crema a base di caseino-fosfopeptidi (CPP-ACP) nel favorire la remineralizzazione delle superfici dentarie prodotta dalle...


WhatsApp è diventato il sistema di messaggistica istantanea più diffuso, soppiantando completamente i vecchi SMS: 1,3 miliardi sono gli utilizzatori nel mondo . Secondo il prestigioso...


I nuovi modelli di consumo collaborativo basati sulla condivisione di beni e di servizi piuttosto che sulla proprietà sono le basi della cosiddetta sharing economy. Sotto la spinta della...


Il software gestionale è un insieme degli applicativi che automatizzano i processi di gestione all'interno dell'azienda studio dentistico.Nell'ultimo decennio hanno avuto un forte sviluppo e...


Perché il passaparola è lo strumento di marketing nei servizi? La risposta nasce dalla disamina dei principi di gestione di un servizio. E la prestazione dentale è un servizio....


La ricerca scientifica legata ai nuovi materiali dentali, sotto la spinta del CAD CAM, ha fatto crescere il ventaglio delle possibilità a disposizione del clinico quando deve restaurare un...


Altri Articoli

Un Decreto del Presidente della Repubblica accoglie il ricorso CAO, ANDI, AIO contro l’autorizzazione sanitaria concessa in Friuli ad uno studio di igiene dentale


Andrea Piantoni

“Sono molto onorato e orgoglioso di poter assumere questo ruolo in IDI Evolution, che considero la mia famiglia, e di poter proseguire il percorso iniziato ormai diversi anni...


Attraverso il nuovo CCNL vengono definite formazione e mansoni. Per diventare CSO si dovrà frequentare un corso di 90 ore, potrà organizzarlo solo ANDI


Per la prof.ssa Nardi, la prevenzione ha un valore fondamentale che deve essere espresso a livello globale, sia in ambito pubblico che privato, per permettere a tutte le persone assistite degli...

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


Per la Società Italiana di Ortodonzia, alcune malocclusioni possono essere intercettate già a 5/6 anni, queste alcune indicazioni per i genitori


Pensato per persone con disabilità è una sorta di trackpad inserito in una mascherina trasparente posizionata nell’arcata superiore e realizzata con una stampante 3D 


47 gli odontoiatri denunciati, 5milioni di euro il valore dei beni sequestrati e 33 milioni di euro l’ammontare delle tasse non versate


Il dott. Migliano sulla sperimentazione in Lombardia del percorso di apprendistato per ASO e non solo


ANDI dettaglia gli aumenti salariali (indicativi) per i dipendenti degli studi odontoiatrici con l’entrata a regime del nuovo CCNL


L’applicazione si applica anche alle lavoratrici degli studi odontoiatrici con rapporti di lavoro dipendente a tempo indeterminato sia già instaurato che in via di instaurazione


Acquisire le conoscenze e le competenze idonee per riconoscere i segni e i sintomi caratteristici di tale condizione al fine di prevenire e/o attutirne le conseguenze


Immagine di repertorio

L’odontoiatra è titolare di studio, il padre lo “aiutava” curando i pazienti ma non aveva la laurea. Lo studio non era autorizzato, all’interno rivenuto un radiografico senza la...


Se ne deve parlare per evitare d’innestare un circolo vizioso che penalizza studi e pazienti scrive il prof. Gagliani indicando nelle tecnologie uno dei possibili strumenti che possono aiutare...

di Massimo Gagliani


Diego Catania, Presidente dell’Ordine TSRM e PSTRP: “Siamo professioni intellettuali, la nostra autonomia non sia messa in dubbio”


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


12 Febbraio 2024
Vendo immobile adibito a studio odontoiatrico dal 1960

Vendita a Chiasso centro, in Svizzera, immobile adibito dal 1960 a studio odontoiatrico composto da quattro unità operative, con autorizzazione sanitaria. Per informazioni contattare Marzio Negrini: cell. whatsapp +393756589128

 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
 
 
 
 
chiudi