HOME - Igiene e Prevenzione
 
 
08 Novembre 2018

Efficacia della strumentazione meccanica magnetostrittiva su paziente affetto da ipersensibilità dentinale

di Giulia Ottaviano


Grazie all’evoluzione degli ultimi anni, i nuovi sistemi di ablazione magnetostrittiva possono essere oggi utilizzati con ottimi risultati anche in situazioni cliniche particolari.

In questo case report (risultato uno dei vincitori al concorso Cavitron Case Contest che Dentsply Sirona ha organizzato tra gli studenti dell’ultimo anno della facoltà di Igiene dentale) vengono mostrati i vari passaggi di un trattamento di igiene orale professionale tramite l’utilizzo del dispositivo Cavitron e degli altri componenti del sistema di prevenzione Dentsply Sirona in una paziente che presenta un’elevata ipersensibilità dentinale.


Caso clinico
Donna di 30 anni, fumatrice, affetta da psoriasi artropatica con manifestazioni anche a livello del cavo orale, frequenti episodi di sanguinamento spontaneo, presenza di un frammento radicolare non devitalizzato in sede del 2.4 e forte ipersensibilità dentinale. La paziente si presenta alla visita lamentando la sua problematica di ipersensibilità e il timore dell’igiene orale professionale a causa di quest’ultima.

È stata effettuata la prima visita, anamnesi e raccolta dei dati clinici. La paziente viene quindi sottoposta a un accurato esame parodontale, seguito da una diagnosi di parodontite cronica moderata generalizzata; all’esame obiettivo presenta depositi di tartaro sopra e sotto gengivale, placca, presenza di gengive edematose con sanguinamento spontaneo e al sondaggio.  

Figura 1 Situazione iniziale

Fasi del trattamento
Fase 1: decontaminazione e desensibilizzazione. Come prima fase dell’intervento è stato effettuato l’abbattimento della carica batterica tramite uno sciacquo con soluzione alla clorexidina (Eburos Professional 0,20%).

Prima di iniziare il trattamento di igiene orale professionale con il dispositivo Cavitron, è stata applicata, a livello di tutti i quadranti, la pasta Nupro Sensodyne con NovaMin, un ingrediente bioattivo che utilizza ioni di calcio e fosfato per occludere i tubuli dentinali e ridurre la sensibilità della paziente in modo da metterla a proprio agio per tutta la durata della seduta.

Figura 2

Fase 2: ablazione magnetostrittiva. Durante questa fase sono state concordate ed effettuate due sedute, una di ablazione del tartaro e l’altra di rifinitura del trattamento e lucidatura, a distanza di cinque giorni l’una dall’altra.

La prima fase di ablazione è stata effettuata tramite l’utilizzo dell’inserto Powerline FSI-10 FitGrip 30K blu del Cavitron, necessario per la rimozione generale di depositi di placca e tartaro sopragengivale in tutti i quadranti della bocca.

Figura 3

Data la presenza di tartaro sottogengivale pigmentato è stato eseguito lo scaling con l’inserto Powerline Slimline-10 FSI 30K verde indicato per la rimozione dei depositi sub gengivali e la decontaminazione delle tasche radicolari <4 mm.

Figura 4

Successivamente, è stato utilizzato l’inserto ThinSert per raggiungere le aree più difficili e per rifinire gli spazi interprossimali in quanto la sua forma sottile si adatta molto bene agli spazi stretti.

Figura 5

Alla fine dell’ablazione magnetostrittiva vi era un evidente stato infiammatorio dei tessuti molli.

Figura 6

Nella settimana di intervallo tra i due appuntamenti è stata data indicazione alla paziente di eseguire sciacqui di 60 secondi per due volte al giorno con il collutorio Eburos a base di clorexidina 0,12%. È stata, inoltre, istruita alle manovre di igiene orale domiciliare più adeguate alle sue necessità.

Fase 3: sigillante e polishing. La paziente è stata richiamata dopo cinque giorni, i tessuti molli si mostravano meno edematosi e infiammati. È stata valutata la presenza di residui di tartaro sottogengivale e macchie estrinseche. Alla fine del trattamento di debridement e scaling è seguita una fase di rifinitura e lucidatura con micromotore utilizzando una pasta abrasiva (Nupro Paste).

Figura 7

Fondamentale per la problematica della paziente, come ultimo passaggio, è stato applicato un sigillante protettivo contro l’ipersensibilità per la dentina esposta (Seal&Protect).

Il sigillante è stato applicato e lasciato in sede per 20 secondi; successivamente è stato rimosso l’eccesso soffiando con l’aria proveniente dalla siringa del riunito per qualche secondo e polimerizzato per 10 secondi. Questo procedimento è stato ripetuto per due volte.

Figura 8

Al richiamo per il controllo dopo una settimana dalla seconda seduta i tessuti molli avevano riacquistato il loro fisiologico aspetto in colore e consistenza, vi era assenza di sanguinamento sia spontaneo che al sondaggio.

Figura 9

Alla paziente è stata rinforzata la motivazione e le istruzioni di igiene domiciliare in modo da ridurre ulteriormente la sensibilità e mantenere uno stato di salute parodontale.

Figura 10 Situazione post-trattamento

Per trattare l’ipersensibilità dentinale bisogna prima di tutto prevenirne le cause, eliminando i fattori di rischio:

  • limitare l’assunzione di cibi e bevande acide/gassate ed evitare di tenerle in bocca a lungo o degustarle;
  • assumere bevande alcaline (latte) o almeno neutre (acqua) dopo l’assunzione di bevande acide;
  • evitare di spazzolare i denti subito dopo i pasti, ma lasciare trascorrere almeno 30 minuti per evitare l’effetto combinato di erosione acida e abrasione da spazzolamento;
  • utilizzare una corretta tecnica di spazzolamento;
  • evitare di spazzolare i denti in modo aggressivo, non utilizzando quindi spazzolini a setole dure e dentifrici troppo abrasivi (l’American Dental Association consiglia di utilizzare dentifrici con abrasività inferiore a 30 RDA in presenza di dentina esposta sensibile).

Il trattamento per la gestione dell’ipersensibilità dentinale va impostato in modo graduale partendo dalle cure domiciliari, per cui è stato raccomandato alla paziente uno spazzolino elettrico con testina tonda e piccola per detergere correttamente tutte le aree del cavo orale; l’utilizzo di un dentifricio e collutorio desensibilizzanti; lo scovolino per pulire bene gli spazi interdentali e il filo interdentale per le aree più strette 


Materiali e metodi
La paziente è stata trattata con:

  • ablatore magnetostrittivo Cavitron Select SPS;
  • Eburos Professional 0,20% per l’abbattimento della carica batterica (soluzione con clorexidina);
  • Nupro Sensodyne con NovaMin per la fase di desensibilizzazione sulle superfici da trattare;
  • Powerline FSI-10 fit Grip per rimuovere i depositi di tartaro sopragengivale;
  • SlimLine-10 FSI per rimuovere i depositi di tartaro sottogengivale;
  • ThinSert per le aree più strette;
  • Nupro Paste per la rifinitura e la lucidatura;
  • Seal&Protect, applicazione di un sigillante protettivo per dentina esposta.

Discussione e conclusioni
Le conclusioni possono essere tratte dal risultato finale che vede un miglioramento nell’aspetto sia nel colore che nella consistenza della gengiva, nel sanguinamento e nell’assenza di placca e tartaro.

L’utilizzo preventivo della pasta per profilassi Nupro Sensodyne ha reso più sopportabile il trattamento da parte della paziente affetta da ipersensibilità dentinale; inoltre, la tecnologia magnetostrittiva e gli inserti Cavitron hanno consentito un facile accesso alle zone interprossimali e sottogengivali per decontaminare le tasche parodontali più profonde.

Il movimento ellissoidale della punta e le diverse funzioni dell’ablatore ultrasonico magnetostrittivo hanno permesso di lavorare con una maggiore compliance e con una ridotta percezione del dolore da parte della paziente.

L’ipersensibilità dentinale è un problema relativamente comune che viene riscontrato nella pratica odontoiatrica clinica. Questa condizione può portare a problemi sia fisici che psicologici per il paziente e può avere un effetto negativo sulla qualità della vita della persona coinvolta.

Sono disponibili varie opzioni di trattamento per l'ipersensibilità dentinale. Un'adeguata diagnosi e un corretto piano di trattamento rappresentano le condizioni essenziali per la terapia.

Articoli correlati

Immagine di repertorio

In uno studio in vitro di laboratorio, in pubblicazione sul Journal of Dentistry, gli autori hanno esaminato la capacità di un adesivo borato di proteggere lo smalto/dentina...

di Lara Figini


L’ipersensibilità dentinale (DH) è un sintomo che frequentemente i pazienti riportato all’odontoiatra. Si manifesta più spesso durante i pasti, mentre si beve o durante lo...

di Lara Figini


L'impiego di agenti sbiancanti, sia nella pratica professionale odontoiatrica, sia nei trattamenti domiciliari sta riscuotendo sempre più successo e ha sempre maggiori richieste.La maggiore...


OBIETTIVI. Valutare l’efficacia di due tipologie di trattamento sbiancante (domiciliare e ambulatoriale) in relazione anche agli effetti collaterali riferiti dai fascicoli. MATERIALI E METODI. 21...


Secondo la teoria idrodinamica, che ha appena compiuto i suoi primi quarant’anni (risale infatti al 1967 la prima pubblicazione sulla rivista Caries Research di Brännström, Linden e Astrom, "The...


L’ipersensibiltà dentinale è una delle più comuni cause di dolore dentale. Essa è dovuta a stimoli esogeni sui tubuli dentinali esposti La teoria idrodinamica di Brannstrom spiega il meccanismo...


Altri Articoli

Diventa operativo il decreto attuativo della legge Gelli, il testo regolamenta le polizze assicurative in materia sanitaria introducendo i massimali minimi a seconda della classe di rischio


Il progetto è finanziato dal Ministero della Salute tramite l’Istituto nazionale per la promozione della salute delle popolazioni migranti e contrasto delle malattie della povertà


Medici e dentisti, anche liberi professionisti che decidono di andare in pensione dopo i 68 anni e fino ai 75, matureranno una pensione significativamente più alta


Sembra una ovvietà ma non credo che questa affermazione sia un percepito di voi dentisti quando si parla di società odontoiatriche, di “Catene”.Invece l’aveva chiaro il legislatore quanto nel...

di Norberto Maccagno


Di Marco: “non sussiste alcuna subordinazione dell’Igienista dentale rispetto all’Odontoiatra, bensì vi è una proficua e paritetica sinergia nell’interesse della...


Proseguendo la collaborazione con TeamSmile per altri due anni l'azienda compie un ulteriore passo avanti verso il raggiungimento di uno degli obiettivi centrali del suo programma...


Per approfondire l’odontoiatria digitale. Scopri gli appuntamenti e gli eventi gratuiti per odontoiatri ed odontotecnici


Immagine di repertorio

Molti pazienti avevano già versato anticipi per le cure o attivato finanziamenti. Le indicazioni di Adiconsum e della CAO Oristano. Da valutare le responsabilità degli odontoiatri e del direttore...


E' online il corso FAD ECM su Medicina estetica odontoiatrica, relatore Michele Cassetta. Un corso per approfondire ma anche solo capire le possibilità che si sono aperte per lo studio odontoiatrico


In collaborazione con Curasept fino al 13 aprile un doppio appuntamento quotidiano per per raccontare i benefici dell’igiene orale e della cura della bocca


Una guida ENPAM sulle tutele previste per l’inattività temporanea, ma scattano dal 31° giorno di inattività. Per essere coperti sempre, serve anche una polizza ad hoc


Ne abbiamo parlato con la dott.ssa Maria Grazia Cannarozzo in occasione del lancio del corso FAd Edra sul tema


Ancora due mesi di tempo per i fabbricanti di disposivi medici su misura che devono rifare l’iscrizione al nuovo Registro telematico dei fabbricanti


Il primo italiano ad avere l’onore di aprire la Convention annuale tenendo la Buonocore Memorial Lecture, riconoscimento riservato a pochissimi professionisti al mondo


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
 
 
 
 
chiudi