HOME - Implantologia
 
 
29 Gennaio 2018

Riabilitazione su impianti del mascellare superiore edentulo, i vantaggi degli impianti extra-corti. Caso clinico

di Silvio Tascheri


Una donna di 76 anni arrivò alla mia attenzione mostrando un severo riassorbimento a livello del mascellare superiore (altezza ossea residua 5mm).
La paziente era edentula nell'arcata superiore tranne per la presenza dell'elemento dentale 27 mentre nell'arcata inferiore erano presenti 4 incisivi.
L'elemento 33 risultava utilizzato come moncone per una protesi fissa in metallo-resina che portava un attacco lamellare distale che assieme l'elemento 47 unito al canino 43 con una barra lamellare riteneva una protesi scheletrata con attacchi a chiavistello.
In posizione 36 un impianto con un attacco a sfera tipo OT-Cap Rhein impediva alla sella edentula di sovraccaricare la struttura ossea.

L'anamnesi odontoiatrica riportava circa 40 anni di edentulismo e la paziente, portatrice di una protesi mobile, lamentava una sempre crescente difficoltà a sopportare questa soluzione protesica. Per questi motivi, in prima fase, è stato scelto di eseguire la terapia all'arcata superiore.

Un esame panoramico, seguito da un indagine radiologica cone-beam (CBCT), confermò l'atrofia e la presenza di zone in cui la stessa raggiungeva altezze di osso residuo non superiori a 3 mm.

L'anamnesi medica del paziente rivelava una classificazione ASA II e la paziente non voleva sottoporsi a indaginosi interventi chirurgici riabilitativi quali innesti di osso autologo e/o rialzi di seno con successiva riabilitazione implanto-protesica.
Inoltre l'età della paziente indirizzava la scelta terapeutica verso la minor invasività e morbilità chirurgica, prediligendo un post operatorio che impattasse relativamente sulla vita quotidiana della signora in cura.

Il trattamento si è quindi rivolto verso riabilitazione con una protesi su barra che poggiava su impianti di 4 mm di diametro per 6,5 mm di lunghezza.

Si è proceduto a una serie completa di fotografie intra-orali ed extra-orali e alla rilevazione di una coppia di impronte per la realizzazione di un vallo di masticazione.
Il vallo di masticazione è stato utilizzato per le registrazioni della relazione inter arcata e delle informazioni estetiche da trasferire al laboratorio.

Nella stessa seduta si è provveduto, con l'utilizzo dell'arco facciale, a trasferire le informazioni del paziente in laboratorio per un corretto montaggio dei modelli in articolatore al fine di eseguire uno studio estetico e funzionale.

Con l'utilizzo della stampa 3D è stato possibile realizzare un prototipo a basso costo dell'estetica studiata al fine di valutare sul paziente il risultato estetico prima di eseguire qualsiasi altro intervento.

Nella seduta di valutazione del prototipo estetico e funzionale, grazie allo stesso e alla radiografia panoramica, abbiamo selezionato due aree da "sacrificare" per l'inserimento di micro impiantì Easy Pin da 2mm in posizione 21 e 16.

L'inserimento di questi particolari impianti concede molti vantaggi rispetto ai sistemi tradizionali di fissaggio per le dime chirurgiche.

Il primo vantaggio è l'inserimento precedente all'esame CBCT: questo consente di realizzare la dima radiologica e la dima chirurgica che si posizionano in modo univoco nella bocca del paziente aumentando il grado di precisione della programmazione chirurgica e dell'osteotomia.

Il secondo vantaggio è la possibilità di realizzare una dima chirurgica che viene avvitata in una posizione univoca sui pin di fissaggio: questo ci permette durante l'intervento di rimuovere e riposizionare la dima chirurgica ogni volta che serve all'operatore permettendo di eseguire manovre difficilmente eseguibili con gli altri sistemi di chirurgia guidata.

Il terzo vantaggio è la possibilità di eseguire più dime chirurgiche che si interfacciano con lo stesso paziente: nel nostro caso è stato possibile eseguire e sostituire due dime chirurgiche che si posizionavano esattamente nella stessa posizione e utilizzare due pianificazioni diverse a discrezione del chirurgo.

Il quarto vantaggio è la possibilità di rimuovere la dima ed eseguire l'osteotomia in zone non previste dalla pianificazione a discrezione del chirurgo e decidere poi di avvitare nuovamente la dima e continuare con l'intervento programmato.

Eseguita la CBCT si progettava l'inserzione implantare che prevedeva più di una possibilità ravvicinata vista l'incertezza della densità ossea, onde durante l'intervento poter scegliere la posizione più idonea a e sicura degli impianti. Dalla progettazione in 3D si è passati alla produzione della dima chirurgica (Keys DS Via XXV Aprile n. 5 24040 Fornovo San Giovanni - BG) che sfruttava gli Easy Pin precedentemente posizionati e l'elemento dentale rimasto per ottenere una maggiore stabilità e precisione.

L'atto chirurgico ha previsto una prima fase di avvitamento della dima chirurgica ed un primo passaggio di fresatura ossea per la preparazione implantare. Il secondo passaggio è consistito nel rimuovere la dima e nel controllare che possibili difetti di precisione dati dai passaggi precedentemente descritti e dall'esame radiologico stesso (in letteratura sono ben documentati) potessero compromettere il risultato dell'intervento. Questa manovra è necessaria sempre nella chirurgia guidata soprattutto in caso di chirurgie molto "estreme", ove cioè il margine di errore potrebbe comportare la non stabilità implantare per accidentale frattura da fresatura delle corticali.

Questo sistema "guidato" di stabilità della dima, permetterà di poterla facilmente riposizionare e continuare l'atto chirurgico che se non ci sono complicazioni prevede il passaggio con frese dedicate a lunghezze prestabilite e stop precisi di posizionare gli impianti.

Durante l'intervento se si nota una imperfezione nella precisione si può nel sito interessato procedere senza dima per quella specifica zona e successivamente rimontare la dima e continuare con la preparazione degli altri siti.

Posizionati gli impianti corti 4 con diametro 4 mm e lunghezza 6.5mm e uno diametro 4mm e lunghezza 10mm (Overmed S.R.L. Via Lucania, 23, 20090 Buccinasco MI) si è lasciato passare 5 mesi al fine di permettere una idonea osteointegrazione per poi procedere alla scopertura, e dopo prove estetiche alla consegna della protesi. Questa protesi su barra assolutamente passiva permette alla paziente di rimuovere la protesi, pulirla in maniera idonea giornalmente.

Lo spessore sottile della barra lamellare permette inoltre un facile accesso alle aree a contatto con la mucosa e una estrema facilità di accesso alle zone implantari durante le fasi di pulizia domiciliare. Questa condizione è indispensabile per il mantenimento in salute dei tessuti perimplantari e la buona prognosi di tutto il trattamento.

Sull'argomento il dott. Silvio Tascheri terrà una relazione mercoledì 31 gennaio a Milano (ore 19,30-22) per informazioni e iscrizioni a questo link. Ingresso gratuito.

Articoli correlati

Il test è un innovativo supporto per l’odontoiatra e l’igienista dentale per la prevenzione, l’individuazione precoce e il trattamento personalizzato di malattie correlate...


Offrono un altissimo grado di precisione perché sono progettati digitalmente su software, in base alle indicazioni derivanti dalla diagnosi del paziente


Una revisione sistematica ha analizzato l'effetto dell'uso della sigaretta elettronica sui parametri clinici parodontali (PI, PD, BOP), sui parametri perimplantari radiografici...

di Lara Figini


O33implantologia     08 Febbraio 2024

Ipertensione e impianti dentali

Gli effetti dell’ipertensione sul metabolismo osseo e sull’angiogenesi hanno sollevato interrogativi riguardo alla condizione che rappresenta un rischio...

di Lara Figini


Immagine di repertorio

Il presente studio valuta il tasso di fallimento implantare e la perdita di osso marginale (MBL) nei pazienti con bruxismo a paragone con i pazienti non bruxisti

di Lara Figini


Immagine di repertorio

Quelli corti possono essere un'alternativa affidabile per riabilitare mascellari atrofici senza pre-chirurgia per aumentare il volume osseo. Il parere del prof. Di Stefano


Studio clinico del JCP Digest n. 95, ora disponibile in italiano, che ha coinvolto pazienti con perdita di due elementi dentali che necessitavano di protesi dentarie fisse...


In uno studio split-mouth, pubblicato sull’International Journal of Oral and Maxillofacial Implants di aprile 2021, gli autori hanno valutato clinicamente e radiograficamente le overdenture...

di Lara Figini


Difetti ossei trasversali e verticali sono casi frequenti che i dentisti si trovano ad affrontare e che spesso portano all’uso di tecniche invasive al fine di aumentare il...


Immagine di archivio

La presenza di un volume osseo adeguato è fondamentale per la sopravvivenza dell’impianto e il successo a lungo termine.Diverse procedure – quali rialzo del seno mascellare,...

di Lara Figini


La pubblicazione di un caso clinico è finalizzata a descrivere condizioni non usuali oppure casi che richiedono tecniche terapeutiche nuove o in fase di sperimentazione.La preparazione di un...


Una donna di 43 anni si reca dal dentista di fiducia per un controllo e le viene proposto di rifare un ponte di vecchia data nell'emiarcata inferiore sinistra, anche se non vi sono né segni...


Altri Articoli

Nuova puntata del podcast Dentechstry di IDI Evolution. Protagonisti di questa puntata, l’odontoiatra Gabriella Grassi e lo psicologo Feliciano Lizzadro. Il tema la medicina...


Immagine d'archivio

Dopo la sentenza del Tar era tornato il “concorsone”,  ma adesso i giudici del Consiglio di Stato hanno riabilitato il TolC test online. Cosa potrà cambiare?


Intervista con Karim Boussebaa, Executive Vice President and Managing Director, iTero Scanner and Services Business di Align Technology


La norma contenuta nel Decreto PNRR non convince il Sindacato Italiano Medici di Medicina Ambulatoriale e del Territorio (SIMMAT)


A poche settimane dalla scadenza per la re-iscrizione al Registro dei fabbricanti, una utile guida di ANTLO per capire e determinare la classe di rischio dei dispositivi fabbricati


Le tempistiche e le indicazioni per presentare domanda per essere iscritto nell’elenco presso i Tribunali. Ma chi è il CTU e quali le sue funzioni ed i suoi compiti?


Lo prevede il Decreto PNRR. L’assunzione sarà a discrezione delle Aziende e per fini didattici. Il contratto potrà essere prorogato fino alla acquisizione del titolo


8 relatori di fama internazionale, 8 moduli videoregistrati per un totale di 16 ore formative per valutare le varie scelte di come approcciare un caso mono e pluri-disciplinare in un corso unico di...


Sovente, direi sempre, le lotte sindacali contro le norme che impongono nuovi adempimenti si concentrano sulla burocrazia, sulle responsabilità, sull’opportunità, quasi mai sulle sanzioni. Forse...

di Norberto Maccagno


Sfogliando l’innovativo e importante strumento è possibile conoscere la gamma di prodotti offerta, ma anche approfondire gli aspetti clinici grazie alla presentazione di casi e...


Dall’evento SEPA le raccomandazioni sul ruolo di alcuni collutori nell'igiene orale, e nel trattamento della gengivite e nella prevenzione della parodontite


Cronaca     12 Aprile 2024

Abusivo scoperto a Ferrara

Finanza denuncia odontotecnico che curava pazienti in uno studio medico. Avviate le indagini per verificare gli eventuali reati fiscali


Rimborsi in arrivo, scadenze e altri avvisi personalizzati. L’Agenzia comunica con i cittadini anche sull’App IO


10 ore di aggiornato valido per l’assolvimento dell’obbligo annuale. Update circa la gestione delle attrezzature ed i macchinari presenti in uno studio odontoiatrico


 
 
 
 

Il Podcast
dell'Innovazione
Odontoiatrica

TUTTI GLI EPISODI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
 
 
 
 
chiudi