HOME - Implantologia
 
 
14 Settembre 2015

Implantologia. Il trattamento con raggi ultravioletti (UV) migliora l'osteointegrazione

di Lara Figini


Gli impianti dentali rappresentano la prima scelta nel ripristino funzionale delle zone edentule, siano esse singole o multiple; il successo implantare può raggiungere il 98% dei casi.

Tale successo oscilla per tra il 90,1 e il 95,4% dopo 5 anni e si riduce ulteriormente al 89% e l'83% dopo 10 e 16 anni, rispettivamente.

L'infezione batterica rimane il principale motivo di fallimento degli impianti dentali.

Infatti, a causa del posizionamento transmucoso, parte della struttura dell'impianto è esposta alla cavità orale e non vi è modo di prevenire una pur minima contaminazione batterica.

Un recentissimo studio in vitro pubblicato su Biomaterials - in uscita a ottobre 2015 - dimostra che il trattamento la superficie implantari con luce ultravioletta (UV) porta a cambiamenti delle proprietà di superficie del titanio, determinando, in tal modo, una riduzione significativa dell'adesione e della proliferazione del biofilm batterico a livello del cavo orale umano.

In questo studio gli autori hanno costruito dei dischi in Titanio (Ti) del diametro di 20mm e dello spessore di 1.5mm. I dischi in titanio sono stati quindi sterilizzati in autoclave e conservati al buio per 4 settimane per evitare che altri parametri influenzino le caratteristiche di biocompatibilità e osteoconduttività [Att 2009, Hori 2009].

I dischi in titanio sono stati trattati con luce UV per 12 min immediatamente prima dell'uso. Altrettanti dischi in titanio, non trattati, hanno rappresentato il gruppo controllo.

La morfologia superficiale dei dischi è stata esaminata usando la microscopia elettronica a scansione (XL30, Philips, Eindhoven, Netherlands).

Successivamente sono state condotte analisi su: la proliferazione del biofilm batterico e sulle le proprietà idrofiliche dei dischi di titanio, sia in ambiente asciutto sia in presenza di saliva e sangue, onde simulare una situazione clinica. L'adesione batterica e la formazione del biofilm sono stati valutati dopo 6 ore e dopo 16 ore di incubazione.

Il mantenere l'idrofilia della superficie rappresenta un fattore determinante durante i processi di guarigione della ferita e della formazione dell'osso. L'idrofilia consente l'interazione tra il titanio e le cellule circostanti l'impianto.

I risultati che emergono dallo studio dimostrano che il trattamento con UV potrebbe determinare un'osteointegrazione rapida e di migliore qualità rispetto a quella ottenibile con impianti non trattati con UV, in virtù di una minore colonizzazione batterica e di una migliore idrofilia.

Trattare le superfici implantari con ultravioletti porta a una riduzione significativa dell'adesione batterica alla superficie implantare, con conseguente riduzione della formazione di biofilm. Il trattamento determina anche una aumentata idrofilia delle superfici in titanio, qualità che potrebbe determinare una più rapida guarigione delle ferite e una migliore osteointegrazione.

A cura di: Lara Figini, Coordinatore Scientifico Odontoiatria33

Bibliografia:

- W. Att, N. Hori, M. Takeuchi, J. Ouyang, Y. Yang, M. Anpo, et al., Timedependent degradation of titanium osteoconductivity: an implication of biological aging of implant materials; Biomaterials 30 (2009) 5352e5363

- N. Hori, W. Att, T. Ueno, N. Sato, M. Yamada, L. Saruwatari, et al., Agedependent degradation of the protein adsorption capacity of titanium, J. Dent.Res. 88 (2009) 663e667.

- Effect of UV-photofunctionalization on oral bacterial attachment and biofilm formation to titanium implant material 
 Erica Dorigatti de Avila, Bruno P. Lima, Takeo Sekiya, Yasuyoshi Torii, Takahiro Ogawa, Wenyuan Shi, Renate Lux Biomaterials Volume 67 , Pages 1-408, October 2015

Articoli correlati

Citando uno studio coreano, il prof Gagliani ricorda a odontoiatri e igienisti dentali che il trattamento della perimplantite non deve essere considerata una singola procedura, ma un ciclo continuo...

di Massimo Gagliani


Nella puntata inaugurale del 2024 del Clinical Arena abbiamo deciso di affrontare una delle tematiche più richieste tra i nostri lettori ossia gli impianti in zirconio.Uno degli obiettivi della...

di Dino Re


Per la rubrica 20 Minutes Digital Workflow incontriamo la dott.ssa  Ioana Datcu per conoscere il suo approccio  alla cure mini invasive  grazie all’utilizzo delle  nuove tecnologie


Uno studio in vitro valuta l'effetto della configurazione della testina dello spazzolino da denti e dell’abrasività del dentifricio sullo sviluppo di lesioni cervicali non...

di Lara Figini


Per la rubrica 20 Minutes Digital Workflow, il dott. Alessandro Cucchi presenta alcuni casi di rigenerativa ossea in estere atrofie con deficit orizzontali e verticali utilizzando la bolla del Bichat...


La linea, brevettata, è studiata per rafforzare il sistema immunitario naturale, creando una barriera protettiva contro batteri, infezioni e virus


Quali le specie batteriche più suscettibili?

di Lara Figini


Il restauro adesivo in resina composita è un intervento di "routine" nella pratica clinica di ogni odontoiatra ma, a differenza di quanto si possa credere, si tratta di una procedura molto "...

di Stefano Daniele


Le resine composite attualmente sono sicuramente i materiali più utilizzati per le otturazioni dirette. Il loro vantaggio principale è quello estetico, al quale si aggiunge anche il...


In uno studio sperimentale, pubblicato sul Journal of Dentistry, gli autori hanno esaminato l’effetto modulatorio della vernice arginina - fluoruro su un biofilm multispecie

di Lara Figini


Per la prof.ssa Nardi il punto focale è l’approccio clinico tailor-made: elemento fondamentale che deve portare l’operatore a scelte opportune protocollari incentrate non sulla patologia ma...

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


Altri Articoli

Un Decreto del Presidente della Repubblica accoglie il ricorso CAO, ANDI, AIO contro l’autorizzazione sanitaria concessa in Friuli ad uno studio di igiene dentale


Il Ministro Bernini firma il decreto per le prove ammissione. Due sessioni disponibili, a maggio e luglio, con la possibilità di partecipare ad entrambe. Ecco come si svolgeranno


Il Consiglio di amministrazione dell’ENPAM ha risolto la questione degli Specialisti esterni mettendo un tetto ai loro contributi previdenziali


Andrea Piantoni

“Sono molto onorato e orgoglioso di poter assumere questo ruolo in IDI Evolution, che considero la mia famiglia, e di poter proseguire il percorso iniziato ormai diversi anni...


Attraverso il nuovo CCNL vengono definite formazione e mansoni. Per diventare CSO si dovrà frequentare un corso di 90 ore, potrà organizzarlo solo ANDI


Per la prof.ssa Nardi, la prevenzione ha un valore fondamentale che deve essere espresso a livello globale, sia in ambito pubblico che privato, per permettere a tutte le persone assistite degli...

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


Per la Società Italiana di Ortodonzia, alcune malocclusioni possono essere intercettate già a 5/6 anni, queste alcune indicazioni per i genitori


Pensato per persone con disabilità è una sorta di trackpad inserito in una mascherina trasparente posizionata nell’arcata superiore e realizzata con una stampante 3D 


47 gli odontoiatri denunciati, 5milioni di euro il valore dei beni sequestrati e 33 milioni di euro l’ammontare delle tasse non versate


Il dott. Migliano sulla sperimentazione in Lombardia del percorso di apprendistato per ASO e non solo


ANDI dettaglia gli aumenti salariali (indicativi) per i dipendenti degli studi odontoiatrici con l’entrata a regime del nuovo CCNL


L’applicazione si applica anche alle lavoratrici degli studi odontoiatrici con rapporti di lavoro dipendente a tempo indeterminato sia già instaurato che in via di instaurazione


Immagine di repertorio

L’odontoiatra è titolare di studio, il padre lo “aiutava” curando i pazienti ma non aveva la laurea. Lo studio non era autorizzato, all’interno rivenuto un radiografico senza la...


Non si vive di sola burocrazia dicono i presidenti di AMOlp e  Andiamoinordine chiedendo alle Istituzioni di essere ascoltate e coinvolte su temi fondamentali per lo sviluppo e la sopravvivenza...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


12 Febbraio 2024
Vendo immobile adibito a studio odontoiatrico dal 1960

Vendita a Chiasso centro, in Svizzera, immobile adibito dal 1960 a studio odontoiatrico composto da quattro unità operative, con autorizzazione sanitaria. Per informazioni contattare Marzio Negrini: cell. whatsapp +393756589128

 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
 
 
 
 
chiudi