HOME - Inchieste
 
 
12 Luglio 2016

Italia maglia nera in salute orale. Per Eurostat, gli italiani tra gli europei che rinunciano di più al dentista


Una statistica sui bisogni non soddisfatti in termini di salute è stata recentemente prodotta da Eurostat, l'Ufficio statistico dell'Unione europea. Molti dati riguardano nello specifico la salute orale, a partire dalla media complessiva dei cittadini che in Europa non si sottopongono ai controlli o alle cure odontoiatriche di cui avrebbero bisogno: circa otto su cento nel 2014.

Scorrendo i diversi Paesi si scoprono comunque differenze notevoli e le situazioni migliori si registrano in Austria, Slovenia e Malta, dove la percentuale di cittadini adulti con bisogni non soddisfatti di cure odontoiatriche è rispettivamente dello 0,9%, 1,5% e 2,5%. Anche Paesi Bassi e Lussemburgo presentano valori molto bassi (intorno al 3%); tra i Paesi più popolati la Germania (3,8%), il Regno Unito (4,5%) stanno al di sotto della media complessiva, ma non la Francia (9,3%) e l'Italia (11,6%). Peggio di noi fanno solo la Grecia (14,3%), il Portogallo (18,8%) e la Lettonia (21,2%).

Così come le cure mediche in generale, anche quelle odontoiatriche risentono delle condizioni economiche dei cittadini e la ragione principale dei mancati trattamenti sta nella difficoltà ad affrontarne i costi. Questa motivazione, da sola, spiega circa i due terzi dei controlli e dei trattamenti dentistici che non sono stati effettuati sebbene fossero opportuni. Dopo la spesa, che risulta determinante per il 5,1% dei cittadini europei, le altre motivazioni sono, nell'ordine, la classica paura del dentista e la mancanza di tempo disponibile, citati rispettivamente dallo 0,8% e della 0,5% della popolazione. Ancora meno spesso accade che si rinunci alle visite odontoiatriche a causa dei tempi d'attesa, per la distanza o per il fatto che non si conosca un bravo specialista.

Per ciò che riguarda il nostro Paese, la difficoltà di affrontare la spesa è stata indicata come ragione di bisogni odontoiatrici non soddisfatti da parte del 10% della popolazione: detto in altri termini: un italiano su dieci non si prende adeguatamente cura della propria salute orale a causa delle difficoltà economiche, dato che dovrebbe senz'altro indurre a riflessioni visto che si tratta di una percentuale pressoché doppia rispetto al resto dell'Europa.

Adelmo Calatroni

Articoli correlati

Un sito per i cittadini che aiuta i medici a rispondere ai dubbi dei pazienti con informazioni corrette e scientificamente provate. E' questo lo scopo di Dottoremaeveroche, il nuovo sito della...


La notizia che fa andare su tutte le furie il presidente CAO Giuseppe Renzo (nella foto) è quella dell'annuncio del possibile voto di fiducia al testo del Ddl Concorrenza così come...


Egr. Direttore,nei giorni scorsi sono comparsi su Odontoiatria33 due interventi di segno opposto in merito alla decisione della Consulta ENPAM della libera professione di non procedere ulteriormente...


Tutto il mondo è paese potremmo dire dopo aver analizzato i dati divulgati dal National Health and Nutrition Examination Survey (NHANES) riferiti al 2015-2016 e diffusi in questi gironi....


Parlare di qualità oggi significa indagare il lato umano e professionale del nostro lavoro di dentisti, aspetti legati tra loro da un nodo inscindibile .Negli ultimi tempi abbiamo assistito ad...


L'accesso alle cure dentali non è garantito per tutti gli statunitensi e, messi a confronto con altre dieci nazioni economicamente sviluppate, gli Usa mostrano gravi carenze in termini di...


Quasi il 43% (42,7%) degli italiani pensa che la sanità stia peggiorando, una quota di delusi che sale al 64% al Sud. Inoltre il 55,5% considera inadeguato il Servizio sanitario regionale...


Il Censis, nei giorni scorsi, ha presentato un'indagine sulla libera professione in Italia intervistando un campione di professionisti italiani iscritti alle Casse di previdenza aderenti all'ADEPP....


Gli uffici ENPAM starebbero preparando una maxi operazione di contrasto all’evasione contributiva delle società odontoiatriche che verrà messa a segno nel 2024


Altri Articoli

Un Decreto del Presidente della Repubblica accoglie il ricorso CAO, ANDI, AIO contro l’autorizzazione sanitaria concessa in Friuli ad uno studio di igiene dentale


Il Ministro Bernini firma il decreto per le prove ammissione. Due sessioni disponibili, a maggio e luglio, con la possibilità di partecipare ad entrambe. Ecco come si svolgeranno


Il Consiglio di amministrazione dell’ENPAM ha risolto la questione degli Specialisti esterni mettendo un tetto ai loro contributi previdenziali


Andrea Piantoni

“Sono molto onorato e orgoglioso di poter assumere questo ruolo in IDI Evolution, che considero la mia famiglia, e di poter proseguire il percorso iniziato ormai diversi anni...


Attraverso il nuovo CCNL vengono definite formazione e mansoni. Per diventare CSO si dovrà frequentare un corso di 90 ore, potrà organizzarlo solo ANDI


Per la prof.ssa Nardi, la prevenzione ha un valore fondamentale che deve essere espresso a livello globale, sia in ambito pubblico che privato, per permettere a tutte le persone assistite degli...

di Prof.ssa Gianna Maria Nardi


Per la Società Italiana di Ortodonzia, alcune malocclusioni possono essere intercettate già a 5/6 anni, queste alcune indicazioni per i genitori


Pensato per persone con disabilità è una sorta di trackpad inserito in una mascherina trasparente posizionata nell’arcata superiore e realizzata con una stampante 3D 


47 gli odontoiatri denunciati, 5milioni di euro il valore dei beni sequestrati e 33 milioni di euro l’ammontare delle tasse non versate


Il dott. Migliano sulla sperimentazione in Lombardia del percorso di apprendistato per ASO e non solo


ANDI dettaglia gli aumenti salariali (indicativi) per i dipendenti degli studi odontoiatrici con l’entrata a regime del nuovo CCNL


L’applicazione si applica anche alle lavoratrici degli studi odontoiatrici con rapporti di lavoro dipendente a tempo indeterminato sia già instaurato che in via di instaurazione


Immagine di repertorio

L’odontoiatra è titolare di studio, il padre lo “aiutava” curando i pazienti ma non aveva la laurea. Lo studio non era autorizzato, all’interno rivenuto un radiografico senza la...


Non si vive di sola burocrazia dicono i presidenti di AMOlp e  Andiamoinordine chiedendo alle Istituzioni di essere ascoltate e coinvolte su temi fondamentali per lo sviluppo e la sopravvivenza...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


12 Febbraio 2024
Vendo immobile adibito a studio odontoiatrico dal 1960

Vendita a Chiasso centro, in Svizzera, immobile adibito dal 1960 a studio odontoiatrico composto da quattro unità operative, con autorizzazione sanitaria. Per informazioni contattare Marzio Negrini: cell. whatsapp +393756589128

 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
chiudi