HOME - Inchieste
 
 
19 Maggio 2022

Esercizio dell’odontoiatria in Italia: sempre più diversificata e orientata verso l’aggregazione

L’analisi congiunturale ANDI fotografa una professione ancora in sofferenza ma con ampi segnali positivi


Luci ed ombre a seconda di come vengono letti i dati e di come si guarda la fotografia scattata da ANDI attraverso la consueta analisi congiunturale condotta dal Centro Studi ANDI e presentata questa mattina in EXPODENTAL Meeting a Rimini dal coordinatore del Centro Studi ANDI Roberto Calandriello, dal dott. Luigi Russo, dal dott. Massimiliano Bondi di Nomisma e dai professori Marco Centra e Andrea Cutillo anche loro del Centro Studi ANDI, nella foto con il presidente ANDI Carlo Ghirlanda. 

I dati nascono dall’indagine eseguita nei mesi di marzo e aprile 2021 attraverso un sondaggio online inviato ai soci ANDI, i cui dati sono stati elaborati per essere statisticamente rappresentativi della professione odontoiatrica. 


La “popolazione” odontoiatrica 

Il primo dato è la conferma di come oggi sia sempre più difficile indicare quanti esercitano la professione odontoiatrica e così la forchetta stimata, intersecando i dati con ENPAM, va da 44 a 46 mila.

I titolari di studio “puri” continuano ad essere la maggioranza anche se perdono ancora posizioni attestandosi al 51,2% degli esercenti che lavorano solo nel proprio studio, nel 2020 erano il 53,5%. L’84,6% degli odontoiatri lavorano comunque in uno studio tradizionale, il 61% sono titolari (di questi il 9% fa anche il collaboratore in altri studi) mentre il 32,6% sono collaboratori. Il 22,7% opera invece in uno studio associato di cui il 10,9% è titolare.

Sul fronte societario lavorano in una StP l’8% degli odontoiatri (2,7% come titolari, 5,7% come collaboratori). Infine, il 27% degli odontoiatri lavora in una Srl non riconducibile ad un marchio di una Catena, il 6,2% sono i titolari, il 19,8% i collaboratori. Nelle “Catene” lavorano il 4,5% degli odontoiatri: lo 0,4% sono titolari mentre il 4,1% collaboratori.  


Crisi ed andamento del mercato 

I dati presentati lasciano intravedere la persistenza di uno stato di crisi che continua dopo il 2020 caratterizzato dal lock-down, ma aprono anche spiragli positivi. Da valutare gli effetti della crisi economica causata dalla guerra in Ucraina ma anche della crisi delle materie prime che sta toccando prevalentemente i Paesi ad alto tasso manifatturiero come l’Italia, ha spiegato il dott. Bondi di Nomisma rassicurano con i dati sull’occupazione, in crescita.

A preoccupare, anche i dentisti, sono piuttosto i dati sul calo dei consumi e la perdurata tendenza degli italiani a risparmiare per timore di situazioni peggiori.

La novità - spiegano da ANDI - sta nel fatto che crisi, resilienza e recupero non sembrano essere caratteristiche uniformi, attribuibili cioè a tutto l’universo dei dentisti. Sotto questo profilo la professione è apparsa colpita da differenziazioni anche importanti, fratture, crepe (secondo le generazioni di apparenza, i territori, la possibilità e la capacità di fare reddito) il cui esito complessivo è che fasce di dentisti stanno, per così dire, meglio rispetto al 2020 ed altri no”. 

Parlando di medie, i dentisti sembrano aver recuperato buona parte delle perdite del 2020 (stimate nel -18%) dichiarando contrazioni, sempre rispetto ai dati del 2019, del -2,3%. 

Ma le differenziazioni tra gli studi sono profondamente marcate” tornano a sottolineare dal Centro Studi ANDI. “Nel 2021 si è più che dimezzata la percentuale dei dentisti che ha sperimentato una diminuzione degli incassi e più che triplicata quella di coloro che ha aumentato gli incassi.” In media sono stati i titolari di studi ad aver patito i cali maggiori rispetto al collaboratore puro.

Altro dato interessante quello sulla struttura dello studio che nonostante la crisi è rimasta sostanzialmente la stessa in termini di numero di collaboratori odontoiatri ed igienisti dentali ma anche di dipendenti ASO o amministrativi. Un segnale positivo sul futuro dei dentisti, soprattutto dei giovani, anche se permane il pessimismo tra i professionisti vicino alla pensione.   


Articoli correlati

A luglio dovrebbe arrivare in busta paga per i dipendenti e pensionati. Per gli autonomi se ne parlerà (forse) ad ottobre, ancora da emanare il decreto con le modalità operative


Le considerazioni che trovate in questo DiDomenica mi sono venute in mente durante l’Evento UNIDI per presentare i dati dello Studio di settore. Dalla sala è stato chiesto se la crisi alimentare...

di Norberto Maccagno


Per ingrandire clicca sull'immagine

Per alcune materie prime i rincari superano il 300%. Le preoccupazioni dell’industria dentale italiana: difficile riuscire ad assorbire i rincari senza aumentare i prezzi


Oltre ad essere un obbligo, il “Fisco” prevede anche un (piccolo) vantaggio per i professionisti e le imprese che utilizzano sistemi di pagamento o incasso tracciabili


L’accordo dovrà essere ratificato da ogni singola Regione prima di vedere riconosciuto il tirocinio svolto al di fuori della regione sede della scuola dove si è iscritti per...


Altri Articoli

Un dovere etico e morale per un SSN che si rispetti, dice il prof. Gagliani ammettendo che, però, oggi molto è basato sul volontariato e questo non è un bene, per i pazienti


Tra le novità il corso in lingua inglese a la Sapienza. Il numero di posti è però provvisorio in attesa delle decisioni della Stato e Regioni. Ecco i posti assegnati ai singoli atenei sede di...


Sono 77 i posti in più assegnati per il prossimo anno accademico. Ecco la distribuzione ateneo per ateneo. Riattivato il corso a Bari e Bolzano


Nuove prestazioni per la sanità integrativa di 85mila professionisti italiani. Per ANDI grazie a questo accordo si apre una nuova epoca nella sanità integrativa


A luglio dovrebbe arrivare in busta paga per i dipendenti e pensionati. Per gli autonomi se ne parlerà (forse) ad ottobre, ancora da emanare il decreto con le modalità operative


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Ricostruzione estetica con faccette: un caso risolto con tecniche digitali senza dimenticare l’analogico

 
 
 
 
chiudi