HOME - Inchieste
 
 
27 Febbraio 2024

Ad un italiano su due manca almeno un dente naturale e quasi 12 milioni non li ha mai rimpiazzati

Tra coloro che soffrono di edentulia più o meno estesa, solo la metà ritiene di poterla ripristinare con una soluzione protesica, fissa o rimovibile. Discriminate il fattore culturale e sociale


Ad un italiano adulto su due manca almeno un dente naturale, il 30% ha ripristinato gli elementi mancanti con una protesi mentre il 24% non lo ha ancora fatto e solo il 12% (la metà degli attuali edentuli) dichiara di volerlo o di poterlo fare. 
Sono questi alcuni dei dati emersi dalla ricerca sull’edentulia degli italiani realizzata da Key-Stone attraverso il nuovo progetto di ricerca demoscopica denominato “OmniVision Salus”, con l’obiettivo di indagare tematiche relative ad attitudini, comportamenti e salute in ambito dentale, con possibilità di ampliare l’ambito di indagine ad altri aspetti comunque connessi con la salute e il benessere. L’indagine è stata condotta attraverso una ricerca su oltre 3.000 adulti, tra i 20 e i 79 anni.

Proiettando i dati del campione sull’universo di riferimento, emerge che ad un 24% della popolazione adulta mancano dei denti, che corrisponde ad almeno 12 milioni di italiani”, sottolinea Roberto Rosso presidente Key-Stone. 

Più della metà del campione intervistato (54%) – continua Rosso - infatti, ha dichiarato di avere uno o più denti mancanti (in media 6.8 denti mancanti a persona, senza considerare i denti del giudizio) e, dunque, si trova in uno stato di edentulia parziale o totale”.
“Interessante notare – continua- anche l’entità dell’edentulia totale: il 5% del campione ha perduto tutti i denti, una percentuale che inizia a crescere con un 1% dopo i 40 anni ma che sfiora il 20% negli over 74. Anche se in questo caso la maggior parte degli intervistati (quasi 9 su 10) con questo invalidante problema ha risolto la situazione con una protesi. Ovviamente, l’edentulia è una problematica che incrementa all’aumentare dell’età, quindi c’è una forte correlazione tra i due fattori, ma non solo; è infatti il livello culturale, connesso a quello della scolarizzazione, che maggiormente risulta correlato alla mancanza dei denti
”. 

Si consideri –precisa Rosso- che il numero di coloro che hanno perduto dei denti è quasi doppio nelle fasce di popolazione con basso livello di scolarizzazione rispetto a chi è laureato, in particolare per ciò che riguarda l’edentulia totale, che è quasi totalmente concentrata su chi ha un basso livello di scolarizzazione, anche perché si tratta di un segmento con il più alto numero di persone anziane”. 

In media, il 30% del campione ha dichiarato di aver perso i denti ma di averli sostituiti, al 12% mancano denti ma vorrebbe sostituirli ma non lo ha ancora fatto. Secondo Rosso, “ciò può significare che da un lato esiste una domanda potenziale molto interessante, ma dall’altro problemi oggettivi, spesso economici impediscono a milioni di cittadini di riabilitare la propria situazione dentale. Tema ancor più evidente se si considera che un altro 12% a cui mancano i denti non esprime neppure il desiderio, semplicemente non pensa di sostituirli, per ragioni connesse sia a una minore propensione alla prevenzione e alla cura di sé, sia all’atavica problematica economica che continua a limitare l’accesso alle cure dentistiche a una parte rilevante di popolazione”.   


Articoli correlati

Le donne odontoiatre under 49 anni sono il 44% degli iscritti all’Albo ma guardando i dati degli iscritti ai corsi di laurea in odontoiatria presto le donne supereranno, per numero, i colleghi...


Sono il 4,9% delle spese sanitarie e valgono oltre 500miliardi di dollari in tutto il mondo. Dal report EFP una nuova fotografia dei costi per le cure odontoiatriche e di come si...


Il timore di provare dolore è la principale causa di paura ma poi anche il rumore del trapano e la postura provoca disagio


La revisione esamina la prevalenza delle donne in posizioni di leadership nel settore odontoiatrico e ne mette in evidenza le criticità


Meglio i liberi professionisti e gli studi mono professionali di studi associati e società di capitale. Gli studi odontoiatrici soggetti ad ISA nel 2021 erano 37.043 ed hanno fatturato 8 miliardi di...


Altri Articoli

Nuova puntata del podcast Dentechstry di IDI Evolution. Protagonisti di questa puntata, l’odontoiatra Gabriella Grassi e lo psicologo Feliciano Lizzadro. Il tema la medicina...


Immagine d'archivio

Dopo la sentenza del Tar era tornato il “concorsone”,  ma adesso i giudici del Consiglio di Stato hanno riabilitato il TolC test online. Cosa potrà cambiare?


Intervista con Karim Boussebaa, Executive Vice President and Managing Director, iTero Scanner and Services Business di Align Technology


La norma contenuta nel Decreto PNRR non convince il Sindacato Italiano Medici di Medicina Ambulatoriale e del Territorio (SIMMAT)


A poche settimane dalla scadenza per la re-iscrizione al Registro dei fabbricanti, una utile guida di ANTLO per capire e determinare la classe di rischio dei dispositivi fabbricati


Le tempistiche e le indicazioni per presentare domanda per essere iscritto nell’elenco presso i Tribunali. Ma chi è il CTU e quali le sue funzioni ed i suoi compiti?


Lo prevede il Decreto PNRR. L’assunzione sarà a discrezione delle Aziende e per fini didattici. Il contratto potrà essere prorogato fino alla acquisizione del titolo


8 relatori di fama internazionale, 8 moduli videoregistrati per un totale di 16 ore formative per valutare le varie scelte di come approcciare un caso mono e pluri-disciplinare in un corso unico di...


Sovente, direi sempre, le lotte sindacali contro le norme che impongono nuovi adempimenti si concentrano sulla burocrazia, sulle responsabilità, sull’opportunità, quasi mai sulle sanzioni. Forse...

di Norberto Maccagno


Sfogliando l’innovativo e importante strumento è possibile conoscere la gamma di prodotti offerta, ma anche approfondire gli aspetti clinici grazie alla presentazione di casi e...


Dall’evento SEPA le raccomandazioni sul ruolo di alcuni collutori nell'igiene orale, e nel trattamento della gengivite e nella prevenzione della parodontite


Cronaca     12 Aprile 2024

Abusivo scoperto a Ferrara

Finanza denuncia odontotecnico che curava pazienti in uno studio medico. Avviate le indagini per verificare gli eventuali reati fiscali


Rimborsi in arrivo, scadenze e altri avvisi personalizzati. L’Agenzia comunica con i cittadini anche sull’App IO


10 ore di aggiornato valido per l’assolvimento dell’obbligo annuale. Update circa la gestione delle attrezzature ed i macchinari presenti in uno studio odontoiatrico


 
 
 
 

Il Podcast
dell'Innovazione
Odontoiatrica

TUTTI GLI EPISODI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Iscriviti alla Newsletter

 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La lezione di storia dell’odontoiatria del prof. Guastamacchia

 
 
 
 
chiudi